un aiuto per favore: licenze di tabacchi

varena

Matematico Fiumicino
Registrato
30/1/01
Messaggi
2.706
Punti reazioni
161
Ciao a tutti e grazie in anticipo del vostro tempo.

Mia moglie vorrebbe acquisire una attività già avviata e più
precisamente una tabaccheria.
Il prezzo di questo tipo di attività comprende ovviamente il
costo della licenza che non è assolutamente basso.

Il mio problema è che ho sentito ventilare che forse,
in un futuro non si sa quanto prossimo questa licenza
sarà annullata perdendo così molto dell'investimento
effettuato.

Ora vi chiedo se siete a conoscenza di qualche informazione
a riguardo, oppure se sapete dove o da chi indirizzarmi
per ottenerle ve ne sarei infinitamente grato.

Scusate se ho sbagliato forum ma non saprei veramente
a chi rivolgermi.

un saluto.
 
Non sono del ramo, ma leggo molti giornali del settore economico-finanziario e non ricordo di aver letto ipotesi del genere.

Il rischio potrebbe sempre esserci, certamente, anche se le resistenze sarebbero fortissime (vedi altre licenze protette, come quelle dei taxi).
 
.....credo che negli uffici comunali della sua città possa trovare le risposte che cerca ....comunque è già da un po' di tempo che si parla di liberalizzare le licenze ....ma sarà certamente il piano comunale a prevedere quante licenze e a che distanza si possano insediare e distribuirle in base alla intensità della popolazione . saluti
 
Ho una tabaccheria.... in famiglia.

Nessuna voce di liberalizzazione licenze....anzi.

Se ci pensi sarebbe un controsenso in merito all'azione contro il fumo attualmente in atto...

La tabaccheria, dipende poi dalla posizione e dal fatturato, dalla presenza di ricevitoria lotto, tris...superenalotto... etc, è un investimento di sicuro interesse.

Se poi ha voglia di lavorare.... allora non avrà particolari problemi...

Importante verificare gli incassi, ma è tutto molto evidente dato che si lavora con gli ex monopoli.

Se hai bisogno... fammi sapere.
 
Se non sono cambiate le cose ricordo che, oltre al costo della licenza, bisogna anticipare una percentuale sugli incassi (non ricordo se Lotto o Marche)

Apache71 potrà esserti d'aiuto.
 
Scritto da Voltaire
Se non sono cambiate le cose ricordo che, oltre al costo della licenza, bisogna anticipare una percentuale sugli incassi (non ricordo se Lotto o Marche)

Apache71 potrà esserti d'aiuto.

Esatto, devi pagare il 50% del guadagno lordo sulle sigarette (10%), sull'incasso dell'anno precedente, ma puoi anche rateizzarlo....

Da verificare se esistono anche costi sulle macchine del lotto etc... per il passaggio di proprietà (all'inizio si paga un "una tantum" per macchina, se parliamo di Lottomatica, e c/a 2000€ all'anno per SISAL (superenalotto)...etc...)
 
Allora, secondo, te la c.d. privatizzazione dei monopoli in che cosa consisterà per ciò che riguarda i tabacchi?
Toccherà solo la produzione di tabacco o, come più palesano, la distribuzione al dettaglio delle sigarette?
Grazie per il tuo interessamento, se non ti crea problemi, qualora avessi altri dubbi,posso scriverti in privato?
 
Scritto da varena
Allora, secondo, te la c.d. privatizzazione dei monopoli in che cosa consisterà per ciò che riguarda i tabacchi?
Toccherà solo la produzione di tabacco o, come più palesano, la distribuzione al dettaglio delle sigarette?
Grazie per il tuo interessamento, se non ti crea problemi, qualora avessi altri dubbi,posso scriverti in privato?

Toccherà sicuramente la produzione del tabacco, per quel che riguarda ETI, che ormai andrà in British; anche la distribuzione comunque verrà toccata, a quanto pare Phiilp Morris ha già comunicato che non si farà piu' carico della distribuzione di prodotti British/Eti, ma alle tabaccherie cambia poco: nel momento in cui tu hai un Monopolio di riferimento o ti rechi da loro a ritirare il tabacco o te lo fai portare da loro, ci sono anche cooperative di trasporto che fanno il servizio (ovviamente la consegna ha un costo sia per il MOnopolio che privatamente).
La distribuzione è soprattutto riferita per il percorso prduzione/magazzino a monopoli (se si possono ancora chiamare cosi').
Scrivi in privato quando vuoi!!!!!

:)
 
licenza tabaccheria

Qualcuno sa darmi notizie sullo spostamento delle licenze di bar e tabaccheria?
Sono proprietario di muri di locali affittati a bar-tavola calda e tabaccheria, il nuovo gestore è subentrato da 2 mesi ed i rapporti sono tesi.
Lui minaccia di spostare la licenza tabacchi appena possibile in altro immobile limitrofo.
Nelle vicinanze non mi pare ci siano immobili disponibili, nella zona c'è già vendita tabacchi in un benzinaio a 300 metri, in altro bar a 500 metri ed in un supermercato a circa 800 metri ( all'interno c'è tabaccheria).
Cosa ne pensate?
Può portare via la licenza?
Dopo quanto?
C'è un numero massimo di tabaccherie in ogni zona?
Grazie...
 
parere normativa

Tabacchi: le nuove regole su distanze minime e limiti all'apertura
Decreto Ministero Economia e finanze 21.02.2013 n° 38 , G.U. 16.04.2013



Nei comuni con popolazione fino a 10.000 abitanti non è consentita l'apertura di una nuova tabaccheria qualora sia stato giàraggiunto il rapporto di una rivendita ogni 1.500 abitanti, salvo che la rivendita ordinaria più vicina già in esercizio risulti distante oltre 600 metri.

Lo prevede il D.M. Economia e finanze 21 febbraio 2013, n. 38 contenente il Regolamento recante disciplina della distribuzione e vendita dei prodotti da fumo.

Secondo le nuove norme la distanza minima del locale adibito a nuova rivendita, rispetto a quello della rivendita piu' vicina già in esercizio, è pari o superiore a:
• metri 300 nei comuni con popolazione fino a 30.000 abitanti;
• metri 250, nei comuni con popolazione da 30.001 a 100.000 abitanti;
• metri 200, nei comuni con popolazione superiore a 100.000 abitanti.

Non è consentita l'istituzione di una nuova rivendita quando la quarta parte della somma degli aggi realizzati dalla vendita di tabacchi dalle tre rivendite più vicine a quella da istituire ed ognuna delle quali poste a una distanza inferiore ai 600 metri rispetto alla sede proposta per l'istituzione della nuova rivendita, non è pari o superiore a:
• euro 18.885,00 per i comuni con popolazione fino a 30.000 abitanti;
• euro 30.260,00 per i comuni con popolazione da 30.001 a 100.000 abitanti;
• euro 37.670,00 per i comuni con popolazione superiore a 100.000 abitanti.

Questi ultimi parametri non trovano applicazione nei casi in cui la sede della rivendita da istituire disti più di 600 metri dalla tre rivendite più vicine, fermo restando l'obbligo dell'Ufficio competente di verificare la sussistenza dell'esigenza di servizio desumibile dalla valutazione della popolazione residente ovvero dalla presenza di uffici e strutture produttive di particolari rilevanza e frequentazione.

(Altalex, 17 aprile 2013)
 
Qualcuno sa darmi notizie sullo spostamento delle licenze di bar e tabaccheria?
Sono proprietario di muri di locali affittati a bar-tavola calda e tabaccheria, il nuovo gestore è subentrato da 2 mesi ed i rapporti sono tesi.
Lui minaccia di spostare la licenza tabacchi appena possibile in altro immobile limitrofo.
Nelle vicinanze non mi pare ci siano immobili disponibili, nella zona c'è già vendita tabacchi in un benzinaio a 300 metri, in altro bar a 500 metri ed in un supermercato a circa 800 metri ( all'interno c'è tabaccheria).
Cosa ne pensate?
Può portare via la licenza?
Dopo quanto?
C'è un numero massimo di tabaccherie in ogni zona?
Grazie...

---> la licenza tabacchi e' in capo alla persona fisica, il quale -nelle more del regolamento- puo' trasferirsi come e dove vuole...
Se sei tu a buttarlo fuori dal tuo locale, dovrai riconoscergli il mancato avviamento, se se ne va lui risparmi questa voce
 
parere

---> la licenza tabacchi e' in capo alla persona fisica, il quale -nelle more del regolamento- puo' trasferirsi come e dove vuole...
Se sei tu a buttarlo fuori dal tuo locale, dovrai riconoscergli il mancato avviamento, se se ne va lui risparmi questa voce

Cioè lui può andare dove vuole in tutto il Comune?
 
distanze

Ho letto che ci sono regole molto severe per le distanze.......
 
contratti

Mah sui contratti di locazione bar-tabaccheria ci siamo accordati.......resta da decidere se fare un 6+6 nuovo con "lieve" aumento, come dice il loro commercialista, oppure dichiarazione nostra in cui ci obblighiamo a non dare disdetta nel 2018, così i contratti fatti nel 2007 si rinnovano fino al 2025.
 
Indietro