tra 10 minuti jobless claims

  • Ecco la 72° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    È stata un’ottava ricca di spunti per i mercati, dapprima con l’esito delle elezioni europee, poi con i dati americani incoraggianti sull’inflazione e la riunione della Fed. L’esito delle urne ha mostrato uno spostamento verso destra del Parlamento europeo, con l’avanzata dei partiti nazionalisti più euroscettici a scapito di liberali e verdi. In Francia, il presidente Macron ha indetto il voto anticipato dopo la vittoria di Le Pen e in Germania i socialdemocratici del cancelliere tedesco Olaf Scholz hanno subito una disfatta record. L’azionario europeo ha scontato molto queste incertezze legate al rischio politico in Francia. Oltreoceano, i principali indici di Wall Street hanno raggiunto nuovi record dopo che mercoledì sera, la Fed ha mantenuto invariati i tassi nel range 5,25-5,50%. I dot plot, le proiezioni dei funzionari sul costo del denaro, stimano ora una sola riduzione quest’anno rispetto a tre previste a marzo. Lo stesso giorno è stato diffuso il report sull’inflazione di maggio, che ha mostrato un rallentamento al 3,3% e un dato core al 3,4%, meglio delle attese.
    Per continuare a leggere visita il link

jupa, ho un ricordo lucidissmo, appartiene ad una vita di nick precedente ma son sicuro che qualcuno se lo ricorda.....

io ricordo un tuo post verso febbraio-marzo 2009 dove forse ti eri fomentato troppo, cmq avevi scritto il giorno e l'ora (pensa quanto stavi gasato). dicevi che il bottom era tipo il 20 o 21 novembre 2009 alle 14,30 :yes::yes::yes:

:yes::yes::yes::D

era un esercizio per vedere quanto vicino ci andavo

e 6 mesi non male:clap:

se il tuo cervellino non ci arriva non e' colpa mia

e' madre natura;)
 
Beh...
Considerando il denaro una merce come le altre, le cose stanno come in questo esempio:
1)- Un bene X, oppure una partecipazione azionaria Y, ha un valore intrinseco di potere d'acquisto equivalente a 100.
2)- 100 dollari iniziali hanno un valore intrinseco di potere d'acquisto di 100.
3)- Dopo un'inflazione, ad esempio del 50%, i 100 dollari iniziali hanno solo più un potere d'acquisto di 50, mentre il bene X o la partecipazione azionaria Y continuano ad avere un equivalente di potere d'acquisto di 100.
4)- Dopo un'inflazione del 50%, pertanto, X o Y non sono cambiati, ma valgono 200 dollari.
5)- Chi paga allora questo aumento di valore delle azioni (detenute da pochi): forse che magari sono anche tutti gli altri, molto più numerosi, che si ritrovano ad avere, nei propri biglietti da 100 dollari, un potere d'acquisto di soli 50 invece che 100?

Comunque sia, con questo meccanismo l'aumento dei valori azionari non sarebbe altro che il preludio dell'inflazione, e l'aumento attuale dei valori di borsa, potrebbe proprio avere solamente questo significato anticipatorio.

Negli USA le azioni..la borsa ce la hanno tutti..100%
inclusi i barboni e i neonati attraverso medicare e social security che sono investiti in borsa:yes:
 
Ma sono di gran lunga gli Stati Uniti a detenere il primato del numero di leggi fiscali fantasiose. Gli americani pagano imposte sui tatuaggi, sull’acquisto dello sciacquone da bagno e persino sul fatturato dei night club.

E così mentre le ballerine di lap dance danzano mezze nude, i locali a luci rosse rischiano di rimanere in mutande.
 
Negli USA le azioni..la borsa ce la hanno tutti..100%
inclusi i barboni e i neonati attraverso medicare e social security che sono investiti in borsa:yes:

E' anche una questione di quantità: quante azioni hanno i ricchi e quante azioni hanno i poveri, in USA?
 
anche i barboni negli usa hanno le azioni :eek::eek::eek::eek:

ogni giorno il cinismo di jupa mi stupisce sempre più

:D
 
:no:

jupa non l'aveva previsto:no:

solo i meno dotati lo prevedono:yes:

jupa prevede che questo toro durera' almeno altri 10 anni

lo dice oggi ..lo diceva un anno fa

lo scrisse a fine marzo 2009:yes:

le correzioni che si avranno durante questi anni non supereranno mai il 10%..
;)

:D Tu non vuoi proprio capire che è quasi finita, altro che toro di 10 anni, altri 6 mesi di iperlong con uno stornino imminente e poi vai a raccogliere i pomodori nei campi se sei long sul mercato nel 2012 :D
 
:no:

jupa non l'aveva previsto:no:

solo i meno dotati lo prevedono:yes:

jupa prevede che questo toro durera' almeno altri 10 anni

lo dice oggi ..lo diceva un anno fa

lo scrisse a fine marzo 2009:yes:

le correzioni che si avranno durante questi anni non supereranno mai il 10%..
;)

:cool::D
 

Allegati

  • jupa.jpg
    jupa.jpg
    51,9 KB · Visite: 15
E' anche una questione di quantità: quante azioni hanno i ricchi e quante azioni hanno i poveri, in USA?

come i bimbi :wall:

e' chiaro che i ricchi hanno di piu' tutte le cose..inclusi cavatappi..scarpe..azioni ecc..

e' questa differenza in quantita' e qualita' che fa funzionare bene la economia..
Piu' si cerca di equalizzare artificialmente e peggio si sta tutti:yes:
 

In Tennessee addirittura si sono inventati una tassa sul possesso di droga davvero stupefacente: dal 2004 la legge prevede che chi ne detiene più di grammo deve pagare allo stato una marca da bollo dal costo variabile in base alla sostanza. Pena? L’accusa di evasione fiscale. Della serie: chi spaccia, paga. E anche parecchio, perché le casse del Paese - grazie alle attività dei pusher - si sono rimpinguate non poco: dal 2005 le entrate ammontano a 6 milioni di euro.
 

Coca che vai, finanza che trovi. Il disastro della crisi finanziaria, spiegata in questo video da Crisis, non è solo un accumulo di titoli tossici, speculazioni sciacalle e mutui subprime. O meglio: questo modus vivendi nel mondo dell'alta finanza non si alimenta da sè, visto che pare legato al consumo di cocaina. Non esistono ancora prova scientifiche che dimostrino la stretta correlazione tra droga e finanza, ma sentite qui.

Questa settimana Il Mondo dedica la copertina a un'inchiesta molto interessante. Titolo: Finanza drogata. Sottotolo: Tra le cause della crisi qualcuno sostiene vi sia anche il dilagare dell'uso di cocaina che ha fatto perdere la testa a molti banchieri e uomini d'affari. E in Italia i centri specializzati nella disintossicazione fanno il pienone.

Ci si droga e parecchio nel mondo dell'alta finanza e il direttore dell'Istituto Mario neri Silvio Garattini accusa: la bolla speculativa è stata originata anche dall'uso di stupefacenti.

Alcune informazioni interessanti: a Milano nel depuratore di Nosedo, che serve 1 milione e 250 mila abitanti, i ricercatori del Mario neri hanno rintracciato una media giornaliera di 1 chilo di cocaina.

Poi: Milano è la città con il più alto consumo di coca del continente, un consumo superiore a quello riscontrato a Londra e Lugano.

Ancora: per essere dipendenti compulsivi basta tirare più di 20 volte all'anno e secondo l'ultima indagine Ipsad (Italian Population Survey on Alcool and Drugs), la probabilità di venire a contatto con questa droga è del 40% superiore in ambienti di lavoro ad alto reddito. Chi assume coca da almeno cinque anni guadagna più di 2mila euro netti al mese.

In conclusione: la probabilità di ammalarsi in modo serio e a volte irrimediabile, dipende in sostanza da quanto si guadagna.

Siamo nelle mani dei cocainomani? Non esageriamo, anche se i casi emblematici non mancano. Ricordate Matteo Cambi, Lapo Elkann, Donatella Versace, Umberto Marzotto con Emilio Colombo e Giuseppe Galati? Ecco, ad esempio.

E la relazione pericolosa tra denaro (necessario per la cocaina) e tenore di vita nell'alta finanza testimoniata da Silvio Garattini offre uno spaccato inquietante e molto umano.

Ciliegina sulla torta: ieri ho incontrato Cory Doctorow e prima dell'intervista, pour parler, il discorso è caduto inesorabilmente sulla crisi. Mi parlava della California, delle tendopoli in the suburbs, di serrande chiuse che fingono di riaprire asap, di saldi al 90%. E Schwarzenegger che rastrella tributi con l'addizionale del 5% sui redditi, aumento dell' 1% della tassa sui consumi (simile alla nostra Iva), un tributo sui combustibili di 12 centesimi al gallone, aumento della tassa di circolazione dei veicoli. Sapete cosa, dice Doctorow? Adesso sì che sarebbe un bel momento per legalizzare la marijuana. Il consumo sarebbe alto, lo stato potrebbe tassarla come alcool e tabacco e incassare.

Potremmo legalizzare la cocaina per uscire dalla crisi, no?
 
Crisi, tassiamo la cocaina: finanza drogata a Milano. California, cannabis unica via
 
mi piace da morire il FOL

io attraggo come le mosche tutti gli antiamericani ..i comunisti ..che si mischiano a quelli che vorrebbero parlare di economia...
e questo mi attrae:yes:

detto cio'..

ricordiamo dopo la chiusura oggi MICROSOFT e anche AMAZON

wow Caterpillar ha assunto 19000 nuovi dipendenti nel 2010OK!
 
come al solito sul Fol ci si capisce poco di borsa

in questo momento a centro palco a WS c'e' QE2 e la volonta' della FED di far salire il valore della borsa e di tutti gli assets

La volonta' della FED di immettere inflazione nellla economia
LO RISCRIVO IN GROSSETTO PER VEDERE SE I MENO DOTATI CAPISCONO:


LA FED STA CERCANDO DI IMMETTERE INFLAZIONE NELLA ECONOMIA E QUINDI DI FAR SALIRE LA BORSA E TUTTI GLI ASSETS


E' piu' chiaro adesso?
Forse non c'e' ignoranza ma miopia;)

ammazz ragazzi c'è poco da criticare ...almeno la ci provano..non le faranno tutte giuste ma qualcosa fanno...qui tra un pò per migliaia di persone scadrà la Cassa integrazione, che già sta svuotando le casse , e poi? Tutti per strada in "mobilità".. e nessuno sta facendo nulla...solo la BCE, che su pressioni della Germania (che impone ciò che vuole), sta mediatando di alzare i tassi per controllare l'inflazione...Tuttavia è grazie alla germania stessa se siamo ancora con la moneta unica...altrimenti a quest'ora eravamo modello argentina di qualche anno fa... In italia giustamente bisogna risolvere la questione RUBY che secondo i tempi della giustizia, ci terrà occupati per 4-5 anni...
 
Polemiche negli Usa sulla proposta dal senatore democratico Carl Kruger
Proposta di legge: «Stop ai pedoni
coi cellulari e Mp3 agli incroci»
Troppe persone non si fermano ai semafori
per distrazione e vengono investite
Polemiche negli Usa sulla proposta dal senatore democratico Carl Kruger

Proposta di legge: «Stop ai pedoni
coi cellulari e Mp3 agli incroci»

Troppe persone non si fermano ai semafori
per distrazione e vengono investite


(Lapresse)
MILANO - C’era una volta il “don’t walk”, ovvero la scritta rossa sui semafori che intima ai pedoni di fermarsi ad aspettare il transito delle auto. Un segnale che, però, sempre più spesso a New York, e sulle strade a stelle e strisce in generale, non viene rispettato, con conseguenze a volte mortali per il passante. E la colpa sarebbe di iPod e telefonini, che distraggono il pedone al punto che questi dimentica completamente dove si trova e quando se ne rende conto, può essere troppo tardi. Un esempio su tutti: lo scorso mese, il 21enne Jason King venne investito e ucciso da un camion a Manhattan perché stava ascoltando musica con le cuffiette e così non ha sentito il clacson dell’automezzo. Da qui la nuova legge, proposta dal senatore democratico Carl Kruger, di vietare l’utilizzo di cellulari e dispositivi mp3 mentre si attraversa la strada e chi verrà beccato a trasgredire si vedrà appioppare una multa di 100 dollari e una citazione a giudizio. «Tale disposizione è necessaria per prevenire gli incidenti causati dalle persone che sono rinchiuse dentro al mondo ovattato dei loro cellulari o dispositivi mp3 – ha spiegato il politico al “Daily Telegraph” – perché se stai giocherellando con il tuo Blackberry o stai ascoltando musica dal tuo iPod non puoi essere assolutamente consapevole di quanto sta avvenendo attorno a te. Se questa legge verrà approvata, sarà poi estesa anche in altre città».
 
mi piace da morire il FOL

io attraggo come le mosche tutti gli antiamericani ..i comunisti ..che si mischiano a quelli che vorrebbero parlare di economia...
e questo mi attrae:yes:

detto cio'..

ricordiamo dopo la chiusura oggi MICROSOFT e anche AMAZON

wow Caterpillar ha assunto 19000 nuovi dipendenti nel 2010OK!



:no::no::no: non solo gli antiamericani :D..
 
La scuola pubblica e' gratuita. O meglio la pagate, se avete casa, con le tasse di proprieta'. Stimate in almeno 500 dollari al mese (San Francisco east bay) per una classica villetta Americana. Le tasse variano da citta' a citta' e vengono stabilite al momento che acquistate l'immobile. Potete chiedere che vi vengano ridotte se il valore della casa scende (come accade in queato periodo).
E voi che vi lamentavate dell'ICI!
 
Indietro