Termini Di Prescrizione Per Un'azione Legale Nei Confronti Di Una Banca

Scritto da Voltaire
So di alcuni legali che portano avanti l'ipotesi di indebito arricchimento, poiché l'opzione contenuta nel prodotto è prezzata in maniera largamente sfavorevole per l'investitore.

Certo. Spero tuttavia che tali legali abbiano conoscenze approfondite sulle problematiche civilistiche sulla causa dei contratti.
 
E' comunque inutile secondo voi scrivere all'ufficio reclami o può essere un primo tentativo per vedere come reagisce la banca ?
 
Scritto da Verm & Solitair
La necessità dell'atto scritto determina anche la necessità della sottoscrizione (ciò si desume dai principi sulla scrittura privata, per cui la sottoscrizione è parte intergrante della stessa). Poichè il contenuto minimo del contratto è previsto in via regolamentare (non dalla legge, che stabilisce la forma scritta), può ritenersi valida l'operazione quando il contratto è stato sottoscritto, anche se l'operazione è aliunde regolata da altro atto, semplicemente indicato (ma specificamente accettato). Vanno perciò esaminati tutti gli atti sottoscritti e quelli allegati per poter esprimere un parere preciso.

Nell'ordine di sottoscrizione non si richiama il regolamento, ma solo un diritto di ritenzione e privilegio di ogni titolo acquistato, diritto generico non specifico dell'operazione in esame.
 
Scritto da Volante 1
E' comunque inutile secondo voi scrivere all'ufficio reclami o può essere un primo tentativo per vedere come reagisce la banca ?

Non crediamo - lo ribadiamo anche qui - che i c.d. reclami abbiano alcun effetto per il cliente, se non una risposta cortese e formale (cortese e formale come un bancario), in quanto il controllo della banca sul reclamo è solo di forma (verifica se i documenti predisposti dalla stessa banca sono formalmente sottoscritti): nessun funzionario ammetterà di aver sbagliato, la banca pagherà solo su ordine del giudice, diversamente non ha alcun motivo di farlo (chi si assume la responsabilità di pagare senza una sentenza che condanni a farlo?).
 
Altro preliminare prima di partire con l'avvocato:
chiedere fotocopia della documentazione in possesso della banca facendo esplicito riferimento al regolamento sottoscritto dal cliente.
Se la banca produce le fotocopie allora forse è il caso di lasciare perdere, altrimenti c'è un buon motivo per cominciare.
Che ne pensate ?
 
beh, certo, prima occorre richiedere documentazione completa in loro possesso con sottoscrizione del cliente (pagandone il costo).
 
Scusate se vi chiedo di tornare sull'argomento in modo discontinuo, ma è un fattaccio che mi è rimasto impresso e quando posso cerco di dedicarvi qualche minuto, per poter aiutare, se possibile, il malcapitato.

Ora vorrei sapere se secondo i legali che ci seguono (in primis V&S) o anche gli il-legali esperti (un icona a caso :D ) ci sono speranze di ottenere il risarcimento del danno distinguendo due casi:

A) la banca dimostra che il cliente ha sottoscritto per presa visione ed accettazione copia del regolamento.

B) la banca dispone solamente della copia dell'ordine di sottoscrizione firmata dal cliente, ma senza nessuna menzione del regolamento: solo il codice interno - o codice abi - e una descrizione incomprensibile dell'obbligazione in emissione.

Grazie ancora per il contributo che vorrete dare.
 
Ovviamente, il caso B è migliore per il cliente: una risposta, magari corredata da esempi pratici, deve venire da chi ha esperienze dirette in materia.
 
Il reclamo deve essere il primo passo formale, oppure si può saltare?
 
Scritto da Voltaire
Il reclamo deve essere il primo passo formale, oppure si può saltare?

Come diceva sopra V&S non serve a niente, anche perché in questo caso siamo oltre l'importo limite OMBUDSMAN (dieci milioni delle vecchie lire).
 
Inoltre "...circa il modo in cui la banca ... abbia gestito operazioni o servizi, purché posti in essere nei due anni precedenti il giorno della presentazione del reclamo".
 
Scritto da Volante 1
Scusate se vi chiedo di tornare sull'argomento in modo discontinuo, ma è un fattaccio che mi è rimasto impresso e quando posso cerco di dedicarvi qualche minuto, per poter aiutare, se possibile, il malcapitato.

Ora vorrei sapere se secondo i legali che ci seguono (in primis V&S) o anche gli il-legali esperti (un icona a caso :D ) ci sono speranze di ottenere il risarcimento del danno distinguendo due casi:

A) la banca dimostra che il cliente ha sottoscritto per presa visione ed accettazione copia del regolamento.

B) la banca dispone solamente della copia dell'ordine di sottoscrizione firmata dal cliente, ma senza nessuna menzione del regolamento: solo il codice interno - o codice abi - e una descrizione incomprensibile dell'obbligazione in emissione.

Grazie ancora per il contributo che vorrete dare.
 
Indietro