TELECOM ITALIA SPA

Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.

brarl

in dubis abstine
Registrato
13/6/09
Messaggi
7.852
Punti reazioni
1.184
Da molto tempo dico che questo titolo è un'altalena con il movimento all'insù, rivolto
al futuro pieno di speranza e il movimento all'ingiù, rivolto alla delusione del passato.

Se ben ci pensate è', in fondo, la metafora della vita.
 
Inizio questa discussione senza essere un grande del forum, spero solo che tutti
i partecipanti si scaldino a questa discussione con passione.

P.S libero tutti quelli che sono nella mia lista ignora
 
Rovinare l’accordo sulla rete fissa di Telecom Italia amplierebbe le perdite per gli azionisti Solo coloro che vendessero allo scoperto le azioni sarebbero vincitori se l’acquisto di KKR fallisse L'accordo per Telecom Italia, ora TIM, è stato sostenuto dall'amministratore delegato Pietro Labriola
Distruggere l'accordo sulla rete fissa di Telecom Italia amplierebbe le perdite degli azionisti su x .Con un crollo o un botto, la festa in Telecom Italia finirà presto. Il destino dell'ex monopolio di Stato, fortemente indebitato, dipende dalla vendita della sua rete fissa al gruppo di private equity KKR per un massimo di 22 miliardi di euro.Sostenuta dall’amministratore delegato Pietro Labriola, l’operazione ridurrebbe i debiti di circa 14 miliardi di euro e darebbe al gruppo ora noto come TIM la possibilità di partecipare al consolidamento del settore. Buone notizie per l’Italia, meno per la comunità degli hedge fund, che rischierebbe di perdere una scommessa short record di quasi 1 miliardo di euro .L’accordo di TIM con KKR dovrebbe essere completato entro agosto e sarà difficile da fermare. Ciò non significa che gli avversari belligeranti non ci proveranno. In cima a questa lista potrebbe esserci Vivendi, la holding della famiglia miliardaria Bolloré, che ha espresso la sua opposizione al prezzo che KKR pagherà. Ha inoltre lamentato la mancanza di un voto da parte degli azionisti sulla cessione. È in corso un'azione legale. Un’assemblea degli azionisti per eleggere il nuovo consiglio di amministrazione di TIM alla fine di aprile offrirebbe un’occasione più rapida per interrompere i lavori.I venditori allo scoperto ci contano. Quando all'inizio di marzo Labriola presentò l'aggiornamento del piano aziendale, il giorno della pubblicazione il titolo crollò di un quarto. I volumi degli scambi giornalieri hanno raggiunto un livello record. Il Financial Times ha poi rivelato che un quinto delle azioni del gruppo erano state date in prestito a venditori allo scoperto a marzo, la percentuale più alta dal 2005.I voti per il consiglio saranno cruciali. Vivendi, che controlla quasi un quarto dei voti, non ha presentato una propria lista di candidati. I fondi degli attivisti hanno Merlyn e Bluebell.Merlyn non contesta l'accordo KKR ma vuole andare in una direzione diversa una volta concluso, con ulteriori vendite di asset come TIM Brasil. Bluebell esaminerà attentamente l'accordo e sta assumendo una posizione che sembra essere allineata con Vivendi. Se l’accordo dovesse fallire, solo coloro che vendessero le azioni allo scoperto sarebbero vincitori. TIM dovrebbe trovare mezzi alternativi per affrontare il suo debito. Senza dubbio il prezzo delle azioni scenderebbe ulteriormente.Vivendi e Bluebell vogliono entrambi un prezzo più alto per le loro azioni. Senza un’offerta concorrente a quella di KKR, è difficile immaginare un percorso verso il valore.Vivendi ha già perso circa 2,5 miliardi di euro di valore sui suoi investimenti dal 2015. Gli azionisti dovrebbero resistere alla tentazione di unirsi al suo fianco. Muovere la situazione in questa fase significherà solo ulteriori perdite.
 
Rovinare l’accordo sulla rete fissa di Telecom Italia amplierebbe le perdite per gli azionisti Solo coloro che vendessero allo scoperto le azioni sarebbero vincitori se l’acquisto di KKR fallisse L'accordo per Telecom Italia, ora TIM, è stato sostenuto dall'amministratore delegato Pietro Labriola
Distruggere l'accordo sulla rete fissa di Telecom Italia amplierebbe le perdite degli azionisti su x .Con un crollo o un botto, la festa in Telecom Italia finirà presto. Il destino dell'ex monopolio di Stato, fortemente indebitato, dipende dalla vendita della sua rete fissa al gruppo di private equity KKR per un massimo di 22 miliardi di euro.Sostenuta dall’amministratore delegato Pietro Labriola, l’operazione ridurrebbe i debiti di circa 14 miliardi di euro e darebbe al gruppo ora noto come TIM la possibilità di partecipare al consolidamento del settore. Buone notizie per l’Italia, meno per la comunità degli hedge fund, che rischierebbe di perdere una scommessa short record di quasi 1 miliardo di euro .L’accordo di TIM con KKR dovrebbe essere completato entro agosto e sarà difficile da fermare. Ciò non significa che gli avversari belligeranti non ci proveranno. In cima a questa lista potrebbe esserci Vivendi, la holding della famiglia miliardaria Bolloré, che ha espresso la sua opposizione al prezzo che KKR pagherà. Ha inoltre lamentato la mancanza di un voto da parte degli azionisti sulla cessione. È in corso un'azione legale. Un’assemblea degli azionisti per eleggere il nuovo consiglio di amministrazione di TIM alla fine di aprile offrirebbe un’occasione più rapida per interrompere i lavori.I venditori allo scoperto ci contano. Quando all'inizio di marzo Labriola presentò l'aggiornamento del piano aziendale, il giorno della pubblicazione il titolo crollò di un quarto. I volumi degli scambi giornalieri hanno raggiunto un livello record. Il Financial Times ha poi rivelato che un quinto delle azioni del gruppo erano state date in prestito a venditori allo scoperto a marzo, la percentuale più alta dal 2005.I voti per il consiglio saranno cruciali. Vivendi, che controlla quasi un quarto dei voti, non ha presentato una propria lista di candidati. I fondi degli attivisti hanno Merlyn e Bluebell.Merlyn non contesta l'accordo KKR ma vuole andare in una direzione diversa una volta concluso, con ulteriori vendite di asset come TIM Brasil. Bluebell esaminerà attentamente l'accordo e sta assumendo una posizione che sembra essere allineata con Vivendi. Se l’accordo dovesse fallire, solo coloro che vendessero le azioni allo scoperto sarebbero vincitori. TIM dovrebbe trovare mezzi alternativi per affrontare il suo debito. Senza dubbio il prezzo delle azioni scenderebbe ulteriormente.Vivendi e Bluebell vogliono entrambi un prezzo più alto per le loro azioni. Senza un’offerta concorrente a quella di KKR, è difficile immaginare un percorso verso il valore.Vivendi ha già perso circa 2,5 miliardi di euro di valore sui suoi investimenti dal 2015. Gli azionisti dovrebbero resistere alla tentazione di unirsi al suo fianco. Muovere la situazione in questa fase significherà solo ulteriori perdite.
Chi è l'autore di questa aulica prosa?
 
Inizio questa discussione senza essere un grande del forum, spero solo che tutti
i partecipanti si scaldino a questa discussione con passione.

P.S libero tutti quelli che sono nella mia lista ignora
Quale onore...seguo volentieri il thread ma dopo l'ultima "performance" di mister Lacapriola ho venduto tutto, ma proprio tutto e, dopo anni di Tradate su Telecom, credetemi non ne voglio più sapere...da tempo le cripto mi danno più soddisfazioni e adrenalina. Su Tim ( mio parere personale e scrivo dal punto di vista della quotazione) non ci vedo nulla di buono...felice per voi di essere smentito.
 
Quale onore...seguo volentieri il thread ma dopo l'ultima "performance" di mister Lacapriola ho venduto tutto, ma proprio tutto e, dopo anni di Tradate su Telecom, credetemi non ne voglio più sapere...da tempo le cripto mi danno più soddisfazioni e adrenalina. Su Tim ( mio parere personale e scrivo dal punto di vista della quotazione) non ci vedo nulla di buono...felice per voi di essere smentito.
Per fortuna tendo a dimenticare e francamente non ricordo perché eri in lista ignora. Adesso posso riprendere la lettura dei tuoi messaggi.
 
Buona sera a tutti carissimi TIMofili,
Sono sempre più curioso di vedere come andrà l' assemblea e spero davvero che si cambi pagina...Labriola non riuscirà mai a raggiungere la quotazione nulla perché lo dice chiaramente Zenone di Elea....per andare da 0,23 a 0 si deve prima raggiungere la metà...e poi ancora la metà della metà...e così all' infinito contro la finitezza della esistenza umana.... Riassumendo.,grazie Labriola, puoi anche andare a risanare qualche altra azienda (si fa per dire)... questa è la mia speranza...mah
 
Rovinare l’accordo sulla rete fissa di Telecom Italia amplierebbe le perdite per gli azionisti Solo coloro che vendessero allo scoperto le azioni sarebbero vincitori se l’acquisto di KKR fallisse L'accordo per Telecom Italia, ora TIM, è stato sostenuto dall'amministratore delegato Pietro Labriola
Distruggere l'accordo sulla rete fissa di Telecom Italia amplierebbe le perdite degli azionisti su x .Con un crollo o un botto, la festa in Telecom Italia finirà presto. Il destino dell'ex monopolio di Stato, fortemente indebitato, dipende dalla vendita della sua rete fissa al gruppo di private equity KKR per un massimo di 22 miliardi di euro.Sostenuta dall’amministratore delegato Pietro Labriola, l’operazione ridurrebbe i debiti di circa 14 miliardi di euro e darebbe al gruppo ora noto come TIM la possibilità di partecipare al consolidamento del settore. Buone notizie per l’Italia, meno per la comunità degli hedge fund, che rischierebbe di perdere una scommessa short record di quasi 1 miliardo di euro .L’accordo di TIM con KKR dovrebbe essere completato entro agosto e sarà difficile da fermare. Ciò non significa che gli avversari belligeranti non ci proveranno. In cima a questa lista potrebbe esserci Vivendi, la holding della famiglia miliardaria Bolloré, che ha espresso la sua opposizione al prezzo che KKR pagherà. Ha inoltre lamentato la mancanza di un voto da parte degli azionisti sulla cessione. È in corso un'azione legale. Un’assemblea degli azionisti per eleggere il nuovo consiglio di amministrazione di TIM alla fine di aprile offrirebbe un’occasione più rapida per interrompere i lavori.I venditori allo scoperto ci contano. Quando all'inizio di marzo Labriola presentò l'aggiornamento del piano aziendale, il giorno della pubblicazione il titolo crollò di un quarto. I volumi degli scambi giornalieri hanno raggiunto un livello record. Il Financial Times ha poi rivelato che un quinto delle azioni del gruppo erano state date in prestito a venditori allo scoperto a marzo, la percentuale più alta dal 2005.I voti per il consiglio saranno cruciali. Vivendi, che controlla quasi un quarto dei voti, non ha presentato una propria lista di candidati. I fondi degli attivisti hanno Merlyn e Bluebell.Merlyn non contesta l'accordo KKR ma vuole andare in una direzione diversa una volta concluso, con ulteriori vendite di asset come TIM Brasil. Bluebell esaminerà attentamente l'accordo e sta assumendo una posizione che sembra essere allineata con Vivendi. Se l’accordo dovesse fallire, solo coloro che vendessero le azioni allo scoperto sarebbero vincitori. TIM dovrebbe trovare mezzi alternativi per affrontare il suo debito. Senza dubbio il prezzo delle azioni scenderebbe ulteriormente.Vivendi e Bluebell vogliono entrambi un prezzo più alto per le loro azioni. Senza un’offerta concorrente a quella di KKR, è difficile immaginare un percorso verso il valore.Vivendi ha già perso circa 2,5 miliardi di euro di valore sui suoi investimenti dal 2015. Gli azionisti dovrebbero resistere alla tentazione di unirsi al suo fianco. Muovere la situazione in questa fase significherà solo ulteriori perdite.
Sembra di capire che ,per non subire ulteriori perdite, bisogna votare Labriola e resistere alla tentazione di unirsi a Vivendi, per non compromettere la cessione della rete. Ci dice che siamo sotto la spada di Damocle dei fondi short ma non spiega perchè i fondi scommettono contro Tim e soprattutto perchè con la conferma di Labriola dovrebbero cessare di andare short. La vendita della rete è definita, nessuno la mette in discussione. Entrambi i fondi alternativi hanno dichiarato che cercherebbero di ottenere condizioni migliori, forse ricontrattando l'earn out. Ed è quello che dovrebbe chiedere Labriola al governo e a KKR, smettendola di parlare di potenziali Quindi la cessione non è in discussione. Merlyn venderebbe tutto il vendibile per passare all'incasso, mentre le intenzioni di Bluebell non mi sembrano tanto distanti da quelle di Labriola, del quale lamentano la scorrettezza, ma facendo finalmente un accenno ai costi. Qualcuno ha chiesto se avessimo visto le loro facce, io chiedo se hanno mai dato un'occhiata al famoso numeretto.
 
Sarà ma mi fido poco delle buone intenzioni delle cordate alternative.
Spero che alla riconferma di Labriola mollino il colpo
e che nel frattempo almeno chiudano per sparkle.
Se poi la corte d'appello. non sospendesse il pagamento del mld ....
 
troppi se.. in giro su tim e il mercato i se,,li vende. non c è chiarezza in niente ,una confusione su tutto:wall:
 
Concordo sui se e i Ma

Per questo temo che non ci sianvie alternative percorribili. A meno che non ci si voglia far male.

Non so se la vedo giusta, Labriola per ora sembra possa essere la scelta unica che garantisca, almeno l affare Kkr.

Non so se basterà. Con cessione Sparkle e rimborso da 1mld per autunno probabile si?
Eventuale Brasile farà da jolly.


Ad ogni modo anche facendo spezzatino massimo tanta gente perderà il posto.
Ps. Penso non ci sia un numero che possa essere definitivo su qualunque argomento che riguardi tim
 
Ultima modifica:
Sembra di capire che ,per non subire ulteriori perdite, bisogna votare Labriola e resistere alla tentazione di unirsi a Vivendi, per non compromettere la cessione della rete. Ci dice che siamo sotto la spada di Damocle dei fondi short ma non spiega perchè i fondi scommettono contro Tim e soprattutto perchè con la conferma di Labriola dovrebbero cessare di andare short. La vendita della rete è definita, nessuno la mette in discussione. Entrambi i fondi alternativi hanno dichiarato che cercherebbero di ottenere condizioni migliori, forse ricontrattando l'earn out. Ed è quello che dovrebbe chiedere Labriola al governo e a KKR, smettendola di parlare di potenziali Quindi la cessione non è in discussione. Merlyn venderebbe tutto il vendibile per passare all'incasso, mentre le intenzioni di Bluebell non mi sembrano tanto distanti da quelle di Labriola, del quale lamentano la scorrettezza, ma facendo finalmente un accenno ai costi. Qualcuno ha chiesto se avessimo visto le loro facce, io chiedo se hanno mai dato un'occhiata al famoso numeretto.
Caro amico, io non ne sarei così sicuro, c'è ancora un giudice che deve decidere. Sarebbe troppo pericoloso se passasse il principio che un gruppo di 15 persone (il CDA) possa vendere assets di miliardi di euro della società amministrata contro o senza l'approvazione dei proprietari (gli azionisti). 15 persone si possono comprare o vendersi facilmente. Spero di essermi spiegato bene
 
Ultima modifica:
:5eek:Confuso : dal dizionario , messo insieme senza alcun criterio , alla rinfusa , disordinato , privo di chiarezza , di lucidità , imbrogliato , incerto .ecc ecc .
Come investitore di questa azienda mi sento cosi :eek: ..
I 3 piani industriali proposti ..idem ..
Ognuno ha una pecca ...
Labriola preso a sberle dal mercato ..
Merlyn alla fine non si capisce che vuol fare ...
Bluebell peggio che andar di notte ...
Attendo fiducioso il piano industriale di Asati
E poi vado a dormire tranquillo e sereno ...
Ma comunque si é mai visto il principale azionista di un azienda che sta zitto e muto come Vivendi ??
Se vince Labriola andiamo a P..
Se vince merlyn andiamo a Z...
Se vince bluebell andiamo T ...
Comunque sono fiducioso ...
 
:5eek:Confuso : dal dizionario , messo insieme senza alcun criterio , alla rinfusa , disordinato , privo di chiarezza , di lucidità , imbrogliato , incerto .ecc ecc .
Come investitore di questa azienda mi sento cosi :eek: ..
I 3 piani industriali proposti ..idem ..
Ognuno ha una pecca ...
Labriola preso a sberle dal mercato ..
Merlyn alla fine non si capisce che vuol fare ...
Bluebell peggio che andar di notte ...
Attendo fiducioso il piano industriale di Asati
E poi vado a dormire tranquillo e sereno ...
Ma comunque si é mai visto il principale azionista di un azienda che sta zitto e muto come Vivendi ??
Se vince Labriola andiamo a P..
Se vince merlyn andiamo a Z...
Se vince bluebell andiamo T ...
Comunque sono fiducioso ...
"Grande è la confusione sotto il cielo: La situazione è eccellente"
Così parlò Mao Tse-tung: Si vede che il leader cinese non aveva mai avuto azioni TIM in portafoglio
 
Concordo sui se e i Ma

Per questo temo che non ci sianvie alternative percorribili. A meno che non ci si voglia far male.

Non so se la vedo giusta, Labriola per ora sembra possa essere la scelta unica che garantisca, almeno l affare Kkr.

Non so se basterà. Con cessione Sparkle e rimborso da 1mld per autunno probabile si?
Eventuale Brasile farà da jolly.


Ad ogni modo anche facendo spezzatino massimo tanta gente perderà il posto.
Ps. Penso non ci sia un numero che possa essere definitivo su qualunque argomento che riguardi tim
Tutti concentrano la loro attenzione sui se sui ma.
Dimenticandosi dei però.
I forse invece abbondano.
In questa storia, il vero problema è che sono spariti i certamente e i sicuramente
 
un azienda strategica parastatale con la golden.. accerchiata da fondi attivisti e da fondi sfattisti.. mi sa che solo in questo paese possono accadere certe cose..mia opinione
 
Ultima modifica:
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.
Indietro