Un fornaio di Ravenna ha fatto causa ai fornitori di gas e luce per il rincaro delle

  • Caro Ospite,
    finalmente abbiamo aggiornato il forum di FinanzaOnLine per fornirti un servizio performante e aggiornato. Come avrai notato il lavoro non è ancora ultimato. Purtroppo alcune funzioni della vecchia piattaforma non sono presenti per motivi di incompatibilità ma siamo aperti a considerare eventuali sviluppi.
    Per qualsiasi quesito sull'utilizzo della nuova piattaforma o se riscontri qualche problema di funzionamento o di navigazione scrivi nella sezione FIX FORUM. Stiamo raccogliendo tutte le segnalazioni al fine di perfezionare la nuova piattaforma.

    Grazie per la comprensione e grazie per il supporto.
    Staff | FinanzaOnLine

reganam

Nuovo Utente
Registrato
19 Nov 2009
Messaggi
21.697
Punti reazioni
370
Costretto a chiudere l'attività per una maxi-bolletta da seimila euro si sfoga con l'AGI: dopo aver investito tutto nella sua attività, nonostante i clienti non manchino, il 24 settembre tirerà giù definitivamente la serranda. Ma prima si toglierà qualche soddisfazione

Una bolletta che ha mandato in fumo il sogno di una vita. Andrea Lama, 49 anni, titolare di una panetteria-pasticceria a Piangipane (Ravenna), sposato con un figlio piccolo, ha resistito ai due duri anni della pandemia, arrivata subito dopo l’inizio della sua attività, ma nulla ha potuto contro il caro energia. Una bolletta dell'elettricità da 6.120 euro arrivata a luglio - 5.200 euro in più rispetto alla stessa bolletta dell’anno scorso di 900 euro - lo ha costretto a cessare l’attività.

“Chiuderò il forno il 24 settembre – annuncia all’Agi – perché devo rispettare dei tempi tecnici, soprattutto per tutelare i diritti della mia unica dipendente, altrimenti abbasserei la serranda adesso. Ogni giorno di lavoro è un giorno in più in perdita e, soprattutto, devo riuscire a sfilarmi da questa situazione prima che arrivino altre bollette astronomiche”.

È un lavoro duro, quello del panettiere, ma per il quale Andrea ha da sempre una vera passione. A gennaio del 2020, aveva rilevato il forno in cui lavorava come dipendente. “Quei quattro soldi che avevo risparmiato li ho usati tutti per questo progetto e per dare una vita migliore a me e alla mia famiglia. Ora ho perso tutto e all’orizzonte vedo solo debiti” dice all’Agi.

“Ma quello che fa più rabbia – spiega – è che gli affari vanno benissimo”. Il fatturato, però, è stato mangiato dalle bollette degli ultimi mesi. “Per tutta la pandemia – racconta – l’attività è andata bene. Da gennaio di quest’anno, addirittura, avevamo raddoppiato il fatturato che si aggirava sugli 11-12.000 euro al mese”.

Poi la tegola del caro energia. A giugno, la bolletta dell’energia elettrica è schizzata a 2.300 euro, quasi triplicata. Nel frattempo, anche i prezzi delle materie prime, come la farina, sono aumentati vertiginosamente.

“Ho dovuto quasi raddoppiare i prezzi da marzo in poi - racconta Andrea - ma non è bastato, anche se i clienti non sono calati”. Notti in bianco a fare i conti e, a luglio, la mazzata finale: quegli oltre 6.000 euro che hanno decretato la fine dell’attività di Andrea e della sua famiglia.

La causa contro i fonritori di gas e lucxe
Il suo è un caso simbolo della protesta "Bollette in vetrina" promossa da Confcommercio Ravenna. Il fornaio, però, ha deciso di adire per vie legali contro i fornitori di energia elettrica ed è pronto a farlo anche contro quelli che erogano gas e acqua. “Questo è un vero e proprio strozzinaggio – si sfoga -. Ho esaminato tutte le bollette e le ho confrontate con quelle dell’anno scorso. Ho bloccato tutti i pagamenti e fatto inviare una diffida dal mio legale. Ci sono dei vizi di fondo nel contratto della fornitura e non pagherò finché non avrò una spiegazione sul perché i costi sono aumentati di quasi di sette volte”.

Intanto, quella di Andrea è una corsa contro il tempo per non affondare insieme alla sua attività. “Ho provato a cederla – spiega – ma con l’incubo di queste bollette, nessuno la vuole. Ho dovuto bloccare il pagamento del mutuo della nostra casa per poter pagare la mia dipendente e l’affitto di 1.300 euro del forno, che devo corrispondere fino a dicembre anche se chiuderò a settembre: dalla disdetta, infatti, devono passare sei mesi. In più, ho anche le rate dei macchinari da pagare”.

Macchinari che tra un mese non gli serviranno più. La moglie di Andrea, inoltre, ha lasciato il posto fisso per aiutarlo nell’attività e ora resterà senza occupazione. “Ho lavorato più di 12 ore al giorno, trascurando anche mio figlio piccolo – dice Andrea con amarezza – e tutto per nulla. Tante persone sono nella mia situazione, sul territorio chiudono 40 attività al giorno. Il tutto nell’indifferenza più completa delle istituzioni. Io il mio mestiere lo so fare, anzi sono oberato di lavoro, ma devo chiudere lo stesso. Dopo di noi toccherà alle famiglie, già provate dagli aumenti”. L’unica alternativa che ha ora – spiega - è “tornare a lavorare come dipendente”.

“Ho già avuto delle offerte. Qui sanno tutti come lavoro” dice. Stanotte, alle 2, Andrea sarà come sempre al forno a fare il pane e lavorerà fino alle 14 del giorno dopo. Dopo un’ora di riposo, tornerà di nuovo all’opera. “Un mestiere duro, pieno di sacrifici e tutto per lavorare in perdita. In questo momento faccio davvero fatica a dire che sono fiero di essere italiano”, chiude amaramente.
 

Avio

Nuovo Utente
Registrato
20 Lug 2001
Messaggi
88.597
Punti reazioni
1.706
colpa sua di non aver messo il fotovoltaico e non essersi tutelato prima

BlackM and Sency Mode On
 

Kerigma

Nuovo Utente
Registrato
10 Ott 2008
Messaggi
15.744
Punti reazioni
712
Costretto a chiudere l'attività per una maxi-bolletta da seimila euro si sfoga con l'AGI: dopo aver investito tutto nella sua attività, nonostante i clienti non manchino, il 24 settembre tirerà giù definitivamente la serranda. Ma prima si toglierà qualche soddisfazione

Una bolletta che ha mandato in fumo il sogno di una vita. Andrea Lama, 49 anni, titolare di una panetteria-pasticceria a Piangipane (Ravenna), sposato con un figlio piccolo, ha resistito ai due duri anni della pandemia, arrivata subito dopo l’inizio della sua attività, ma nulla ha potuto contro il caro energia. Una bolletta dell'elettricità da 6.120 euro arrivata a luglio - 5.200 euro in più rispetto alla stessa bolletta dell’anno scorso di 900 euro - lo ha costretto a cessare l’attività.

“Chiuderò il forno il 24 settembre – annuncia all’Agi – perché devo rispettare dei tempi tecnici, soprattutto per tutelare i diritti della mia unica dipendente, altrimenti abbasserei la serranda adesso. Ogni giorno di lavoro è un giorno in più in perdita e, soprattutto, devo riuscire a sfilarmi da questa situazione prima che arrivino altre bollette astronomiche”.

È un lavoro duro, quello del panettiere, ma per il quale Andrea ha da sempre una vera passione. A gennaio del 2020, aveva rilevato il forno in cui lavorava come dipendente. “Quei quattro soldi che avevo risparmiato li ho usati tutti per questo progetto e per dare una vita migliore a me e alla mia famiglia. Ora ho perso tutto e all’orizzonte vedo solo debiti” dice all’Agi.

“Ma quello che fa più rabbia – spiega – è che gli affari vanno benissimo”. Il fatturato, però, è stato mangiato dalle bollette degli ultimi mesi. “Per tutta la pandemia – racconta – l’attività è andata bene. Da gennaio di quest’anno, addirittura, avevamo raddoppiato il fatturato che si aggirava sugli 11-12.000 euro al mese”.

Poi la tegola del caro energia. A giugno, la bolletta dell’energia elettrica è schizzata a 2.300 euro, quasi triplicata. Nel frattempo, anche i prezzi delle materie prime, come la farina, sono aumentati vertiginosamente.

“Ho dovuto quasi raddoppiare i prezzi da marzo in poi - racconta Andrea - ma non è bastato, anche se i clienti non sono calati”. Notti in bianco a fare i conti e, a luglio, la mazzata finale: quegli oltre 6.000 euro che hanno decretato la fine dell’attività di Andrea e della sua famiglia.

La causa contro i fonritori di gas e lucxe
Il suo è un caso simbolo della protesta "Bollette in vetrina" promossa da Confcommercio Ravenna. Il fornaio, però, ha deciso di adire per vie legali contro i fornitori di energia elettrica ed è pronto a farlo anche contro quelli che erogano gas e acqua. “Questo è un vero e proprio strozzinaggio – si sfoga -. Ho esaminato tutte le bollette e le ho confrontate con quelle dell’anno scorso. Ho bloccato tutti i pagamenti e fatto inviare una diffida dal mio legale. Ci sono dei vizi di fondo nel contratto della fornitura e non pagherò finché non avrò una spiegazione sul perché i costi sono aumentati di quasi di sette volte”.

Intanto, quella di Andrea è una corsa contro il tempo per non affondare insieme alla sua attività. “Ho provato a cederla – spiega – ma con l’incubo di queste bollette, nessuno la vuole. Ho dovuto bloccare il pagamento del mutuo della nostra casa per poter pagare la mia dipendente e l’affitto di 1.300 euro del forno, che devo corrispondere fino a dicembre anche se chiuderò a settembre: dalla disdetta, infatti, devono passare sei mesi. In più, ho anche le rate dei macchinari da pagare”.

Macchinari che tra un mese non gli serviranno più. La moglie di Andrea, inoltre, ha lasciato il posto fisso per aiutarlo nell’attività e ora resterà senza occupazione. “Ho lavorato più di 12 ore al giorno, trascurando anche mio figlio piccolo – dice Andrea con amarezza – e tutto per nulla. Tante persone sono nella mia situazione, sul territorio chiudono 40 attività al giorno. Il tutto nell’indifferenza più completa delle istituzioni. Io il mio mestiere lo so fare, anzi sono oberato di lavoro, ma devo chiudere lo stesso. Dopo di noi toccherà alle famiglie, già provate dagli aumenti”. L’unica alternativa che ha ora – spiega - è “tornare a lavorare come dipendente”.

“Ho già avuto delle offerte. Qui sanno tutti come lavoro” dice. Stanotte, alle 2, Andrea sarà come sempre al forno a fare il pane e lavorerà fino alle 14 del giorno dopo. Dopo un’ora di riposo, tornerà di nuovo all’opera. “Un mestiere duro, pieno di sacrifici e tutto per lavorare in perdita. In questo momento faccio davvero fatica a dire che sono fiero di essere italiano”, chiude amaramente.

Mah... Causa persa in partenza.
 

jurassic88

Nuovo Utente
Registrato
27 Gen 2017
Messaggi
12.001
Punti reazioni
374
Colpa sua
Doveva mettere i pannelli solari in strada.
 

magnamagna

Bonus guantini
Registrato
19 Giu 2013
Messaggi
36.000
Punti reazioni
533
Mah... Causa persa in partenza.

Infatti, anzi rischia un pignoramento se non paga una cifra così alta come quella.
Al limite sembra contestabile una parte di costo relativa alla "gestione contatore" che è aumentata anche quella senza spiegazioni
 

Peppindor

Apparenzaedisincanto
Registrato
1 Gen 2008
Messaggi
15.023
Punti reazioni
703
Praticamente chiudono tutti, dal panificio all'artigiano di murano
 

magnamagna

Bonus guantini
Registrato
19 Giu 2013
Messaggi
36.000
Punti reazioni
533
Praticamente chiudono tutti, dal panificio all'artigiano di murano

A questo punto anche se chiudono si ritroveranno con pignoramenti dei fornitori energia a cui non pagheranno le ultime megabollette. Per quelle cifre si muovono a pignorare, non sono mica le bollettine di una volta
 

Expriviano

Nuovo Utente
Registrato
13 Ago 2009
Messaggi
36.600
Punti reazioni
985
Chissà con chi avranno fatto i contratti questi sveglioni.
Come minimo erano pure ultravax e greenpassisti. :D
 

ventvert

Nuovo Utente
Registrato
22 Gen 2002
Messaggi
4.638
Punti reazioni
268
Draghi ci sta liberando dalla schiavitù energetica del Cremlino dovremmo essere sollevati e contenti.

Non è ancora stato annunciato se preferiamo la schiavitù alle bollette esose?:rolleyes:
 

Peppindor

Apparenzaedisincanto
Registrato
1 Gen 2008
Messaggi
15.023
Punti reazioni
703
Draghi ci sta liberando dalla schiavitù energetica del Cremlino dovremmo essere sollevati e contenti.

Non è ancora stato annunciato se preferiamo la schiavitù alle bollette esose?:rolleyes:

Mi piacerebbe passare giusto una mezzoretta nel 2030 e poi tornare per raccontarvi quattro cose.
 

carpen

Nuovo Utente
Registrato
29 Mar 2012
Messaggi
21.661
Punti reazioni
1.343
Mi dispiace per questo artigiano panettiere, spero che la causa la vinca non fra 20 anni, adesso lor signori i bollettari pazzi dovranno dimostrare in tribunale la giustezza del rincaro, che se hanno esagerato dovranno pagare i danni, mica si può strozzare la gente, da non dimenticare che la distribuzione di energia é un servizio pubblico di estrema importanza, minimo avrebbero dovuto avvisare dell'aumento del 700%, mica spari fuori le bollette alla membro di segugio eh.

Se ai miei clienti spedissi fatture con prezzi non concordati preventivamente e per scritto mica me le pagherebbero e cambierebbero fornitore.

A quelli che: doveva mettere i pannelli solari... questo stava ancora pagando le rate dei macchinari, stava in affitto e il tetto mica era suo, per giunta i forni per cuocere il pane lavorano di notte quando c'è un sole che spacca i sassi. :D
 

Peppindor

Apparenzaedisincanto
Registrato
1 Gen 2008
Messaggi
15.023
Punti reazioni
703
Lunga vita a questo fornaio e che la fortuna si accorga di lui, adesso.