Venezuela e PDVSA (Vol.166)

Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.

Gioxx

CedoLazio Club
Registrato
25/8/14
Messaggi
9.691
Punti reazioni
1.245
Venezuela opposition seeks to protect billions in humanitarian funds from creditors -sources By Reuters


CARACAS (Reuters) - I partiti di opposizione venezuelani stanno cercando di proteggere miliardi di dollari in fondi umanitari amministrati dalle Nazioni Unite dai creditori stranieri mantenendo riservati i dettagli del loro rilascio, secondo cinque persone a conoscenza degli sforzi.

Le delegazioni del governo del presidente Nicolas Maduro e dell'opposizione sono tornate al tavolo dei negoziati in Messico a fine novembre, dopo un anno di pausa, e hanno firmato un accordo volto a liberare gradualmente fondi congelati per un valore stimato di 3 miliardi di dollari.

Ma i leader dell'opposizione temono che i creditori della nazione OPEC possano intraprendere azioni legali per sequestrare parte dei fondi per riscuotere debiti non pagati, hanno detto a Reuters fonti vicine alla questione, che hanno chiesto di rimanere anonime.

Il ministero delle Comunicazioni non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento. Gerardo Blyde, capo della delegazione dell'opposizione ai colloqui, ha rifiutato di commentare.

Detenuto in conti di proprietà venezuelana all'estero e costituito principalmente dai proventi delle vendite di petrolio, il denaro è stato congelato dalle banche statunitensi ed europee dopo che gli Stati Uniti hanno intensificato le sanzioni sotto l'amministrazione del presidente Donald Trump. Le sanzioni avevano lo scopo di fare pressione sul presidente Nicolas Maduro affinché compisse passi verso libere elezioni.

I fondi devono essere utilizzati nei settori della sanità, dell'istruzione, dell'alimentazione, delle infrastrutture e dell'elettricità per aiutare ad alleviare la crisi economica e sociale nella nazione ricca di petrolio, come previsto nell'accordo firmato tra le parti in Messico il 26 novembre.

Maduro ha dichiarato la scorsa settimana che si aspetta che le risorse vengano rilasciate "immediatamente" e non oltre dicembre.

Gli importi depositati nei conti e le banche che li detengono non sono stati resi noti, hanno detto le fonti, aggiungendo che faranno del loro meglio per tenerli segreti ai creditori in futuro.

Il Venezuela deve più di 60 miliardi di dollari ai creditori per le nazionalizzazioni di società effettuate un decennio fa sotto l'allora presidente Hugo Chavez, nonché per le obbligazioni in default del paese e della compagnia petrolifera statale PDVSA.

Ad alcuni creditori statunitensi sono state concesse sentenze giudiziarie che consentirebbero loro di negoziare la vendita di attività venezuelane all'estero, come la sua raffineria Citgo con sede a Houston, una sussidiaria della PDVSA di proprietà statale, per riscuotere i debiti. Ma alcuni di questi beni sono sotto la protezione del Dipartimento del Tesoro.

Citgo, considerato il bene più prezioso del Venezuela, ha una licenza del Dipartimento del Tesoro che scade a gennaio e che l'opposizione prevede venga prorogata di un altro anno per proteggerla dai creditori. Il raffinatore è stato utilizzato come collaterale per l'emissione di obbligazioni PDVSA 2020 in default.

L'"accordo sociale" che disciplina lo svincolo dei fondi congelati prevedeva la creazione di un comitato di verifica che supervisionerà la distribuzione e l'esecuzione del fondo umanitario e dei progetti che riceveranno il denaro.
 

Gioxx

CedoLazio Club
Registrato
25/8/14
Messaggi
9.691
Punti reazioni
1.245
Chevron to take control of Venezuelan oil facility this week


(Bloomberg) - Chevron Corp. assumerà formalmente il controllo operativo di un importante impianto di lavorazione del petrolio venezuelano questa settimana durante una visita congiunta al sito da parte di rappresentanti dell'azienda e del governo, secondo una persona a conoscenza del piano.

Il ministro del petrolio Tareck El Aissami e il capo delle operazioni della Chevron nel paese, Javier La Rosa, visiteranno il 7 dicembre il potenziatore Petropiar presso il complesso petrolchimico Jose vicino a Barcellona, nel nord-est del Venezuela, ha detto la persona. Chevron assumerà il controllo operativo dopo l'ispezione, secondo la persona che ha chiesto l'anonimato poiché i dettagli non sono stati resi noti.

I portavoce della Chevron e del governo non hanno risposto immediatamente ai messaggi in cerca di commenti.

Chevron utilizzerà l'impianto per elaborare greggio simile al catrame proveniente dai giacimenti venezuelani che sarà spedito alle raffinerie statunitensi nel Golfo del Messico in base alla rinuncia a sanzioni concessa dal Dipartimento del Tesoro il mese scorso. La prima spedizione di 1 milione di barili dovrebbe essere caricata entro la fine del mese.

In base alla licenza ea una serie di contratti firmati da Chevron con il governo venezuelano, la perforatrice con sede in California riprenderà il controllo delle operazioni, del finanziamento e del commercio in joint venture con la compagnia petrolifera statale Petroleos de Venezuela SA. Chevron, che è l'ultima grande impresa internazionale ancora operante in Venezuela, ha la capacità di aumentare la produzione delle joint venture a circa 200.000 barili al giorno entro un anno da un minimo di circa 50.000 barili.
 

Gioxx

CedoLazio Club
Registrato
25/8/14
Messaggi
9.691
Punti reazioni
1.245
Reuters: Venezuela prevé financiar 63% de su presupuesto de 2023 con petróleo - Sumarium - Información

Il governo venezuelano si aspetta che le esportazioni di petrolio finanzino il 63% del suo bilancio nazionale nel 2023 , ha mostrato un documento visto da Reuters .

Pertanto, l'amministrazione Nicolás Maduro prevede un bilancio nazionale equivalente a 14,7 miliardi di dollari (USD ), in linea con il tasso di cambio ufficiale di 11,60 bolivar (Bs) per dollaro.

Il budget per il 2023 è dell'8,5% superiore a quello del 2022 , che ammontava a 13,6 miliardi di dollari.

I profitti della compagnia petrolifera statale Pdvsa contribuiranno al bilancio per 9,34 miliardi di dollari nel 2023 , secondo il documento, il 14% in più rispetto agli 8,2 miliardi di dollari che ha contribuito alla spesa pubblica nel 2022.

Il testo non menziona i prezzi del greggio o la produzione media giornaliera di petrolio del Venezuela , come si faceva fino a sei anni fa.

Le entrate fiscali per il prossimo anno sono stimate in circa 3,24 miliardi di dollari , secondo il documento, che copriranno il 22% della spesa pubblica.

Il resto del bilancio sarà finanziato con debito, comprese emissioni obbligazionarie nel mercato interno del Venezuela e prestiti.
 

Botticelli Mario

Nuovo Utente
Registrato
3/12/22
Messaggi
8
Punti reazioni
3
Il motivo è che non avevo molto tempo di seguire, di là trovavo le notizie pù importanti in poche pagine, di qui c'è sempre stato molto chiacchiericcio e battibecco.e molte pagine da scorrrere per trovare qualcosa di utile.
Assolutamente d accordo, era una discussione di alto livello.
 

Luisd

La conoscenza rende liberi
Registrato
15/3/12
Messaggi
2.797
Punti reazioni
281
Venezuela opposition seeks to protect billions in humanitarian funds from creditors -sources By Reuters


CARACAS (Reuters) - I partiti di opposizione venezuelani stanno cercando di proteggere miliardi di dollari in fondi umanitari amministrati dalle Nazioni Unite dai creditori stranieri mantenendo riservati i dettagli del loro rilascio, secondo cinque persone a conoscenza degli sforzi.



Gli importi depositati nei conti e le banche che li detengono non sono stati resi noti, hanno detto le fonti, aggiungendo che faranno del loro meglio per tenerli segreti ai creditori in futuro.

Il Venezuela deve più di 60 miliardi di dollari ai creditori per le nazionalizzazioni di società effettuate un decennio fa sotto l'allora presidente Hugo Chavez, nonché per le obbligazioni in default del paese e della compagnia petrolifera statale PDVSA.

Ad alcuni creditori statunitensi sono state concesse sentenze giudiziarie che consentirebbero loro di negoziare la vendita di attività venezuelane all'estero, come la sua raffineria Citgo con sede a Houston, una sussidiaria della PDVSA di proprietà statale, per riscuotere i debiti. Ma alcuni di questi beni sono sotto la protezione del Dipartimento del Tesoro.
Non vogliono pagare. Non c'è la volontà di ristrutturare ammesso che si possa ristrutturare visto che i creditori hanno già bocciato la proposta di ristrutturazione e che nascondono i conti dai creditori
 

StormShadow

SnakeEyes
Registrato
24/3/21
Messaggi
1.689
Punti reazioni
460
Reuters: Venezuela prevé financiar 63% de su presupuesto de 2023 con petróleo - Sumarium - Información

Il governo venezuelano si aspetta che le esportazioni di petrolio finanzino il 63% del suo bilancio nazionale nel 2023 , ha mostrato un documento visto da Reuters .

Pertanto, l'amministrazione Nicolás Maduro prevede un bilancio nazionale equivalente a 14,7 miliardi di dollari (USD ), in linea con il tasso di cambio ufficiale di 11,60 bolivar (Bs) per dollaro.

Il budget per il 2023 è dell'8,5% superiore a quello del 2022 , che ammontava a 13,6 miliardi di dollari.

I profitti della compagnia petrolifera statale Pdvsa contribuiranno al bilancio per 9,34 miliardi di dollari nel 2023 , secondo il documento, il 14% in più rispetto agli 8,2 miliardi di dollari che ha contribuito alla spesa pubblica nel 2022.

Il testo non menziona i prezzi del greggio o la produzione media giornaliera di petrolio del Venezuela , come si faceva fino a sei anni fa.

Le entrate fiscali per il prossimo anno sono stimate in circa 3,24 miliardi di dollari , secondo il documento, che copriranno il 22% della spesa pubblica.

Il resto del bilancio sarà finanziato con debito, comprese emissioni obbligazionarie nel mercato interno del Venezuela e prestiti.
quindi prossimo anno ristrutturazione debito estero in bond usd
 

rubner

Cunaguara
Registrato
14/1/11
Messaggi
10.057
Punti reazioni
826
Che piacere rileggerti Rubner. Oltre a quanto hai evidenziato, qui sono intenti a leggere le notizie e a restare immobili. Io ho proposto di interagire con le banche e con il governo ma come tutta risposta questi mi hanno preso per un troll, Posso sapere se il tuo gruppo ha proposto delle iniziative?
Che io sappia non c'erano azioni in questo senso.
 

rubner

Cunaguara
Registrato
14/1/11
Messaggi
10.057
Punti reazioni
826
beh qui com'è il sentiment?
Si mette bene?
 

Luisd

La conoscenza rende liberi
Registrato
15/3/12
Messaggi
2.797
Punti reazioni
281
Che io sappia non c'erano azioni in questo senso.
E come pensate di recuperare i soldi? Anche voi siete in attesa di buone nuove? Secondo me i ladrones non vogliono proprio pagare i creditpri stante la loro fame di dollari e la miseria in cui versa il popolo venezuelano. Tu come la vedi la vicenda? Pensi che si sistemerà tutto?
 

3_baiocchi

Nuovo Utente
Registrato
29/10/16
Messaggi
787
Punti reazioni
220
Chevron utilizzerà l'impianto per elaborare greggio simile al catrame proveniente dai giacimenti venezuelani che sarà spedito alle raffinerie statunitensi nel Golfo del Messico in base alla rinuncia a sanzioni concessa dal Dipartimento del Tesoro il mese scorso. La prima spedizione di 1 milione di barili dovrebbe essere caricata entro la fine del mese.
In base alla licenza ea una serie di contratti firmati da Chevron con il governo venezuelano, la perforatrice con sede in California riprenderà il controllo delle operazioni, del finanziamento e del commercio in joint venture con la compagnia petrolifera statale Petroleos de Venezuela SA. Chevron, che è l'ultima grande impresa internazionale ancora operante in Venezuela, ha la capacità di aumentare la produzione delle joint venture a circa 200.000 barili al giorno entro un anno da un minimo di circa 50.000 barili.


Ma io mi domando….ma zio Putin e nonno XI in Venezuela che ca@@o hanno fatto….come hanno aiutato il loro grande alleato caprone….passandogli gratis il suo maestro di Salsa :asd::D:asd:
 

amgone

ultimo dei ribelli
Registrato
6/3/01
Messaggi
16.063
Punti reazioni
1.085
quando sei nella MALTA e nessuno ti aiuta il primo che si finge tuo amico te lo fai SUPER PIACERE ed inconsciamente ti fidi perchè ti dice lo faccio perchè siamo AMICI......poi comincia chiedere......e tu quel che hai lo dai......finchè poi prova e riprova cominci a STARE MEGLIO e così abbandoni la barca SUCCEDE ANCHE QUANDO SEI GRAVEMENTE AMMALATO.... ci sono passato appena dopo la paralisi.....nei momenti duri durissimi sei obbligato ad aggrapparti pure al filo spinato.....ecco cosa hanno fattolo ZAR e IL MANDARINO
 

Luisd

La conoscenza rende liberi
Registrato
15/3/12
Messaggi
2.797
Punti reazioni
281
Rispetto a qualche tempo fa si scorgono delle aperture nel senso della rimozione delle sanzioni. Saremo gli ultimi noi bondholders...ma meglio tardi che mai ;)
Spero che sia come dici tu ma ho la sensazione che rimarremo incastrati per decenni, salvo la prescrizione, come è accaduto con Cuba.
 

lovebond

la vita è sogno
Registrato
21/2/16
Messaggi
4.392
Punti reazioni
955
Spero che sia come dici tu ma ho la sensazione che rimarremo incastrati per decenni, salvo la prescrizione, come è accaduto con Cuba.
Cuba ha ripudiato il debito ed ha scelto l’isolamento internazionale. Nel nostro caso ci sono titoli sanzionati di un Paese ricco di materie prime da offrire in cambio di tutto il resto. Si devono solo accordare e poi si procederà alla rinegoziazione del debito.
 

Luisd

La conoscenza rende liberi
Registrato
15/3/12
Messaggi
2.797
Punti reazioni
281
Cuba ha ripudiato il debito ed ha scelto l’isolamento internazionale. Nel nostro caso ci sono titoli sanzionati di un Paese ricco di materie prime da offrire in cambio di tutto il resto. Si devono solo accordare e poi si procederà alla rinegoziazione del debito.
E Guaido che ha detto che stanno nascondendo i fondi dai creditori? Non mi sembra proprio che vogliono accordarsi con i creditori....anzi...
 

Luisd

La conoscenza rende liberi
Registrato
15/3/12
Messaggi
2.797
Punti reazioni
281
Cuba ha ripudiato il debito ed ha scelto l’isolamento internazionale. Nel nostro caso ci sono titoli sanzionati di un Paese ricco di materie prime da offrire in cambio di tutto il resto. Si devono solo accordare e poi si procederà alla rinegoziazione del debito.
Non è per niente vero che Cuba è isolata. Ha rapporti commerciali con mezzo mondo, anche con l'Italia. Vai sul sito del ministero e osserva con i tuoi occhi Scambi Commerciali (CUBA) - aggiornato al - infoMercatiEsteri - www.infomercatiesteri.it
 
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.