TRading con soldi di terzi come si fa?

pellizza2

Nuovo Utente
Sospeso dallo Staff
Registrato
28/2/05
Messaggi
2.688
Punti reazioni
89
Ciao
volevo chiedervi una cosa,se io volessi fare trading da privato con soldi sia miei che di altri amici.cosa dovrei fare? e' legale? devo fare delle richieste????
grazie x le risposte.
 
Devi identificarti alla guardia di finanza come gestore abusivo ed iniziare ad operare
 
E' banale fare l'abusivo e poi ammetterlo una volta che arrivi la Gdf, meglio fare l'opposto....è rivoluzionario
 
Però seriamente Fagal, in USA mi pare si possa fare legalmente, in Italia non esistono forme legali simili ? Non che mi interessi al momento ma mi farebbe piacere sapere se è possibile farlo (al 100% legalmente) e in che modo.

Grazie
Dark
 
la gestione in Italia è riservata a banche e SIM
e lo sanno anche i sassi

sei una banca? NO
sei una sim? NO

e allora scordati i soldi degli altri
vergognati per il solo averlo pensato
 
recentemente hanno arrestato un gestore "abusivo"
 
Si può fare consulenza...fai pagare il compenso/fee
 
Nel senso che ti apri la tua partita iva, e svolgi attività di consulenza come lavoratore autonomo
 
Quindi consigli loro dove e come investire, senza gestione del patrimonio altrui
 
Negli Stati Uniti ed in Canada è perfettamente legale, a condizione che il money manager abbia ricevuto delega dal suo cliente/i e acondizione che il conto del cliente rimanga formalmente e sostanzialmente disgiunto da quello del money manager (in pratica non può essere un conto co-intestato).

In Italia, sui conti co-intestati è possibile effettuare anche operazioni di trading, ma il numero di conti che una persona può avere co-intestati è assai esiguo, non è specificato esattamente il numero, ma deve essere tale da non favorire attività di riciclaggio e più in generale, attività di vera e propri gestione del risparmio.

Una scorciatoia potrebbe essere aprire conti un USA o in Canada, ma i tuoi clienti (amici) poi si fiderebbero ad aprire conti all'estero?

Una seconda ipotesi, potrebbe essere quella di stringere un accordo con una sim italiana nel quale tu compariresti come gestore di un fondo (magari tutto tuo e a cui partecipano i soli tuoi clienti) sul quale effettuare operazioni in nome della sim (intermediazione) e per conto dei tuo clienti (gestione).

Ciao
 
In Italia, sui conti co-intestati è possibile effettuare anche operazioni di trading, ma il numero di conti che una persona può avere co-intestati è assai esiguo, non è specificato esattamente il numero, ma deve essere tale da non favorire attività di riciclaggio e più in generale, attività di vera e propri gestione del risparmio.

sempre abuso sarebbe se nella sostanza ha disponibilità di investire soldi altrui
 
Ehi grazie per le risposte. Direi che in Italia non è fattibile con la legge attuale e tanto mi basta. Al momento non ci penso neanche, ma era pur sempre interessante sapere se vi fosse un metodo legale o meno.
Almeno potrò dire a tutti gli amici che mi dicono : se ti affido....
"I'm sorry, in Italia non è legalmente fattibile" a ragion veduta. Prima avevo il dubbio che delle forme legali esistessero.

Grazie
Dark
 
Unica strada qui è costituire una società che ha come oggetto sociale l'investimento del proprio capitale sul mercato. Ma le quote della società devono essere messe assieme senza sollecitazione, altrimenti diventa abusivismo.
 
Grazie per l'articolo da Consultique Fagal !
Rimane il fatto che in Italia si vuole sempre che il consulente (fee only) sia esclusivamente una sorta di venditore ambulante per conto della banca X :(

Non mi dispiacerebbe per nulla il consulente fee only se potessi essere slegato dal dover vendere i prodotti di una banca/ sim e fossi libero di consigliare il cliente come meglio credo, ricevendo un compenso su base delle prestazioni ottenute dal cliente stesso dietro consiglio mio.

Ciao
Dark
 
Non mi dispiacerebbe per nulla il consulente fee only se potessi essere slegato dal dover vendere i prodotti di una banca/ sim e fossi libero di consigliare il cliente come meglio credo, ricevendo un compenso su base delle prestazioni ottenute dal cliente stesso dietro consiglio mio.

Questo puoi farlo già da ora
 
In Italia le leggi sono molto restrittive; neppure il promotore puo' suggerire il trading ai propri clienti nei loro conto (getione surretizia).
Ben diverso è essere un promotore senza alcun mandatario e venire pagato a consulenza oppure fare il gestore presso una società autorizzata.
 
Indietro