Ultim'ora 23.07 Doping, 8 anni di squalifica ad Alex Schwazer

BlackM

Rock and Roll
Registrato
30/3/00
Messaggi
170.707
Punti reazioni
3.303
8 anni di squalifica per Schwazer

.
 

Allegati

  • Schermata 2016-08-10 alle 23.09.59.png
    Schermata 2016-08-10 alle 23.09.59.png
    13,3 KB · Visite: 321

riccik

STAI A CASA
Registrato
13/3/06
Messaggi
23.529
Punti reazioni
1.155
Mafia

E lo scrive uno al quale Schwazer non sta simpatico per niente
 

lehman brothers

Tristan da Cunha
Registrato
20/5/10
Messaggi
6.909
Punti reazioni
204
mi auguro che proceda in sede civile e gli porti via anche i peli del ****
 

Ebenezer Scrooge

Famo domani
Registrato
22/9/00
Messaggi
30.102
Punti reazioni
1.196
Articolo scritto prima della sentenza...

Chi l'ha visto?

La foto struggente di Alex Schwazer: dove lo hanno visto, a Copacabana

Solo. Sotto alla pioggia. Come un tizio qualunque. Come chi fa una corsetta per tirar giù qualche chilo. Peccato che quello in questa fotografia sia tutto, tranne che un marciatore della domenica. È Alex Schwazer, l'azzurro che si allena sotto al piovoso lungomare di Copacabana in attesa delle sentenza che, con più che discreta probabilità, lo taglierà fuori da queste Olimpiadi di Rio. La sentenza che compirà quello che, a molti, pare un complottone, contro di lui e contro il suo allenatore, Sandro Donati.

La vicenda è tristemente nota: ribeccato per un controllo anti-doping assai sospetto, è volato a Rio per difendersi davanti alla commissione del famigerato Tas. La decisione arriverà entro venerdì, giorno in cui, ulteriore beffa, avrebbe dovuto correre la 20 km. Il destino del marciatore, come detto, pare segnato: "Una sentenza già scritta", si è lasciato sfuggire l'avvocato di Alex. L'accanimento nei confronti dell'azzurro, che come ricorda il nostro Fabrizio Biasin è stato abbandonato dall'Italia, è notevole: la Iaaf, la federazione che lo combatte, avrebbe chiesto per lui una squalifica-monstre di otto anni.
C'è tutto, per far crollare un uomo. Ed è questo tutto a rendere questa fotografia, già di per sé malinconica, anche struggente ed epica. Già, perché Alex, un uomo che sa di avere - probabilmente - il destino segnato, trova ancora la forza. La forza di mettersi le scarpette e la pettorina per marciare sotto alla pioggia. Per sudare. Per allenarsi. Per crederci. E, forse, per piangere: tanto la pioggia spazza via tutto, non lo vede mica nessuno.
Corre, Alex. Marcia per un sogno spezzato.

1470841678261.jpg--la_foto_struggente_di_alex_schwazer__dove_lo_hanno_visto__a_copacabana.jpg
 

Zuger

Nuovo Utente
Registrato
26/10/09
Messaggi
24.907
Punti reazioni
741
Perché questo accanimento verso di lui ? Prima o poi questi devono pagare tutto il male che fanno.
 

oneone

Nuovo Utente
Registrato
7/11/09
Messaggi
57.718
Punti reazioni
1.462
L'Austria é in lutto
 

Spaceman Spiff™

fra due anni
Registrato
1/2/13
Messaggi
22.940
Punti reazioni
751
Considerato che si dopano tutti, quale regola non scritta ha infranto per essere bastonato così?

E quale avranno infranto Pantani, Armstrong, Danilo Di Luca ecc. ecc. ecc.?
 

Ebenezer Scrooge

Famo domani
Registrato
22/9/00
Messaggi
30.102
Punti reazioni
1.196
Copio e incollo, il link a volte non funziona...

Schwazer in marcia contro l’ipocrisia


Il proibizionismo non paga mai. Non ha pagato negli Stati Uniti d’America di inizio Novecento quando con la proibizione dell’alcol si fece un regalo milionario ad Al Capone. Il contrabbando favorì la nascita del gangsterismo. Non ha pagato ai tempi più recenti della War on drugs. I consumi non sono diminuiti, sono nate nuove e più sofisticate droghe sintetiche, i traffici illegali hanno arricchito prima le narco-mafie e a seguire i narco-terroristi di Daesh. Il proibizionismo non ha pagato nello sport. I controlli aumentano con la stessa velocità dell’innovazione scientifica utile a superarli indenni.

Intrecci geo-politici ed eccessi punitivi stanno consumando il dramma di Alex Schwazer. Il Tribunale arbitrale dello sport si è preso tempo pare fino a venerdì per decidere. Venerdì ci sono i 10 km di marcia e l’atleta azzurro non avrà modo probabilmente di gareggiare.
Contro Schwazer si sono scatenati i moralisti di tutto il globo. Lui urla la sua innocenza. È andato a Rio. Il processo nei suoi confronti è un processo mediatico. Viene dissimulata riservatezza ma tutto esce fuori dall’aula del Tas, compresa la richiesta di sospensione per altri otto anni, ovvero la condanna alla morte sportiva di Alex Schwazer. Un processo che dura troppo, oltre la ragionevolezza. Così come durano troppo i processi penali.
Come ci ha raccontato Francesco Cordio nel bellissimo documentario L’altra faccia della medaglia andato in onda su RaiSport pochi giorni fa, la mannaia del doping ha reso impossibile la vita di molti atleti. Non hanno quasi più vita sociale nella paura che una bistecca, una bevanda adulterata, un incidente qualsiasi li renda positivi. Non possono più ammalarsi perché è indistinguibile il principio attivo di un farmaco comune da quello presente in una sostanza vietata.
La legislazione proibizionista anti-doping è da un lato diretta ad assicurare competizioni fondate sul principio di lealtà, dall’altro a proteggere in modo coatto la salute degli atleti. Lealtà e tutela della salute sono due valori di assoluta e indiscutibile rilievo sociale ed etico. Sono valori che si impongono o, invece, valori che si insegnano? La salute in una società democratica si protegge con la forza? Perché allora non è proibito bere whisky, mangiare wurstel, vivere vicino all’Ilva o fumare? Ogni adulto è libero di scegliere se farsi male. Il dovere politico è quello di informare correttamente tutti affinché ciascuno possa fare scelte consapevoli.
Vogliamo una società di adulti coscienti o di bambini etero-diretti? Il ragionamento vale anche nello sport. Veniamo al primo dei valori tutelati dalla legislazione che vieta il doping, ovvero la lealtà.
È solo con il doping che si protegge la lealtà sportiva? Sicuramente le alterazioni chimiche e farmaceutiche producono prestazioni artificiose. Ma anche gli eccessi innaturali di allenamento, i bambini trasformati in macchine da vittoria e ai quali è negato il periodo del gioco, le scommesse legali determinano uno stato alterato rispetto a quello di natura.
La lealtà è l’esito di un percorso culturale. Non si impone con la proibizione delle sostanze. Quando vediamo i genitori sui campetti dei figli nelle scuole calcio urlare contro l’arbitro, contro gli avversari (altri bimbi), costringere i propri figli di 11 anni a cambiare società perché nella prima giocano tutti e non solo quelli bravi, non si assiste a un inno alla lealtà sportiva. Solo quando cambierà il modello della competizione che non porterà un oro olimpico come Niccolò Campriani a dire che odia il suo sport, allora potrà essere accostata la lotta al doping al valore della lealtà sportiva.
Nel frattempo speriamo che ad Alex Schwazer sia data una chance di partecipazione alle Olimpiadi. La marcia è la sua vita. Ha riconosciuto un errore fatto in passato. Lo ha duramente pagato. Sta lottando come un leone per dimostrare la sua innocenza. Lo si ammonisca. Lo si faccia partire 30″ dopo gli altri nella 50 km di marcia, ma lo si faccia gareggiare.
Se al Tour non avessero escluso Marco Pantani, forse ora sarebbe ancora in vita. Come direbbe Marco Contini, come possiamo non vedere una contraddizione tra il nostro applaudire alle noccioline di Super Pippo, alla pozione magica di Asterix, agli spinaci di Braccio di Ferro e poi indignarci per qualche sostanza chimica?
 

Alice88

Bunny
Registrato
25/6/02
Messaggi
37.261
Punti reazioni
1.041
La Ferrero dovrebbe riprenderlo come testimonial
 

mirkosalva

приветс&
Registrato
10/11/10
Messaggi
17.437
Punti reazioni
1.032
Non capisco cotanto buonismo.
Se è un dopato, ben gli stà!!!
E che si vergogni!
 

zancle

Nuovo Utente
Registrato
1/7/09
Messaggi
23.842
Punti reazioni
1.017
oppure pensava che dopandosi sei mesi prima non avrebbe avuto controlli

No, ha avuto 50 controlli in pochi mesi, dallo scorso autunno ad ora. E l'unico dove gli hanno trovato un micron è stato il 1° gennaio.

Se a me fanno un controllo antidoping dopo il cenone di capodanno, stefm e black mi squalificano a vita da AP.
 

franz.old

Nuovo Utente
Registrato
30/10/05
Messaggi
75.237
Punti reazioni
1.660
No, ha avuto 50 controlli in pochi mesi, dallo scorso autunno ad ora. E l'unico dove gli hanno trovato un micron è stato il 1° gennaio.

Se a me fanno un controllo antidoping dopo il cenone di capodanno, stefm e black mi squalificano a vita da AP.

50 controlli?
e con tutti fan così?

che mestieraccio....