Un fotovoltaico non comparabile

P.o.r.c.a.c.c.i.a!

Messo ordine sul minimo odierno ma è rimasto ineseguito! KO!KO!KO!

Peccato! :cool:

BW a tutti! :bow::bow::bow::bow:
 
fin quando questa media mobile sul settimanale è sotto i prezzi io sto dentro
 

Allegati

  • Clipboard01.jpg
    Clipboard01.jpg
    39,8 KB · Visite: 236
fin quando questa media mobile sul settimanale è sotto i prezzi io sto dentro

Ciao Pol, io ho fatto una toccata e fuga da poco sotto i 0,68 a poco sopra i 0,7, ma secondo te quale puo' essere il supporto rotto il quale negherebbe il possibile strappo? 0,65/66 o piu' sotto:confused:
 
memo...

questo è un titolo per cassettisti...
e se poi raddoppia entro qualche mese,
ancora meglio.
 

Allegati

  • dividendi beghelli.jpg
    dividendi beghelli.jpg
    38 KB · Visite: 230
questo è un titolo per cassettisti...
e se poi raddoppia entro qualche mese,
ancora meglio.

alla quotazione di oggi il dividendo e' = al 3% lordo cavolo!!!!!!:eek::eek:

se vuoi vedere raddoppiato il capitale prendi mondo he o inv e sviluppo...se invece punti sugli stacchi del div....ma come fa uno a prendere beghelli???
spero per te che tu abbia ragione codam ma sono un tantino perplesso....
scusate se mi sono permesso me ne torno da dove sono venuto ciao e buon gain!OK!
 
alla quotazione di oggi il dividendo e' = al 3% lordo cavolo!!!!!!:eek::eek:
se vuoi vedere raddoppiato il capitale prendi mondo he o inv e sviluppo...se invece punti sugli stacchi del div....ma come fa uno a prendere beghelli??? spero per te che tu abbia ragione codam ma sono un tantino perplesso....
scusate se mi sono permesso me ne torno da dove sono venuto ciao e buon gain!OK!

vedremo cosa ci riserva il futuro...
 

Allegati

  • futuro incerto.jpg
    futuro incerto.jpg
    10,1 KB · Visite: 200
ciao codam sei proprio innamorato di sto titolo...
giuro se la prox week vendono pinin al mio tp me compro 10000 pezzi di beghelli....così diventiamo soci!OK!
 
Da 0,7285 l'hanno fatta andare a 0,71. E' un vero schi..... Ma con il petrolio alle stelle, Beghelli la spunterà alla stragrande.
 
sono entrato sul titolo è già sta ripiegando... passate a molmed che è meglio io dovrò restare ora x un po' almeno anche qui...:wall::wall:
 
Da 0,7285 l'hanno fatta andare a 0,71. E' un vero schi..... Ma con il petrolio alle stelle, Beghelli la spunterà alla stragrande.

I ragazzoni stanno comprando a piene mani...........e sanno comprare.....
 

Allegati

  • accumulaz.jpg
    accumulaz.jpg
    17,5 KB · Visite: 399
  • TempoalTempo.jpg
    TempoalTempo.jpg
    27,7 KB · Visite: 401
Mancano pochi giorni all’esordio...

Mancano pochi giorni all’esordio della 61esima edizione del Festival di Sanremo, su Raiuno dal 15 al 19 febbraio. Ed è il momento di fare un po’ di conti in tasca alla kermesse e svelarne il lato nascosto: i prezzi di spot e telepromozioni che si abbatteranno sui nostri teleschermi nelle cinque serate televisive.
Le prime sorprese del festival milionario cominciano dagli sponsor. La kermesse, che celebra con una serata speciale i 150 anni dell’Unità d’Italia, ha due sponsor stranieri: la tedesca Volkswagen e l’americana Procter & Gamble, che si affiancano a Eni e Beghelli. ... ...
Conti in tasca al Festival di Sanremo: spot e telepromozioni, affari milionari - Cultura e societa - Panorama.it
 

Allegati

  • sanremo-festival-scenografia-large.jpg
    sanremo-festival-scenografia-large.jpg
    51,4 KB · Visite: 302
gli incentivi non potranno che essere confermati

RINNOVABILI:PRESTIGIACOMO, NON CE' TETTO 8.000MW
18:13 01 MAR 2011
(AGI) - Brindisi, 1 mar. - "Noi rispetteremo l'impegno europeo al 2020 di arrivare ad una percentuale del 17% di energia prodotta da fonti rinnovabili": lo ha detto il Ministro dell'Ambiente Stefania Prestigiacomo, conversando con i giornalisti aggiungendo che "non c'e' un tetto degli 8000 Megawatt cosi' come abbiamo letto sui giornali, l'Italia, dopo il famoso pacchetto 20-20, dire all'Europa come intendeva rispettare questo 17% e si e' data un programma che ha suddiviso per obiettivi le varie fonti rinnovabili. Indicammo allora 8.000 megawatt come obiettivi per il fotovoltaico ma e' un obiettivo che ci siamo dati noi e non e' un obbligo di legge, non costituisce un tetto". Il Ministro ha precisato che "sono ancora in corso riunioni tra il Ministero dello Sviluppo Economico e il Ministero dell'Ambiente per mettere a punto un testo che sia assolutamente condiviso e che non vada nella direzione di quanto oggi abbiamo letto sulla stampa che supera le reali intenzioni, tanto del ministro Romani quanto in generale del Governo". Quindi, ha aggiunto: "Effettivamente in questo anno abbiamo verificato un forte incremento del fotovoltaico mentre invece si e' praticamente fermato l'eolico e quindi e' necessario da parte del governo italiano rivedere questa strategia e gli incentivi non potranno che essere confermati fermo restando che questi giustificavano col fatto che questa tipologia di fonti rinnovabili non era competitiva sul mercato per i costi, via via che si va avanti con la tecnologia e' ovvio che questi incentivi devono diminuire e che le fonti rinnovabili si devono misurare sul mercato cosi' come le altre tipologie di energia prodotte da fonti diverse. Posso confermare che il provvedimento del governo andra' in questa direzione e non smentira' l'impegno a favore delle fonti rinnovabili come oggi abbiamo anche ripetuto quello che si deve fare e' investire su tutte le filiere che consentiranno la riduzione della CO2 perche' questo e' il nostro obiettivo, lo dovremo fare con un mix energetico, che vedra' purtroppo ancora lungo presenti le fonti fossili, con tecnologie che garantiscano emissioni zero, ma anche investendo sulle fonti rinnovabili e quindi senza fermare una spinta verso un settore che ha anche promosso molti posti di lavoro e sviluppato attivita' produttive". (AGI) .
AGI News On - RINNOVABILI: PRESTIGIACOMO, NON CE' TETTO DI 8. 000 MW
 
BYD a Ginevra due nuove vetture elettriche...

Casa automobilistica cinese BYD, con due auto elettriche a Ginevra Mar 2, 2011, 03:06 GMT
Ginevra - La casa automobilistica cinese BYD sta per svelare al Salone di Ginevra due nuove vetture elettriche destinati al mercato europeo con l'eco-E6 e la Sports Utility Vehicle (SUV), la S6DM.
I cinque posti crossover e6-Eco è dotato di una unità BYD batteria Fe che si dice abbia una gamma di 300 chilometri nel traffico cittadino e che hanno bisogno solo 40 minuti per una ricarica.
Il S6DM BYD ha montati sull'asse anteriore un motore elettrico da 10 kW che lavorano in combinazione con un cambio a sei marce. A 75 kW motore elettrico è montato sull'asse posteriore. Nella modalità elettrica l'automobile è elencato con una gamma di 60 chilometri, dopo che un motore a benzina da due litri calci nel di aumentare la portata ad un totale di 495 chilometri.
Inoltre BYD è in mostra una versione riveduta della minicar F3DM dotato di una batteria Fe e un motore a benzina da un litro. La vettura ha un pannello solare sul tetto che ricarica anche la batteria. Nella modalità elettrica l'auto ha una gamma di 60 chilometri e in combinazione con il motore, 500 chilometri. La velocità massima è di 150 km / h.
Chinese car maker BYD with two electric cars in Geneva - Monsters and Critics
 
29-07-10, 19:07 #748 (permalink)
balboni50
Member


Data registrazione: Apr 2008
Messaggi: 1,040
Inserimenti nel blog: 2
Popolarità: 11287100
Citazione:
Originalmente inviato da Rupert05
il 26 agosto 2010

POSSIAMO ANDARE IN FERIE
Questa e' la prima trimestrale
martedì, 11 maggio 2010 - 13:14
Il gruppo Beghelli (Milano: BE.MI - notizie) ha terminato i primi tre mesi del 2010 con un giro d'affari in progresso del 20,8% a 41,9 milioni di euro rispetto ai 34,7 milioni dell'analogo periodo 2009. L'utile netto è invece salito a quota 1 milione, in significativa crescita rispetto ai 34 mila euro al 31 marzo 2009. Il margine operativo lordo è aumentato a 3,9 milioni (+16,3%), mentre il risultato operativo consolidato è stato pari a 1,8 milioni (+60,6%).

Anche oggi sopra 100.000 pezzi 130.000....
Me la tengo long fino al prossimo Aprile...

Mio post del 26 Agosto.....

In un post recente avevo previsto che quei ragazzi sanno comprare senza far salire....in effetti accumulano in maniera intelligente......scaldano fino a 0,72..e raffreddano fino a 0,68.....

Aprile si sta avvicinando........
 

Allegati

  • TempoalTempo.jpg
    TempoalTempo.jpg
    27,7 KB · Visite: 143
Scompare il tetto degli 8.000 Mw agli aiuti al fotovoltaico

Decreto rinnovabili, salta il tetto degli 8 mila megawatt. Incentivi ridotti da giugno. 3 marzo 2011
Scompare il tetto degli 8.000 Mw agli aiuti al fotovoltaico dal testo del decreto legislativo sulle rinnovabili. Un testo, quello approvato oggi dal Consiglio del Ministri, composto di 43 articoli, divisi in nove titoli, e di quattro allegati ‘tecnici’. L’attuale regime di incentivi al fotovoltaico restera’ in vigore fino a fine maggio mentre da giugno partira’ un nuovo regime di aiuti. Lo stabilisce il decreto approvato oggi dal Consiglio dei Ministri, nel quale si legge che le disposizioni attualmente in vigore ‘’si applicano alla produzione di energia elettrica da impianti solari fotovoltaici per i quali l’allacciamento alla rete elettrica abbia luogo entro il 31 maggio 2011”. Per il nuovo periodo dovra’ essere determinata la previsione della produzione di rinnovabili e l’entita’ degli incentivi sulla base del mercato. Un sistema che andra’ verso una progressiva riduzione degli incentivi. In particolare, nel decreto di giugno si fisseranno i seguenti principi: ”Determinazione di un limite annuale di potenza elettrica cumulativa degli impianti fotovoltaici che possono ottenere le tariffe incentivanti; determinazione delle tariffe incentivanti tenuto conto della riduzione dei costi delle tecnologie e dei costi di impianto e degli incentivi applicati negli Stati membri dell’Unione europea; previsione di tariffe incentivanti e di quote differenziate sulla base della natura dell’area di sedime”Sui terreni agricoli sara’ possibile produrre al massimo 1 MW di energia fotovoltaica e utilizzare per gli impianti di produzione non piu’ del 10% del terreno coltivabile.

Arriva l’obbligo del 50% di energia ‘verde’ per i consumi di acqua calda sanitaria, riscaldamento e ‘raffrescamento’ per le abitazioni italiane entro il 2017. Lo stabilisce l’articolo 9, che sottolinea come ”i progetti di nuova costruzione ed i progetti di ristrutturazioni rilevanti degli edifici esistenti prevedono l’utilizzo di fonti rinnovabili per la copertura dei consumi di calore, di elettricita’ e per il raffrescamento”. Nella parte degli allegati, viene poi spiegato che gli impianti di produzione di energia termica ”devono essere realizzati in modo da garantire il contemporaneo rispetto della copertura del 50% dei consumi previsti per l’acqua calda sanitaria e delle seguenti percentuali della somma dei consumi previsti per l’acqua calda sanitaria, il riscaldamento e il raffrescamento: a) il 20% quando la richiesta del pertinente titolo edilizio e’ presentata dal 31 maggio 2012 al 31 dicembre 2013; b) il 35% quando la richiesta del pertinente titolo edilizio e’ presentata dal 1 gennaio 2014 al 31 dicembre 2016; c) il 50% quando la richiesta del pertinente titolo edilizio e’ rilasciato dal 1 gennaio 2017”. In particolare, tali obblighi, spiega il testo, ”non possono essere assolti tramite impianti da fonti rinnovabili che producano esclusivamente energia elettrica la quale alimenti, a sua volta, impianti per la produzione di acqua calda sanitaria, il riscaldamento e il raffrescamento”. Il mancato rispetto di tali obblighi, sottolinea il decreto, ”comporta il diniego del rilascio del titolo edilizio”.
Rinnovabili, Cdm: da giugno nuovo regime di incentivi al fv - zeroEmisssion News
 
Ultima modifica:
Indietro