Venezuela e PDVSA (Vol.159)

Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.

Carib

rerum cognoscere causas
Registrato
1/12/04
Messaggi
18.602
Punti reazioni
1.364
Bah

Ma non vedete cose negative anche dove non ci sono, ormai è in discesa...
da quando l'arancione non c'è più...

Vedi l'allegato 2783541

Di spalla ...

Ormai si parla di come recuperare l'economia e il paese... e fare stare bene i cittadini....

Governo e opposizione...

Come nei paesi democratici....


Non pensate a Biden che non è scalfito da nulla e la ritirata in Afghanistan era già prevista già con la precedente amministrazione...

Biden lo rivotano pure i repubblicani per non avere problemi...
;)

Biden guadagna consensi risolvendo democraticamente la crisi venezuelana e ponendo le basi al recupero prospero del paese...

Tempo al tempo.
Post Kabul, Biden has perso 10 punti di popolarita' nei sondaggi.. e avrebbe meritato di perderne di piu'.
Detto questo, Trump non merita certo meglio di Biden.

Le elezioni mid-term sono a 15 mesi da ora. Tempo al tempo.

E' ovvio che "risolvere democraticamente" la crisi venezuelana sarebbe eccellente, e molto benefico per chi vi riuscisse (oltre che per il Venezuela stesso)

Il problema sta nel fatto che non e' facile riuscire a farlo.

In sintesi, un "successo" richiede la realizzazione di elezioni libere, seppur non immediate, la dollarizzazione (o misura equipollente) dell'economia venezolana,
e un ritorno delle condizioni economiche e di sicurezza personale sufficiente ad invogliare qualche milione di profughi a ritornare in Venezuela.

high hurdle..
 

Kid 123

Nuovo Utente
Registrato
28/9/17
Messaggi
3.587
Punti reazioni
410
Tempo al tempo.
Post Kabul, Biden has perso 10 punti di popolarita' nei sondaggi.. e avrebbe meritato di perderne di piu'.
Detto questo, Trump non merita certo meglio di Biden.

Le elezioni mid-term sono a 15 mesi da ora. Tempo al tempo.

E' ovvio che "risolvere democraticamente" la crisi venezuelana sarebbe eccellente, e molto benefico per chi vi riuscisse (oltre che per il Venezuela stesso)

Il problema sta nel fatto che non e' facile riuscire a farlo.

In sintesi, un "successo" richiede la realizzazione di elezioni libere, seppur non immediate, la dollarizzazione (o misura equipollente) dell'economia venezolana,
e un ritorno delle condizioni economiche e di sicurezza personale sufficiente ad invogliare qualche milione di profughi a ritornare in Venezuela.

high hurdle..

La questione è solo la fine delle sanzioni . Si sbrigassero a toglierle almeno per i BH tutto il resto è affare dei Venezuelani .
 

ventodivino

CHIAGNI & FOTTI
Registrato
29/11/15
Messaggi
2.246
Punti reazioni
526
VENEZUELA: PROSPECTS FOR RESTRUCTURING SOVEREIGN DEBT AND REBUILDING A NATIONAL ECONOMY AGAINST THE BACKDROP OF A FAILING STATE

(mi sembra che ad inizio mese fosse stato postato solo un abstract)
 

Allegati

  • AIRA_Journal_S.Kargman_Article_on_Venezuela_(Final-May_2021).pdf
    1,5 MB · Visite: 115
Ultima modifica:

jq68

Nuovo Utente
Sospeso dallo Staff
Registrato
13/7/16
Messaggi
2.878
Punti reazioni
549
infatti: la questione e' se il "fiasco" del ritiro afghano rendera' l'amministrazione USA piu' o meno "dura" rispetto al Venezuela.

già prima del fiasco l'attuale amministrazione era piu dura, rispetto a trump, verso Cuba e un paio di settimane fa biden ha rilanciato l'offerta al presidente del Brasile di far entrare il Paese nella NATO
L'impressione è che gli USA vogliano ristabilire il loro predominio sull'America latina e lasciare che Russia e Cina si spartiscano, con le buone o con le cattive, Asia e Africa
 

Potemkin

Nuovo Utente
Registrato
25/7/17
Messaggi
4.243
Punti reazioni
658
già prima del fiasco l'attuale amministrazione era piu dura, rispetto a trump, verso Cuba e un paio di settimane fa biden ha rilanciato l'offerta al presidente del Brasile di far entrare il Paese nella NATO
L'impressione è che gli USA vogliano ristabilire il loro predominio sull'America latina e lasciare che Russia e Cina si spartiscano, con le buone o con le cattive, Asia e Africa

Condivido, è quello che oggi sembra. Bloccano la Russia sulla linea di Lituania, Polonia, Romania ed Ukraina. Il resto dell'Europa , cioè anche noi, siamo ondivaghi e quindi inaffidabili.
In Asia bloccano ad est la Cina con Corea, Giappone, Filippine, Vietnam e Singapore. Per il resto tutto perso, tranne la anti cinese India, ancora di più con l' asse Cina - Pakistan - Afganistan.

Ho trovato anche io valido l'articolo di Oppenheimer. Se un mese fa Biden poteva rimuovere le sanzioni ( sembrava averne voglia) grazie ad un accordicchio, oggi è diverso. Occorre che Maduro gli offra una almeno apparente vittoria.
 

Gioxx

CedoLazio Club
Registrato
25/8/14
Messaggi
9.686
Punti reazioni
1.242
Elliott Abrams advierte sobre el fin del Gobierno interino de Juan Guaido


L'ex funzionario diplomatico statunitense afferma che le forze democratiche venezuelane devono concentrarsi sul raggiungimento di elezioni presidenziali libere e democratiche entro il 2024.


In un recente articolo, Elliott Abrams , inviato speciale degli Stati Uniti per Venezuela e Iran durante l'amministrazione Donald Trump, analizza il dialogo in Messico.

Nell'editoriale, pubblicato sul portale The Hill , Abrams solleva la possibilità che finisca il governo provvisorio di Juan Guaidó . E aggiunge che se è una decisione che arriva dalle forze democratiche venezuelane, gli Stati Uniti devono sostenerla.

“Se le forze democratiche in Venezuela decidono di partecipare alle elezioni autunnali, dobbiamo sostenerle e organizzare con forza una pressione internazionale per costringere Maduro a mantenere le promesse che ha fatto sulle condizioni elettorali . Se la leadership dell'opposizione decidesse di cambiare la forma del governo ad interim (o addirittura di chiuderlo) , dovremmo sostenere anche quel giudizio”, ha scritto Abrams.

Ma avverte che in nessun caso "il regime di Maduro dovrebbe essere trattato come un governo legittimo e autorizzato a inviare un ambasciatore a Washington" .

Inoltre, consiglia agli Stati Uniti di non revocare alcuna sanzione. A meno che Maduro non soddisfi alcune condizioni.

Tra questi, Abrams elenca: rilasciare tutti i prigionieri politici e fermare gli arresti. Anche che sia stabilita la libertà di stampa e permetta il ritorno degli esuli, tra gli altri. Maduro, però, non sembra intenzionato a scendere a grandi compromessi nelle trattative.

abbandono americano
Elliott Abrams assicura che da quando ha assunto la presidenza Biden "ha cercato di ridurre l'importanza e l'attenzione" al Venezuela .

Critica che l'amministrazione democratica non abbia nominato un rappresentante speciale . Proprio la posizione che Abrams ha ricoperto negli ultimi due anni di presidenza di Donald Trump.

Ha detto che lasciando vacante quella posizione, elimina un canale di comunicazione per influenzare a favore del Venezuela nella politica degli Stati Uniti.

Inoltre, gli Stati Uniti, secondo l'ex diplomatico, non hanno voluto farsi garanti delle forze democratiche venezuelane nel dialogo . Piuttosto, Washington ha optato per un ruolo minore come "facilitatore" al fianco di Colombia e Canada.

"A ciò si aggiunge che l'ufficio per gli affari dell'emisfero occidentale del Dipartimento di Stato è stato senza un assistente segretario per tutto l'anno", scrive Abrams.

Lo scarso interesse per la politica nel Paese sudamericano, afferma Abrams, è “ evidente anche nelle dichiarazioni del presidente, del segretario di Stato o del consigliere per la sicurezza nazionale” .

I gol di Maduro
Abrams guarda anche ai possibili esiti del dialogo . Descrive in dettaglio che dal punto di vista del regime di Maduro gli obiettivi sono tre. La cosa più ovvia è far revocare le sanzioni statunitensi.

Ma allo stesso tempo, sta anche cercando di convincere un numero sufficiente di politici dell'opposizione a candidarsi alle elezioni del prossimo novembre. Qualcosa che il regime impone anche con minacce dirette di persecuzione a chi si rifiuta di partecipare.

E, cosa forse più importante, distruggere il governo provvisorio. " Per Maduro, che i paesi di tutto il mondo lo riconoscano come il legittimo sovrano è importante e può generare tutti i tipi di benefici", scrive Abrams. Ma chiarisce che ciò si otterrebbe solo se il governo provvisorio se ne andasse, spiega.

Possibili accordi
Anche nel bel mezzo del confronto politico, Abrams pensa che ci sarà un accordo per utilizzare i fondi venezuelani congelati in Europa. Risorse che possono essere utilizzate per acquistare vaccini COVID e finanziare altri programmi sanitari.

È ipotizzabile che Maduro faccia delle concessioni elettorali , in modo che le missioni di osservatori stranieri vengano in Venezuela e approvino la gara come "imperfetta ma accettabile", o una formula del genere.

Per l'opposizione, aggiunge, l'importante è raggiungere accordi per andare verso elezioni presidenziali veramente democratiche nel 2024.

"Sembra improbabile, perché presuppone che il regime di Maduro sia disposto a contemplare la perdita del potere", avverte Elliott Abrams. I vertici del regime, aggiunge, sanno che oltre a perdere le elezioni potrebbero essere sottoposti a processi per i molteplici crimini che hanno commesso.
 

Gioxx

CedoLazio Club
Registrato
25/8/14
Messaggi
9.686
Punti reazioni
1.242
Biden might prefer you didn't, but pay attention to the Venezuela negotiations | TheHill

Mentre l'attenzione di gran parte dell'America si è concentrata sull'Afghanistan, vale la pena notare uno sviluppo più vicino a casa: i negoziati tra il regime venezuelano di Maduro e le forze di opposizione democratica guidate da Juan Guaido sono iniziati ufficialmente venerdì a Città del Messico.

Le due squadre si sono incontrate per l'avvio ufficiale delle trattative, anche se i colloqui dietro le quinte sono in corso da settimane e le trattative vere non inizieranno effettivamente fino a settembre.

I negoziati hanno una struttura insolita: ogni parte ha nominato un "secondo" (per prendere in prestito la terminologia dei duelli) e diversi altri facilitatori che giocheranno un ruolo minore. Chi ha scelto Maduro? Nessun premio per indovinare: ha scelto la Russia. Logicamente e in modo appropriato, l'opposizione ha scelto gli Stati Uniti, in teoria il suo più forte sostenitore e la nazione le cui sanzioni sono un obiettivo chiave del regime.

Ma la Russia ha detto sì al regime e gli Stati Uniti hanno detto no all'opposizione democratica.

L'amministrazione Biden ha effettivamente dato quello che veniva chiamato il "no arabo". Non ha mai dato un rifiuto piatto, ma ha bloccato e obbligato a convincere l'opposizione a guardare altrove.

Di conseguenza, la Russia siederà con il regime e i Paesi Bassi con l'opposizione. I Paesi Bassi sono stati la loro scelta successiva perché sono un forte sostenitore della democrazia e dei diritti umani in Venezuela - e si sono dimostrati restii a piegarsi alle mosse accomodanti ancora provenienti da Bruxelles.

L'opposizione avrà come facilitatori aggiuntivi gli Stati Uniti, il Canada e la Colombia, un ottimo gruppo. Il regime avrà Cuba, Bolivia e Turchia.

L'amministrazione Biden, dal 20 gennaio, ha cercato di ridurre l'importanza e l'attenzione data al Venezuela a Washington.

Ha rifiutato di nominare un rappresentante speciale, il che significa che né l'opposizione né i governi alleati hanno un posto effettivo a cui rivolgersi quando vogliono conoscere o cercare di influenzare la politica degli Stati Uniti.

L'ufficio per gli affari dell'emisfero occidentale del Dipartimento di Stato è stato senza un assistente segretario per tutto l'anno. Anche se si incolpa il Senato per parte del ritardo nella conferma del candidato dell'amministrazione, è chiaro dai bassi livelli di attenzione prestati al Venezuela nelle dichiarazioni del presidente, del segretario di Stato o del consigliere per la sicurezza nazionale che qui c'è una politica: abbassare la temperatura.

Nel frattempo non c'è stata alcuna revoca significativa delle sanzioni sul regime di Maduro, che ha lo stesso effetto: la revoca delle sanzioni senza grandi concessioni di Maduro sarebbe molto controversa e susciterebbe critiche pubbliche al Congresso (e in Florida). La politica di riduzione dell'attenzione al Venezuela ha quindi sia lati diplomatici (rifiutarsi di servire come partner dell'opposizione nei negoziati) sia politici (non ingannare con le sanzioni).

Qual è la posta in gioco?

Dal punto di vista del regime di Maduro, gli obiettivi sono tre. La più ovvia - e quella più commentata dalla stampa - è far revocare, almeno in parte, le sanzioni statunitensi. Ma ciò richiederebbe concessioni significative da parte di Maduro, e non ci sono prove che sia disposto a cambiare il modo in cui governa il Venezuela. Libererà i prigionieri politici, permetterà una stampa libera, restituirà il controllo dei maggiori partiti politici ai loro veri leader (dopo averli usurpati lo scorso anno)? Non probabile.

Un secondo e correlato obiettivo del regime è persuadere un numero sufficiente di politici dell'opposizione a candidarsi alle elezioni statali e locali di questo autunno per dare a quelle elezioni una certa credibilità. Per Maduro, questo potrebbe essere un percorso per far revocare alcune sanzioni e per riguadagnare il riconoscimento formale: circa 60 paesi hanno passato il loro riconoscimento al presidente dell'Assemblea nazionale e leader dell'opposizione Juan Guaido quando è stato dichiarato presidente ad interim nel 2019.

E il terzo obiettivo strettamente correlato, ugualmente significativo per Maduro ma poco compreso al di fuori del Venezuela, è distruggere il governo provvisorio.

Per Maduro, che i paesi di tutto il mondo lo riconoscano come il legittimo sovrano è importante e può portare a tutti i tipi di benefici. Fondamentalmente, se il governo ad interim se ne va, lui è ovviamente il sovrano accettato, se non del tutto legittimo, del Venezuela.

Come al solito, Maduro sta giocando un feroce gioco di palla dura.

Ai politici in esilio che accettano di candidarsi alle elezioni viene permesso di tornare a casa e le loro condanne penali vengono annullate. I politici che si rifiutano di correre rischiano l'arresto immediato e la reclusione, come è successo a Freddy Guevara il 12 luglio . Dopo aver detto "no" al regime, Guevara (leader del partito Voluntad Popular, lo stesso di Juan Guaido) è stato accusato di terrorismo e associazione a delinquere finalizzata al tradimento - e incarcerato in isolamento per 30 giorni.

Il messaggio di Maduro è chiaro: gioca a pallone o subisci le conseguenze.

Per l'opposizione, i negoziati hanno diversi usi. In primo luogo, è possibile che Maduro accetti alcune concessioni se c'è una sufficiente pressione internazionale e se intuisce la possibilità di qualche ricompensa. In secondo luogo, semplicemente accettando di negoziare con l'opposizione, il regime riconosce che esiste un'opposizione popolare organizzata, che Guaido è il suo leader e che gli orrendi problemi del paese non possono essere affrontati senza che il regime cooperi in qualche modo con esso.

Terzo, i negoziati potrebbero stabilire alcune condizioni minime per le elezioni autunnali. Questi saranno troppo limitati, e Maduro li violerà comunque, ma l'opposizione è in difficoltà: molti dei suoi stessi attivisti a livello statale e municipale vogliono candidarsi alle elezioni. Sono politici, la cui carriera è proprio quella di candidarsi. Non supportano un boicottaggio dell'opposizione, quindi la leadership dell'opposizione sta cercando di accontentarli negoziando condizioni che rendano possibile la corsa, anche se il campo di gioco è completamente inclinato contro di loro.

Cosa possono ottenere i negoziati?

Sembra probabile che si possa prendere un accordo, con l'accordo sia del regime che dell'opposizione, per utilizzare i fondi venezuelani congelati in Europa per acquistare vaccini COVID e finanziare programmi sanitari aggiuntivi. È concepibile che Maduro faccia alcune concessioni legate alle elezioni, in modo che le missioni di osservatori stranieri arrivino in Venezuela e approvino il concorso come "imperfetto ma accettabile" o una formula del genere. È possibile che avere alcuni governatori e sindaci neoeletti ringiovanisca l'opposizione, ma ciò presuppone che Maduro consentirà qualsiasi tipo di vera competizione e consentirà ai candidati dell'opposizione che vincono di essere dichiarati vincitori e di entrare in carica.

Per l'opposizione e i suoi sostenitori internazionali, una questione chiave è se eventuali accordi raggiunti possano aprire la strada a elezioni presidenziali veramente democratiche nel 2024. Ciò sembra improbabile, perché presuppone che il regime di Maduro sia disposto a contemplare la perdita del potere - e prendere la rischio che la perdita del potere possa essere seguita da azioni legali legittime per i numerosi crimini che Maduro e i suoi compari hanno commesso. Questi non si limitano a grandi quantità di furti - miliardi di dollari in proventi del petrolio rubati - ma anche a torture, omicidi e crimini contro l'umanità, come ha concluso una missione conoscitiva delle Nazioni Unite .

Tuttavia, gli Stati Uniti e le altre democrazie hanno ragione a sostenere questi negoziati e dovrebbero ringraziare i norvegesi per averli organizzati. La Norvegia è stata risoluta nel cercare modi per avviare i colloqui senza mai abbandonare il suo ovvio sostegno per un ritorno alla democrazia in Venezuela.

Se le forze democratiche in Venezuela decidono di contestare le elezioni autunnali, dovremmo appoggiarle e organizzare energicamente la pressione internazionale per costringere Maduro a mantenere qualunque promessa abbia fatto sulle condizioni elettorali. Se la leadership dell'opposizione decide di cambiare la forma del governo ad interim (o addirittura di chiudere), dovremmo sostenere anche quella sentenza.

Quello che non dovremmo fare è trattare il regime di Maduro come un governo legittimo e permettergli di inviare un ambasciatore a Washington e subentrare a Guaido nel controllo dell'ambasciata venezuelana qui.

Non dovremmo revocare alcuna sanzione tranne quando il regime intraprende passi significativi come la liberazione di tutti i prigionieri politici e l'arresto degli arresti di altri di loro, consentendo una stampa libera, consentendo agli esuli politici di tornare e restituendo i partiti politici democratici alle loro leadership elette.

E c'è un'altra cosa che l'amministrazione Biden non dovrebbe fare: dovrebbe smettere di minimizzare l'importanza del Venezuela. Soprattutto in questo momento, nel contesto della sua decisione di abbandonare ogni sforzo per costruire la democrazia in Afghanistan, l'amministrazione dovrebbe rimanere attenta, energica e fedele alla causa della democrazia in Venezuela.
 

ninjazzurro

Best is yet to come
Registrato
10/11/16
Messaggi
4.884
Punti reazioni
1.827
Democratas piden a Biden eliminar las sanciones contra el regimen de Maduro - Primer Informe

I Democratici chiedono a Biden di rimuovere le sanzioni contro il regime di Maduro
14 AGOSTO 2021


Le richieste di progressismo sulle sanzioni contro il chavismo
Nello specifico, i legislatori hanno chiesto all'amministrazione Biden di revocare immediatamente tutte le sanzioni finanziarie e settoriali statunitensi perché " aggravano la crisi umanitaria " .


Secondo i rappresentanti democratici, "la cosa più urgente" che il governo di Joe Biden dovrebbe fare è invertire il divieto di Trump che limita lo scambio di petrolio greggio per gasolio dal Venezuela con altri Paesi perché "ostacola la produzione e la distribuzione di cibo. "

I membri del Congresso raccomandano a Biden di "impegnarsi in un dialogo diretto con il governo Maduro mantenendo una forte pressione diplomatica in opposizione alle violazioni dei diritti umani e alle azioni antidemocratiche di Maduro".


Ci vorrà solo un altro po' di tempo...

:sperem:

Dovremmo essere indirizzati verso la fine di queste sanzioni... ;) :p
 

lovebond

la vita è sogno
Registrato
21/2/16
Messaggi
4.385
Punti reazioni
953
Democratas piden a Biden eliminar las sanciones contra el regimen de Maduro - Primer Informe

I Democratici chiedono a Biden di rimuovere le sanzioni contro il regime di Maduro
14 AGOSTO 2021


Le richieste di progressismo sulle sanzioni contro il chavismo
Nello specifico, i legislatori hanno chiesto all'amministrazione Biden di revocare immediatamente tutte le sanzioni finanziarie e settoriali statunitensi perché " aggravano la crisi umanitaria " .


Secondo i rappresentanti democratici, "la cosa più urgente" che il governo di Joe Biden dovrebbe fare è invertire il divieto di Trump che limita lo scambio di petrolio greggio per gasolio dal Venezuela con altri Paesi perché "ostacola la produzione e la distribuzione di cibo. "

I membri del Congresso raccomandano a Biden di "impegnarsi in un dialogo diretto con il governo Maduro mantenendo una forte pressione diplomatica in opposizione alle violazioni dei diritti umani e alle azioni antidemocratiche di Maduro".


Ci vorrà solo un altro po' di tempo...

:sperem:

Dovremmo essere indirizzati verso la fine di queste sanzioni... ;) :p

Da quel che trapela si prevedono grandi novità per settembre. Le sanzioni saranno tolte e si inizierà a programmare la rinegoziazione del debito...un altro po'di pazienza. Il peggio è alle spalle 😉
 

il controllore

Nuovo Utente
Registrato
5/5/09
Messaggi
3.193
Punti reazioni
330
Da quel che trapela si prevedono grandi novità per settembre. Le sanzioni saranno tolte e si inizierà a programmare la rinegoziazione del debito...un altro po'di pazienza. Il peggio è alle spalle 😉
Guarda che se non sarà così ti faccio uscire a cena con il banchiere !!!
 

jq68

Nuovo Utente
Sospeso dallo Staff
Registrato
13/7/16
Messaggi
2.878
Punti reazioni
549

Allegati

  • 112233.png
    112233.png
    56,1 KB · Visite: 25

ninjazzurro

Best is yet to come
Registrato
10/11/16
Messaggi
4.884
Punti reazioni
1.827
Afghanistan, svolta imprevedibile. Ahmad Massoud, capo dei ribelli: "Governo insieme ai talebani, siamo musulmani anche noi"


Afghanistan, svolta imprevedibile. Ahmad Massoud, capo dei ribelli: "Governo insieme ai talebani, siamo musulmani anche noi"

Un "governo inclusivo con i talebani", spiega Massoud in un'intervista a al-Sharq Al-Awsat. "Attraverso negoziati politici", perché "un governo estremista in Afghanistan è inaccettabile". "Siamo pronti a parlare con i talebani, siamo già in contatto e i nostri rappresentanti si sono incontrati più volte. Anche noi - sottolinea il capo della Resistenza -. Siamo musulmani, anche noi vogliamo la pace, quindi lavoriamo insieme, però il movimento vuole imporre con le armi cose che noi non accetteremo. Se vogliono la pace, e ci parlano e lavorano con noi, siamo tutti gli afghani e ci sarà la pace".


Anche in Afghanistan faranno governo di unità nazionale... ? :yes:

Ormai hanno capito tutti che la democrazia vince sempre! :mano:
Ed è la migliore e l'unica soluzione :p

E noi ? Col Venezuela pacificato politicamente e partner del USA ?


Tempo al tempo :D

Andremo a 100 + cedole maturate :D
o a 150 :D (per chi preferisce) :p

Viva sempre e solo Aran2 :D


:yes: :clap: :cool:

:cincin:
 

Carib

rerum cognoscere causas
Registrato
1/12/04
Messaggi
18.602
Punti reazioni
1.364
hai detto niente!!!
Guarda che ne basta anche solo uno che inizia a sollevare qualche dubbio sulla totale inutilità delle sanzioni dell'arancione!!!
Ma poi tu sei con noi o contro di noi?? Bahhhh

Premesso che sono favorevole a ritirare le sanzioni sui bonds, se le sanzioni in genere fossero "inutili", perche' Maduro starebbe agitandosi cosi' fortemente per farle rimuovere?
 
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.