Venezuela e PDVSA (Vol.166)

Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.

ninjazzurro

Best is yet to come
Registrato
10/11/16
Messaggi
4.879
Punti reazioni
1.809






AlbertoRodNews

@AlbertoRodNews
·
1h

Chevron enviaría su primer cargamento de crudo venezolano a EE.UU. a finales de diciembre (Detalles)


Fanno subito....... Il 25 novembre hanno avuto licenza......
 

ninjazzurro

Best is yet to come
Registrato
10/11/16
Messaggi
4.879
Punti reazioni
1.809
appunto.
Maduro oggi e' sulla lista dei ricercati dall'FBI, oggetto di sanzioni, impossibilitato a detenere attivi nei paesi civili, etc.
Riuscire a far togliere tutte le sanzioni senza elezioni libere e' difficile.
Essere rieletto in elezioni libere ugualmente difficile.
Se cosi' non fosse i bonds sarebbero a 20, non sotto 10.
Pure con le sanzioni per gli occidentali?
Poi ormai bond da chi vende sono finiti....
Tutti aspettano adesso...
 

ninjazzurro

Best is yet to come
Registrato
10/11/16
Messaggi
4.879
Punti reazioni
1.809
08/12/2022 06:49
| di EFE

Maduro ha incontrato Ecarri per ampliare il confronto su questioni sociali, economiche, politiche ed elettorali

Questo venerdì, 2 dicembre, il presidente ha condotto un incontro con i deputati antichavista raggruppati nell'Alleanza Democratica, dopo di che è stato annunciato che l'Esecutivo sta preparando un documento in cui stabiliranno gli accordi.


Maduro se reunió con Ecarri para ampliar las discusiones en materia social, económica, política y electoral – bancaynegocios.com


Si procede, anche speditamente adesso...



PS. Concordo con holysky, la nuova versione è migliore sia come grafica che fruibilità
 

Carib

rerum cognoscere causas
Registrato
1/12/04
Messaggi
18.601
Punti reazioni
1.361
Pure con le sanzioni per gli occidentali?
Poi ormai bond da chi vende sono finiti....
Tutti aspettano adesso...
non vi sono sanzioni sui bonds per non americani.
Se vi fossero, non ci sarebbero canaima e copernico, ad esempio.
 

ninjazzurro

Best is yet to come
Registrato
10/11/16
Messaggi
4.879
Punti reazioni
1.809
non vi sono sanzioni sui bonds per non americani.
Se vi fossero, non ci sarebbero canaima e copernico, ad esempio.
Ma a te risulta che abbiano trovato bond Venezuela per uno scambio in kind con quote loro ?
E poi in questo caso non si modifica il prezzo ultimo contratto....
Tutto fermo è il mercato dei Venezuela finché non tolgono le sanzioni....
Speriamo presto.....
 

Genuce

Miao
Registrato
5/4/22
Messaggi
297
Punti reazioni
86

ninjazzurro

Best is yet to come
Registrato
10/11/16
Messaggi
4.879
Punti reazioni
1.809



Settimana di lavoroBusinessweek
EconomiaEconomics

Il nuovo approccio degli Stati Uniti al Venezuela sta iniziando a dare i suoi frutti​

I colloqui tra l'amministrazione Biden e il governo Maduro potrebbero aprire la strada all'aumento della produzione di petrolio e alla partecipazione dei politici dell'opposizione alle elezioni.
Il presidente venezuelano Nicolás Maduro.

Il presidente venezuelano Nicolás Maduro.
Fotografo: Matias Delacroix/Bloomberg
DiBy
Esdra FieserEzra Fieser and e
Nicola YapurNicolle Yapur
+Segui+Follow
8 dicembre 2022 12:00 CET8 dicembre 2022 12:00 CET

Un sabato mattina di fine novembre, un alto deputato del presidente venezuelano Nicolás Maduro e un leader di un gruppo di partiti di opposizione si sono incontrati in un hotel a Città del Messico per annunciare di aver raggiunto un accordo per sbloccare miliardi di dollari in fondi congelati per ricostruire infrastrutture fatiscenti del paese. L'accordo rivoluzionario tra acerrimi rivali è stato prontamente benedetto dall'amministrazione del presidente Joe Biden, che ha allentato alcune sanzioni ore dopo, consentendo alla trivellatrice statunitense Chevron Corp. di pompare più petrolio nel Paese.
È stata la prova più tangibile che Washington e i suoi alleati in Venezuela abbiano cambiato rotta quando si tratta di Maduro, un leader autoritario così disprezzato solo pochi anni fa che l'amministrazione Trump ha stanziato una ricompensa di 15 milioni di dollari per il suo arresto e ha imposto sanzioni contro sua amministrazione.

Dopo anni di tentativi falliti degli Stati Uniti di favorire il cambio di regime, gli inviati di Biden hanno avviato i colloqui con il governo Maduro a marzo, poco dopo che Washington ha vietato le importazioni di energia dalla Russia in risposta all'invasione dell'Ucraina da parte del presidente Vladimir Putin. Il dialogo ha aperto la strada a uno scambio di prigionieri in ottobre. Gli Stati Uniti hanno anche chiesto a Maduro di riprendere i negoziati con l'opposizione come condizione per eventuali future concessioni.
Il riavvicinamento è guidato, in parte, dal desiderio dell'amministrazione Biden di fare tutto il possibile per appianare le interruzioni del mercato petrolifero che hanno fatto salire i prezzi. Sebbene anni di cattiva gestione del governo abbiano decimato l'industria petrolifera venezuelana - la produzione di petrolio è ora in media di circa 690.000 barili al giorno, rispetto agli oltre 2 milioni al giorno nel 2017 - il paese si trova ancora in cima alle maggiori riserve mondiali.

Le aperture a Caracas sono anche un tacito riconoscimento del fallimento della politica del presidente Donald Trump di respingere Maduro sostenendo il leader dell'opposizione Juan Guaidó. "I prezzi globali dell'energia sono uno dei numerosi fattori che guidano la politica degli Stati Uniti nei confronti del Venezuela, ma il recente impegno deriva anche dal desiderio di rompere lo stallo diplomatico attorno a Guaidó", afferma l' analista di Eurasia Group Risa Grais-Targow.

Nessuno si aspetta che la Chevron, con sede in California, riporti il paese al suo passato splendore di potenza petrolifera o allenti in modo significativo la crisi energetica globale. Una delle ultime compagnie internazionali a resistere dopo il 2019, quando gli Stati Uniti hanno bloccato le transazioni con la compagnia petrolifera statale Petróleos de Venezuela SA , Chevron aveva effettivamente smesso di pompare petrolio in Venezuela. Entro un anno, potrebbe essere in grado di aumentare la produzione a circa 200.000 barili al giorno nelle quattro joint venture che opera con PDVSA. La produzione aggiuntiva non compenserà i disagi causati dalle sanzioni alla Russia, che esporta fino a 3 milioni di barili al giorno.
Il vincitore più grande è Maduro. Tre anni fa è stato isolato a livello internazionale, l'economia venezuelana era alle prese con una recessione di sette anni e l'iperinflazione ha reso la sua valuta priva di valore . Circa 7 milioni di persone hanno lasciato il paese durante il suo mandato e il prodotto interno lordo pro capite è meno di un quarto di quello che era un decennio fa, ma mentre il leader sessantenne si avvicina a un decennio al potere, il peggio di la crisi sembra essere passata.

Maduro sta viaggiando a livello internazionale, inclusa una visita al recente vertice sul clima in Egitto , dove ha stretto una stretta di mano con l'inviato statunitense John Kerry e ha scambiato convenevoli con il presidente francese Emmanuel Macron. I neoeletti governi di centro-sinistra in America Latina stanno riallacciando i rapporti con il suo governo. A casa, le strade di Caracas, una volta piene di manifestanti che chiedevano le sue dimissioni, si stanno riempiendo di nuovi ristoranti e pubblicità di concerti e negozi di lusso.

La recessione è finita, grazie soprattutto alla decisione del governo nel 2019 di far circolare il dollaro USA accanto al bolívar. Si prevede che il PIL crescerà del 7,6% quest'anno, secondo un sondaggio di economisti di Bloomberg, e del 3,9% nel 2023.

Negoziare con gli Stati Uniti aiuta Maduro a migliorare la sua posizione sulla scena globale, afferma Luis Vicente León, direttore dei consulenti di Caracas Datanalisis. "Apre le porte per ristabilire una qualche forma di relazione con gli Stati Uniti", afferma. "Potrebbe anche tradursi in accordi politici che consentano a Maduro di generare una certa flessibilità politica che lo aiuti a consolidare un governo più riconosciuto in futuro.

Biden continua a non considerare Maduro il legittimo leader del Venezuela perché le elezioni presidenziali del 2018 sono state segnate da frodi, continuando la politica del suo predecessore di riconoscere Guaidó, il 39enne capo dell'Assemblea nazionale guidata dall'opposizione. Ma la posizione di Guaidó sta diminuendo sia in patria che all'estero. I governi di tutto il mondo e l'Unione Europea hanno smesso di riconoscerlo, e alcuni dei partiti di opposizione venezuelani minacciano di ritirare il sostegno dal suo cosiddetto governo ad interim il mese prossimo. "Ora, Biden può adattare la politica estera venezuelana progettata da Trump - che ha fallito - a una politica più realistica che utilizza le sanzioni come incentivi per negoziare e non come punizione permanente", afferma Michael Penfold, professore presso l'Institute of Advanced Studies in Administration in Caracas.

I funzionari di Biden hanno affermato che alleggeriranno ulteriormente le sanzioni se Maduro continuerà a stringere accordi con l'opposizione a Città del Messico. I colloqui, ripresi il mese scorso, sono stati bloccati dall'ottobre 2021 quando Maduro si è allontanato. Diversi precedenti cicli di negoziati non sono riusciti a produrre progressi significativi. Questa volta l'opposizione e gli Stati Uniti spingono Maduro a fissare una data per elezioni presidenziali libere ed eque nel 2024, per consentire ad alcuni politici esclusi di candidarsi e per invitare osservatori elettorali stranieri a monitorare il voto.

Stalin González, un membro della delegazione dell'opposizione, afferma che negoziando in Messico, Maduro ha un canale per ottenere concessioni dagli Stati Uniti, inclusa la riduzione delle sanzioni. “La comunità internazionale è disposta, come ha sempre detto, a dare questi incentivi se le richieste del popolo venezuelano vengono soddisfatte”, afferma.

Il piano infrastrutturale, che utilizza 3 miliardi di dollari di fondi congelati in conti bancari esteri, è un primo passo, afferma González. Pochi giorni dopo averlo firmato, Maduro ha tenuto una rara conferenza stampa per salutare l'accordo, dicendo che sarebbe stato utilizzato per riparare 2.300 scuole, riparare parti della rete elettrica e acquistare vaccini e farmaci. Allo stesso tempo, ha messo in dubbio il futuro dei colloqui, sembrando collegare le condizioni elettorali alla revoca delle sanzioni statunitensi. “Sono elezioni libere che vuoi? Giusto e trasparente?" Egli ha detto. "Portateli via tutti". —Con Patricia Laya
 

Carib

rerum cognoscere causas
Registrato
1/12/04
Messaggi
18.601
Punti reazioni
1.361
Ma a te risulta che abbiano trovato bond Venezuela per uno scambio in kind con quote loro ?
E poi in questo caso non si modifica il prezzo ultimo contratto....
Tutto fermo è il mercato dei Venezuela finché non tolgono le sanzioni....
Speriamo presto.....
Buona domanda.
Qualcosa hanno trovato, ma non credo oltre qualche centinaio di milioni.
 

Luisd

La conoscenza rende liberi
Registrato
15/3/12
Messaggi
2.789
Punti reazioni
281
Ho perso molte puntate della storia, non la sto seguendo... detto questo: prima devono togliere le fottute sanzioni.
Le sanzioni avrebbero dovuto provocare il regime change... non hanno funzionato, come era prevedibile dato che non funzionano mai.
A questo punto che le tolgano e poi si discute.
Io dico, ma spero di sbagliarmi, che Maduro non pagherà. La legge (internazionale) è favorevole a lui e Maduro non se la lascerà sfuggire la possibilità di azzerare o quasi azzerare il debito estero.
 

Kid 123

Nuovo Utente
Registrato
28/9/17
Messaggi
3.587
Punti reazioni
410
Settimana di lavoroBusinessweek
EconomiaEconomics

Il nuovo approccio degli Stati Uniti al Venezuela sta iniziando a dare i suoi frutti​

I colloqui tra l'amministrazione Biden e il governo Maduro potrebbero aprire la strada all'aumento della produzione di petrolio e alla partecipazione dei politici dell'opposizione alle elezioni.
Il presidente venezuelano Nicolás Maduro.

Il presidente venezuelano Nicolás Maduro.
Fotografo: Matias Delacroix/Bloomberg
DiBy
Esdra FieserEzra Fieser and e
Nicola YapurNicolle Yapur
+Segui+Follow
8 dicembre 2022 12:00 CET8 dicembre 2022 12:00 CET

Un sabato mattina di fine novembre, un alto deputato del presidente venezuelano Nicolás Maduro e un leader di un gruppo di partiti di opposizione si sono incontrati in un hotel a Città del Messico per annunciare di aver raggiunto un accordo per sbloccare miliardi di dollari in fondi congelati per ricostruire infrastrutture fatiscenti del paese. L'accordo rivoluzionario tra acerrimi rivali è stato prontamente benedetto dall'amministrazione del presidente Joe Biden, che ha allentato alcune sanzioni ore dopo, consentendo alla trivellatrice statunitense Chevron Corp. di pompare più petrolio nel Paese.
È stata la prova più tangibile che Washington e i suoi alleati in Venezuela abbiano cambiato rotta quando si tratta di Maduro, un leader autoritario così disprezzato solo pochi anni fa che l'amministrazione Trump ha stanziato una ricompensa di 15 milioni di dollari per il suo arresto e ha imposto sanzioni contro sua amministrazione.

Dopo anni di tentativi falliti degli Stati Uniti di favorire il cambio di regime, gli inviati di Biden hanno avviato i colloqui con il governo Maduro a marzo, poco dopo che Washington ha vietato le importazioni di energia dalla Russia in risposta all'invasione dell'Ucraina da parte del presidente Vladimir Putin. Il dialogo ha aperto la strada a uno scambio di prigionieri in ottobre. Gli Stati Uniti hanno anche chiesto a Maduro di riprendere i negoziati con l'opposizione come condizione per eventuali future concessioni.
Il riavvicinamento è guidato, in parte, dal desiderio dell'amministrazione Biden di fare tutto il possibile per appianare le interruzioni del mercato petrolifero che hanno fatto salire i prezzi. Sebbene anni di cattiva gestione del governo abbiano decimato l'industria petrolifera venezuelana - la produzione di petrolio è ora in media di circa 690.000 barili al giorno, rispetto agli oltre 2 milioni al giorno nel 2017 - il paese si trova ancora in cima alle maggiori riserve mondiali.

Le aperture a Caracas sono anche un tacito riconoscimento del fallimento della politica del presidente Donald Trump di respingere Maduro sostenendo il leader dell'opposizione Juan Guaidó. "I prezzi globali dell'energia sono uno dei numerosi fattori che guidano la politica degli Stati Uniti nei confronti del Venezuela, ma il recente impegno deriva anche dal desiderio di rompere lo stallo diplomatico attorno a Guaidó", afferma l' analista di Eurasia Group Risa Grais-Targow.

Nessuno si aspetta che la Chevron, con sede in California, riporti il paese al suo passato splendore di potenza petrolifera o allenti in modo significativo la crisi energetica globale. Una delle ultime compagnie internazionali a resistere dopo il 2019, quando gli Stati Uniti hanno bloccato le transazioni con la compagnia petrolifera statale Petróleos de Venezuela SA , Chevron aveva effettivamente smesso di pompare petrolio in Venezuela. Entro un anno, potrebbe essere in grado di aumentare la produzione a circa 200.000 barili al giorno nelle quattro joint venture che opera con PDVSA. La produzione aggiuntiva non compenserà i disagi causati dalle sanzioni alla Russia, che esporta fino a 3 milioni di barili al giorno.
Il vincitore più grande è Maduro. Tre anni fa è stato isolato a livello internazionale, l'economia venezuelana era alle prese con una recessione di sette anni e l'iperinflazione ha reso la sua valuta priva di valore . Circa 7 milioni di persone hanno lasciato il paese durante il suo mandato e il prodotto interno lordo pro capite è meno di un quarto di quello che era un decennio fa, ma mentre il leader sessantenne si avvicina a un decennio al potere, il peggio di la crisi sembra essere passata.

Maduro sta viaggiando a livello internazionale, inclusa una visita al recente vertice sul clima in Egitto , dove ha stretto una stretta di mano con l'inviato statunitense John Kerry e ha scambiato convenevoli con il presidente francese Emmanuel Macron. I neoeletti governi di centro-sinistra in America Latina stanno riallacciando i rapporti con il suo governo. A casa, le strade di Caracas, una volta piene di manifestanti che chiedevano le sue dimissioni, si stanno riempiendo di nuovi ristoranti e pubblicità di concerti e negozi di lusso.

La recessione è finita, grazie soprattutto alla decisione del governo nel 2019 di far circolare il dollaro USA accanto al bolívar. Si prevede che il PIL crescerà del 7,6% quest'anno, secondo un sondaggio di economisti di Bloomberg, e del 3,9% nel 2023.

Negoziare con gli Stati Uniti aiuta Maduro a migliorare la sua posizione sulla scena globale, afferma Luis Vicente León, direttore dei consulenti di Caracas Datanalisis. "Apre le porte per ristabilire una qualche forma di relazione con gli Stati Uniti", afferma. "Potrebbe anche tradursi in accordi politici che consentano a Maduro di generare una certa flessibilità politica che lo aiuti a consolidare un governo più riconosciuto in futuro.

Biden continua a non considerare Maduro il legittimo leader del Venezuela perché le elezioni presidenziali del 2018 sono state segnate da frodi, continuando la politica del suo predecessore di riconoscere Guaidó, il 39enne capo dell'Assemblea nazionale guidata dall'opposizione. Ma la posizione di Guaidó sta diminuendo sia in patria che all'estero. I governi di tutto il mondo e l'Unione Europea hanno smesso di riconoscerlo, e alcuni dei partiti di opposizione venezuelani minacciano di ritirare il sostegno dal suo cosiddetto governo ad interim il mese prossimo. "Ora, Biden può adattare la politica estera venezuelana progettata da Trump - che ha fallito - a una politica più realistica che utilizza le sanzioni come incentivi per negoziare e non come punizione permanente", afferma Michael Penfold, professore presso l'Institute of Advanced Studies in Administration in Caracas.

I funzionari di Biden hanno affermato che alleggeriranno ulteriormente le sanzioni se Maduro continuerà a stringere accordi con l'opposizione a Città del Messico. I colloqui, ripresi il mese scorso, sono stati bloccati dall'ottobre 2021 quando Maduro si è allontanato. Diversi precedenti cicli di negoziati non sono riusciti a produrre progressi significativi. Questa volta l'opposizione e gli Stati Uniti spingono Maduro a fissare una data per elezioni presidenziali libere ed eque nel 2024, per consentire ad alcuni politici esclusi di candidarsi e per invitare osservatori elettorali stranieri a monitorare il voto.

Stalin González, un membro della delegazione dell'opposizione, afferma che negoziando in Messico, Maduro ha un canale per ottenere concessioni dagli Stati Uniti, inclusa la riduzione delle sanzioni. “La comunità internazionale è disposta, come ha sempre detto, a dare questi incentivi se le richieste del popolo venezuelano vengono soddisfatte”, afferma.

Il piano infrastrutturale, che utilizza 3 miliardi di dollari di fondi congelati in conti bancari esteri, è un primo passo, afferma González. Pochi giorni dopo averlo firmato, Maduro ha tenuto una rara conferenza stampa per salutare l'accordo, dicendo che sarebbe stato utilizzato per riparare 2.300 scuole, riparare parti della rete elettrica e acquistare vaccini e farmaci. Allo stesso tempo, ha messo in dubbio il futuro dei colloqui, sembrando collegare le condizioni elettorali alla revoca delle sanzioni statunitensi. “Sono elezioni libere che vuoi? Giusto e trasparente?" Egli ha detto. "Portateli via tutti". —Con Patricia Laya
Tutte stro nzate togliete le sanzioni ai BH buffoni !!! Incompetenti e stupidi
 

holysky

Nuovo Utente
Registrato
22/8/20
Messaggi
708
Punti reazioni
334
Comentó que muy pronto países de Europa y Asia mostrarán interés para que sus empresas negocien con Petróleos de Venezuela S.A, tras la licencia dada por el Gobierno de Estados Unidos a la compañía Chevron.
 

Allegati

  • Firefox_Screenshot_2022-12-09T09-29-50.949Z.png
    Firefox_Screenshot_2022-12-09T09-29-50.949Z.png
    164,7 KB · Visite: 8
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.