Una puntata di report vale 100 Befera...

rainbowdandy

Milanista Ragionier Commercialista...
Registrato
29/9/07
Messaggi
93.828
Punti reazioni
4.109
Forza Artiglio continua a darci dentro contro gli idraulici...
 
Forza Artiglio continua a darci dentro contro gli idraulici...

Ovviamente in UK e Francia, Amazon era già sotto indagine da tempo anche senza Report.

Da noi invece il problema è lo scontrino del gelataio con il carretto :D Sono certamente i gelatai che fanno i centomilamiliardi di evasione ;)
 
Ovviamente in UK e Francia, Amazon era già sotto indagine da tempo anche senza Report.

Da noi invece il problema è lo scontrino del gelataio con il carretto :D Sono certamente i gelatai che fanno i centomilamiliardi di evasione ;)

ai fratelli compagni Bersandola e al loro braccio armato Befera non interessano le banche e le multinazionali loro vogliono massacrare gli autonomi ed espropriare i cittadini per fare campo libero ai grossi.
 
Ovviamente in UK e Francia, Amazon era già sotto indagine da tempo anche senza Report.

Da noi invece il problema è lo scontrino del gelataio con il carretto :D Sono certamente i gelatai che fanno i centomilamiliardi di evasione ;)

Di cosa hanno parlato?
Dei grossi gruppi che evadono?
 
Di cosa hanno parlato?
Dei grossi gruppi che evadono?

Si delle multinazionali che si spostano i profitti verso i paesi dove le tasse sono minori. Cose su cui gli 007 del fisco USA, UK e dei paesi seri lavorano giorno e notte....meno i nostri :D
 
Si delle multinazionali che si spostano i profitti verso i paesi dove le tasse sono minori. Cose su cui gli 007 del fisco USA, UK e dei paesi seri lavorano giorno e notte....meno i nostri :D

:clap:
 
Hanno parlato anche di tangenti..dell'utri berlusconi
sul gas russo...dalla gazprom
 
amazon.
Non paga una cippa.

Mr. Ikea: 30 miliardi di patrimonio e 150mila euro di tasse all'anno.

LUGANO, SVIZZERA - 150mila euro l'anno di tasse vi sembrano uno sproposito? Lo sarebbero certamente per il 99% dei redditi dei cittadini europei. Riproponiamo la domanda, aggiungendo un dettaglio: avendo un patrimonio di circa 30 miliardi di euro, 150mila euro l'anno di tasse vi sembrano uno sproposito? Siamo certi che la domanda posta in questo modo conduce a ben altre risposte. I numeri usati qui sopra, però, non sono stati presi a caso: 30 miliardi di euro (circa 36 di franchi svizzeri) è il patrimonio del "papà" di Ikea, l'86enne Ingvar Kamprad, e 150mila euro è quanto versa annualmente in tasse allo stato elvetico.


La Svizzera risulta essere estremamente lusinghiera con i "paperoni" del globo: le imposte irrisorie sono il miglior biglietto da visita da presentare ai ricchi del globo in fuga dal fisco. Nella cittadina di Epalinges (8mila abitanti), nel Canton Vaud, Ingvar Kamprad ha la residenza da quasi 40 anni: dal 1976 il papà di Ikea continua questa squallida messa in scena con il fisco svizzero. Il facoltoso svedese non compare nemmeno nella lista dei 15 contribuenti più facoltosi del piccolo comune.


Mr. Ikea: 30 miliardi di patrimonio e 150mila euro di tasse all'anno - International Business Times
 
Si delle multinazionali che si spostano i profitti verso i paesi dove le tasse sono minori. Cose su cui gli 007 del fisco USA, UK e dei paesi seri lavorano giorno e notte....meno i nostri :D

Ho la serie convinzione che i fantomatici 120/130 miliardi di evasioni annui in Italia (calcolo sulla base di stime che lasciano il piu' delle volte il tempo che trovano ) nella realta' inglobano un sana percentuale di tasse non pagate dalle aziende e multinazionali su citate in questo 3D.

Siete d'accordo su questo ?
E se si, in che misura sarebbero suddivisibili questi 120/130 miliardi ?
 
Si delle multinazionali che si spostano i profitti verso i paesi dove le tasse sono minori. Cose su cui gli 007 del fisco USA, UK e dei paesi seri lavorano giorno e notte....meno i nostri :D
:Di nostri 007 vanno in vacanza a cortina per verbalizzare qualche auto sw di turista con la famigliola mentre i grandi imprenditori evasori sono in vacanza alle maldive in compagnia dei politici (anche quest'anno a natale non cambiare stessa spiaggia e stesso mare per la combricola:D)
 
Ho la serie convinzione che i fantomatici 120/130 miliardi di evasioni annui in Italia (calcolo sulla base di stime che lasciano il piu' delle volte il tempo che trovano ) nella realta' inglobano un sana percentuale di tasse non pagate dalle aziende e multinazionali su citate in questo 3D.

Siete d'accordo su questo ?
E se si, in che misura sarebbero suddivisibili questi 120/130 miliardi ?

http://www.finanzaonline.com/forum/arena-politica/1380699-evasione-fiscale-300-miliardi-allanno.html
 
:Di nostri 007 vanno in vacanza a cortina per verbalizzare qualche auto sw di turista con la famigliola mentre i grandi imprenditori evasori sono in vacanza alle maldive in compagnia dei politici (anche quest'anno a natale non cambiare stessa spiaggia e stesso mare per la combricola:D)

intanto rovinano il mercato nazionale del turismo e fanno perdere posti di lavoro mentre dove c'e' da andare giù con la clava sono non pervenuti.
Certo perchè è più facile usare il redditomentro con l'onere della prova invertito che mettersi contro Amazon che ha un pool di legali che ti fanno in 2 mentre il povero suddito lo bastoni come caz-zo vuoi...
 
Mr. Ikea: 30 miliardi di patrimonio e 150mila euro di tasse all'anno.

LUGANO, SVIZZERA - 150mila euro l'anno di tasse vi sembrano uno sproposito? Lo sarebbero certamente per il 99% dei redditi dei cittadini europei. Riproponiamo la domanda, aggiungendo un dettaglio: avendo un patrimonio di circa 30 miliardi di euro, 150mila euro l'anno di tasse vi sembrano uno sproposito? Siamo certi che la domanda posta in questo modo conduce a ben altre risposte. I numeri usati qui sopra, però, non sono stati presi a caso: 30 miliardi di euro (circa 36 di franchi svizzeri) è il patrimonio del "papà" di Ikea, l'86enne Ingvar Kamprad, e 150mila euro è quanto versa annualmente in tasse allo stato elvetico.


La Svizzera risulta essere estremamente lusinghiera con i "paperoni" del globo: le imposte irrisorie sono il miglior biglietto da visita da presentare ai ricchi del globo in fuga dal fisco. Nella cittadina di Epalinges (8mila abitanti), nel Canton Vaud, Ingvar Kamprad ha la residenza da quasi 40 anni: dal 1976 il papà di Ikea continua questa squallida messa in scena con il fisco svizzero. Il facoltoso svedese non compare nemmeno nella lista dei 15 contribuenti più facoltosi del piccolo comune.


Mr. Ikea: 30 miliardi di patrimonio e 150mila euro di tasse all'anno - International Business Times

è un argomento, quello dell'offshore esentasse che ancora non risuona nei cervelli del "popolo" per intenderci. La massaia, illusa di fare affari a minor prezzo, non sa che presto si scatenerà una feroce dipendenza da grossi magazzini.
Lavoro per un'azienda di vernici per legno (ricordiamo che l'arredamento è un settore di punta per il nostro paese) e sentire rappresentanti e dipendenti dare merito ad un "magazzino" del genere è preoccupante

Di pensare al fatto che questi colossi in mano a 4 "ebrei" distruggono le economie locali con una palese concorrenza sleale nemmeno l'ombra. Anzi pensano che la cucina Ikea da 1500euro gli renda la vita facile. Contadini.
 
intanto rovinano il mercato nazionale del turismo e fanno perdere posti di lavoro mentre dove c'e' da andare giù con la clava sono non pervenuti.
Certo perchè è più facile usare il redditomentro con l'onere della prova invertito che mettersi contro Amazon che ha un pool di legali che ti fanno in 2 mentre il povero suddito lo bastoni come caz-zo vuoi...

il mercato nazionale del turismo è sostenuto da cinesi,arabi e russi.
Un esempio per tutti è la Sardegna:il turismo nostrano sta abbandonando la Sardegna per i costi esorbitanti che una famiglia in auto deve sorbaccarsi per il traghetto. Costa meno arrivare in Corsica e traghettare da Bonifacio ad esempio. Addirittura se non fosse per l'auto costerebbe meno l'aereo.:wall:
 
Indietro