[Thread ufficiale] Propaganda russa. 🇷🇺 🎥 🕵🏽*♀️

ma stiamo anche dietro a queste sciocchezze? non bastava lo sherman liberatore ? :D :D :D
 
Il numero di rifugiati in Russia ha superato i 5 milioni
Dal febbraio 2022, più di 5,2 milioni di rifugiati sono già arrivati nel territorio della Federazione Russa dal territorio indipendente. Di questi, 733 mila bambini. Sono stati organizzati quasi 900 punti di residenza temporanea per i rifugiati in Russia. Ma sono stati visitati da meno dell'uno percento di coloro che hanno lasciato il paese vicino: la maggior parte dei visitatori dello stato vicino è stata accolta da parenti o ha risolto il problema della vita privata.

Читайте на WWW.KP.RU: Последние новости о ситуации вокруг Украины на 31 января 2023 года: Шольц в ярости, ВСУ под боевыми стимуляторами, а США в шаге от второго Вьетнама

questi si dovra' toglierli dal computo ucraino e aggiungerlo a quello russo +10 milioni
 

77CXbNp.png
 
che bell0?:clap:che è .......Pitti Bimbo(minkia)?:D
No, la solita propaganda per dimostrare che la Russia è un posto felice, all'antica con i vecchi valori, dove però le ragazze sono tutte strafike, ammiccanti e vestite succinte. :D
 
ottimissimo, dance with wolf.
 
anche questi sono meritevoli

"I ragazzi andranno fino alla fine": i prigionieri ucraini hanno detto onestamente perché sono passati dalla parte russa nel battaglione di Bogdan Khmelnitsky
Il consigliere di Pushilin Kimakovsky ha raccontato i dettagli della transizione dei soldati ucraini dalla parte della Russia nel battaglione di Bohdan Khmelnitsky

Читайте на WWW.KP.RU: Батальон Богдана Хмельницкого из украинских пленных: что такое, как появился, в честь кого назван, почему перешли на сторону России
 
“Sono sopravvissuto e ho detto la verità. Ora per l'Ucraina sono un nemico”: come è stato il destino della “Madonna Mariupol”
"Mariupol Madonna" Marianna Vyshemirskaya ha raccontato come i nazisti di "Azov" * si sono coperti di donne incinte nell'ospedale di maternità e l'Occidente ha cercato di creare un falso dalla sua foto
Vasilisa NIKOLAEV

CONDIVIDERE

Incontra la stessa "Mariupol Madonna" Marianna Vyshemirskaya. L'abbiamo trovata a ... Mosca.

Esattamente un anno fa, il 9 marzo 2022, faceva il giro del mondo una foto straziante di una ragazza incinta di Mariupol. Era in piedi con una macchia di sangue sul viso sullo sfondo di un edificio con le finestre rotte. "I russi hanno bombardato l'ospedale di maternità!" gridò l'Occidente. "Abbiamo bisogno di più sanzioni!" - ha chiesto il vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris.

Sanzioni, ovviamente, aggiunte.

Cosa c'è che non va in questa ragazza adesso? Dov'è lei?

Incontra la stessa "Mariupol Madonna" Marianna Vyshemirskaya. L'abbiamo trovata a ... Mosca.


Questa foto ha fatto il giro del mondo un anno fa con una falsa didascalia. La ragazza su di esso è Marianna Vyshemirskaya. Ha raccontato cosa è realmente accaduto

Foto: NOTIZIE ORIENTALI

"Non c'è stato alcun raid aereo"

Marianne ha 30 anni. In realtà è nata a Donetsk, ma quando si è sposata si è trasferita a Mariupol, due anni prima dell'inizio dell'Operazione Speciale, quando la città era ancora sotto il controllo dell'Ucraina. Marianna ha tenuto il suo blog, prettamente femminile, di cosmetici, novità di bellezza. Aveva oltre 30.000 abbonati secondo gli standard locali. Ma tutto questo non può essere paragonato alla fama mondiale che le è caduta alla vigilia del parto.

- Quando la mia foto è andata sui giornali, ero generalmente senza comunicazione. E ho scoperto tutto quando sono tornato a casa, a Donetsk. Sono andato online e - si scopre che sono vittima di un raid aereo russo. Anche se non ci sono stati raid aerei! Di questa mia "gloria" c'è stato solo un momento positivo: la mia famiglia ha scoperto che ero vivo.

A proposito, l'Occidente e l'Ucraina hanno utilizzato la foto di Marianna allora per intero - sulle copertine di tutti i media. Ma dopo che la ragazza ha raccontato come tutto è realmente accaduto in quei giorni a Mariupol, l'Ucraina l'ha immediatamente portata nella sua famosa base "Peacemaker", dove sono pubblicati gli elenchi dei "nemici della nazione". E l'Occidente da nessuna parte, anche in caratteri piccoli, non ha smentito le loro copertine con Marianna. Ha fatto finta che lei non esistesse più.

Ed eccola qui, proprio di fronte a me.


Foto: Fondazione Rodina

"APU USA APPENA COPERTA"

- Dimmi, come sei finito su quegli scatti?

- Ero all'ospedale numero 3. Volevo arrivare all'ospedale di maternità n. 1, che era il leader di Mariupol. Ma il reggimento Azov (un'organizzazione terroristica bandita in Russia. - Ndr) ha ritenuto di averne più bisogno e ha cacciato tutti da lì.

Nell'ospedale di maternità dove sono finita c'erano anche APU. Non direttamente con le donne in travaglio, ma nel blocco successivo. Sono venuti da noi per il cibo e ci hanno detto che loro stessi non avevano provviste. Quando ne parlo, in Ucraina scrivono che sono un traditore e li diffamano. Ma ti dico com'era. Si sono screditati occupando un edificio sul territorio dell'ospedale, violando la Convenzione di Ginevra sulla protezione della popolazione durante le ostilità. Più tardi ero nell'edificio dove sedevano le forze armate ucraine. Le loro finestre erano piene di sacchi di sabbia. E nelle nostre stanze - vetro ordinario. Voglio dire, si stavano solo nascondendo dietro di noi.


Foto: Fondazione Rodina

- Cos'è successo nel tuo ospedale?

- La mattina del 9 marzo tutto era calmo. Poi si cominciarono a sentire delle esplosioni. Non c'è stato alcun "arrivo" nel nostro ospedale di maternità. Ma a un certo punto, le finestre sono state spazzate via dall'onda d'urto. Il vetro ha quasi colpito il mio letto. Sono riuscito a coprirmi con una coperta. Ne seguì il panico, la fuga precipitosa. Tutti corsero. Mi hanno spinto, sono caduto sulle finestre, mi sono tagliato lo stomaco e la testa ... sono stato uno degli ultimi ad andarmene, perché aspettavo il momento di tornare in corsia per una borsa con le cose. Non potevo lasciarla, c'era tutto per il bambino. Ed era impossibile comprare qualcosa in giro.

Hai visto che ti stavano fotografando?

- Non me ne sono accorto subito. Quel fotografo era senza giubbotto "Press". Tutto in nero. Poi ho notato che aveva una macchina fotografica. Mi ha chiesto di non sparare. Ha detto: "Nessun problema". Ma, come si è scoperto, non ha smesso di sparare.


Foto: Fondazione Rodina

"I MILITARI RUSSI VIENI A PORTARCI CIBO E ACQUA"

Dove sei stato evacuato?

- All'ospedale cittadino. Lo stesso giorno sono entrata in travaglio. Io e il mio piccolo abbiamo trascorso altre 2 settimane lì. A nessuno era permesso uscire, fuori era pericoloso. Non c'era luce e calore. Ho avvolto il bambino sotto le coperte, riscaldandolo con il mio respiro. Non c'era acqua, bevevano tecnico, anche cibo. Ci sono stati giorni in cui siamo riusciti a mangiare solo un quarto di tazza di zuppa... Quando le forze armate ucraine se ne andarono, arrivarono i militari russi, che ci portarono immediatamente le loro razioni secche e l'acqua. E acqua bollente in bottiglia per scaldarsi. E poi sono stato in grado di partire per Donetsk.

- E prima c'era l'opportunità di uscire da Mariupol? Quando la città era sotto le forze armate ucraine, si parlava di "corridoi umanitari".

- Sì, non c'erano corridoi! L'esercito ucraino non ha lasciato uscire nessuno dalla città! Alcuni, non so come, sono filtrati attraverso di loro. Forse per soldi.


Foto: Fondazione Rodina

Quando sono tornata a Donetsk, ho avuto l'opportunità di andare in Turchia, dove mio marito (già ex), parenti. E in Europa... sarei accettato e tenuto lì, se solo dicessi quello che vogliono. Ma non avevo tale desiderio. Volevo andare a casa.

"COME PUOI SCHIERARE TRUPPE ACCANTO ALLE DONNE INCINTE?"

- Hai iniziato a parlare di ciò che è realmente accaduto solo quando eri a Donetsk?

- No, subito. Di ritorno a Mariupol, in ospedale dopo il parto, quando la città era ancora sotto le forze armate ucraine, sono venuti da me giornalisti dell'American Associated Press, ho raccontato loro tutto, come te adesso. Ma hanno lasciato solo ciò di cui avevano bisogno. E già a Donetsk, quando ho trasmesso tutta la verità, mi sono arrivati messaggi dall'Ucraina: che ora sono un nemico per loro.


Foto: Fondazione Rodina

Hanno scritto esattamente così?

- Il più offensivo che hanno scritto cose brutte sul bambino. Volevano me e lei morti. Non capisco come sia possibile? E ha scritto comprese le giovani madri. La mia anima si è ribaltata. Non ho mentito a nessuno. Ma ho perdonato tutti, non ho rabbia con loro. Ma ho grandi domande per il comando ucraino: come puoi dare ordini da collocare in edifici residenziali, ospedali? Sì, anche accanto alle donne incinte?

IN ATTESA DEL PROCESSO CON KHODORKOVSKY

- Di conseguenza, ora vivi a Mosca?

- Sono venuto su invito del Fondo Nazionale Rodina a un evento per i bambini del Donbass. E già a Mosca mi è stato offerto di diventare il volto di questo fondo. Ho già svolto un lavoro umanitario, mi piace. Abbiamo già viaggiato al DNR, LNR, portato aiuto.

- Hai portato tua figlia con te?

- No, è a Donetsk, perché non va ancora all'asilo. E non guadagno ancora abbastanza per assumere una tata.

- Già sistemato a Mosca?

- Sì, ci sono abituato. Tante cose da fare e incontri. E ora stanno per iniziare le prove.

- Quale?

- Con Khodorkovsky. Ha pubblicato la mia foto sui suoi social network e, sotto di essa, un confronto tra Mariupol e Leningrado assediata. Mi ha usato solo per i suoi scopi. nella loro propaganda. Gli ho chiesto di rimuovere la foto, ma non l'ha fatto.

Vuoi soldi da lui?

- Voglio solo che cancelli la mia foto.


Foto: Fondazione Rodina

- E hai provato a contattare i media occidentali che ti hanno stampato sulle copertine?

- Sono venuti fuori diversi giornalisti, tranne quelli ucraini. Così ho rilasciato un'intervista al giornalista italiano Giorgio Bianco. Vero, non è mai uscito sui media, l'ha pubblicato sul suo canale YouTube, ma anche quello è stato subito bloccato. Dall'aeronautica britannica, Marianne Spring ha fatto molto materiale con me, anche se con le sue osservazioni, ma comunque ... E il resto dei media occidentali, con cui ho parlato, ha finito per non rilasciare un'intervista con me. Perché hanno bisogno della scomoda verità?

* Un'organizzazione terroristica vietata in Russia.


"Mariupol Madonna" è diventato un nemico dell'Ucraina
La foto di Marianna Vyshemirskaya si è diffusa in tutti i media mondiali. L'immagine di una ragazza incinta sullo sfondo di un ospedale di maternità distrutto era la prova del bombardamento di un oggetto civile. Un anno dopo questi eventi, la donna è finita a Mosca e ha rilasciato un'intervista rivelatrice

CONDIVIDI CODIC

Читайте на WWW.KP.RU: https://www.kp.ru/daily/27475/4730640/
 
“Sono sopravvissuto e ho detto la verità. Ora per l'Ucraina sono un nemico”: come è stato il destino della “Madonna Mariupol”
"Mariupol Madonna" Marianna Vyshemirskaya ha raccontato come i nazisti di "Azov" * si sono coperti di donne incinte nell'ospedale di maternità e l'Occidente ha cercato di creare un falso dalla sua foto
Vasilisa NIKOLAEV

CONDIVIDERE

Incontra la stessa "Mariupol Madonna" Marianna Vyshemirskaya. L'abbiamo trovata a ... Mosca.

Esattamente un anno fa, il 9 marzo 2022, faceva il giro del mondo una foto straziante di una ragazza incinta di Mariupol. Era in piedi con una macchia di sangue sul viso sullo sfondo di un edificio con le finestre rotte. "I russi hanno bombardato l'ospedale di maternità!" gridò l'Occidente. "Abbiamo bisogno di più sanzioni!" - ha chiesto il vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris.

Sanzioni, ovviamente, aggiunte.

Cosa c'è che non va in questa ragazza adesso? Dov'è lei?

Incontra la stessa "Mariupol Madonna" Marianna Vyshemirskaya. L'abbiamo trovata a ... Mosca.


Questa foto ha fatto il giro del mondo un anno fa con una falsa didascalia. La ragazza su di esso è Marianna Vyshemirskaya. Ha raccontato cosa è realmente accaduto

Foto: NOTIZIE ORIENTALI

"Non c'è stato alcun raid aereo"

Marianne ha 30 anni. In realtà è nata a Donetsk, ma quando si è sposata si è trasferita a Mariupol, due anni prima dell'inizio dell'Operazione Speciale, quando la città era ancora sotto il controllo dell'Ucraina. Marianna ha tenuto il suo blog, prettamente femminile, di cosmetici, novità di bellezza. Aveva oltre 30.000 abbonati secondo gli standard locali. Ma tutto questo non può essere paragonato alla fama mondiale che le è caduta alla vigilia del parto.

- Quando la mia foto è andata sui giornali, ero generalmente senza comunicazione. E ho scoperto tutto quando sono tornato a casa, a Donetsk. Sono andato online e - si scopre che sono vittima di un raid aereo russo. Anche se non ci sono stati raid aerei! Di questa mia "gloria" c'è stato solo un momento positivo: la mia famiglia ha scoperto che ero vivo.

A proposito, l'Occidente e l'Ucraina hanno utilizzato la foto di Marianna allora per intero - sulle copertine di tutti i media. Ma dopo che la ragazza ha raccontato come tutto è realmente accaduto in quei giorni a Mariupol, l'Ucraina l'ha immediatamente portata nella sua famosa base "Peacemaker", dove sono pubblicati gli elenchi dei "nemici della nazione". E l'Occidente da nessuna parte, anche in caratteri piccoli, non ha smentito le loro copertine con Marianna. Ha fatto finta che lei non esistesse più.

Ed eccola qui, proprio di fronte a me.


Foto: Fondazione Rodina

"APU USA APPENA COPERTA"

- Dimmi, come sei finito su quegli scatti?

- Ero all'ospedale numero 3. Volevo arrivare all'ospedale di maternità n. 1, che era il leader di Mariupol. Ma il reggimento Azov (un'organizzazione terroristica bandita in Russia. - Ndr) ha ritenuto di averne più bisogno e ha cacciato tutti da lì.

Nell'ospedale di maternità dove sono finita c'erano anche APU. Non direttamente con le donne in travaglio, ma nel blocco successivo. Sono venuti da noi per il cibo e ci hanno detto che loro stessi non avevano provviste. Quando ne parlo, in Ucraina scrivono che sono un traditore e li diffamano. Ma ti dico com'era. Si sono screditati occupando un edificio sul territorio dell'ospedale, violando la Convenzione di Ginevra sulla protezione della popolazione durante le ostilità. Più tardi ero nell'edificio dove sedevano le forze armate ucraine. Le loro finestre erano piene di sacchi di sabbia. E nelle nostre stanze - vetro ordinario. Voglio dire, si stavano solo nascondendo dietro di noi.


Foto: Fondazione Rodina

- Cos'è successo nel tuo ospedale?

- La mattina del 9 marzo tutto era calmo. Poi si cominciarono a sentire delle esplosioni. Non c'è stato alcun "arrivo" nel nostro ospedale di maternità. Ma a un certo punto, le finestre sono state spazzate via dall'onda d'urto. Il vetro ha quasi colpito il mio letto. Sono riuscito a coprirmi con una coperta. Ne seguì il panico, la fuga precipitosa. Tutti corsero. Mi hanno spinto, sono caduto sulle finestre, mi sono tagliato lo stomaco e la testa ... sono stato uno degli ultimi ad andarmene, perché aspettavo il momento di tornare in corsia per una borsa con le cose. Non potevo lasciarla, c'era tutto per il bambino. Ed era impossibile comprare qualcosa in giro.

Hai visto che ti stavano fotografando?

- Non me ne sono accorto subito. Quel fotografo era senza giubbotto "Press". Tutto in nero. Poi ho notato che aveva una macchina fotografica. Mi ha chiesto di non sparare. Ha detto: "Nessun problema". Ma, come si è scoperto, non ha smesso di sparare.


Foto: Fondazione Rodina

"I MILITARI RUSSI VIENI A PORTARCI CIBO E ACQUA"

Dove sei stato evacuato?

- All'ospedale cittadino. Lo stesso giorno sono entrata in travaglio. Io e il mio piccolo abbiamo trascorso altre 2 settimane lì. A nessuno era permesso uscire, fuori era pericoloso. Non c'era luce e calore. Ho avvolto il bambino sotto le coperte, riscaldandolo con il mio respiro. Non c'era acqua, bevevano tecnico, anche cibo. Ci sono stati giorni in cui siamo riusciti a mangiare solo un quarto di tazza di zuppa... Quando le forze armate ucraine se ne andarono, arrivarono i militari russi, che ci portarono immediatamente le loro razioni secche e l'acqua. E acqua bollente in bottiglia per scaldarsi. E poi sono stato in grado di partire per Donetsk.

- E prima c'era l'opportunità di uscire da Mariupol? Quando la città era sotto le forze armate ucraine, si parlava di "corridoi umanitari".

- Sì, non c'erano corridoi! L'esercito ucraino non ha lasciato uscire nessuno dalla città! Alcuni, non so come, sono filtrati attraverso di loro. Forse per soldi.


Foto: Fondazione Rodina

Quando sono tornata a Donetsk, ho avuto l'opportunità di andare in Turchia, dove mio marito (già ex), parenti. E in Europa... sarei accettato e tenuto lì, se solo dicessi quello che vogliono. Ma non avevo tale desiderio. Volevo andare a casa.

"COME PUOI SCHIERARE TRUPPE ACCANTO ALLE DONNE INCINTE?"

- Hai iniziato a parlare di ciò che è realmente accaduto solo quando eri a Donetsk?

- No, subito. Di ritorno a Mariupol, in ospedale dopo il parto, quando la città era ancora sotto le forze armate ucraine, sono venuti da me giornalisti dell'American Associated Press, ho raccontato loro tutto, come te adesso. Ma hanno lasciato solo ciò di cui avevano bisogno. E già a Donetsk, quando ho trasmesso tutta la verità, mi sono arrivati messaggi dall'Ucraina: che ora sono un nemico per loro.


Foto: Fondazione Rodina

Hanno scritto esattamente così?

- Il più offensivo che hanno scritto cose brutte sul bambino. Volevano me e lei morti. Non capisco come sia possibile? E ha scritto comprese le giovani madri. La mia anima si è ribaltata. Non ho mentito a nessuno. Ma ho perdonato tutti, non ho rabbia con loro. Ma ho grandi domande per il comando ucraino: come puoi dare ordini da collocare in edifici residenziali, ospedali? Sì, anche accanto alle donne incinte?

IN ATTESA DEL PROCESSO CON KHODORKOVSKY

- Di conseguenza, ora vivi a Mosca?

- Sono venuto su invito del Fondo Nazionale Rodina a un evento per i bambini del Donbass. E già a Mosca mi è stato offerto di diventare il volto di questo fondo. Ho già svolto un lavoro umanitario, mi piace. Abbiamo già viaggiato al DNR, LNR, portato aiuto.

- Hai portato tua figlia con te?

- No, è a Donetsk, perché non va ancora all'asilo. E non guadagno ancora abbastanza per assumere una tata.

- Già sistemato a Mosca?

- Sì, ci sono abituato. Tante cose da fare e incontri. E ora stanno per iniziare le prove.

- Quale?

- Con Khodorkovsky. Ha pubblicato la mia foto sui suoi social network e, sotto di essa, un confronto tra Mariupol e Leningrado assediata. Mi ha usato solo per i suoi scopi. nella loro propaganda. Gli ho chiesto di rimuovere la foto, ma non l'ha fatto.

Vuoi soldi da lui?

- Voglio solo che cancelli la mia foto.


Foto: Fondazione Rodina

- E hai provato a contattare i media occidentali che ti hanno stampato sulle copertine?

- Sono venuti fuori diversi giornalisti, tranne quelli ucraini. Così ho rilasciato un'intervista al giornalista italiano Giorgio Bianco. Vero, non è mai uscito sui media, l'ha pubblicato sul suo canale YouTube, ma anche quello è stato subito bloccato. Dall'aeronautica britannica, Marianne Spring ha fatto molto materiale con me, anche se con le sue osservazioni, ma comunque ... E il resto dei media occidentali, con cui ho parlato, ha finito per non rilasciare un'intervista con me. Perché hanno bisogno della scomoda verità?

* Un'organizzazione terroristica vietata in Russia.


"Mariupol Madonna" è diventato un nemico dell'Ucraina
La foto di Marianna Vyshemirskaya si è diffusa in tutti i media mondiali. L'immagine di una ragazza incinta sullo sfondo di un ospedale di maternità distrutto era la prova del bombardamento di un oggetto civile. Un anno dopo questi eventi, la donna è finita a Mosca e ha rilasciato un'intervista rivelatrice

CONDIVIDI CODIC

Читайте на WWW.KP.RU: «Я выжила и рассказала правду. Теперь для Украины я - враг»: Как сложилась судьба «Мариупольской Мадонны»
C' è la Madonna di Mariupol e quella di Civitavecchia, tutte schierate accanto a San Vladimiro (Putino) da Pietroburgo:asd::asd:
 
Indietro