Un consiglio!

  • ANNUNCIO: Segui le NewsLetter di Borse.it.

    Al via la Newsletter di Borse, con tutte le notizie quotidiane sui mercati finanziari. Iscriviti per rimanere aggiornato con le ultime News di settore, quotazioni e titoli del momento.
    Per iscriverti visita questo link.

torel

SurfBearTrend
Registrato
1/6/01
Messaggi
4.432
Punti reazioni
267
Buongiorno a tutti,
L'arrivo di una lettera di un'agenzia di recupero crediti mi ha rovinato il week and :(
Non e' la cifra richiesta che mi fa arrabbiare ma la maniera e la burocrazia in atto,
Nel 98 avevo un'attivita' (bar) con contratto d'assistenza per il registratore di cassa , che prevedeva un tot a bimestre, un bel giorno cambiai registratore e diedi distetta d'assistenza (non ricordo bene le modalita') il bimestre successivo ricordo che ricevetti la solita fattura , mentre come da accordi l'assistenza non vi era piu' stata, feci presente alla ditta il fatto e tutto fini' li'.
Oggi dopo 5 anni ricevo la richiesta di pagamento di quella fattura da una ditta di recupero crediti!!!
Che si deve fare????? la burocrazia prevede che la ragione sia dalla loro?, se non hanno annullato quella fattura e' probabile che sia sempre in giro e probabilmente prove a mie favore (accordi verbali che quella fattura sia stata emessa per errore ) non ve ne sono.

Se qualcuno sa dirmi qualcosa al riguardo e' un angelo.
grazie mille a tutti :)

Mi darebbe molto meno fastidio fare un'operazione in loss di un importo decuplicato di quello che eventualmente(speriamo di no ) sarei obbligato a pagare come richiesto nella lettera.
 
a) queste imprese di recupero del credito non possono richiedere più del valore nominale dei credito e gli interessi; e poichè non c'è cessione del credito, potresti adempiere direttamente al creditore;
b) se hai pagato, puoi dare dimostrazione comunque di averlo fatto;
c) se non hai pagato perchè il servizio non era stato reso, puoi sempre muovere l'eccezione di inadempimento e non pagare lo stesso;
d) per un'eventuale eccezione di prescrizione, chiarisci meglio qui il tipo di rapporto contrattuale che ha generato il debito (normalmente è dieci anni, ma ci sono le prescrizioni brevi)

Buon fine settimana.

V&S
 
grazie mille per la tempestivita' sei stato eccezzionale.

Il contratto di assistenza non prevedeva una durata predefinita.

La cosa in pratica e' andata cosi'.

L'incaricato della ditta che mi faceva assistenza passava regolarmente, quando decisi di cambiare apparecchio lo avvisai, lui venne a defiscalizzarmi la macchina, e gli feci presente che l'assistenza per il prossimo bimestre non era piu necessaria.
Il bimestre successivo la lettera arrivo' gli telefonai e glielo feci presente, il nostro rapporto si concluse in quel frangente, (mi dissero ok va bene)non ricevetti' piu' nessuna news.
Ora dopo 5 anni sta richiesta e' una grande sorpresa.
Avventurarmi in una causa legale per 200 euro(comprensivi di mora e costi della ditta incaricata al recupero) mi pare stupido, ma ahime' il principio a volte fa danni!!
Esiste un cavillo che possa mettere una pietra sopra a sta farsa?
chesso' prescrizione per tempo trascorso, mancanza di prove dell'effettiva assistenza fornita.............

La ditta a cui e' intestata la richiesta di fattura non esiste piu' da tre anni, da quando ho ceduto l'attivita'

Grazie ancora sei stato gentilisssssimo :) :)
 
Ultima modifica:
Si determina la perdita del diritto alla riscossione del credito qualora il proprio diritto non venga esercitato per un determinato periodo.

I tempi di prescrizione vengono determinati a seconda della tipologia del credito ed n generale salvi i casi in cui la legge dispone diversamente, il credito si prescrive in 10 anni ( art. 2946 c.c )

La tempistica di prescrizione viene abbreviata a:

cinque anni per il diritto al risarcimento degli interessi, i crediti per canoni di locazione, per retribuzioni e trattamento di fine rapporto e i ratei di pensione

tre anni per i crediti per prestazioni professionali *********

due anni per i crediti derivanti dalla circolazione dei veicoli

un anno per i crediti per il pagamento dei premi di polizza assicurativa

sei mesi per i crediti degli albergatori e coloro che danno alloggio con o senza pensione


Sottocategoria: Prescrizione-del-credito-

Verm , potrebbe essere la dicidura asteriscata la risoluzione ??
 
se effettivamente non esiste più il soggetto (una società?) titolare del credito, puoi rispondere che non possono (questi che ti scrivono) aver ricevuto un incarico da un soggetto estinto.

Per le prescrizioni, devi distinguere quelle semplicemente presuntive (di cui tu fai cenno) da quelle c.d. brevi e quella ordinaria. Non penso nel caso di specie si tratti di attività professionale, il rapporto può essere sorto in base ad un appalto di servizi. In alcuni casi invece vi è un leasing c.d. operativo, per cui potrebbe applicarsi la disciplina della prescrizione breve, ma non mi sembra il caso tuo.
 
No Vern e' il contrario, e' la mia ditta (ditta individuale a non esistere piu')

la prescrizione nel mio caso non puo' esser presa in considerazione ?
 
lunedi' mattina ho telefonato alla ditta chiedendo delucidazioni in merito e sono ancora in attesa di esser richiamato ;(
 
Mi è successo uno cosa simile con Seat e ricevetti 4/5 lettere in cui minacciavano azioni legali, risposi che avevo disdettato il contratto (non avevo più la raccomandata di disdetta per cui non ero in grado di provare quanto affermavo) e che non avrei pagato alcunchè, anzi risposi di smettere di scrivere altirmenti li avrei denunciati.
E' passato un'anno e non si sono fatti più vivi.
Vista l'esiguità del'importo è difficile che ti facciano un'azione legale, gli costerebbe di più.

Ciao.
 
grazie esse erre,
 
Indietro