"Tu, certo, a chesto nun ce penzarraje..."

nickilista

Siento el Sur...
Registrato
21/12/02
Messaggi
4.371
Punti reazioni
201
Dite quello che volete, ma secondo me, quando si parla di sentimento (dell'intenzionalità del sentimento, in termini fenomenologici) la canzone napoletana è di un livello superiore (propriamente, infero, se utilizziamo una ben definita scala valoriale). Intendo dire che - contradictio in adjecto - il dialetto assume qui una dimensione universale.
Sarà che ne parlo dal basso (scil.: una dimensione ctonia) della mia appertenenza a questa etnia ben definita, ma quando sento certe cose, penso che intere cosmogonie sono racchiuse in pochi, efficacissimi versi.
Oggi mi piace questa canzone in particolare

SCÉTATE



Si duorme o si nun duorme bella mia,
siente pe' nu mumento chesta voce...
Chi te vò' bene assaje sta 'mmiez'â via
pe' te cantá na canzuncella doce...

Ma staje durmenno, nun te si' scetata,
sti ffenestelle nun se vonno aprí...
è nu ricamo 'sta mandulinata...
scétate bella mia, nun cchiù durmí!

II

'Ncielo se só' arrucchiate ciento stelle,
tutte pe' stá a sentí chesta canzone...
Aggio 'ntiso 'e parlá li ttre cchiù belle,
dicevano: Nce tène passione...

E' passione ca nun passa maje...
passa lu munno, essa nun passarrá!...
Tu, certo, a chesto nun ce penzarraje...
ma tu nasciste pe' mm'affatturá...



Russo - Costa


Buongiorno, barbari.
 

Allegati

  • sofia_loren.jpg
    sofia_loren.jpg
    13 KB · Visite: 93
Ultima modifica:
Il napoletano è melomane.
Il napoletano è dionisiaco.
Voi, Barbari... bar... bar.
 
Ma ti pare il modo di tornare dopo siffatta lunga ed ingiustificata assenza?

Dopo che certamente, complici le natalize libagioni, pantagrueliche (scil. Rabelais. :p ) quantità di cibo ingurgitasti?

:p
 
Proprio in un tuo 3d, Spenn, ieri inserii un testo dai molteplici significati, in quel contesto.
Esso, cangiante, intendeva "dipingerti" sotto le fattezze della "palummella" che svolazza intorno a "lu labbro curallino" della Sarda (si potrebbe fare allusione anche ad una scena di caccia). Oppure, come "momento" di un amore panteistico. O, ancora...
Insomma, gia ieri, io mi riferivo alla tua metamorfica persona.
 
Rosenzweig direbbe che qui il Paganesimo, puro elemento, accoglie la Rivelazione.
La durezza della pietra (il sé, per Rosenzweig) disciolta dal linguaggio dell'amore.





CARMELA


I

Stu vico niro nun fernesce maje
e pure 'o sole passa e se ne fuje.
Ma tu stai llà, addurosa preta 'e stella,
Carmela Carmè !

II

Tu chiagne sulo si nisciuno vede
e strille sulo si nisciuno sente,
ma nun' è acqua 'o sanghe dint' 'e vvene,
Carmela Carmè !

Rit.

Si ll' ammore è 'o cuntrario d' 'a morte,
e tu 'o ssaje.
Si dimane è surtanto speranza,
e tu 'o ssaje.
Nun me può fà aspettà fin' a dimane,
astrigneme 'int' 'e braccia pe' stasera,
Carmela Carmè !


S. Bruni - S. Palomba
 
Scritto da Scioc
Nelle scene di caccia , generalmente ai pennuti non tocca una bella parte.... :D :D :D

Beh, però tu, in quanto Sarda, come te la cavi con i gabbiani?
 
Scritto da Scioc
Nelle scene di caccia , generalmente ai pennuti non tocca una bella parte.... :D :D :D

Vi sono pennuti che fanno di tutto per entrare nel carniere... anche fingersi morti, poi chissà come chissà perchè improvvisamente riprendono vita...:D
 
Doppio distico

E' tornato nickilista
con un thread campanilista.

Tutti quanti sono in festa,
si monterà lui la testa?

:p
 
Re: Doppio distico

Scritto da Anita
E' tornato nickilista
con un thread campanilista.

Tutti quanti sono in festa,
si monterà lui la testa?

:p

Rileggo Anita
sempre attenta e mai stranita.
 
Indietro