Tin.it adsl, mancato invio modem é condizione di inadempimento contrattuale?

  • Ecco la 56° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    Settimana da incorniciare per i principali indici internazionali grazie alla trimestrale più attesa dell’anno che non ha deluso le aspettative. Nvidia negli ultimi tre mesi del 2023 ha generato ricavi superiori all’intero 2021, confermando la crescita da record della società grazie agli investimenti globali nell’intelligenza artificiale. I mercati azionari hanno festeggiato aggiornando i record assoluti a Wall Street e in Europa, mentre il Nikkei giapponese raggiunge un nuovo massimo storico dopo 34 anni. Le prossime mosse delle banche centrali rimangono sempre al centro dell’attenzione. Per continuare a leggere visita il link

neuromante

Nuovo Utente
Registrato
14/4/00
Messaggi
27.223
Punti reazioni
952
A metá settembre ho sottoscritto l'adsl con tin.it della cui qualitá della connessione posso dirmi soddisfatto.

Il contratto sottoscritto prevedeva l'invio in comodato d'uso del modem e la sua sostituzione in caso di guasto dello stesso.

Il 28/9 non riesco piú ad allinearmi alla portante, in pratica non riesco piú a collegarmi alla rete.
Il 30/9 mi viene inviato un tecnico telecom a casa che accerta che il problema non é della linea ma del modem che si é rotto.
Come da contratto chiedo la sostituzione che mi viene accordata il giorno stesso e che mi deve pervenire tramite corriere.
Dopo circa una settimana faccio un sollecito in quanto non ancora arrivato.
Aspetto ancora qualche giorno, periodo in cui non posso utilizzare la connessione, dopodiché per non perdere altro tempo, internet mi serve anche per il lavoro, mi compro un modem adsl.

Ad oggi il modem di tin.it non mi é ancora arrivato.

Oggi contatto il customer care per un problema relativo alla fattura e faccio presente che se fosse stato per loro non avrei potuto connettermi ad internet per piú di 50 giorni, motivo per cui chiedo di passare dall'abbonamento kit 33,9 euro al mese a quello base 31,40 euro mese.

Risposta: oramai ha scelto la formula kit e non possiamo modificare il database (ma ci credete?), al limite possiamo scontarle dal canone il periodo in cui non ha utilizzato il nostro modem che provvediamo ad inviarle immediatamente.

Grazie, ma oramai il vostro modem non mi interessa piú essendomene comprato uno tutto mio, io VOGLIO passare all'abbonamento base.


DOMANDA: ho qualche appiglio legale? Si configura inadempienza contrattuale di tin.it? Ho valide ragioni per chiedere da passare dall'abbonamento kit a quello base?

In subordine se ció non fosse legalmente possibile posso chiedere che mi venga stornato dalle prossime fatture non solo il mancato utilizzo del loro modem, ad occhi 3-4 euro, ma almeno i 10-15 giorni in cui non mi sono connesso alla rete (almeno una quindicina di euro)?
 
Ciao, anch'io ho attivato tin.it ADSL kit.

E' evidente che hai subito un danno.

Cioè quello derivante dall'impossibilità di utilizzo della connessione ADSL per il periodo durante il quale eri in attesa del nuovo modem (periodo durante il quale hai però continuato a pagare un servizio senza usufruirne).

Tuttavia, se è vero che in caso di guasto di una apparecchiatura (in questo caso il modem) esiste l'obbligo, in base al contratto, di ripristino dell'apparecchiatura stessa da parte di chi fornisce il servizio, è anche vero che l'utente deve avere una minima tolleranza.

Intendo dire che se al mattino si guasta il modem, non possiamo aspettarci di riceverne uno nuovo il giorno successivo poichè esistono, come sai, dei tempi tecnici di consegna.

Da quanto dici, è però evidente che anche i tempi, nel tuo caso, sono stati eccessivi. Al punto che tu, il modem, proprio non l'hai ricevuto.

Ciò ci fa ipotizzare che ciò possa essere dovuto a problemi esterni a tin.it, ossia al corriere.

Ma questi sono problemi di tin.it e non tuoi che, invece, dovevi aver ricevuto il modem secondo tempistiche classificabili nell'ambito della "normale diligenza".

1 Pertanto è giusto che il canone ti venga decurtato dell'importo derivante dal mancato utilizzo del servizio (cosa che, dici, tin.it ti accorda)

2 Per il cambio di profilo (tu ora hai un tuo modem e non vuoi l'altro in comodato): qui, le cose si complicano. Cioè occorre leggere il contratto e verificare la possibilità di modifica.
Se ciò non è previsto, non resta forse che disdire il contratto e, successivamente, stipularne uno nuovo che preveda ciò che desideri.

3 A mio avviso, infine, non si configura alcuna inadempienza contrattuale per tin.it se ti rimborsano il canone per il periodo di mancato utilizzo del servizio(ciò equivale cioè ad una loro ammissione di colpa per il mancato reperimento del modem)

Poi, con la legge, non si sa mai...qualcuno potrebbe dirti che ti spetta un rimborso per il danno che il tuo lavoro ha subito.

Ma forse qualche volta conviene soprassedere.
A meno che i proprio principi valgano più del conto dell'avvocato.

Cordialmente
 
Scritto da giottotrader
Ciao, anch'io ho attivato tin.it ADSL kit.

E' evidente che hai subito un danno.

Cioè quello derivante dall'impossibilità di utilizzo della connessione ADSL per il periodo durante il quale eri in attesa del nuovo modem (periodo durante il quale hai però continuato a pagare un servizio senza usufruirne).

Tuttavia, se è vero che in caso di guasto di una apparecchiatura (in questo caso il modem) esiste l'obbligo, in base al contratto, di ripristino dell'apparecchiatura stessa da parte di chi fornisce il servizio, è anche vero che l'utente deve avere una minima tolleranza.

Intendo dire che se al mattino si guasta il modem, non possiamo aspettarci di riceverne uno nuovo il giorno successivo poichè esistono, come sai, dei tempi tecnici di consegna.

Da quanto dici, è però evidente che anche i tempi, nel tuo caso, sono stati eccessivi. Al punto che tu, il modem, proprio non l'hai ricevuto.

Ciò ci fa ipotizzare che ciò possa essere dovuto a problemi esterni a tin.it, ossia al corriere.

Ma questi sono problemi di tin.it e non tuoi che, invece, dovevi aver ricevuto il modem secondo tempistiche classificabili nell'ambito della "normale diligenza".

1 Pertanto è giusto che il canone ti venga decurtato dell'importo derivante dal mancato utilizzo del servizio (cosa che, dici, tin.it ti accorda)

2 Per il cambio di profilo (tu ora hai un tuo modem e non vuoi l'altro in comodato): qui, le cose si complicano. Cioè occorre leggere il contratto e verificare la possibilità di modifica.
Se ciò non è previsto, non resta forse che disdire il contratto e, successivamente, stipularne uno nuovo che preveda ciò che desideri.

3 A mio avviso, infine, non si configura alcuna inadempienza contrattuale per tin.it se ti rimborsano il canone per il periodo di mancato utilizzo del servizio(ciò equivale cioè ad una loro ammissione di colpa per il mancato reperimento del modem)

Poi, con la legge, non si sa mai...qualcuno potrebbe dirti che ti spetta un rimborso per il danno che il tuo lavoro ha subito.

Ma forse qualche volta conviene soprassedere.
A meno che i proprio principi valgano più del conto dell'avvocato.

Cordialmente

Tuttavia, se è vero che in caso di guasto di una apparecchiatura (in questo caso il modem) esiste l'obbligo, in base al contratto, di ripristino dell'apparecchiatura stessa da parte di chi fornisce il servizio, è anche vero che l'utente deve avere una minima tolleranza.

Intendo dire che se al mattino si guasta il modem, non possiamo aspettarci di riceverne uno nuovo il giorno successivo poichè esistono, come sai, dei tempi tecnici di consegna

* La consegna avviene tramite corriere, 2-3 giorni mi sembrano piú che adeguati.


1 Pertanto è giusto che il canone ti venga decurtato dell'importo derivante dal mancato utilizzo del servizio (cosa che, dici, tin.it ti accorda)

Non esattamente. La differenza fra abbonamento base e quello kit con modem in comodato é di circa 2 euro. Tin it si é detta disposta a rimorsarmi solo i 2 per il periodo in cui non ho utilizzato il loro modem (che ieri quando ho telefonato mi hanno detto che mi avrebbero riinviato subito).

Il fatto che per 50gg ti facciano rimanere senza modem quando hanno l'obbligo di ripristino a mio avviso si configura come inadempienza contrattuale.

Bisogna vedere se tale inadempienza giustifica, come dici tu, la rescissione del contratto (il periodo minimo dello stesso é 12 mesi) e la sottoscrizione di uno nuovo a condizioni diverse. In talo caso peró si configurerebbe, penso, novazione contrattuale e quindi applicabili le condizioni attuali (non avrei piú lo sconto del 15% promozionale). Io non voglio novazione ma trasformazione del contratto, cioé passaggio delle condizioni. Il contratto che ho firmato nulla dice a proposito, se cioé sia possibile o meno la trasformazione.


3 A mio avviso, infine, non si configura alcuna inadempienza contrattuale per tin.it se ti rimborsano il canone per il periodo di mancato utilizzo del servizio(ciò equivale cioè ad una loro ammissione di colpa per il mancato reperimento del modem)

* beh, inadempienza c'é comunque stata e l'eventuale rimborso ne é infatti la prova in quanto va a sanare un loro errore.
Non fosse comunque possibile la trasformazione del contratto posso chiedere a titolo di risarcimento:
_ mancato utilizzo del loro modem dal 28 settembre fino a quando non me lo consegneranno?
_ ed in piú rimborso per il periodo in cui non ho utilizzato la connessione internet dal 28 settembre fino a quando non mi sono collegato con il modem che mi sono comprato a mie spese (una quindicina di giorni)?
 
Senza avere la pretesa di anticiparti esiti giuridici di cui, personalmente, non ho certezza, credo che sia più che logico affermare che chi paga un servizio abbia diritto a usufruirne.

Tu non ne hai usufruito perchè tale servizio non ti è stato prontamente ripristinato (però hai pagato lo stesso): e di ciò è responsabile tin.it (sta loro poi vedersela con chi hanno delegato alla consegna del modem).

Ma forse ci sta sfuggendo la cosa più semplice:

Ma un tecnico tin.it che si reca al domicilio di un cliente per un ipotetico guasto, non ha con se un modem?

Ciò sarebbe la cosa più logica. A meno che, visto il tuo caso, non ci sia poi tanta fretta nel ripristinare il servizio, soprattutto quando il cliente, comunque vada, quel servizio continua a pagare.
 
Scritto da giottotrader

Ma forse ci sta sfuggendo la cosa più semplice:

Ma un tecnico tin.it che si reca al domicilio di un cliente per un ipotetico guasto, non ha con se un modem?

Ciò sarebbe la cosa più logica. A meno che, visto il tuo caso, non ci sia poi tanta fretta nel ripristinare il servizio, soprattutto quando il cliente, comunque vada, quel servizio continua a pagare.

In realtá il tecnico non era di tin.it ma della telecom. Questi é venuto a casa mia, ha attaccato il suo modem eternet alla presa telefonica, dopo aver visto che si é allineato ha giustamente imputato il malfunzionamento al mio modem.
Dopodiché la sostituzione va fatta da tin.it e non dal tecnico o dalla telecom pur essendo, presumo, questi facenti parte del medesimo gruppo.

Domani preparo una mail di protesta per tin.it e la spedisco, vediamo cosa succede.
 
Indietro