Venezuela e PDVSA (Vol.166)

Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.

Luisd

La conoscenza rende liberi
Registrato
15/3/12
Messaggi
2.797
Punti reazioni
281
- Maduro si recò all'ONU per chiedere la cancellazione del debito. Quando? cmq l'onu non centra nella con una eventuale ristrutturazione e non detta nemmeno legge
- La risoluzione è stata approvata . Ma quando?
- è previsto il taglio dell'80-90% del nominale . Mai sentito, produrre documentazione please.
-
VNZ ha rimborsato a 20-24 il valore dei bonos cedendo una raffineria. Vero ma la percentuale arriva da accordi privati
-
vuol dire che quello è il valore stabilito presumo dall'ONU . L'onu su una eventuale ristrutturazione non centra un piffero

ti invito a produrre delle prove concrete su quello che stai affermando
Già il fatto che l'ONU ha approvato aiuti umanitari sugnifica che il Venezuela si trova nelle condizioni di ricevere aiuti umanitari perchè con l'enorme debito che ha non è in grado di assicurare i diritti umani (sanità, eccc...). Se un paese non è in grado di assicurare i diritti umani il debito deve essere tagliato perchè così è stato deciso nel 1986 dall'ONU. Si tenta di ristrutturare ma se il tentativo fallisce, si applica il diritto internazionale. Le norme del diritto internazionale vengono deliberate dall'ONU mica dal giudice di New York.
 

Luisd

La conoscenza rende liberi
Registrato
15/3/12
Messaggi
2.797
Punti reazioni
281
Non indichi la fonte di tale "informazione". Non si tratterà di una "notizia" del 1986?
Io ho queste informazioni che non dicono proprio le stesse cose; un po' stantie, ma pe lo meno databili:

Venezuela: Maduro chiede a Onu di ristrutturare debito estero per superare pandemia​

Venezuela: Maduro chiede a Onu di ristrutturare debito estero per superare pandemia
Caracas, 30 mar 2021 00:51
Il presidente del Venezuela, Nicolás Maduro, ha sostenuto di fronte alle Nazioni Unite che il debito estero va temporaneamente sospeso, in modo che l'economia globale possa sostenere l'impatto economico causato dalla pandemia di Covid-19.
E certo. Mica posso mettermi a cercare i post tra i migliaia di post spazzatura del tipo "andiamo a 100....questa è la più bella storia dei mercati emergenti"......
 

Luisd

La conoscenza rende liberi
Registrato
15/3/12
Messaggi
2.797
Punti reazioni
281
Non indichi la fonte di tale "informazione". Non si tratterà di una "notizia" del 1986?
Io ho queste informazioni che non dicono proprio le stesse cose; un po' stantie, ma pe lo meno databili:

Venezuela: Maduro chiede a Onu di ristrutturare debito estero per superare pandemia​

Maduro vuole pagare i 20-24 che ci spettano ma li vuole pagare a rate ad esempio in 20 anni a tasso 1%. Questo vuol dire
 

Luisd

La conoscenza rende liberi
Registrato
15/3/12
Messaggi
2.797
Punti reazioni
281
- Maduro si recò all'ONU per chiedere la cancellazione del debito. Quando? cmq l'onu non centra nella con una eventuale ristrutturazione e non detta nemmeno legge
Ti ha risposto Genuce che ha prodotto la documentazione, Dal suo post si evidenzia che Maduro ha chiesto all'ONU la ristrutturazione
 
Ultima modifica:

Kid 123

Nuovo Utente
Registrato
28/9/17
Messaggi
3.589
Punti reazioni
412
Le sanzioni punto e basta !!! Tutto il test è noia e distrazione x i più def icienti , lascia perdere
 

Luisd

La conoscenza rende liberi
Registrato
15/3/12
Messaggi
2.797
Punti reazioni
281

Grazie.
Quindi non capisco (sul serio non è provocazione) come si faccia a pensare di rivedere qualcosa sopra 20/24 (se va bene) con taglio dell'80/90% già previsto e con persino cessione di raffineria a quei prezzi.
Infatti, qui c'è gente che fa ragionamenti campati in aria.
 
Ultima modifica:

Conte Nikula

ho solo domande
Registrato
5/12/11
Messaggi
4.069
Punti reazioni
478
Canaima dijo en un comunicado el 15 de noviembre que los tenedores europeos de 41 bonos separados emitidos por el gobierno o Pdvsa podrían canjearlos por una sola nota negociable “para facilitar la recuperación, total o parcial”, de su inversión.


El vehículo “permitirá a los tenedores europeos exponerse a Venezuela ya sea con efectivo o contribuyendo ‘en especie’ con sus propios valores a un grupo más grande de tenedores, para tener representación legal y estar preparados para enfrentar cualquier posible reestructuración de deuda en el futuro”, dijo Celestino Amore, director ejecutivo del fondo de deuda en dificultades IlliquidX, que inició la estructura.

appunto: Canaima ha un unico tipo di azione, ottenibile in cash o contribuendo in kind con obbligazioni.
Ovviamente, avendo tali titoli prezzi diversi, il valore di conversione non puo' essere unico.

Si a vederla cosi' hai certamente ragione tu.

Mi viene un il dubbio che 3 anni fa stessimo parlando della stessa cosa.

Come detto, avevo la percezione di una cosa molto + ristretta.

Infine ho comunque qualche perplessita' su senso di questo meccanismo di assegnazione delle azioni che evidentemente e' legato al prezzo di mercato.
 

pacifico1

Nuovo Utente
Registrato
17/8/15
Messaggi
495
Punti reazioni
119
Non indichi la fonte di tale "informazione". Non si tratterà di una "notizia" del 1986?
Io ho queste informazioni che non dicono proprio le stesse cose; un po' stantie, ma pe lo meno databili:

Venezuela: Maduro chiede a Onu di ristrutturare debito estero per superare pandemia​

Venezuela: Maduro chiede a Onu di ristrutturare debito estero per superare pandemia
Caracas, 30 mar 2021 00:51
Il presidente del Venezuela, Nicolás Maduro, ha sostenuto di fronte alle Nazioni Unite che il debito estero va temporaneamente sospeso, in modo che l'economia globale possa sostenere l'impatto economico causato dalla pandemia di Covid-19.
......il debito va sospeso..🤭
.infatti sta pagando regolarmente le cedole e si può disinvestire quando si vuole ....
Ci ha preso x 🍗
 

Gioxx

CedoLazio Club
Registrato
25/8/14
Messaggi
9.691
Punti reazioni
1.245
Ti ha risposto Genuce che ha prodotto la documentazione, Dal suo post si evidenzia che Maduro ha chiesto all'ONU la ristrutturazione
l'ONU già per conto suo conta come il 2 di picche, un accozzaglia di mangia a sbaffo che sarebbe da smantellare immediatamente,
sul debito di uno stato sovrano conta ancora meno, sono i tribunali di NY che decidono.
Il Venezuela nonostante le sentenze può liberamente fregarsene ma di tornare alla normalità se lo scorderà fino a quando non sistemerà il debito in default.
 

holysky

Nuovo Utente
Registrato
22/8/20
Messaggi
711
Punti reazioni
341
Fantastica questa nuova versione del forum, anche se viene quotato non leggo più le stupidaggini che scrive un mio "ignore"..... :)
 

Gioxx

CedoLazio Club
Registrato
25/8/14
Messaggi
9.691
Punti reazioni
1.245
Venezuela opposition demand date to resume dialogue with Maduro in Mexico

CARACAS, 4 dic (Reuters) - L'opposizione venezuelana ha chiesto al governo del presidente Nicolas Maduro di fissare una data per riprendere i colloqui politici in Messico che potrebbero alleviare le crisi politiche ed economiche di lunga data della contea.

I delegati del governo e dell'opposizione si sono incontrati a Città del Messico il 26 novembre dopo più di un anno di pausa e hanno firmato un "accordo sociale", ma non hanno annunciato una data per incontrarsi di nuovo. L'opposizione in seguito ha dichiarato che avrebbe incontrato il partito al governo a dicembre.

Il governo "fissa nuove condizioni per avanzare sulla questione politica", ha detto l'opposizione in una dichiarazione su Twitter sabato pomeriggio, ma non ha fornito dettagli su quali fossero i nuovi requisiti ufficiali.

Il capo della delegazione dell'opposizione, Gerardo Blyde, ha dichiarato questa settimana che i colloqui entreranno in una fase difficile che include questioni politiche e diritti umani.
Il ministero delle Comunicazioni venezuelano non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

"Chiediamo che Nicolas Maduro non continui a ritardare l'impegno assunto in Messico e proceda immediatamente a fissare la data, entro il mese di dicembre, per continuare i negoziati con l'agenda politica e di libertà come concordato", ha affermato l'opposizione.

Alla riunione di novembre, le parti hanno concordato di creare un fondo amministrato dalle Nazioni Unite con denaro venezuelano congelato. I fondi servirebbero a recuperare parte del sistema elettrico, degli ospedali e delle scuole della nazione Opec, dove almeno la metà dei suoi 28 milioni di abitanti vive in condizioni di povertà.
 

Luisd

La conoscenza rende liberi
Registrato
15/3/12
Messaggi
2.797
Punti reazioni
281
l'ONU già per conto suo conta come il 2 di picche, un accozzaglia di mangia a sbaffo che sarebbe da smantellare immediatamente,
sul debito di uno stato sovrano conta ancora meno, sono i tribunali di NY che decidono.
Il Venezuela nonostante le sentenze può liberamente fregarsene ma di tornare alla normalità se lo scorderà fino a quando non sistemerà il debito in default.
Ma tu come ragioni?
Mettiti nei panni di Maduro.....secondo te cosa desidera Maduro e il Venezuela? Cancellare i debiti e iniziare da zero o continuare a pagare debiti insostenibili e far morire di fame e di stenti i venezuelani?
 

lovebond

la vita è sogno
Registrato
21/2/16
Messaggi
4.392
Punti reazioni
955
Ma tu come ragioni?
Mettiti nei panni di Maduro.....secondo te cosa desidera Maduro e il Venezuela? Cancellare i debiti e iniziare da zero o continuare a pagare debiti insostenibili e far morire di fame e di stenti i venezuelani?
Il debito estero degli Stati sovrani viene rinegoziato sempre, ad eccezione di quegli Stati come Cuba che non hanno oro e petrolio a volontà da offrire come contropartita e quindi si isolano dal resto del mondo. Nel caso venezuelano si tratta peraltro di un default tecnico indotto dalle sanzioni statunitensi. Risolto l'intrigo geopolitico, sarà messa a punto una rinegoziazione ordinata con qualche haircut e/o taglio del tasso cedolare...ma stai tranquillo che soldi non se ne perdono. E' soltanto una questione di tempo.
 

Dart-Fener

Nuovo Utente
Registrato
19/6/17
Messaggi
12.596
Punti reazioni
905
Il debito estero degli Stati sovrani viene rinegoziato sempre, ad eccezione di quegli Stati come Cuba che non hanno oro e petrolio a volontà da offrire come contropartita e quindi si isolano dal resto del mondo. Nel caso venezuelano si tratta peraltro di un default tecnico indotto dalle sanzioni statunitensi. Risolto l'intrigo geopolitico, sarà messa a punto una rinegoziazione ordinata con qualche haircut e/o taglio del tasso cedolare...ma stai tranquillo che soldi non se ne perdono. E' soltanto una questione di tempo.
Mi pare di leggere ingsilvio che le azzecca da 5anni
 

Carib

rerum cognoscere causas
Registrato
1/12/04
Messaggi
18.621
Punti reazioni
1.378
Il controvalore in € o $ a cui ammonta il pacchetto di azioni (notes, quote o pupazzetti) che ti danno in cambio dei bonos/PDVSA/quello che sia, te lo comunicano nell'offerta (ma anche questo è noto) in cui dichiari cosa vuoi scambiare. Il vantaggio di questo pacchetto (a quanto dicono) è che è liquido, cioè lo puoi rivendere subito incassando il controvalore. Quindi puoi svincolare il denaro. Oppure puoi tenerti le quote che potrebbero apprezzarsi/deprezzarsi a seconda di come vanno le cose (ristrutturazione, cause legali, ecc.).
Non ho letto nel prospetto di alcun "costo legale ripartito". Se tale costo è inserito nell'offerta a me il suo ammontare non interessa perché vedo solo il saldo finale, se mi piace o no.
Se mi fosse piaciuto avrei chiesto, a es: su quale mercato vengono trattate le quote a me assegnate (potrebbe essere pubblico e quindi aperto anche a chi vuole comprare quote SENZA swap), gli obblighi di spread, commissioni, liquidità, costi ingresso/uscita, sospensioni, scadenze di ogni genere inclusi gli obblighi di MM, il funzionamento dell'indice del fondo, chi fa da MM (e se bid-ask o bid only), gli orari di negoziazione, la valuta, ecc., e delucidazioni sul regime fiscale differente.
Addirittura non avrei chiesto niente di quanto sopra, ma solo che mi fosse stato dato il controvalore cash, invece di quote, dal momento che voglio smobilizzare subito e così mi risparmio il passaggio delle info sul fondo.
E' ovvio che a Canaima dare "pagherò", invece di cash, fa comodo.
Per chi fosse interessato, cmq, Canaima mette a disposizione email per chiarimenti.

Che senso ha fare (parlare) di quale potrebbe essere il conto, di come funziona, senza l'oste?

P.S. Indice del fondo: supponiamo che, per qualche miracolo, i bonos OTC vanno a 70...quanto vale una quota del fondo?
P.P.S.S. l'MM (il book) è gestito da personale Canaima? Con una quota apprezzata, visti i costi infimi attuali, che so, del 500%, Canaima garantirebbe ancora BID a prezzi congrui o comunque attività di MM?
1) la soluzione sta nel chiedere il prospetto informativo, leggerlo e poi eventualmente contattare per chiarimenti.

2) se il fondo, come credo, accetta pagamenti in cash e in kind, ovviamente, utilizzeranno il cash per comprare titoli su mercato tramite Illiquidix, motivo per cui chi vuole uscire con cash, vende (a prezzi infimi, immagino) e dimentica la questione. Chi contribuisce in kind, credo, dovra' farlo per nominali elevati.

3) chi contribuisce in kind, riceve quote di un fondo molto piccolo, che potrebbero essere negoziabili o meno (vedere prospetto)

4) se le quote del fondo avranno un mercato, i prezzi li fara' il mercato, e potrebbero essere inferiori o superiori al NAV. (PS. se il fondo fosse di 50 milioni nominali di bonds, sarebbe cosi' microscopico da non potere mai avere vero mercato)

5) se i titoli non saranno negoziabili su mercato, ma solo occasionalmente redimibili da parte del fondo stesso.. in pratica chi li detiene dovra' attendere la chiusura del fondo per incassare.

6) valuta a quel che capisco e' dollaro. Fiscalita' e' quella lussemburghese, cioe' 0 tasse sugli utili interni del fondo

7) il fondo e' libero, immagino, come titolare dei crediti, di fare le cause che credera' opportune, e i costi delle stesse saranno sostenuti dal fundo, cioe' dagli azionisti, perche' ridurranno la NAV.
 

Carib

rerum cognoscere causas
Registrato
1/12/04
Messaggi
18.621
Punti reazioni
1.378
Il debito estero degli Stati sovrani viene rinegoziato sempre, ad eccezione di quegli Stati come Cuba che non hanno oro e petrolio a volontà da offrire come contropartita e quindi si isolano dal resto del mondo. Nel caso venezuelano si tratta peraltro di un default tecnico indotto dalle sanzioni statunitensi. Risolto l'intrigo geopolitico, sarà messa a punto una rinegoziazione ordinata con qualche haircut e/o taglio del tasso cedolare...ma stai tranquillo che soldi non se ne perdono. E' soltanto una questione di tempo.
in effetti, di norma, i defaults sovrani si risolvono con ristrutturazioni.
Le condizioni delle medesime dipendono dalle circostanze oggettive e da accordi tra le parti.

Non e' affatto vero, tuttavia, che "soldi non se ne perdono mai". se cosi' fosse, tutti i titoli sovrani nella medesima valuta avrebbero rendimenti e quotazioni simili. Se si arriva ad una ristrutturazione, ad esempio, con un valore di mercato pari al 25% del claim.. chi aveva comprato a 100.. perde il 75% del denaro al quale avrebbe diritto.

Nel nostro caso la questione e' di scoprire se chi oggi compra ad esempio a 9.. entro qualche anno perdera' ancora o recuperera' assai piu' dell'investito.
 

Gioxx

CedoLazio Club
Registrato
25/8/14
Messaggi
9.691
Punti reazioni
1.245
Ma tu come ragioni?
Mettiti nei panni di Maduro.....secondo te cosa desidera Maduro e il Venezuela? Cancellare i debiti e iniziare da zero o continuare a pagare debiti insostenibili e far morire di fame e di stenti i venezuelani?
ma come ragioni tu ,
tutti gli stati ristrutturano , devono uscire dal default se vogliono tornare ad averi rapporti commerciali
con il resto del mondo, ed è quello che vuole Maduro, sta facendo di tutto per provare a riabilitarsi.
Guardati le passate ristrutturazioni, tutti gli stati caduti in default hanno sempre ristrutturato, per te invece è il contrario...
Hanno già deciso tutto secondo te..l'ONU, il 24%, , interesse dell'uno % ..poi sono io che mi faccio i film in testa
Ristrutturerà anche il Venezuela come hanno fatto tutti gli altri
ecco qualche esempio: tutti hanno un recovery price, tutti , per te il Venezuela no...

rec2.JPG
 
Ultima modifica:

Luisd

La conoscenza rende liberi
Registrato
15/3/12
Messaggi
2.797
Punti reazioni
281
ma come ragioni tu ,
tutti gli stati ristrutturano , devono uscire dal default se vogliono tornare ad averi rapporti commerciali
con il resto del mondo, ed è quello che vuole Maduro, sta facendo di tutto per provare a riabilitarsi.
Guardati le passate ristrutturazioni, tutti gli stati caduti in default hanno sempre ristrutturato, per te invece è il contrario...
Hanno già deciso tutto secondo te..l'ONU, il 24%, , interesse dell'uno % ..poi sono io che mi faccio i film in testa
Ristrutturerà anche il Venezuela come hanno fatto tutti gli altri
ecco qualche esempio: tutti hanno un recovery price, tutti , per te il Venezuela no...

Vedi l'allegato 2862531
Ho fatto un'ipotesi di cedole all'1%.
Maduro infatti vorrebbe ristrutturare ma tu non hai ben compreso il significato di ristrutturare.
Ti faccio un esempio: se il taglio del debito è dell'80% significa che o paghi 20 con cash o beni del VNZ oppure ristrutturi, cioè paghi 20 a rate per X anni a un tasso di interesse Y.
Maduro non vuole pagare il debito subito ma lo vuole dilazionare nel tempo così evita tra l'altro di cedere CITGO ai creditori.
In pratica se tu adesso hai diritto a 20 ad esempio ottenendo petrolio, con la ristrutturazione otterrai 1 all'anno per venti anni e 1 all'anno per venti anni non fa 20 ma molto meno, ad esempio 5.
La ristrutturazione che tu tanto desideri è una cosa peggiore!
E poi, la ristrutturazione si fa se lo vogliono i creditori. Ma i creditori l'hanno bocciata perchè non sono mica fessi: meglio 20 adesso in oil che 20 a rate per 20 anni.
Come fai a dire che devono per forza ristrutturare?
 

amgone

ultimo dei ribelli
Registrato
6/3/01
Messaggi
16.067
Punti reazioni
1.087
non leggo il venezuela nell elenco
 
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.