Truffa sanpaolo-imi?

  • Due nuove obbligazioni Societe Generale, in Euro e in Dollaro USA

    Societe Generale porta sul segmento Bond-X (EuroTLX) di Borsa Italiana due obbligazioni, una in EUR e una in USD, a tasso fisso decrescente con durata massima di 15 anni e possibilità di rimborso anticipato annuale a discrezione dell’Emittente.

    Per continuare a leggere visita questo LINK
  • SONDAGGIO: Potrebbe interessarti una sezione "Trading Sportivo"?

    Ciao, ci piacerebbe sapere se potrebbe interessarti l'apetura di una nuova sezione dedicata unicamente al trading sportivo o betting exchange. Il tuo voto è importante perchè ci consente di capire se vale la pena pianificarla o no. Per favore esprimi il tuo voto, o No, nel seguente sondaggio: LINK.
    Puoi chiudere questo avviso premendo la X in alto a destra.

    Staff | FinanzaOnline

ighliz

Era un mitomane?
Registrato
27/11/03
Messaggi
650
Punti reazioni
21
Al momento della morte di mia nonna, la quale aveva il c/c cointestato con mio zio, sanpaolo-imi sostiene che i titoli (in quel caso erano btp) dell'asse ereditario non potevano essere assegnati ai 3 figli se non attraverso vendita e riacquisto.

Non ho riferimenti legali e quindi nn ne sono sicuro, ma a me sa proprio di truffa, mentre il sanpaolo ha incassato belle commissioni.

Qualcuno a qualche indicazione precisa?
 
Per le successioni c'è l'apposita procedura, infatti.
 
Sei gentile come sempre.
Se hai tempo mi dai qualche riferimento legale, ho provato a cercare ma invano.

Tnx
 
Se non c'è testamento, si chiede un atto notorio in cui si indicano tutti gli eredi e si dichiara che non ce ne sono altri.

Col testamento, invece, ci si basa su di esso.

Posso informarmi sulle procedure complete, se necessario.
 
Non cera testamento.
Per precisione ripeto che il conto era cointestato con mio zio, per ovvi vantaggi di operatività in quanto la salute di mia nonna non le permetteva di potersi recare in filiale.

Cmnq adesso continuo la ricerca vedo se trovo qlcs (ho trovato biblioteca un testo che può darmi qualche info utile, ora gli do uno sguardo)
 
Scritto da ighliz
Al momento della morte di mia nonna, la quale aveva il c/c cointestato con mio zio, sanpaolo-imi sostiene che i titoli (in quel caso erano btp) dell'asse ereditario non potevano essere assegnati ai 3 figli se non attraverso vendita e riacquisto.

Non ho riferimenti legali e quindi nn ne sono sicuro, ma a me sa proprio di truffa, mentre il sanpaolo ha incassato belle commissioni.

Qualcuno a qualche indicazione precisa?
Non parlerei di truffa ma piuttosto di errore di procedura.
Se il conto fosse stato intestato esclusivamente alla nonna il SanPaolo avrebbe trasferito semplicemente i BTP dal conto della defunta al conto degli eredi.
Nel caso di cointestazione credo si presuma che i BTP siano al 50% di ciascuno dei due cointestatari (prima del 10/12/2000 esisteva la presunzione che appartenesse tutto al defunto con obbligo di assoggettamento all'imposta di successione allora vigente).
Per dimostrare che i BTP appartenevano esclusivamente alla nonna gli eredi avrebbero potuto produrre una dichiarazione, liberatoria per il SanPaolo, sottoscritta dallo zio cointestatario del conto.
 
Re: Re: Truffa sanpaolo-imi?

Scritto da mirto
Non parlerei di truffa ma piuttosto di errore di procedura.
Se il conto fosse stato intestato esclusivamente alla nonna il SanPaolo avrebbe trasferito semplicemente i BTP dal conto della defunta al conto degli eredi.
Nel caso di cointestazione credo si presuma che i BTP siano al 50% di ciascuno dei due cointestatari (prima del 10/12/2000 esisteva la presunzione che appartenesse tutto al defunto con obbligo di assoggettamento all'imposta di successione allora vigente).
Per dimostrare che i BTP appartenevano esclusivamente alla nonna gli eredi avrebbero potuto produrre una dichiarazione, liberatoria per il SanPaolo, sottoscritta dallo zio cointestatario del conto.


Uhm... non riesco a farvi focalizzare bene il problema o non capisco bene le vs risposte.

Dunque il conto cointestato era collegato a un deposito titoli che aveva, poniamo, btp per un valore pari a 100
Al momento della divisione dell'eredità, questi btp spettavano ai 3 figli in questa misura:
I figlio (cointestatario del conto): zero, in quanto gli è toccata labitazione
II figlio: 50
III figlio: 50

Il problema è se esiste una procedura che permetta in questi casi di destinare le quote dei titoli agli eredi senza passare dal mercato: il sostanza il sanpaolo ha venduto i btp che avevano un valore di 100 e li ha riassegnati agli eredi a un valore, per dire, di 98 incassando 2 di commissioni.

La procedura è corretta? E se no, è ancora possibile fare qlcs?

tnx
 
Indietro