Venezuela e PDVSA (Vol.163) Quota "Aran2" .... il sogno retribuente!

Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.

Dance with wolf

EURASIA
Registrato
13 Ago 2010
Messaggi
28.237
Punti reazioni
1.160
Argentina-Venezuela: opposizione respinge normalizzazione relazioni diplomatiche

Buenos Aires, 21 apr 23:59 - (Agenzia Nova) - La principale forza di opposizione di centro destra in Argentina, Juntos por el Cambio, ha criticato la decisione recentemente annunciata dal presidente, Alberto Fernandez, di ristabilire le piene relazioni diplomatiche con il Venezuela. "Rifiutiamo la designazione di un ambasciatore della Repubblica argentina presso la Repubblica Bolivariana del Venezuela fino a che non sia ristabilita la piena democrazia in quel Paese", afferma un comunicato dello schieramento che fa capo all'ex presidente, Mauricio Macri. "Invitiamo altresì il potere esecutivo, e in particolare le autorità del ministero degli Esteri, a non commettere l'errore storico e la decisione imbarazzante che rappresenterebbe il dare corso alla richiesta del regime venezuelano di accettare il beneplacito alla designazione del nuovo ambasciatore in Argentina", prosegue la nota, che conclude affermando che nel paese caraibico "non esiste la democrazia" e "il regime di Maduro si è macchiato di crimini di lesa umanità".
(Abu)

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata
 

StormShadow

SnakeEyes
Registrato
24 Mar 2021
Messaggi
1.597
Punti reazioni
278
Realizzeremo questo sogno retribuente ed aranizzazione sarà 👌

comunque caro Lovebond, è molto positivo il fatto che le aziende petroliere e del gas USA facciano continua pressione sulla Casa Bianca....

affinchè rimoduli le sanzioni e permetta gli scambi economici al Venezuela, magari con controlli, .... e non un blocco ad oltranza senza motivo....
 

Dart-Fener

Member
Registrato
19 Giu 2017
Messaggi
11.495
Punti reazioni
829
comunque caro Lovebond, è molto positivo il fatto che le aziende petroliere e del gas USA facciano continua pressione sulla Casa Bianca....

affinchè rimoduli le sanzioni e permetta gli scambi economici al Venezuela, magari con controlli, .... e non un blocco ad oltranza senza motivo....

:confused::mmmm:
 

StormShadow

SnakeEyes
Registrato
24 Mar 2021
Messaggi
1.597
Punti reazioni
278
Realizzeremo questo sogno retribuente ed aranizzazione sarà 👌


Banca y Negocios
@bancaynegocios
·
3h
Venezuela y Francia sostienen conversaciones para reanudar vuelos entre ambas naciones


ormai la cubanizzazione è solo una barzelletta inventata da pochi pessimisti....

si è in rampa di lancio per l'aranizzazione !!!!!

:D
 

StormShadow

SnakeEyes
Registrato
24 Mar 2021
Messaggi
1.597
Punti reazioni
278
Please Wait... | Cloudflare

EEUU y Cuba reanudarán servicios consulares tras retomar diálogo suspendido en 2018
El Mundo | abril 21, 2022 | 8:42 pm | Agencia Efe.

;)

tutto come previsto :D

Banca y Negocios
@bancaynegocios
·
9h
Otras firmas petroleras piden autorización a EEUU para reiniciar operaciones en Venezuela Otras firmas petroleras piden autorizacion a EEUU para reiniciar operaciones en Venezuela | Banca y Negocios


Alcune compagnie petrolifere statunitensi le cui operazioni in Venezuela sono state congelate dalle sanzioni si stanno unendo a una richiesta a Washington di autorizzazioni per riprendere le trivellazioni petrolifere nel Paese, secondo otto fonti a conoscenza dei colloqui.

Se gli fosse permesso di riprendere il lavoro, il Venezuela potrebbe aumentare rapidamente la capacità di produzione oltre 1 milione di barili al giorno (bpd), hanno affermato gli analisti.

La nuova fornitura potrebbe anche colmare una lacuna lasciata dal divieto degli Stati Uniti alle importazioni di energia russe dalla sua invasione dell'Ucraina, che ha contribuito a far salire i prezzi del greggio sopra i 100 dollari al barile.

Schlumberger (SLB.N), Halliburton (HAL.N), Baker Hughes (BKR.O) e Weatherford International (WFRD.O) non possono aiutare la PDVSA, di proprietà statale venezuelana, e le sue joint venture a produrre petrolio.

Le compagnie petrolifere che sono ancora presenti in Venezuela potrebbero riattivare rapidamente le apparecchiature nel paese, affermano le fonti, che potrebbero rilanciare la produzione di greggio, che rimane al 40% dei livelli pre-sanzione.

"Se le joint venture PDVSA cercheranno di ottenere licenze per operare, avranno bisogno delle compagnie di servizi petroliferi", ha detto a Reuters Reinaldo Quintero, presidente della Camera del petrolio venezuelana.

Diverse compagnie petrolifere con sede negli Stati Uniti e locali si sono avvicinate alla Camera per esprimere il loro desiderio di riprendere il lavoro in Venezuela, ha aggiunto, rifiutandosi di fornire dettagli sui colloqui.

La società di investimento Amos Global Energy ha presentato domanda agli Stati Uniti per partecipare al settore energetico del Venezuela e ha una società petrolifera pronta a fornire servizi se concesso, ha affermato il fondatore Ali Moshiri.

La Chevron ha chiesto l'autorizzazione all'amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden per assumere il controllo operativo dei suoi progetti con PDVSA. La major petrolifera ha anche iniziato a preparare una squadra per restituire il greggio venezuelano negli Stati Uniti.

Ma i funzionari statunitensi stanno ancora discutendo se rinnovare l'attuale licenza, che scadrà a giugno, hanno detto fonti a Washington che hanno familiarità con i colloqui. Le prospettive di cambiamento si sono attenuate dopo le proteste dei legislatori repubblicani e di alcuni colleghi democratici di Biden a seguito dei colloqui di Caracas.

Alcune compagnie petrolifere statunitensi hanno contattato individualmente il Tesoro tramite intermediari per supportare gli sforzi della Chevron per ottenere una licenza estesa e potrebbero fornire servizi se l'approvazione fosse concessa, ha affermato una delle fonti di Washington.

I colloqui non sono stati condotti attraverso pressioni formali, secondo due fonti della società.

Sebbene l'attuale richiesta delle società sia di riprendere alcune operazioni utilizzando unità di perforazione inattive in Venezuela, sperano di ottenere in seguito i permessi statunitensi per portare attrezzature aggiuntive, ha aggiunto la persona.

Delle quattro società di servizi che condividono la licenza di Chevron, Schlumberger ha circa 15 impianti di perforazione in deposito in Venezuela, il più grande inventario di apparecchiature fuori produzione da parte di una società statunitense.

Gli altri hanno per lo più spostato le piattaforme fuori dal paese o hanno privilegi su attrezzature che devono essere risolte prima che i lavori possano riprendere, hanno affermato tre fonti.

Un'altra società statunitense ha 10 impianti di lavoro inattivi in ​​Venezuela pronti a riprendere il lavoro se le restrizioni saranno allentate, ha affermato Moshiri di Amos Global, che ha rifiutato di identificare l'azienda.

Poiché le sanzioni statunitensi vietano qualsiasi transazione finanziaria con PDVSA, alcune società hanno cercato per mesi di strutturare proposte che consentissero loro di ricevere pagamenti da partner o joint venture sanzionati da Washington.

REUTERS


tempo al tempo :D :bye:
 

holysky

Member
Registrato
22 Ago 2020
Messaggi
663
Punti reazioni
302

jq68

Member
Registrato
13 Lug 2016
Messaggi
2.878
Punti reazioni
549
Sembra che stia tornando tutto a come era 5 anni fa; a questo punto mancherebbe solo l' eliminazione delle sanzioni....

la TAP ha volato verso e dal Venezuela sino al 2020, poi maduro ne bloccò i voli per 90 giorni sostenendo che un loro aereo avesse trasportato esplosivi per guaidò.
In seguito la TAP sospese i voli causa covid
quindi non c'è alcun nesso con "come era 5 anni fa", sempre che tu non abbia stimato che in realtà le cause fossero altre
 

Allegati

  • aaa.png
    aaa.png
    77,7 KB · Visite: 964

Carib

rerum cognoscere causas
Registrato
1 Dic 2004
Messaggi
18.505
Punti reazioni
1.305
Senza accordo politico le sanzioni restano.
Spiace ai bondholders, ma tant'e'.

Poi, ovviamente, se sbaglio.. tanto meglio per il mio portafoglio.

Ma inutile farsi premature illusioni. Sono soldi in Freezer.
 

Carib

rerum cognoscere causas
Registrato
1 Dic 2004
Messaggi
18.505
Punti reazioni
1.305
la TAP ha volato verso e dal Venezuela sino al 2020, poi maduro ne bloccò i voli per 90 giorni sostenendo che un loro aereo avesse trasportato esplosivi per guaidò.
In seguito la TAP sospese i voli causa covid
quindi non c'è alcun nesso con "come era 5 anni fa", sempre che tu non abbia stimato che in realtà le cause fossero altre

credo che la TAP abbia ripreso i voli, per la banale ragione che ora riesce a farsi pagare in dollari.
Credo anche abbia ancora un credito insoluto molto significativo dovuto a mancata conversione al cambio ufficiale di bolivares in dollari.
comunque sia, per chi deve viaggiare, e' positivo avere voli diretti.
 

Carib

rerum cognoscere causas
Registrato
1 Dic 2004
Messaggi
18.505
Punti reazioni
1.305
con lo sblocco delle cedole pregresse però. Speriamo che sbloccano prima del ritorno del Donald nel 2024

cosa vuoi dire? che il Venezuela ha 20-30 miliardi di dollari cash per pagare sull'unghia le cedole insolute, ed altri 20 miliardi per pagare i lodi arbitrali?
 
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.
Alto