Ucraina Vs. Russia. Vicini alla guerra (anche potenzialmente mondiale) Vol.10

Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.

gianni marco

Nuovo Utente
Registrato
1/6/17
Messaggi
10.538
Punti reazioni
360
L'artiglieria dall'Italia per le Forze Armate è finalmente arrivata al fronte, ma non è ancora M109

30 novembre 2022, 12:37
9753
Esercito italiano che spara da FH-70, foto illustrativa da fonti aperte
Esercito italiano che spara da FH-70, foto illustrativa da fonti aperte
pulsante di condivisione facebook
pulsante di condivisione di Twitter
Sebbene questi obici siano semoventi, i militari italiani hanno fornito anche camion per trainarli

Le foto sono apparse di pubblico dominio, indicando che una delle unità di artiglieria delle forze di terra delle forze armate ucraine ha ricevuto obici semoventi FH-70 di calibro 155 mm dalle forze armate italiane. La natura del camuffamento di questi obici indica che le forze armate ucraine hanno ricevuto l'FH-70 dall'Estonia nel maggio 2022 . Il profilo Twitter di Ukraine Weapons Tracker lo indica nella sua pubblicazione .

La guida Military Balance 2022 indica che alla fine dello scorso anno le forze armate italiane disponevano di 163 obici FH-70, e questa era tutta la loro artiglieria trainata da 155 mm. Non si sa quanti dei loro FH-70 gli italiani abbiano trasferito alle Forze Armate. Ma, come possiamo notare, l'Italia ha fornito al nostro esercito anche i suoi obici Astra SM 66.40 Prime Mover camion tattici, progettati appositamente per il traino dell'FH-70.

Leggi anche: Quanto è conveniente il motore nell'obice FH70 e come aiuta i militari a risparmiare munizioni (video)

Alla fine di ottobre 2022, la pubblicazione italiana La Republica ha riferito che Roma ha consegnato diverse dozzine dei suoi cannoni semoventi da 155 mm, probabilmente M190L, alle forze armate dell'Ucraina. Secondo dati provenienti da fonti aperte, potrebbero esserci fino a 300 unità di artiglieria semoventi di questo tipo nei magazzini di stoccaggio dell'esercito italiano.
Preparazione degli artiglieri delle forze armate dell'Ucraina per l'uso dell'FH70, foto - Stato maggiore delle forze armate dell'Ucraina, data di pubblicazione - 18 settembre 2022
Preparazione degli artiglieri delle forze armate dell'Ucraina per l'uso dell'FH70, foto - Stato maggiore delle forze armate dell'Ucraina, data di pubblicazione - 18 settembre 2022

Forse lo Stato Maggiore delle Forze Armate ha accennato al trasferimento dell'FH-70 dall'Italia in una delle sue pubblicazioni del settembre 2022. Ti ricordiamo che il raggio di tiro dell'FH-70 è fino a 24 km, la velocità di fuoco è fino a 6 colpi al minuto, è possibile "l'opzione" di sparare a raffica di 3 colpi in 15-20 secondi.

La caratteristica più sorprendente dell'FH70 è che è l'unico obice al mondo dotato di un motore ausiliario. Pertanto, può essere definito sia obice trainato che "semovente".
Preparazione degli artiglieri delle forze armate dell'Ucraina per l'uso dell'FH70, foto - Stato maggiore delle forze armate dell'Ucraina, data di pubblicazione - 18 settembre 2022
Preparazione degli artiglieri delle forze armate dell'Ucraina per l'uso dell'FH70, foto - Stato maggiore delle forze armate dell'Ucraina, data di pubblicazione - 18 settembre 2022

Leggi anche: Le forze armate hanno detto se la precisione di Mars II soffre a una distanza di 84 km e quanto sia difficile battere gli invasori con un tale sistema (video)



Leggi anche
Come le forze armate potrebbero trasformare i cannoni semoventi CAESEAR in
26 novembre 2022
Come le forze armate ucraine potrebbero trasformare i cannoni semoventi CAESEAR in una "batteria galleggiante" per sparare agli invasori su Zmiiny
Riparazione portaerei
26 novembre 2022
La riparazione della portaerei "Kuznetsov" al Rashtov "sta procedendo secondo i piani", ma la messa in servizio è stata ritardata a causa di "difetti imprevisti"
Missili APKWS vs
30 novembre 2022
I missili APKWS contro "Orlan-10" e "Lancet" hanno superato ulteriori test, i loro risultati sono impressionanti
Riviste
2022
#1, febbraio
N. 1, 2022, febbraio
Siamo sui social network
Le nostre edizioni

Riviste 42

ULTIMO
POPOLARE

Come risultato della comprovata efficacia in combattimento: la Norvegia ha acquistato il polacco Piorun MANPADS
30 novembre 2022
Come risultato della comprovata efficacia in combattimento: la Norvegia ha acquistato il polacco Piorun MANPADS
Esercitazioni congiunte dell'aviazione strategica della Federazione Russa e della Cina: inaspettato tintinnio sincrono di armi o tendenza permanente
30 novembre 2022
Esercitazioni congiunte dell'aviazione strategica della Federazione Russa e della Cina: inaspettato tintinnio sincrono di armi o tendenza permanente
Missili APKWS vs
30 novembre 2022
I missili APKWS contro "Orlan-10" e "Lancet" hanno superato ulteriori test, i loro risultati sono impressionanti
 

FogOnLine

sigà sigà
Registrato
26/2/14
Messaggi
14.700
Punti reazioni
1.896
La nave da ricerca oceanografica russa Akademik Ioffe è entrata ieri nel Mediterraneo da Gibilterra.

Ufficialmente è una nave da ricerca scientifica ma l'attenzione per questo tipo di navi è alta perché sono dotate di attrezzature di ricerca in mare che possono avere usi diversi.

Per questo durante il transito nella Manica è stata "pedinata" da un'unità della Royal Navy e da unità della Marina Portoghese durante il transito in Atlantico.

La nave indica come destinazione Novorossiysk, nel Mar Nero. Il Bosforo è chiuso alle unità militari ma questa è, almeno sulla carta, una nave civile.

https://www.itamilradar.com/2022/11/30/a-new-akademik-entered-the-mediterranean-sea-2/
 

Allegati

  • hYvLTUEi.jpg
    hYvLTUEi.jpg
    32,9 KB · Visite: 67

gianni marco

Nuovo Utente
Registrato
1/6/17
Messaggi
10.538
Punti reazioni
360
La sorveglianza militare del mare – Quello che accade nelle acque internazionali del Mediterraneo, visto il conflitto ucraino, è più che mai sotto osservazione. Non a caso, evidenzia ancora Repubblica, l’arrivo dallo stretto di Gibilterra del russo Akademik Ioffe, “un battello per ricerche oceanografiche che in genere studia l’Artico” è nel mirino dell’Alleanza Atlantica: i timori sono infatti che la sua navigazione non sia a scopo di ricerca, ma finalizzata piuttosto a studiare cavi e condotti sottomarini. Sospetti fondati anche per la Royal Navy, che a settembre ha seguito la nave russa durante l’attraversamento della Manica. Sul controllo della sorveglianza militare dei mari sono intervenute anche Germania e Norvegia, che hanno annunciato di volere lanciare un’iniziativa per arrivare a un coordinamento internazionale che garantisca al meglio la sicurezza delle infrastrutture subacquee. Iniziativa di cui il cancelliere Olaf Scholz, in una conferenza stampa bilaterale con il premier norvegese, Jonas Ghar Store, parlerà con Stoltenberg. “Siamo convinti che si debbano coordinare meglio sforzi a livello internazionale”, ha affermato il cancelliere. La Nato “è molto adeguata per le competenze” come “per la presenza marittima“, ha aggiunto. Ricordando gli attacchi al Nord Stream – per il quale non è ancora stato trovato un responsabile – Scholz ha spiegato che Berlino e Oslo intendano così lanciare “un chiaro segnale all’esterno”. Il premier norvegese ha inoltre dichiarato di avere rafforzato la sorveglianza” per intercettare droni sul mare. Un altro tema che tocca Mosca. “La polizia norvegese – ha detto – ha arrestato alcuni cittadini russi che erano attivi con i droni, sui quali si continua a indagare”.


https://www.ilfattoquotidiano.it/20...rovocazione-che-ha-allarmato-la-nato/6891746/
 

gianni marco

Nuovo Utente
Registrato
1/6/17
Messaggi
10.538
Punti reazioni
360
Il Bundestag tedesco ha riconosciuto l'Holodomor del 1932-1933 come genocidio del popolo ucraino.

Lo riferisce il corrispondente di Ukrinform.

La delibera è stata adottata a maggioranza dei voti, senza conteggio, per alzata di mano.

4 frazioni hanno votato "per". Si sono astenuti Sinistra e Alternativa per la Germania.
Leggi anche: La Romania ha riconosciuto l' Holodomor del 1932-1933 in Ucraina come un crimine contro l'umanità

Il presidente dell'Ucraina, Volodymyr Zelenskyi, ha ringraziato su Twitter i membri del Bundestag della Repubblica federale di Germania per la storica decisione di riconoscere l'Holodomor del 1932-1933 come genocidio del popolo ucraino.

"La Germania ha riconosciuto l'Holodomor del 1932-1933 come genocidio. Ringrazio i membri del Bundestag per questa decisione storica. La verità vince sempre", ha detto Zelenskyi.

Anche Andriy Yermak, capo dell'Ufficio del Presidente, ha ringraziato i deputati del Bundestag per questa decisione

"L'Holodomor del 1932-1933 è stato un genocidio. Grazie al Bundestag - questa è la giustizia storica riconosciuta dal mondo. Conosciamo anche la nazione responsabile del crimine", ha sottolineato .

Anche il ministro della Cultura e della politica dell'informazione Oleksandr Tkachenko ha reagito alla decisione del Bundestag su Telegram .

"Il riconoscimento dell'Holodomor come genocidio è l'avvento della giustizia storica e l'attestazione delle conseguenze dei crimini. Oggi, questo è estremamente importante nelle condizioni di una nuova guerra genocida in Europa", ha sottolineato Tkachenko.

Secondo lui, gli sforzi congiunti di tutti gli ucraini in questa direzione stanno dando i loro frutti. Ha anche avuto molte conversazioni con ministri e parlamentari tedeschi sull'argomento.

"La carestia e la repressione hanno colpito tutta l'Ucraina, non solo le sue regioni produttrici di grano. Dal punto di vista odierno, la classificazione storica e politica come genocidio è ovvia. Il Bundestag tedesco condivide questa classificazione", ha citato Tkachenko nel testo della risoluzione.

Si ricorderà che il progetto intitolato "Holodomor in Ucraina: ricordo - memoria - avvertimento" è stato presentato congiuntamente dalle fazioni della coalizione di governo - socialdemocratici, "verdi" e liberi democratici, nonché dalla più grande fazione di opposizione - CDU/ CSU.
 

ccc

Nuovo Utente
Registrato
14/6/09
Messaggi
45.560
Punti reazioni
601
18:13
Sondaggio interno Cremlino: 55% russi vuole negoziati pace

Cala il sostegno dei russi per la guerra in Ucraina. Secondo un sondaggio riservato commissionato dal Cremlino, riferisce il sito indipendente Meduza, il 55% dei russi è favorevole a negoziati di pace e solo il 25% sostiene la prosecuzione del confitto. A luglio lo stesso tipo di sondaggio segnalava solo un 30% di favorevoli al negoziato. Due fonti vicine all'amministrazione presidenziale hanno detto a Meduza che, di fronte al risultato, il Cremlino intende limitare i sondaggi aperti sugli umori del pubblico di fronte alla guerra. I risultati del rilevamento riservato coincidono con quello del centro indipendente di sondaggi russo Levada, con un 57% a favore dei negoziati e un 27% per la prosecuzione del conflitto. Secondo il direttore di Levada, Denis Volkov, l'opinione pubblica è cambiata dopo la mobilitazione del 21 settembre, perché i cittadini non vogliono essere coinvolti direttamente nel conflitto.

Russia: in 36.480 firmano online per ritiro truppe da Ucraina

Ha finora raccolto 36.480 firme la petizione online promossa da un gruppo di madri di soldati russi e dal movimento "Resistenza femminista contro la guerra" per chiedere il ritiro delle truppe di Mosca dall'Ucraina. La petizione è stata lanciata sul sito internet Change.org domenica scorsa, quando in Russia si celebrava il Giorno della mamma.
 
Ultima modifica:

zagor29

Nuovo Utente
Registrato
23/12/00
Messaggi
14.613
Punti reazioni
673
Ucraina, Lavrov: "Evitare scontri militari fra Paesi con arsenali nucleari"


30 novembre 2022 | 16.38
LETTURA: 2 minuti



"L'escalation può diventare incontrollabile", ha affermato il ministro degli Esteri russo


"Qualsiasi scontro militare fra Paesi con arsenali nucleari deve essere evitato, anche con armi convenzionali. L'escalation può diventare incontrollabile", ha affermato il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, in un discorso pronunciato alla conferenza "dialoghi per il futuro", a Mosca. "Noi continueremo a difendere la sicurezza e la stabilità globali", ha aggiunto, denunciando che "siamo nel momento più difficile della storia del mondo, non lo nascondiamo ma non ne abbiamo neanche paura".
 

gianni marco

Nuovo Utente
Registrato
1/6/17
Messaggi
10.538
Punti reazioni
360
Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha firmato un contratto per la produzione e l'acquisto di avanzati sistemi di difesa aerea NASAMS per l'Ucraina.

Lo afferma il messaggio ufficiale del Pentagono pubblicato mercoledì, riferisce Ukrinform.

"Raytheon Co., Tewksbury, Massachusetts, si è aggiudicata un contratto a prezzo fisso da 1,216 miliardi di dollari per l'approvvigionamento di sistemi missilistici antiaerei avanzati, nonché relative attrezzature, servizi e pezzi di ricambio per sostenere gli sforzi per l'Ucraina", annuncio annotato.
Leggi anche: Ottenere NASAMS e IRIS-T è una priorità dell'aeronautica delle forze armate ucraine - Ignat

Si noti che i lavori saranno eseguiti a Tewkesbury con una data di completamento stimata per il 28 novembre 2025.

I fondi per il contratto sono stanziati nell'ambito dell'Iniziativa per promuovere la sicurezza in Ucraina.
Leggi anche: La NATO sta discutendo la possibilità di fornire complessi Patriot-Stoltenberg all'Ucraina

Come riportato da Ukrinform, le forze armate ucraine hanno già padroneggiato, ricevuto e messo in servizio diversi complessi NASAMS. Inoltre, nei primi giorni di utilizzo in combattimento, questi sistemi hanno dimostrato un'efficienza del 100%, abbattendo dieci missili russi su dieci lanci.
 

FogOnLine

sigà sigà
Registrato
26/2/14
Messaggi
14.700
Punti reazioni
1.896
La nave da ricerca oceanografica russa Akademik Ioffe è entrata ieri nel Mediterraneo da Gibilterra.

Ufficialmente è una nave da ricerca scientifica ma l'attenzione per questo tipo di navi è alta perché sono dotate di attrezzature di ricerca in mare che possono avere usi diversi.

Per questo durante il transito nella Manica è stata "pedinata" da un'unità della Royal Navy e da unità della Marina Portoghese durante il transito in Atlantico.

La nave indica come destinazione Novorossiysk, nel Mar Nero. Il Bosforo è chiuso alle unità militari ma questa è, almeno sulla carta, una nave civile.

A new Akademik entered the Mediterranean sea

L' intervista con il capo dei servizi segreti norvegesi riguardo i temi della conferenza sulla sicurezza che si tiene in Germania punta sulla minaccia costituita dalle navi civili più che quelle militari.

E-sjefen: – Nødvendig å gjøre ekstra tiltak

"[...]La sfida con la protezione delle infrastrutture critiche non è l'attività militare, ma il possibile uso segreto di navi civili.[...]"

La preoccupazione per i paesi nordici e, specificatamente per la Norvegia, riguarda essenzialmente cavi sottomarini e le pipeline del gas che forniscono UE e UK (nel link sotto la mappa interattiva delle pipeline).

Gassco
 

gianni marco

Nuovo Utente
Registrato
1/6/17
Messaggi
10.538
Punti reazioni
360
Il Cremlino e il governo russo sono pronti per un accordo sulla centrale nucleare di Zaporizhzhia .


Le autorità della Federazione Russa potrebbero ritirare le truppe dallo ZANP in cambio di garanzie di transito ininterrotto di gas e petrolio attraverso il territorio ucraino, riferisce Meduza , citando fonti vicine al governo russo e al Cremlino.


"Gli interlocutori affermano che il Cremlino e il governo "sono pronti per un accordo". Il pompaggio e la vendita (petrolio e gas - ndr) è molto importante per il bilancio russo", hanno osservato i giornalisti.




Successivamente, il portavoce del presidente russo Vladimir Putin, Dmytro Peskov, ha respinto la possibilità di un simile accordo sulla centrale nucleare.
 

gianni marco

Nuovo Utente
Registrato
1/6/17
Messaggi
10.538
Punti reazioni
360
Entro il 24 febbraio, la flotta del Mar Nero aveva 275 navi e vascelli, di cui solo 58 erano navi da combattimento.


Ma la perdita più costosa per i russi è stata l'incrociatore e l'ammiraglia della flotta del Mar Nero della Federazione Russa Mosca
Ma la perdita più costosa per i russi è stata l'incrociatore e l'ammiraglia della flotta del Mar Nero della Federazione Russa "Mosca"
La flotta del Mar Nero della Federazione Russa ha perso il 15% del suo personale di combattimento nella guerra con l'Ucraina.

Secondo la pubblicazione russa " Project ", dall'inizio della guerra, almeno 12 navi e imbarcazioni della flotta del Mar Nero sono state affondate o gravemente danneggiate. I calcoli dei giornalisti mostrano che si tratta di perdite molto significative per i russi.

Entro il 24 febbraio, la flotta del Mar Nero aveva 275 navi e vascelli, di cui solo 58 erano navi da combattimento. Insieme alle motovedette, la flotta del Mar Nero aveva 74 unità da combattimento entro febbraio 2022.



"Se riassumiamo tutti i dati pubblici sulle perdite di navi, risulta che durante la guerra con l'Ucraina, la flotta del Mar Nero ha perso almeno 12 navi e barche. Questo è oltre il 15% della sua forza di combattimento prebellica di 74 navi e barche", scrivono i giornalisti.



Leggi anche:




Perdite della flotta del Mar Nero - dati


Dall'inizio dell'invasione su vasta scala, le forze armate hanno distrutto 16 unità di moto d'acqua russe , comprese navi da guerra e barche.


L'ultima operazione su larga scala sulla flotta russa del Mar Nero è stata effettuata in ottobre. Quindi, secondo i calcoli degli esperti, almeno tre navi nella baia di Sebastopoli sono state danneggiate a seguito di un attacco di droni marini sconosciuti.


Ma la perdita più costosa per i russi (fino a 700 milioni di dollari) si è rivelata essere l' incrociatore e ammiraglia della flotta del Mar Nero della Federazione Russa "Moskva", affondato dalla Marina ucraina nella primavera del 2022. Secondo i marinai sopravvissuti, la nave avrebbe dovuto prendere parte alla cattura di Odessa.


Successivamente, la Russia si è ritirata dall'isola di Zmiiny, a causa dei regolari attacchi delle forze armate ucraine, che hanno indebolito la sua presa sulla parte illegalmente controllata del Mar Nero.


Come ha affermato l'esperto militare Oleg Zhdanov, in connessione con i continui attacchi dell'Ucraina, gran parte del quartier generale della flotta russa del Mar Nero è stata portata dalla Sebastopoli occupata alla Russia.


Allo stesso tempo, il capo del Centro per la ricerca militare e legale Oleksandr Musienko ha affermato che il ruolo della flotta del Mar Nero "è stato annullato al 70% , perché non può più svolgere le sue funzioni".
 

gianni marco

Nuovo Utente
Registrato
1/6/17
Messaggi
10.538
Punti reazioni
360

La risposta dell'Alleanza alla barbarie della Federazione Russa. Ciò che il vertice NATO di Bucarest ha portato all'Ucraina: cinque conclusioni principali​




Il vertice NATO di due giorni a Bucarest, in Romania , dove si sono riuniti i ministri degli Esteri dell'Alleanza, ha confermato il diritto dell'Ucraina all'adesione, anche se non ha delineato un chiaro programma di passi verso questo obiettivo. I paesi della NATO si sono inoltre impegnati ad aumentare le forniture di armi all'Ucraina e l'assistenza di emergenza al suo sistema energetico.

L'Alleanza ha emesso una nuova condanna dell'aggressione russa e degli attacchi della Federazione Russa alle infrastrutture civili dell'Ucraina, assicurando a Kiev un sostegno a lungo termine. La parte ucraina era rappresentata a Bucarest dal capo del Ministero degli Affari Esteri, Dmytro Kuleba.












HB riassume i risultati dello storico vertice nella capitale della Romania, dove 14 anni fa fu confermato che l'Ucraina e la Georgia sarebbero diventate membri dell'Alleanza, ma alla fine ai paesi non fu data l'opportunità di aderire al Piano d'azione per l'adesione alla NATO.


1. Adesione dell'Ucraina alla NATO​


Condizione preliminare è la vittoria dell'Ucraina sulla Federazione Russa . Solo dopo sarà possibile tornare a considerare la questione dell'adesione dell'Ucraina. "Se l'Ucraina non vince come stato indipendente e sovrano, allora la questione dell'adesione non sarà sul tavolo, perché non avremo più un candidato all'adesione nella persona dell'Ucraina", ha dichiarato il segretario generale dell'Alleanza Jens Stoltenberg.


Tuttavia, la porta della NATO rimane aperta per l'Ucraina . In una dichiarazione congiunta, i ministri degli affari esteri dei paesi della NATO hanno affermato di " sostenere fermamente" l'impegno per la politica della porta aperta dell'Alleanza, in particolare la decisione, vecchia di 14 anni, sulla futura adesione dell'Ucraina. "Confermiamo le decisioni che abbiamo preso al vertice di Bucarest nel 2008 e tutte le successive decisioni riguardanti la Georgia e l'Ucraina", afferma la dichiarazione.




https://www.youtube.com/watch?v=Usa4qfCWR_E&ab_channel=%D0%9D%D0%92

2. Nuove forniture di armi per le Forze Armate​


Poiché l'organizzazione della NATO fornisce solo aiuti non letali all'Ucraina, ogni paese dell'Alleanza fornisce separatamente armi alle forze armate. Tuttavia, durante la conferenza stampa finale, Stoltenberg ha confermato che l'Ucraina può aspettarsi nuove forniture dai paesi alleati. "I ministri degli affari esteri dei paesi della NATO hanno chiarito che il nostro ulteriore sostegno militare all'Ucraina è estremamente importante, in particolare ulteriori mezzi di difesa aerea. E accolgo con favore i nuovi impegni assunti dagli alleati", ha sottolineato il segretario generale dell'Alleanza. Ha spiegato che i paesi della NATO sono pronti a continuare ad aiutare l'Ucraina " con attrezzature militari avanzate, munizioni, carburante e tutto il necessario per l'autodifesa".












Leggi anche:

Stoltenberg ha affermato la necessità di aumentare non solo la fornitura di sistemi di difesa aerea all'Ucraina, ma anche le munizioni per loro

Dmytro Kuleba non rivela ancora consegne future: "Non posso annunciare paesi specifici e tipi specifici di armi. Ma si tratta della fornitura sia di artiglieria che di veicoli corazzati ( potrebbero esserci BMP, BMD - queste sono sfumature), nuovi proiettili. Questo è uno dei più grandi che sia stato espresso. E non prendiamo in considerazione cose più piccole, come cartucce, granate e altre cose", ha spiegato Kuleba. In precedenza, ha definito le richieste prioritarie dell'Ucraina a Bucarest " difesa aerea, carri armati e linee di produzione [per la fabbricazione di armi]".


Quali forniture e piani dei paesi della NATO sono diventati noti durante il vertice:




Un riassunto delle principali notizie
Distribuzione gratuita via e-mail di solo materiali selezionati dagli editori di HB




La newsletter viene inviata dal lunedì al venerdì






Leggi anche:
Il capo del ministero degli Affari esteri della Lituania ai colleghi della NATO: mantieni la calma e dai carri armati all'Ucraina

3. Sistemi antimissile Patriot dagli Stati Uniti: verranno forniti all'Ucraina?​


Nel giorno del vertice NATO a Bucarest , questo argomento è stato uno dei principali nella discussione pubblica e dietro le quinte , come confermato da Dmytro Kuleba. Una fonte di alto rango del ministero della Difesa degli Stati Uniti ha detto alla Galileus Web che " tutte le opzioni sono sul tavolo" e gli Stati Uniti starebbero valutando la possibilità di inviare sistemi di difesa missilistica Patriot in Ucraina . Tuttavia, le dichiarazioni ufficiali al vertice sono state più sommesse. Secondo Stoltenberg , è in corso una discussione sulla fornitura all'Ucraina del sistema antimissile Patriot , una delle controargomentazioni che ha chiamato il problema della manutenzione e della fornitura di una quantità sufficiente di munizioni per i sistemi forniti all'Ucraina.









Kuleba ha detto che "non c'è ancora una soluzione" per i sistemi Patriot . Il portavoce del Pentagono ha affermato che al momento gli Stati Uniti non intendono trasferire il sistema di difesa aerea Patriot in Ucraina , ma le discussioni su questo tema continueranno.



Leggi anche:

Il capo del ministero degli Affari esteri della Lituania ha chiesto l'immediato trasferimento dei sistemi di difesa aerea e missilistica in Ucraina

Tuttavia, ha ricordato il capo del Ministero degli Affari Esteri dell'Ucraina, Kiev ufficiale è interessata a ricevere il sistema Patriot che la Germania è pronta a consegnare alla Polonia, Kuleba ha condotto negoziati con il Segretario di Stato americano e il Ministro degli Affari Esteri tedesco. Varsavia sostiene questa opzione, il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki ha chiesto ancora una volta il trasferimento del complesso patriota tedesco in Ucraina . La Germania vuole che i sistemi di difesa aerea Patriot rimangano sul territorio dei paesi della NATO . Il ministro della Difesa polacco Mariusz Blaszczak ha affermato di aver cercato di convincere la sua collega tedesca Christine Lambrecht della necessità di fornire all'Ucraina questo sistema di difesa aerea.

4. Assistenza urgente al sistema energetico dell'Ucraina​


Questo argomento è stato discusso al vertice della NATO insieme alla fornitura di armi, ha detto Kuleba. " Le mie due parole chiave in questo incontro sono Patriot e transformers . Non ha senso concentrarsi su uno. È necessario riparare e proteggere [il sistema energetico]", ha affermato il capo del ministero degli Affari esteri dell'Ucraina. Nella dichiarazione finale del vertice, i membri della NATO si sono impegnati ad " assistere l'Ucraina nel processo di ripristino della sua infrastruttura energetica e di protezione della sua popolazione dagli attacchi missilistici". I paesi dell'Alleanza hanno anche annunciato " contributi aggiuntivi al pacchetto di assistenza globale della NATO, che fornisce assistenza non letale all'Ucraina, compresi carburante e generatori".



Leggi anche:

Invece di migliaia di telefonate. Come funziona il principale "think tank", che invia armi in Ucraina da dozzine di paesi - Foreign Policy

Il giorno del vertice, il New York Times ha riferito che gli Stati Uniti stavano cercando di creare un centro di coordinamento che avrebbe organizzato la fornitura di generatori, trasformatori e altre apparecchiature all'Ucraina, necessarie per l'urgente ripristino della rete elettrica dopo l'attacco russo attacchi. Il centro, che è già chiamato " Energy Ramstein", dovrebbe diventare un analogo di una tale struttura con sede negli Stati Uniti in Germania, che coordina le forniture internazionali di armi all'Ucraina. Inoltre, gli Stati Uniti hanno deciso di inviare urgentemente in Ucraina attrezzature per un valore di 53 milioni di dollari ( trasformatori di distribuzione, interruttori automatici, dispositivi di protezione da sovratensione , ecc .).









5. Prospettive di guerra, sostegno all'Ucraina e condanna della Russia: la posizione della NATO​


A seguito dei risultati del vertice, i rappresentanti dei paesi dell'Alleanza hanno espresso una serie di nuove dichiarazioni alla Russia e a sostegno dell'Ucraina:

  • se la Russia vince la guerra, non ci sarà pace stabile a lungo termine - Stoltenberg;
  • Putin perde, quindi cerca di usare l'inverno come arma - Stoltenberg;
  • La Russia ha la piena responsabilità di questa guerra, l'invasione minaccia " la pace, la sicurezza e la prosperità nella regione euro-atlantica" - la dichiarazione finale del vertice;
  • I ministri degli Esteri della NATO condannano " la brutalità della Russia contro la popolazione civile dell'Ucraina, nonché le violazioni e l'oppressione dei diritti umani, come le deportazioni forzate, la tortura e il trattamento barbaro di donne, bambini e persone in situazioni vulnerabili"; tutti i colpevoli di crimini di guerra, compresa la violenza sessuale, devono essere perseguiti.
  • L'Alleanza condanna " coloro, compresa la Bielorussia, che sostengono attivamente la guerra aggressiva della Russia contro l'Ucraina".
  • I paesi della NATO continueranno a rafforzare la loro partnership con l'Ucraina sulla via dell'adesione, l'Alleanza è solidale " con il governo e il popolo ucraino nella loro eroica difesa della loro nazione e terra"
  • La NATO si impegna a " continuare e aumentare ulteriormente il sostegno politico e pratico all'Ucraina [...] finché necessario; L'Alleanza " non riconoscerà mai le annessioni illegali della Russia, che violano gravemente la Carta delle Nazioni Unite".
  • in risposta all'aggressione russa , la NATO sta aumentando la sua presenza dal Mar Baltico al Mar Nero.
 

FogOnLine

sigà sigà
Registrato
26/2/14
Messaggi
14.700
Punti reazioni
1.896
La Federazione Russa ha approvato una legge che sembra restringere il diritto di "passaggio innocente" sulle rotte del Mar del Nord delle navi militari sancito da UNCLOS (diritto del mare).

СФ обязал иностранные военные суда за 90 дней уведомлять Россию о проходе по Севморпути

"[...] Il Consiglio ha approvato una legge in base alla quale le navi militari straniere che seguono la rotta del Mare del Nord per scopi non commerciali saranno tenute a notificare il passaggio alla Federazione Russa attraverso i canali diplomatici 90 giorni prima della data prevista.[...]"

La questione ha molti aspetti, legali e non, qui una disamina dei pareri e delle implicazioni della legge (che gli stessi legislatori russi considerano contraria a UNCLOS).

Wrangling Warships: Russia’s Proposed Law on Northern Sea Route Navigation
 

Paolo1956

LOREM IPSUM
Registrato
20/6/10
Messaggi
6.475
Punti reazioni
280
La Federazione Russa ha approvato una legge che sembra restringere il diritto di "passaggio innocente" sulle rotte del Mar del Nord delle navi militari sancito da UNCLOS (diritto del mare).
L'apertura delle rotte artiche è una questione interessante e ricca di conseguenze
 

FogOnLine

sigà sigà
Registrato
26/2/14
Messaggi
14.700
Punti reazioni
1.896
L'apertura delle rotte artiche è una questione interessante e ricca di conseguenze
Non a caso la appena varata rompighiaccio nucleare "Ural" si è trasferita dai cantieri di San Pietroburgo a Murmansk dove è arrivata martedì

This new icebreaker has major importance for Northern Sea Route, says Rosatom

e la petroliera "Vasily Dinkov", partita da Murmansk, ha fatto una inusuale rotta di un mese e mezzo per arrivare nel porto cinese di Rizhao il 18 Novembre scorso.

As EU oil ban approaches, a Russian tanker tests Arctic route to China

Ho anch'io l'impressione che di rotte artiche (e di Artico in generale) sentiremo parlare molto nel futuro.
 

ccc

Nuovo Utente
Registrato
14/6/09
Messaggi
45.560
Punti reazioni
601

"Fa male essere russi oggi. Vorrei vedere Mosca sconfitta"​

29 Novembre 2022 - 08:00

Lo scrittore dissidente, vincitore del Premio Strega europeo, si scaglia contro "le bugie dei barbari che siedono al Cremlino".
La verità russa «è una menzogna senza fine». Ecco perché «si devono pronunciare parole chiare». «Il silenzio significa sostenere l'aggressore, la guerra». Mikhail Shishkin è il miglior romanziere russo vivente e oggi più che mai, con la guerra in Ucraina in corso, non manca di dire parole inequivocabili sulla Russia, sugli orrori del passato e del presente commessi in nome della sua madrepatria, e sulla democrazia, che il Paese, di fatto, non ha mai conosciuto, nonostante i due tentativi del 1917 e degli anni '90. Sono parole intense e sofferte, a cominciare da una triste ammissione: «Fa male essere russi», fa male che «la lingua di Puškin e Tolstoj, di Cvetaeva e di Brodskij sia diventata la lingua dei criminali di guerra e degli assassini».

"Fa male essere russi oggi. Vorrei vedere Mosca sconfitta"
 
Ultima modifica:

genngattu

Nuovo Utente
Registrato
21/1/08
Messaggi
3.293
Punti reazioni
182
Avvisano con le armi...
Non c'è alcuna differenza tra USA e Russia. Sono semplicemente imperi che vogliono imporre il loro dominio con la forza
Lascia pure che l'iran distrugga le raffinerie dell'Arabia saudita, e la Cina si prenda in mano i semiconduttori di taiwan, poi vedi come rimpiangerai gli americani. Per fartela bene ci sarebbe un collasso delle economie occidentali di una gravità unica. Solo che non devi arrivare a quel punto, devi fermare prima che succeda.

Purtroppo paesi come iran, corea del nord, Russia sono fortemente arretrati un po' in tutto, in quanto i regimi vogliono la gente ignorante e sottomessa. Nel 2022 è qualcosa di rivoltante che va combattuto. Un sistema di governance antiquato, scadente e regressivo.

Sul discorso delle armi, se la russia non avesse avuto le armi nucleari sarebbe stata invasa in quanto militarmente è una nullità rispetto all'occidente unito. Quindi conta avere armi nucleari sempre più moderne eccome se conta, proprio a scopo difensivo.
 

ccc

Nuovo Utente
Registrato
14/6/09
Messaggi
45.560
Punti reazioni
601
Russians publicly execute Ukrainian civilians in occupied Luhansk region - activist
I russi giustiziano pubblicamente i civili ucraini nella regione occupata di Luhansk - attivista I russi giustiziano pubblicamente i civili ucraini nella regione occupata di Luhansk - attivista 04.12.2022 12:02 Gli occupanti russi hanno giustiziato pubblicamente un gruppo di civili nella parte occupata della regione di Luhansk. L'attivista civico Serhii Sternenko lo ha riferito su Telegram, pubblicando le relative immagini grafiche, riporta Ukrinform.
È stata una mossa di facciata, in modo che tutti la vedessero. E il mondo deve vederlo. Una vera e propria vile faccia russa di disumani che ostentano le loro atrocità", ha scritto Sternenko.


Le immagini dei civili impiccati sono difficili da guardare.....
su twitter Serhii Sternenko

😣
 
Ultima modifica:
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.