Versamenti volontari o pensione integrativa?

waterloo

" "
Registrato
28/5/00
Messaggi
9.430
Punti reazioni
297
Un mio amico, coniugato, ma che non lavora, ha accumulato a 55 anni 12 anni e mezzo di contributi, secondo le nuove leggi pensionistiche potrebbe andare in pensione a 68 anni e qualche mese con 20 anni di contribuzione, dato che non lavora ha pensato, potendolo fare, di effettuare i versamenti volontari per coprire gli anni mancanti con un aggravio, al netto delle detrazioni, di circa 41.000 euro e per percepire poi una pensione di circa 580,00 euro al mese. Considerate che il coniuge lavora e che quindi non avrebbe diritto all' assegno sociale nè tanto meno al calcolo della pensione secondo il contributivo perchè ha versato prima del 1992, sappiamo che gli altri, a 70 anni, avranno la minima calcolata sugli anni effettivamente versati. Pertanto la sua operazione è valida o avrebbe altre alternative, magari lasciando perdere l' Inps ma affrontando una pensione privata?
Grazie