Vaccino Covid [Treddo unico] Vol. 3

Chagans

BRIO...SCHIZZATO
Registrato
7/5/02
Messaggi
35.743
Punti reazioni
1.962
Covid: Pregliasco, quarta ondata senza tracciamento (Stampa)

ROMA (MF-DJ)--"Da aprile tutti i parametri ci dicono che la situazione epidemiologica e' in continuo miglioramento, ma non possiamo dimenticare che questo e' il risultato di mesi di sacrifici, chiusure e zone rosse. A forza di riaperture ora c'e' la possibilita' di un colpo di coda del virussqrt, una quarta ondata "ma con conseguenze minori grazie ai vaccini".
Lo afferma in un'intervista alla Stampa Fabrizio Pregliasco, ricercatore di Virologia all'Universita' Statale di Milano e direttore sanitario dell'Ospedale Galeazzi, che non e' preoccupato per i prossimi mesi, ma non se la sente neppure di dire che sia tutto finito. Il colpo di coda che non e' arrivato a maggio potrebbe presentarsi a giugno perche', spiega "in giro ci sono almeno 240.000 positivi accertati, che potrebbero essere anche il doppio. Mezzo milione di infetti continuano a rappresentare un pericolo per chi non e' ancora vaccinato e, in ogni caso, mantengono alta la catena dei contagi. Solo ieri ci sono stati 2.483 nuovi casi e si e' visto in Inghilterra che varianti e rallentamento della seconda dose possono complicare la situazionesqrt. Insomma, non e' finita "pero' grazie alla vaccinazione non ci saranno piu' tanti ricoveri e morti. Una differenza non da pocosqrt.
<<La vita all'aperto ci protegge dal virus piu' del previsto, ma pian piano il contagio si diffonde. Sarebbe importante in questa fase rilanciare il tracciamento per contrastare e monitorare meglio la diffusione del virussqrt, spiega. Per l'autunno "la vaccinazione a quel punto dovrebbe aver coperto gran parte della popolazione. Mentre ora che aumentano gli incontri e i contagi bisognerebbe fare piu' tamponi e vaccinare chiunque lo desideri, ripescando poi eventualmente chi e' rimasto indietro perche' si e' rifiutato o ha avuto paurasqrt, sottolinea.
Sull'immunita' di gregge il virologo afferma che "senza scendere sotto i 12 anni sara' irraggiungibile, ma ci si potra' avvicinare. Non e' cosi' importante pero', si tratta solo di un modello matematico. Il virus rimarra' endemico per almeno due o tre anni e cio' che contera' sara' rivaccinare le categorie a rischio per tenerle lontano dai guaisqrt mentre per gli altri "la praticita' suggerira' di non vaccinarli, cosi' come avviene per l'influenza. L'anno prossimo si coprira' solo chi ne avra' piu' bisogno e con vaccini aggiornati per tutte le variantisqrt, conclude.
pev

(END) Dow Jones Newswires
June 02, 2021 03:55 ET (07:55 GMT)
 

Chagans

BRIO...SCHIZZATO
Registrato
7/5/02
Messaggi
35.743
Punti reazioni
1.962
Open day a Bologna per il vaccino, 5mila persone in fila prima delle 8 e un chilometro di coda: alcuni hanno dormito fuori dalla Fiera

di F. Q. | 2 Giugno 2021


Si sono accampate già ieri notte, a decine, le persone desiderose di ricevere una dose di vaccino Johnson&Johnson al primo open day dell’Emilia-Romagna, all’hub della Fiera di Bologna. Stamattina alle otto, le persone in fila erano oltre cinquemila, in una lunga fila che arriva fino a via Stalingrado. Le dosi disponibili, all’inizio erano 1200, così l’Ausl ha deciso di aggiungerne altre 1200. La fila, che conta oltre cinquemila persone, attraversa tutta piazza della Costituzione, passando per via Aldo Moro, via Stalingrado e via Calzoni, per circa un chilometro di fila.
 

Chagans

BRIO...SCHIZZATO
Registrato
7/5/02
Messaggi
35.743
Punti reazioni
1.962
I raggi solari Uv-A e Uv-B uccidono il coronavirus in meno di un minuto

Un team di scienziati italiani ha misurato la capacità dei raggi solari nel disattivare il virus. L’immunologo Clerici: «Vaccini e raggi solari un mix vincente contro il Covid»

di Cristina Marrone


GettyImages-200394956-001-kKOC-U3270237414552XE-656x492@Corriere-Web-Sezioni.jpg



La combinazione fra le vaccinazioni che procedono a ritmo serrato e il sole della bella stagione «potrebbero rappresentare un mix vincente per battere il coronavirus» dice Mario Clerici, docente di immunologia dell’università degli Studi di Milano e direttore scientifico della Fondazione Don Gnocchi. Clerici è uno degli scienziati che più ha studiato la capacità dei raggi solari di uccidere i virus, tra cui Sars-CoV-2. Una nuova ricerca che ha coinvolto anche l’Istituto dei tumori e l’ospedale Sacco di Milano appena pubblicata in pre print (quindi non ancora revisionata) conclude che il tempo necessario ai raggi ultravioletti (UvA-UvB-UvC) per disattivare Sars -CoV-2 è di meno un minuto. Pochi secondi se il virus è presente in quantità moderate. «In spiaggia, con il riverbero dell’acqua, abbiamo visto che il tempo di disattivazione diminuisce ulteriormente del 20-30%» aggiunge Clerici. «L’anno scorso - spiega l’immunologo- abbiamo valutato l’effetto dei raggi Uv-C dimostrando la loro capacità di uccidere Sars-CoV-2 e ora vediamo che la stessa capacità virucida la possiamo attribuire anche ai raggi Uv-A e Uv-B che raggiungono la superficie terrestre »

I raggi ultravioletti

I raggi Uv-C, potenzialmente pericolosi per l’uomo non arrivano sulla Terra perché sono filtrati dallo strato di ozono e sono creati in modo artificiale con lampade speciali proprio per uccidere i virus. L’esperimento o è allora stato ripetuto con i raggi Uv-A (che rappresentano circa il 95% dei raggi ultravioletti, la loro irradiazione è costante e sono responsabili dell’invecchiamento cutaneo) e con i raggi Uv-B (che costituiscono il 5% dei raggi ultravioletti, sono presenti maggiormente tra aprile e ottobre e sono responsabili della tintarella). «Quello che è emerso è che Sars-CoV-2 viene ucciso anche da questi raggi ultravioletti in meno di un minuto» spiega Clerici. Le goccioline che possono essere quindi emesse da un eventuale soggetto positivo vengono colpite dai raggi solari e la carica virale è disattivata in pochissimo tempo. Al di là della spiaggia in estate, la scoperta potrebbe avere applicazioni pratiche? «Servono studi - chiarisce l’immunologo - ma con le dovute cautele (le lampade a raggi UvA e UvB sono considerate cancerogene, ndr) potrebbero essere montate in luoghi pubblici, magari accese a intermittenza senza colpire direttamente i presenti».

L’esperimento

Durante l’esperimento è stata presa una quantità di virus massimale, molto più alta di quella presente in soggetti malati di Covid. Poi è stata utilizzata una dose equivalente a quella presente nell’espettorato di un paziente Covid grave per vedere se poteva esserci una potenziale importanza clinica. Quindi sono state messe cellule polmonari in piastra irrorate con il virus. Il virus che era stato prima sottoposto attraverso lampade a raggi Uv-A o Uv-B non è stato in grado di infettare le cellule e ha ucciso il virus in una manciata di secondi, sempre entro il minuto.

La stagionalità del virus

Secondo gli autori dello studio «i risultati supportano il ruolo dell’irradiazione solare nella disinfezione virale delle superfici esterne e potrebbero quindi contribuire a spiegare la stagionalità di questo virus». Eppure la scorsa estate Arizona e California sono state colpite da un’ondata di Covid particolarmente aggressiva con migliaia di contagi e centinaia di morti. «Non sono solo i raggi ultravioletti a spiegare la stagionalità - commenta Clerici - ma ricordiamo che in quelle zone, proprio per il calore elevato, le persone vivono al chiuso in estate, con l’aria condizionata, e l’esposizione al sole è minima. Inoltre il fatto di non utilizzare la mascherina ha aiutato il virus a diffondersi». Allo stesso modo uno dei tanti motivi del boom in India nonostante il clima caldo potrebbe essere che le nuvole dei monsoni bloccano i raggi solari, e quindi l’epidemia è in espansione.

Nello studio precedente era già stata dimostrata la correlazione tra irraggiamento solare e epidemiologia di Covid-19. Il lavoro degli astrofisici dell’Istituto nazionale di astrofisica (Inaf) era stato raccogliere dati sulla quantità di raggi solari in 260 Paesi, dal 15 gennaio a fine maggio 2020. «La corrispondenza con l’andamento dell’epidemia di Sars-CoV-2 è risultata quasi perfetta: minore è la quantità di UvA e UvB, maggiore è il numero di infezioni - dice Clerici- e ora questo dato è confermato dal nuovo studio. Per cui se l’anno scorso l’estate è andata bene perché tanti raggi solari annientano il virus, quest’anno si aggiunge l’arma dei vaccini anti-Covid e c’è quindi possibilità di dare una importante frenata all’epidemia».

1 giugno 2021 (modifica il 2 giugno 2021 | 10:30)
 
Ultima modifica:

Chagans

BRIO...SCHIZZATO
Registrato
7/5/02
Messaggi
35.743
Punti reazioni
1.962
Covid: Canada, ok a vaccini diversi per prima e seconda dose

MILANO (MF-DJ)--Le autorita' sanitarie canadesi hanno affermato che i vaccini contro il Covid-19 autorizzati nel Paese sono intercambiabili, ovvero si possono somministrare sieri differenti per la prima e la seconda dose, una decisione in parte motivata dal rischio di problemi di coagulazione del sangue emersi, in alcuni casi, dopo la somministrazione del vaccino di AstraZeneca.
Consentire alle persone di ottenere un vaccino diverso per la loro seconda dose potrebbe anche aiutare il Canada a mantenere un ritmo accelerato di vaccinazione e raggiungere l'obiettivo di vaccinare completamente la maggior parte della popolazione entro la fine di settembre.
Alcune province canadesi, in particolare l'Ontario, hanno sospeso l'uso del vaccino di AstraZeneca per la prima dose a causa del rischio di effetti collaterali, mentre altre province si sono fermate a causa della mancanza di forniture. Il comitato consultivo nazionale canadese sull'immunizzazione ha affermato che i vaccini a Rna messaggero prodotti da Pfizer, in collaborazione con BioNTech, e da Moderna sono preferiti rispetto ai vaccini di AstraZeneca e Johnson&Johnson.
Il panel ha affermato ieri che, dopo aver esaminato le prove disponibili, era sicuro per le persone che hanno ricevuto una prima dose del vaccino di AstraZeneca potessero ricevere la seconda dose di un vaccino a mRNA, come quelli prodotti da Pfizer/BioNTech e Moderna. Alcuni Paesi europei, come Germania e Francia, consentono gia' alle persone di ricevere un vaccino diverso per la seconda dose. Anche i vaccini a mRNA possono essere mischiati, ha aggiunto il panel.
"Si prevede che la combinazione di diversi vaccini contro il Covid-19 che inducono una risposta immunitaria contro il coronavirus portera' a una robusta risposta immunitaria", ha affermato il comitato consultivo nella sua raccomandazione sulla miscelazione dei vaccini. Sebbene le sue raccomandazioni non siano vincolanti, tendono a essere seguite dalle province del Paese, che hanno la responsabilita' di fornire l'assistenza sanitaria.
Il gruppo di esperti ha affermato che, a causa del profilo di sicurezza del siero di AstraZeneca e del rischio di problemi di coagulazione del sangue, "offrire un prodotto alternativo con un profilo di sicurezza piu' accettabile e un profilo di immunogenicita' comparabile, consentendo agli individui di fare una scelta informata, e' eticamente giustificabile". L'Agenzia per la salute pubblica del Canada ha stimato che il tasso di problemi di coagulazione di sangue legati al vaccino di AstraZeneca in Canada e' di uno su 83.000 dosi somministrate.
Negli ultimi due mesi il Canada ha notevolmente aumentato la somministrazione dei vaccini contro il Covid-19, con quasi il 60% della popolazione che ha ricevuto almeno una dose contro il 14% dell'inizio di aprile. Tuttavia il Canada e' in ritardo rispetto al resto del mondo sviluppato in termini di quota della popolazione completamente vaccinata, che e' pari al 5%.
Oltre i due terzi delle dosi somministrate in Canada sono del siero di Pfizer/BioNTech e il Paese prevede di ricevere oltre due milioni di dosi a settimana a giugno e luglio. I funzionari canadesi affermano di aspettarsi milioni di dosi di Moderna e AstraZeneca questo mese.
Il panel ha affermato che il Canada prevede grandi forniture dei vaccini a mRna nei mesi estivi "che saranno sufficienti per somministrare la seconda dose a tutti i gruppi di eta' per i quali e' raccomandata l'immunizzazione". I funzionari canadesi hanno fissato la fine di settembre come data in cui sperano che la maggior parte della popolazione sara' completamente vaccinata.
cos

(END) Dow Jones Newswires
June 02, 2021 04:59 ET (08:59 GMT)
 

Chagans

BRIO...SCHIZZATO
Registrato
7/5/02
Messaggi
35.743
Punti reazioni
1.962
Da domani aperte le prenotazioni senza limiti di età.

Covid: Speranza, da domani tutti potranno prenotare vaccino

ROMA (MF-DJ)--"Da domani tutti potranno prenotare il vaccino antiCovid. Possiamo ancora accelerare la nostra campagna per superare questa stagione cosi' difficile".
Lo annuncia su Facebook il ministro della Salute, Roberto Speranza, augurando "buona festa della Repubblica a tutti".
pev

(END) Dow Jones Newswires
June 02, 2021 03:53 ET (07:53 GMT)
 

il Libertario

Contrarian
Registrato
27/8/09
Messaggi
16.013
Punti reazioni
719
Open day a Bologna per il vaccino, 5mila persone in fila prima delle 8 e un chilometro di coda: alcuni hanno dormito fuori dalla Fiera

di F. Q. | 2 Giugno 2021


Si sono accampate già ieri notte, a decine, le persone desiderose di ricevere una dose di vaccino Johnson&Johnson al primo open day dell’Emilia-Romagna, all’hub della Fiera di Bologna. Stamattina alle otto, le persone in fila erano oltre cinquemila, in una lunga fila che arriva fino a via Stalingrado. Le dosi disponibili, all’inizio erano 1200, così l’Ausl ha deciso di aggiungerne altre 1200. La fila, che conta oltre cinquemila persone, attraversa tutta piazza della Costituzione, passando per via Aldo Moro, via Stalingrado e via Calzoni, per circa un chilometro di fila.

Certo che è stato fatto proprio un lavoro certosino di terrorizzazione della popolazione. 'il vaccino rende liberi', poi magari si beccano il covid stanno ammucchiati in coda in attesa della pozione magica.
Pazzesco...
 

enjoyash

Buzzkill.
Registrato
28/3/14
Messaggi
48.411
Punti reazioni
1.425
Open day a Bologna per il vaccino, 5mila persone in fila prima delle 8 e un chilometro di coda: alcuni hanno dormito fuori dalla Fiera

di F. Q. | 2 Giugno 2021


Si sono accampate già ieri notte, a decine, le persone desiderose di ricevere una dose di vaccino Johnson&Johnson al primo open day dell’Emilia-Romagna, all’hub della Fiera di Bologna. Stamattina alle otto, le persone in fila erano oltre cinquemila, in una lunga fila che arriva fino a via Stalingrado. Le dosi disponibili, all’inizio erano 1200, così l’Ausl ha deciso di aggiungerne altre 1200. La fila, che conta oltre cinquemila persone, attraversa tutta piazza della Costituzione, passando per via Aldo Moro, via Stalingrado e via Calzoni, per circa un chilometro di fila.

Ah questi non sono assembramenti come quelli dei tifosi dell'Inter...che stupidaggine organizzare così le cose
 

il Libertario

Contrarian
Registrato
27/8/09
Messaggi
16.013
Punti reazioni
719
Ah questi non sono assembramenti come quelli dei tifosi dell'Inter...che stupidaggine organizzare così le cose

Questo è semplicemente un Paese finito, di gente sull'orlo di una crisi di nervi

Vaccini, malori e tensioni all'open day di Bologna per accaparrarsi le dosi Johnson&Johnson: intervengono i carabinieri - Tgcom24

Tra 15-20 giorni probabilmente i politici saranno costretti a pagare i cittadini per vaccinarsi, invece ora tutti a iniettarsi qualsiasi cosa gli diano.
Demenziale questa corsa al vaccino mentre il virus è praticamente estinto in Italia e lo sarà sino a settembre.


Ovviamente questi non sono ultras nè discotecari o movidari, quindi gli assembramenti non valgono

https://mobile.twitter.com/matteoted/status/1399969474929954816
 

enjoyash

Buzzkill.
Registrato
28/3/14
Messaggi
48.411
Punti reazioni
1.425
Certo che è stato fatto proprio un lavoro certosino di terrorizzazione della popolazione. 'il vaccino rende liberi', poi magari si beccano il covid stanno ammucchiati in coda in attesa della pozione magica.
Pazzesco...

Il covid all'aperto si prende solo quando festeggiano i tifosi, o quando sei al parco coi bambini. In fila per il vaccino no, il virus ha paura :o
 

jurassic88

Nuovo Utente
Registrato
27/1/17
Messaggi
12.478
Punti reazioni
468
Prime dosi sotto quota 200mila come a marzo, difatti ora non c è piu limite di età. Non sono sicuro che questo si tramuterà nel classico balzo di vaccini che c e stato fin ora ad ogni apertura di fascia. Può essere che cominci una fase discendente piu o meno marcata
 

Boba Fett

GetRichOrDieTrading
Registrato
3/6/08
Messaggi
10.963
Punti reazioni
239
Ah quindi dobbiamo mettere a rischio la salute dei bimbi (a rischio in quanto non si sa nulla di effetti collaterali sui bimbi) per proteggere gli anziani dalle varianti.

Ma sei serio? da che mondo è mondo quando affonda una nave si mettono in salvo prima i BIMBI, poi le DONNE, e poi gli uomini e gli anziani per ultimi.

c'è una logica in questo, se ci pensi bene la capisci.

scusa ma che rischi saranno mai rispetto a quelli delle altre fasce di età? Cosa vuoi che cambi a livello di possibili reazioni avverse tra un 15enne o un 20/30enne oggi vaccinabile?

O magari ci si vaccina semplicemente per non ammalarsi, anche senza gravi conseguenze? Per non avere febbre, nausea, tosse, perdita dei sensi, e tutto il resto? Ma vi dà gusto stare allettati una settimana? :confused:

capisci che i bambini vanno nelle scuole-lazzaretto e si passano di tutto portandolo poi a casa, da sempre?
 

Lorenzo Garavinі

Conte di Metz
Registrato
24/8/09
Messaggi
16.993
Punti reazioni
583
scusa ma che rischi saranno mai rispetto a quelli delle altre fasce di età? Cosa vuoi che cambi a livello di possibili reazioni avverse tra un 15enne o un 20/30enne oggi vaccinabile?

O magari ci si vaccina semplicemente per non ammalarsi, anche senza gravi conseguenze? Per non avere febbre, nausea, tosse, perdita dei sensi, e tutto il resto? Ma vi dà gusto stare allettati una settimana? :confused:

capisci che i bambini vanno nelle scuole-lazzaretto e si passano di tutto portandolo poi a casa, da sempre?

Classico esempio di lobotomizzato dall’informazione di regime

O forse uno dei tanti che dopo un anno di prigionia preso dalla stanchezza e dalla voglia di tornare a vivere si fa a fare il vaccino senza per pensare all’inutilità dello stesso
 

ScubaFan

Nuovo Utente
Registrato
11/1/08
Messaggi
4.968
Punti reazioni
330
Certo che è stato fatto proprio un lavoro certosino di terrorizzazione della popolazione. 'il vaccino rende liberi', poi magari si beccano il covid stanno ammucchiati in coda in attesa della pozione magica.
Pazzesco...

Sono i famosi salutisti ipocondriaci... Ho visto le interviste notturne, uno diceva di essere a posto, aveva portato acqua e fette biscottate, un altro aveva la Nutella.

Io avrei portato BEN ALTRO.

E poi la Nutella UCCIDE.
 

Lorenzo Garavinі

Conte di Metz
Registrato
24/8/09
Messaggi
16.993
Punti reazioni
583
Il vaccino va fatto alle persone in fascia critica punto e fine

Tutti gli altri se prenderanno il covid, dico se perché bisogna ricordare che la maggior parte della popolazione non prenderà mai il covid, si faranno i loro 2-3 giorni di influenza pesante e torneranno a vivere come prima, con in più l’aver sviluppato degli anticorpi naturali
 

Lorenzo Garavinі

Conte di Metz
Registrato
24/8/09
Messaggi
16.993
Punti reazioni
583
Trovare come scusa per vaccinare i bambini e i ragazzi, il fermare la catena dei contagi È una stupidata tremenda

Basta fermarsi a ragionare e ci si arriva immediatamente
 

enjoyash

Buzzkill.
Registrato
28/3/14
Messaggi
48.411
Punti reazioni
1.425
scusa ma che rischi saranno mai rispetto a quelli delle altre fasce di età? Cosa vuoi che cambi a livello di possibili reazioni avverse tra un 15enne o un 20/30enne oggi vaccinabile?

O magari ci si vaccina semplicemente per non ammalarsi, anche senza gravi conseguenze? Per non avere febbre, nausea, tosse, perdita dei sensi, e tutto il resto? Ma vi dà gusto stare allettati una settimana? :confused:

capisci che i bambini vanno nelle scuole-lazzaretto e si passano di tutto portandolo poi a casa, da sempre?

Rischi a lungo termine sono Ignoti.
E un bambino ha 70/80 anni di aspettativa di vita.
Cosa passano a casa se gli adulti sono vaccinati scusa? .ah
 

ale.v

ἐποχή ἀπάθεια ἀπορέω
Registrato
31/8/07
Messaggi
17.549
Punti reazioni
1.331
salutisti ipocondriaci

[...]

E poi la Nutella UCCIDE.


Il grande classico di AP, il bue che da del cornuto all'asino!

La nutella uccide, ma chi è salutista ipocondriaco è chi ha paura di un virus...


(e non sto esprimendo una graduatoria tra i tre "pericoli", nutella compresa, e non condivido minimamente quelli che si assembrano e/o litigano e/o stanno una notte fuori casa per farsi il vaccino, li considero semplicemente matti senza "speranza"...)
 

Boba Fett

GetRichOrDieTrading
Registrato
3/6/08
Messaggi
10.963
Punti reazioni
239
Lorenzo Garavinі;56196969 ha scritto:
Classico esempio di lobotomizzato dall’informazione di regime

O forse uno dei tanti che dopo un anno di prigionia preso dalla stanchezza e dalla voglia di tornare a vivere si fa a fare il vaccino senza per pensare all’inutilità dello stesso

No, io ho sempre odiato anche un semplice raffreddore. Ti blocca 2/3 gg a casa ma ti lascia strascichi per una settimana ed è una rottura di ******** enorme, fosse esistito il vaccino per i raffreddori l'avrei fatto tutti gli anni, visto che uno/due all'anno li ho sempre fatti. Forse è anche l'immunosoppressore che prendo seppur in dosi minime, ma non credo dia gusto a nessuno stare male, a parte i masochisti

Lorenzo Garavinі;56196981 ha scritto:
Il vaccino va fatto alle persone in fascia critica punto e fine

Tutti gli altri se prenderanno il covid, dico se perché bisogna ricordare che la maggior parte della popolazione non prenderà mai il covid, si faranno i loro 2-3 giorni di influenza pesante e torneranno a vivere come prima, con in più l’aver sviluppato degli anticorpi naturali
Il covid è matematico che te lo prendi, come tutti ci siamo presi un'influenza o un raffreddore almeno una volta nella vita, ma che fregnacce spari? È un virus aerobico altamente contagioso, impossibile sfuggire.

Rischi a lungo termine sono Ignoti.
E un bambino ha 70/80 anni di aspettativa di vita.
Cosa passano a casa se gli adulti sono vaccinati scusa? .ah

Anche i rischi a lungo termine del covid sono ignoti, sappiamo già che esistono varianti più capaci di eludere gli anticorpi, siano essi naturali o indotti da vaccinazione, più gente è immunizzata meglio sarà