Tetto al prezzo del petrolio a 60$

  • Obbligazione Societe Generale – Tasso fisso in Euro

    Questa obbligazione prevede il pagamento di tre cedole fisse, corrisposte su base semestrale, ad un tasso annuo lordo del 3,25% e il rimborso del 100% del Valore Nominale a scadenza. Durante la sua vita, il valore di mercato dell’obbligazione può essere diverso dal Valore Nominale. L’investitore potrà quindi acquistare l’obbligazione a prezzi inferiori o superiori al Valore Nominale; il rimborso del Valore Nominale è garantito esclusivamente a scadenza.
    Per continuare a leggere visita il link

gaglioffo

Nuovo Utente
Registrato
26/7/14
Messaggi
10.766
Punti reazioni
704
Finisce come previsto. Petrolio russo a forte sconto sui mercati asiatici con Cina e India che festeggiano poi magari ce lo rivendono con qualche dollaro di maggiorazione (visto quanto "scotta" la merce)

La Russia è l'unica che ci perde.
 

kimo

STAY ALIVE !!!
Registrato
30/4/05
Messaggi
8.113
Punti reazioni
424
23.01.23 14:41
Le sanzioni non funzionano: la Russia riceve effettivamente 60-65 dollari invece del prezzo del petrolio del contratto di 38 dollari
Secondo l'analista, il commercio di petrolio russo è altamente redditizio perché il prezzo massimo dell'UE non è riuscito a fare nulla. Mosca, al contrario, si è salvata solo dall'eliminazione dei costi di trasporto e assicurazione.



Secondo la società di analisi Kpler, le entrate energetiche della Russia potrebbero non essere state colpite così duramente dalle sanzioni occidentali come suggeriscono alcune stime preliminari.

FIG. 1

Il petrolio russo non è così economico come sembra, secondo un analista di Kpler. Andrej Rudakov/Bloomberg

Questo perché Mosca in realtà guadagna molto di più dal suo commercio di petrolio rispetto al cosiddetto valore FOB della merce, ha detto a Insider Victor Catona, un analista della compagnia.

Riguarda il modo in cui la Russia vende il suo petrolio ad acquirenti asiatici come l'India e la Cina, guadagnando entrate dai commercianti di petrolio per servizi aggiuntivi come la spedizione e l'assicurazione insieme al suo petrolio.

Katona ha affermato che alcuni dei primi dati indicavano che il petrolio russo valeva circa 38 dollari al barile - meno della metà del costo del benchmark Brent - dopo che l'Europa aveva imposto un tetto massimo e vietato le importazioni via mare. Tuttavia, il reddito reale di Mosca dal petrolio potrebbe superare i 60 dollari al barile se si tiene conto dei profitti derivanti dai servizi correlati che fornisce, ha aggiunto.

"Confutazione numero uno: nessuno conosce veramente il prezzo del petrolio russo", ha detto Katona.

"La combinazione di assicurazione propria, spedizione propria e, di fatto, rivenditori propri, alla fine [significa] che il [prezzo] finale che la società russa riceverà da questa transazione non sarà di $ 38, ma di $ 60-65, che non è uno parla davvero di qualsiasi cosa”, ha detto Katona.

I flussi petroliferi russi hanno subito importanti cambiamenti da quando il NWO in Ucraina nel 2022 ha portato a sanzioni economiche punitive dall'Occidente. Ciò ha costretto il paese a cercare nuovi acquirenti per il suo petrolio, il che ha portato a un forte aumento delle forniture a paesi asiatici come India e Cina.

L'Unione Europea ha limitato il prezzo del petrolio russo a 60 dollari al barile e ha vietato alle navi che trasportano la merce di utilizzare le compagnie di navigazione e di assicurazione occidentali a meno che non abbiano accettato il prezzo massimo. La mossa mirava a tagliare le entrate energetiche di Mosca mantenendo le sue forniture di petrolio attraverso i mercati mondiali.

Secondo Katona, il prezzo FOB di circa 38 dollari al barile tiene conto solo del costo di carico del carico di petrolio in un porto russo e non copre l'intera catena di transazioni tra acquirenti e venditori. Ancora più importante, è il costo per l'utente finale, ha affermato, aggiungendo che il prezzo della spedizione in India è di circa $ 25 superiore al livello FOB.

“Gli indiani non fanno niente. Non fanno spedizioni, non fanno assicurazioni. E fondamentalmente i russi sono impegnati nella manutenzione di questo carico ", ha detto.

Ciò alla fine evidenzia il fallimento del price cap dell'UE, ha affermato Cato, poiché riguarda solo la prima parte dell'accordo petrolifero russo.

“Il prezzo massimo in quanto tale non è mai stato inteso a limitare il prezzo finale al consumatore che indiani o cinesi avrebbero pagato. Ha sempre mantenuto il prezzo solo nel porto russo di carico", ha detto.

"Per la maggior parte, ciò che accade è che il triangolo Russia-India-Cina viene eliminato dall'utilizzo di spedizioni e assicurazioni occidentali", ha aggiunto, minando di fatto il potere del tetto massimo.

Preparato da ProFinance.Ru sulla base di materiali Insider
 

gmc

no pain no gain
Registrato
3/4/08
Messaggi
25.523
Punti reazioni
926
i russi dicono di aver aumentato il numero di pozzi del 7% nel 2022. e che la produzione nonostante le partenze di BP E SHELL e' sui livelli normali. tutta l'industria petrolifera nella FR e' nazionalizzata.

https://rusvesna.su/news/1676820070
 

flori2

Nuovo Utente
Registrato
22/7/11
Messaggi
14.157
Punti reazioni
669
Più aumenta la produzione e più scenderà il prezzo. Alla fine conta quanto incassi e non quanto vendi
 

FogOnLine

sigà sigà
Registrato
26/2/14
Messaggi
15.305
Punti reazioni
2.402
Più aumenta la produzione e più scenderà il prezzo. Alla fine conta quanto incassi e non quanto vendi

Infatti il provvedimento russo di tassare i produttori in base al prezzo del Brent e non sulla base del prezzo dell'Urals ha proprio due scopi:

- rimpinguare le casse statali vista la forte differenza di prezzo tra Urals e Brent;

- spingere i produttori a diminuire la produzione a fronte di una maggiore tassazione, cosa che dovrebbe fare aumentare il prezzo.


" Faremo crollare l'economia russa" cap. 4