Tobin tax , Monti ruba ai poveri per dare alle banche

  • Ecco la 72° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    È stata un’ottava ricca di spunti per i mercati, dapprima con l’esito delle elezioni europee, poi con i dati americani incoraggianti sull’inflazione e la riunione della Fed. L’esito delle urne ha mostrato uno spostamento verso destra del Parlamento europeo, con l’avanzata dei partiti nazionalisti più euroscettici a scapito di liberali e verdi. In Francia, il presidente Macron ha indetto il voto anticipato dopo la vittoria di Le Pen e in Germania i socialdemocratici del cancelliere tedesco Olaf Scholz hanno subito una disfatta record. L’azionario europeo ha scontato molto queste incertezze legate al rischio politico in Francia. Oltreoceano, i principali indici di Wall Street hanno raggiunto nuovi record dopo che mercoledì sera, la Fed ha mantenuto invariati i tassi nel range 5,25-5,50%. I dot plot, le proiezioni dei funzionari sul costo del denaro, stimano ora una sola riduzione quest’anno rispetto a tre previste a marzo. Lo stesso giorno è stato diffuso il report sull’inflazione di maggio, che ha mostrato un rallentamento al 3,3% e un dato core al 3,4%, meglio delle attese.
    Per continuare a leggere visita il link

manx

Utente Registrato
Registrato
11/6/04
Messaggi
53.276
Punti reazioni
2.219
lo 0,22% !!!! Tobin Tax, piccoli investitori beffati?

Infuria la polemica. La denuncia: alleggerito il carico delle banche, ora gli istituti possono brindare. Ma come funzionerà la tassa che colpirà i trader italiani, già alle prese con mille altre imposte?

Roma - La Tobin Tax tanto attesa - e temuta - dal mondo della finanza e dei risparmiatori è arrivata. Tassa dello 0,02% sull'high frequency trading, ergo sugli scambi ad alta frequenza. In poche parole, la tassa sarà applicata al controvalore degli ordini annullati o modificati e che abbiano superato determinate soglie.

Il governo commenta la disposizione affermando che a essere colpite sono "le operazioni effettuate elettronicamente in periodi di tempo molto ristretti". La norma stabilisce inoltre che "l'imposta venga applicata sugli ordini cancellati o modificati, laddove la proporzione rispetto a quelli eseguiti ecceda una determinata soglia numerica".
La norma scatterà da marzo 2013 per i mercati regolamentati e da luglio per gli scambi sui derivati, con aliquote maggiorate allo 0,12% e allo 0,22% per il 2013. Successivamente dal 2014 le aliquote scenderanno allo 0,1% per i mercati regolamentati e allo 0,2% per quelli non regolamentati ('Otc', over the counter.

La domanda è: si tratta davvero di una norma anti-speculazione? Non tutti sono d'accordo: occhio per esempio all'opinione riportata sul Fatto Quotidiano, che descrive la norma, insieme ai soldi erogati per salvare MPS, alla stregua dell'ultimo regalo che Monti ha fatto alle banche. E MF scrive come in questo modo sia stato alleggerito il carico sempre sugli istituti di credito. La polemica infuria, si parla di Tobin Tax annacquata, e del fatto che le banche ora possono esultare.

Nella norma si legge anche che l'imposta di bollo sui prodotti finanziari non potrà superare la soglia di 4.500 euro a partire dal 2013, solamente per i soggetti diversi dalle persone fisiche.

La Tobin tax non si applicherà alle società a bassa capitalizzazione. "Sono esclusi i trasferimenti di proprietà di azioni emesse da società la cui capitalizzazione media nel mese di novembre dell'anno precedente a quello in cui avviene il trasferimento di proprietà sia inferiore a 500 milioni di euro".

L'esenzione "viene estesa agli enti di previdenza obbligatoria, ai fondi pensione e alle forme pensionistiche complementari, in ragione delle funzioni sociali a essi affidate e dell'evidente mancanza di ogni intento speculativo".

A pagare la tassa saranno invece anche gli intermediari non residenti, che "potranno avvalersi di un rappresentante fiscale" nominato in Italia. Nel caso in cui ci siano più intermediari, l'imposta dovrà essere prelevata dall'intermediario più vicino al soggetto che realizza l'operazione finanziaria.

Esenti, invece, i 'market maker', ovvero gli intermediari che operano sui mercati nel quadro di un'attività di supporto agli scambi. Questo perchè "l'attività di supporto agi scambi svolge un ruolo fondamentale nel fornire liquidtà ai mercati e l'applicazione dell'imposta potrebbe rappresentare un freno nei confronti di questa funzione".
 
l'ennesima porcata di questo governo pig...
 
lo 0,22% !!!! Tobin Tax, piccoli investitori beffati?

Infuria la polemica. La denuncia: alleggerito il carico delle banche, ora gli istituti possono brindare. Ma come funzionerà la tassa che colpirà i trader italiani, già alle prese con mille altre imposte?

Roma - La Tobin Tax tanto attesa - e temuta - dal mondo della finanza e dei risparmiatori è arrivata. Tassa dello 0,02% sull'high frequency trading, ergo sugli scambi ad alta frequenza. In poche parole, la tassa sarà applicata al controvalore degli ordini annullati o modificati e che abbiano superato determinate soglie.

Il governo commenta la disposizione affermando che a essere colpite sono "le operazioni effettuate elettronicamente in periodi di tempo molto ristretti". La norma stabilisce inoltre che "l'imposta venga applicata sugli ordini cancellati o modificati, laddove la proporzione rispetto a quelli eseguiti ecceda una determinata soglia numerica".
La norma scatterà da marzo 2013 per i mercati regolamentati e da luglio per gli scambi sui derivati, con aliquote maggiorate allo 0,12% e allo 0,22% per il 2013. Successivamente dal 2014 le aliquote scenderanno allo 0,1% per i mercati regolamentati e allo 0,2% per quelli non regolamentati ('Otc', over the counter.

La domanda è: si tratta davvero di una norma anti-speculazione? Non tutti sono d'accordo: occhio per esempio all'opinione riportata sul Fatto Quotidiano, che descrive la norma, insieme ai soldi erogati per salvare MPS, alla stregua dell'ultimo regalo che Monti ha fatto alle banche. E MF scrive come in questo modo sia stato alleggerito il carico sempre sugli istituti di credito. La polemica infuria, si parla di Tobin Tax annacquata, e del fatto che le banche ora possono esultare.

Nella norma si legge anche che l'imposta di bollo sui prodotti finanziari non potrà superare la soglia di 4.500 euro a partire dal 2013, solamente per i soggetti diversi dalle persone fisiche.

La Tobin tax non si applicherà alle società a bassa capitalizzazione. "Sono esclusi i trasferimenti di proprietà di azioni emesse da società la cui capitalizzazione media nel mese di novembre dell'anno precedente a quello in cui avviene il trasferimento di proprietà sia inferiore a 500 milioni di euro".

L'esenzione "viene estesa agli enti di previdenza obbligatoria, ai fondi pensione e alle forme pensionistiche complementari, in ragione delle funzioni sociali a essi affidate e dell'evidente mancanza di ogni intento speculativo".

A pagare la tassa saranno invece anche gli intermediari non residenti, che "potranno avvalersi di un rappresentante fiscale" nominato in Italia. Nel caso in cui ci siano più intermediari, l'imposta dovrà essere prelevata dall'intermediario più vicino al soggetto che realizza l'operazione finanziaria.

Esenti, invece, i 'market maker', ovvero gli intermediari che operano sui mercati nel quadro di un'attività di supporto agli scambi. Questo perchè "l'attività di supporto agi scambi svolge un ruolo fondamentale nel fornire liquidtà ai mercati e l'applicazione dell'imposta potrebbe rappresentare un freno nei confronti di questa funzione".

quello che non capisco è come mai Berlusconi si ostina a voler candidare uno che ruba ai poveri per dare ai poteri forti....secondo me c'è qualcosa che non ho capito...tu potresti aiutarmi?
 
Mi astengo dai commenti in quanto ho capito che ci leggono e conseguentemente raddoppiano i disastri ............ sarebbero veramente comici se non fosse che le loro menti bacate affossano il paese.
 
Le aliquote sul trading overnight sono state raddoppiate mentre l'operatività intraday sull'azionario viene esclusa.

raccontano che è una tassa contro la speculazione invece è una tassa che favorisce totalmente la speculazione di breve e punisce l'investitore .

la Tobin tax è la tassa contro i cittadini comuni e a favore della speculazione.
A conferma che Monti è un uomo delle banche , e Goldman Sachs può confermare .
Sotto quella maschera di perbenismo c'è una sfacciata azione costante a favore dei poteri forti contro i cittadini che NON LO HANNO MAI ELETTO

era una tassa che non andava messa e basta, ma per lo meno l'esclusione dell'intraday limita i danni..ovviamente non mi riferisco ai danni al risparmiatore o al trader, ma quelli sistemici e al sistema finanziario italiano
 
Scusate, lo so che sono gnugno :o

ma io non ci ho capito un casso

in definitiva:

se compro 1000 azioni @10.00 e dopo 10 giorni rivendo le 1000 azioni @12.00

per comodità non conteggiamo le commissioni, ma quanto pago di tasse? :mmmm:

oppure:

se compro 1000 azioni @10.00 e dopo 10 giorni rivendo le 1000 azioni @8.00

per comodità non conteggiamo le commissioni, ma quanto pago di tasse nonostante l'operazione sia in perdita?

e invece se l' Istituzionale o Banca XYZ

compra 1000000 azioni @10.00 e dopo 10 giorni rivendo le 1000000 azioni @12.00

per comodità non conteggiamo le commissioni, quanto paga di tasse la banca ? :mmmm:

oppure:

se compra 1000000 azioni @10.00 e dopo 10 giorni rivendo le 1000000 azioni @8.00

per comodità non conteggiamo le commissioni, quanto paga di tasse nonostante l'operazione sia in perdita?
 
:confused: ma , nello specifico, chi ha voluto questa nuova tassa antirisparmio?? :confused:
 
Gli italiani devono convincersi che spetta a loro acquistare il debito italiano poi tra qualche anno gli diranno che possono rivenderlo solo dopo 10 anni minimo.
E pensare che avevano fatto un refendum per non essere più sudditi ma mi pare che nella sostanza non sia mai stato applicato. :wall:
 
ma la Tobin Tax si applica per la compravendita di titoli di Stato ?
 
Indietro