Trovato sul mio pc, a lei piaceva molto...

aybyx

UGO
Registrato
12/3/00
Messaggi
246
Punti reazioni
40
............
Quel giorno c’era una pioggia sottile, delicata, che si posava piano sulle cose. Senza fare rumore. Gli uccelli, come ogni volta che piove o sta per farlo, volavano bassi, timorosi, quasi infastiditi. La luce vinta da nuvole scure correva a rifugiarsi in un buio innaturale. Anche la mattina aveva ormai perso il suo spirito gioioso. E chissà quando sarebbe ritornato…
Ma il cielo aveva deciso così, quel giorno. Non si può disobbedire al cielo. Nessuno ha il potere di farlo, nemmeno la fantasia. L’autunno, giunto da qualche settimana, aveva portato con sé la sua esplosione di colori inimitabile e tinteggiava garbatamente, con finta timidezza, il paesaggio con sfumature ogni volta diverse, magiche. E una volta di più lasciava capire di essere lui, l’autunno, l’unico vero, incontrastato padrone di quelle emozioni sempre diverse, sempre più forti che la vita regala anche a chi proprio alla vita nulla chiede perché non ha più né la forza né la voglia di farlo. A tutti coloro che rifiutano di farsi coinvolgere, stanchi da troppe delusioni, feriti da una moltitudine di sogni spezzati, anime incapaci di volare, che hanno invece imparato a camminare, lentamente, come vecchi malati piegati dal tempo. Il lago spaventato aveva preferito quietarsi, stretto a tutti quei ricordi seduti sulle sue rive che vivono felici gli uni accanto agli altri, stretti in un abbraccio senza fine, che muta di continuo senza sosta, consapevole di dover ospitare nel tempo nuove emozioni, nuove malinconie. Tutto pareva in attesa di qualcuno, di qualcosa di indefinibile. Una sensazione inquietante si era appropriata di tutto. Nell’aria solo un lieve rintocco di campane fuggiva chissà dove......
 
Scritto da aybyx
............
A tutti coloro che rifiutano di farsi coinvolgere, stanchi da troppe delusioni, feriti da una moltitudine di sogni spezzati, anime incapaci di volare, che hanno invece imparato a camminare, lentamente, come vecchi malati piegati dal tempo.



Quanto le sento mie queste parole.





Ram
 
Ah, dimenticavo di dirti che gli uomini con la tua sensibilità sono diventati specie protetta.




Ram
 
Re: Re: Trovato sul mio pc, a lei piaceva molto...

Scritto da Rosaram
Quanto le sento mie queste parole.





Ram


Come si fa la faccina che abbraccia?


P.S.: Ay, io voglio anche il seguito :)
 
Re: Re: Re: Trovato sul mio pc, a lei piaceva molto...

Scritto da Mafaldita
Come si fa la faccina che abbraccia?


P.S.: Ay, io voglio anche il seguito :)



Non c'è bisogno, lo sento lo stesso il tuo abbraccio, sempre.




Ram
 
che 'bella presenza' che sei, aybyx, in questo forum..!! ;)
 
Indietro