usufrutto

  • Ecco la 68° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    La settimana è stata all’insegna degli acquisti per i principali listini internazionali. Gli indici americani S&P 500, Nasdaq e Dow Jones hanno aggiornato i massimi storici dopo i dati americani sui prezzi al consumo di mercoledì, che hanno evidenziato una discesa in linea con le aspettative, con l’inflazione headline al 3,4% e l’indice al 3,6% annuo, allentando i timori per un’inflazione persistente. Anche le vendite al dettaglio Usa sono rimaste invariate su base mensile, suggerendo un raffreddamento dei consumi che hanno fin qui sostenuto i prezzi. Questi dati, dunque, rafforzano complessivamente le possibilità di un taglio dei tassi a settembre da parte della Fed (le scommesse del mercato sono ora per due tagli nel 2024). Per continuare a leggere visita il link

  • Due nuove obbligazioni Societe Generale, in Euro e in Dollaro USA

    Societe Generale porta sul segmento Bond-X (EuroTLX) di Borsa Italiana due obbligazioni, una in EUR e una in USD, a tasso fisso decrescente con durata massima di 15 anni e possibilità di rimborso anticipato annuale a discrezione dell’Emittente.

    Per continuare a leggere visita questo LINK

guadagnone

Utente Registrato
Sospeso dallo Staff
Registrato
30/8/10
Messaggi
694
Punti reazioni
23
Mi è capitato un possibile affare, acquistare una villetta gravata dal 50% di usufrutto, prezzo interessante, l'usufruttuario ha 87 anni e lo sconto è del 40% sul prezzo di mercato.
Certo che se la vecchietta ha il 50% di usufrutto solamento io avrei diritto a
qualcosa:

- Alle chiavi di casa
- Un 1/2 affitto
- una parte della casa

C'è qualcuno che mi possa aiutare a capire ?:mmmm:
Forse porchetto?:yes:
 
Mi è capitato un possibile affare, acquistare una villetta gravata dal 50% di usufrutto, prezzo interessante, l'usufruttuario ha 87 anni e lo sconto è del 40% sul prezzo di mercato.
Certo che se la vecchietta ha il 50% di usufrutto solamento io avrei diritto a
qualcosa:

- Alle chiavi di casa
- Un 1/2 affitto
- una parte della casa

C'è qualcuno che mi possa aiutare a capire ?:mmmm:
Forse porchetto?:yes:

Puoi specificare meglio?

Si tratta di nuda proprietà + 50% usufrutto? :mmmm::mmmm:

Comunque, credo anche claudio123 può dirti qualcosa a riguardo
 
Puoi specificare meglio?

Si tratta di nuda proprietà + 50% usufrutto? :mmmm::mmmm:

Comunque, credo anche claudio123 può dirti qualcosa a riguardo


Se vuoi è così, certo non mi metterei a fare guerra alla vecchietta, però mi interessa capire, capire i miei eventuali diritti se eventualmete ci fossero complicazioni.
:o
 
Se vuoi è così, certo non mi metterei a fare guerra alla vecchietta, però mi interessa capire, capire i miei eventuali diritti se eventualmete ci fossero complicazioni.
:o

puoi sempre chiederle la mano :o
 
Primo punto: non è uno sconto. La cosa che cerco sempre di spiegare è che lo sconto va chiesto comunque sul valore di mercato, come se fosse libero. Secondo pto applichi le tabelle delle percentuali relative all'età.
 
Puoi specificare meglio?

Si tratta di nuda proprietà + 50% usufrutto? :mmmm::mmmm:

Comunque, credo anche claudio123 può dirti qualcosa a riguardo

A me non e' mai capitato, ricordo se non sbaglio che Falco d'Oro aveva fatto di recente una operazione quasi simile. Dovrebbe essere piu' informato
 
A me non e' mai capitato, ricordo se non sbaglio che Falco d'Oro aveva fatto di recente una operazione quasi simile. Dovrebbe essere piu' informato

Mi riferivo al discorso nuda proprietà/usufrutto. Vabbè.... se riconosci di non sapere cosa rispondere vuol dire che mi ero sbagliato :)
 
sono stato evocato e quindi rispondo, fa molto piacere vedere la stima degli amici ancora presenti su FOl, ed è un vero piacere rispondere. Adesso scrivo di più in un altro luogo ma se vengo chiamato torno, purtroppo sapete le polemiche che ci sono state in passato e non voglio rinfocolarle. ma come vedete se mi si cerca mi si trova facilmente. L'obiettivo è quello di avere un forum nel quale i contributori o forumisti siano effettivamente padroni e non soggetti a bananture.


Allora caro Guadagnone, fai molta attenzione al diritto reale della vecchietta perchè se è un diritto di abitazione (vedova del proprietario di casa) tu non hai diritto a nulla, se invece è un usufrutto per un 50% avresti senz'altro diritto ad un'indennità del 50% del valore locativo dell'immobile.

Verifica il diritto reale sulla perizia ma non ti fermare li se possibile leggi l'atto di provenienza e controlla l'effettivo diritto reale pervenuto alla vecchietta.

se hai qualche dubbio scrivi pure
 
Ma perchè non torni?

L'esperienza al servizio di tutti è una cosa bellissima.

Porchetto for president ;)
 
sono stato evocato e quindi rispondo, fa molto piacere vedere la stima degli amici ancora presenti su FOl, ed è un vero piacere rispondere. Adesso scrivo di più in un altro luogo ma se vengo chiamato torno, purtroppo sapete le polemiche che ci sono state in passato e non voglio rinfocolarle. ma come vedete se mi si cerca mi si trova facilmente. L'obiettivo è quello di avere un forum nel quale i contributori o forumisti siano effettivamente padroni e non soggetti a bananture.


Allora caro Guadagnone, fai molta attenzione al diritto reale della vecchietta perchè se è un diritto di abitazione (vedova del proprietario di casa) tu non hai diritto a nulla, se invece è un usufrutto per un 50% avresti senz'altro diritto ad un'indennità del 50% del valore locativo dell'immobile.

Verifica il diritto reale sulla perizia ma non ti fermare li se possibile leggi l'atto di provenienza e controlla l'effettivo diritto reale pervenuto alla vecchietta.

se hai qualche dubbio scrivi pure


Mi sono procurato l'atto costitutivo, nel 1973 il marito si è presentato da solo
e ha acquistato il 100% dell'usufrutto e il figlio la nuda proprietà adesso
all'asta.
Mi sono consultato con un avvocato on line a pagamento e secondo lui la moglie anche se in comunione dei beni alla morte del marito(deceduto 2 anni fa) adesso non ha più nessun diritto !!!:mmmm:
L'usufrutto anche se caduto in comunione sarebbe legato alla vita di
chi lo ha acquistato
Se fosse così acquisterei una nuda proprietà e mi ritroverei la piena proprietà!!!!
Ma può essere possibile questo???
Possibile che il tribunale e il perito possano aver commesso un errore simile!!
Che ne pensate:mmmm:
 
L'avvocato ha anche ironizzato sui tribunale, era allibito e non credeva a quello che dicevo poi gli ho inviato la documentazione e ha duvuto ricredersi:o
 
L'usufrutto è legato alla persona dell'usufruttuario e può essere, dunque, al massimo vitalizio; il diritto si estingue con la morte dell'usufruttuario ed il nudo proprietario si vede "riespandere" il suo diritto di proprietà. Nel tuo caso mi pare che le cose stiano più o meno così:
-il marito acquista il diritto di usufrutto ed essendo in regime di comunione legale con la moglie, di fatto, il diritto acquisito va anche a profitto di ques'ultima;
-morto il marito il diritto di usufrutto si estingue, è vero che il diritto era oggetto della comunione ma questo è legato alla vita del suo acquirente, il marito ora defunto, dunque la moglie non può avanzare alcun diritto sulla casa, nemmeno un diritto di abitazione (diverso il caso in cui fosse morta la moglie: la sua "quota" del diritto, e questa è l'opinione più diffusa di dottrina e giurisprudenza, sarebbe caduta in successione, altri sostengono la teoria dell'accresciemento a favore dell'altro coniuge [salvo che il diritto sia stato costituito proprio con tale previsione a favore del coniuge più longevo]);
-il figlio ha acquistato la piena proprietà dell'immobile alla morte del padre, tu stai andando ad acquistare dunque un diritto pieno.
Questa è la mia visione della faccenda, se ho detto boiate chiedo venia :D
 
Mi sono procurato l'atto costitutivo, nel 1973 il marito si è presentato da solo
e ha acquistato il 100% dell'usufrutto e il figlio la nuda proprietà adesso
all'asta.
Mi sono consultato con un avvocato on line a pagamento e secondo lui la moglie anche se in comunione dei beni alla morte del marito(deceduto 2 anni fa) adesso non ha più nessun diritto !!!:mmmm:
L'usufrutto anche se caduto in comunione sarebbe legato alla vita di
chi lo ha acquistato
Se fosse così acquisterei una nuda proprietà e mi ritroverei la piena proprietà!!!!
Ma può essere possibile questo???
Possibile che il tribunale e il perito possano aver commesso un errore simile!!
Che ne pensate:mmmm:

l'errore è stato commesso dal perito, non esprimiamoci sulla professionalità dei ctu di tribunale, che non vengono per principio mai smentiti dai giudici, ma questa è la giustizia italiana.

l'altro somaro è il notaio che ha rogitato l'atto di provenienza, questo fa capire che un notaio non vale l'altro, doveva tradurre l'intenzione di tutela dei vecchietti in questa proprietà, probabilmente il marito voleva che l'usufrutto rimanesse in capo ai genitori, che propabilmente hanno pagato la casa, e solo alla morte di entrambi passasse al figlio scapestrato (del resto era in comunione dei beni). Per tradurre questo in un negozio giuridico avrebbe dovuto intestare ad entrambi genitori l'usufrutto e quindi esplicitamente prevedere il diritto di accrescimento. Non basta l'usufrutto per metà quota senza diritto di accrescimento alla morte di uno dei due genitori l'usufrutto si riduce. andrebbero spulciate le aste delle nude proprietà, si possono trovare delle occasioni come quella trovata dall'amico Guadagnone OK!


Ringrazio di nuovo della stima che mi accordate è una grande gratificazione per me, sicuramente non voglio rinunciare a scrivere, i forum sono un pò il mio bar dove passo a trovare gli amici.

Sto riguardando i miei appunti e con l'aiuto di un paio di amici che scrivono con grande competenza ed abnegazione anche nella sezione immobiliare del FO,L sto sviluppando il progetto di un educational sull'investimento immobiliare, speculativo (trading) e non speculativo (mirato sulla rendita),
un progetto aperto al contributo di tutti e soprattutto gratuito, girando in rete ho visto dei corsi su argomenti analoghi a 1399 € oltre IVA :D :p (2299 sempre oltre IVa il corso avanzato).

Per curiosità Guadagnone l'avvocato on line che parcella ti ha spiccato?, mi dispiace non averti risposto prima magari potevi risparmiare quei soldi.
 
Vi sarei veramente grato,:p:p:p questo progetto educational mi sembra molto interessante. thanks Brick
 
l'errore è stato commesso dal perito, non esprimiamoci sulla professionalità dei ctu di tribunale, che non vengono per principio mai smentiti dai giudici, ma questa è la giustizia italiana.

l'altro somaro è il notaio che ha rogitato l'atto di provenienza, questo fa capire che un notaio non vale l'altro, doveva tradurre l'intenzione di tutela dei vecchietti in questa proprietà, probabilmente il marito voleva che l'usufrutto rimanesse in capo ai genitori, che propabilmente hanno pagato la casa, e solo alla morte di entrambi passasse al figlio scapestrato (del resto era in comunione dei beni). Per tradurre questo in un negozio giuridico avrebbe dovuto intestare ad entrambi genitori l'usufrutto e quindi esplicitamente prevedere il diritto di accrescimento. Non basta l'usufrutto per metà quota senza diritto di accrescimento alla morte di uno dei due genitori l'usufrutto si riduce. andrebbero spulciate le aste delle nude proprietà, si possono trovare delle occasioni come quella trovata dall'amico Guadagnone OK!


Ringrazio di nuovo della stima che mi accordate è una grande gratificazione per me, sicuramente non voglio rinunciare a scrivere, i forum sono un pò il mio bar dove passo a trovare gli amici.

Sto riguardando i miei appunti e con l'aiuto di un paio di amici che scrivono con grande competenza ed abnegazione anche nella sezione immobiliare del FO,L sto sviluppando il progetto di un educational sull'investimento immobiliare, speculativo (trading) e non speculativo (mirato sulla rendita),
un progetto aperto al contributo di tutti e soprattutto gratuito, girando in rete ho visto dei corsi su argomenti analoghi a 1399 € oltre IVA :D :p (2299 sempre oltre IVa il corso avanzato).

Per curiosità Guadagnone l'avvocato on line che parcella ti ha spiccato?, mi dispiace non averti risposto prima magari potevi risparmiare quei soldi.

:clap::clap::clap:
Porchetto, sei un grande
facci sapere il tuo progetto OK! ciao
 
l'errore è stato commesso dal perito, non esprimiamoci sulla professionalità dei ctu di tribunale, che non vengono per principio mai smentiti dai giudici, ma questa è la giustizia italiana.

l'altro somaro è il notaio che ha rogitato l'atto di provenienza, questo fa capire che un notaio non vale l'altro, doveva tradurre l'intenzione di tutela dei vecchietti in questa proprietà, probabilmente il marito voleva che l'usufrutto rimanesse in capo ai genitori, che propabilmente hanno pagato la casa, e solo alla morte di entrambi passasse al figlio scapestrato (del resto era in comunione dei beni). Per tradurre questo in un negozio giuridico avrebbe dovuto intestare ad entrambi genitori l'usufrutto e quindi esplicitamente prevedere il diritto di accrescimento. Non basta l'usufrutto per metà quota senza diritto di accrescimento alla morte di uno dei due genitori l'usufrutto si riduce. andrebbero spulciate le aste delle nude proprietà, si possono trovare delle occasioni come quella trovata dall'amico Guadagnone OK!


Ringrazio di nuovo della stima che mi accordate è una grande gratificazione per me, sicuramente non voglio rinunciare a scrivere, i forum sono un pò il mio bar dove passo a trovare gli amici.

Sto riguardando i miei appunti e con l'aiuto di un paio di amici che scrivono con grande competenza ed abnegazione anche nella sezione immobiliare del FO,L sto sviluppando il progetto di un educational sull'investimento immobiliare, speculativo (trading) e non speculativo (mirato sulla rendita),
un progetto aperto al contributo di tutti e soprattutto gratuito, girando in rete ho visto dei corsi su argomenti analoghi a 1399 € oltre IVA :D :p (2299 sempre oltre IVa il corso avanzato).

Per curiosità Guadagnone l'avvocato on line che parcella ti ha spiccato?, mi dispiace non averti risposto prima magari potevi risparmiare quei soldi.

m i è costato solo 30 €! salutoniOK!
 
Mi sono procurato l'atto costitutivo, nel 1973 il marito si è presentato da solo
e ha acquistato il 100% dell'usufrutto e il figlio la nuda proprietà adesso
all'asta.
Mi sono consultato con un avvocato on line a pagamento e secondo lui la moglie anche se in comunione dei beni alla morte del marito(deceduto 2 anni fa) adesso non ha più nessun diritto !!!:mmmm:
L'usufrutto anche se caduto in comunione sarebbe legato alla vita di
chi lo ha acquistato
Se fosse così acquisterei una nuda proprietà e mi ritroverei la piena proprietà!!!!
Ma può essere possibile questo???
Possibile che il tribunale e il perito possano aver commesso un errore simile!!
Che ne pensate:mmmm:

Hai la proprietà al 100%!

Peraltro, anche sul versante dei diritti reali, l’operatore del diritto si trova di fronte a
problematiche ancora irrisolte o, più precisamente, che danno luogo ad interpretazioni non
uniformi. Mi riferisco, innanzitutto, all’acquisto del diritto di usufrutto vitalizio da parte di un
solo coniuge in regime di comunione legale dei beni. La durata dell’usufrutto deve esser riferita al
più longevo dei due coniugi o, come a me sembra, alla vita del coniuge che è stato parte nell’atto ?
Coloro che ritengono esatta la prima interpretazione pongono un onere a carico del terzo di
verificare lo stato civile ed il regime patrimoniale dell’acquirente per evitare di trovarsi di fronte ad
una imprevedibile durata del diritto costituito. A mio giudizio, applicando il principio secondo cui
il coniuge estraneo all’atto non diventa parte dell’atto ma beneficia degli effetti incrementativi
prodotti dall’atto stesso, dovrebbe concludersi che il diritto si estende al coniuge estraneo con il
contenuto definitivamente fissato nell’atto costitutivo, contenuto che non può non riguardare anche
la durata del diritto stesso, con la conseguenza che, alla morte del coniuge che è stato parte dell’atto
si estingue anche il diritto di usufrutto vitalizio
 
Hai la proprietà al 100%!

Peraltro, anche sul versante dei diritti reali, l’operatore del diritto si trova di fronte a
problematiche ancora irrisolte o, più precisamente, che danno luogo ad interpretazioni non
uniformi. Mi riferisco, innanzitutto, all’acquisto del diritto di usufrutto vitalizio da parte di un
solo coniuge in regime di comunione legale dei beni. La durata dell’usufrutto deve esser riferita al
più longevo dei due coniugi o, come a me sembra, alla vita del coniuge che è stato parte nell’atto ?
Coloro che ritengono esatta la prima interpretazione pongono un onere a carico del terzo di
verificare lo stato civile ed il regime patrimoniale dell’acquirente per evitare di trovarsi di fronte ad
una imprevedibile durata del diritto costituito. A mio giudizio, applicando il principio secondo cui
il coniuge estraneo all’atto non diventa parte dell’atto ma beneficia degli effetti incrementativi
prodotti dall’atto stesso, dovrebbe concludersi che il diritto si estende al coniuge estraneo con il
contenuto definitivamente fissato nell’atto costitutivo, contenuto che non può non riguardare anche
la durata del diritto stesso, con la conseguenza che, alla morte del coniuge che è stato parte dell’atto
si estingue anche il diritto di usufrutto vitalizio

Grazie:bow:
 
Io non ho ben chiara una cosa (che esula leggermente dal quesito posto da guadagnone)...

Se due soggetti (di solito marito e moglie o conviventi) hanno l'usufrutto al 50% ciascuno (situazione classica) e uno dei due viene a mancare cosa succede? Il coniuge supersite resta con il suo 50% di usufrutto ed è tenuto ipoteticamente a versare metà del canone di locazione al nudo proprietario?
Oppure ha diritto finchè è in vita a restare nell'immobile senza versare nulla come se fosse usufruttuario al 100%?
 
Ultima modifica:
Indietro