vivere di rendita n. 6 posso?

Da persona estremamente responsabile, ho posticipato il più possibile avendo una figlia. ( la madre dirigente pubblico) il mio cruccio sarà solo se versare soldi a inps (almeno fino a 25 anni) o no. Ho un piccolo fondo pensione. Zero debiti. 2 utilitarie. Casa di proprietà. Non un capitale enorme ma un capitale che dovrebbe darmi il 4/5%. Più di quanto lavorassi (1300/mese). Il mio ptf lo leggete qualche pagina indietro.. Se volete anche messaggi privati.. Siamo tutti sulla stessa barca.
 
Hai beccato una fase sf.igata di mercato...:censored: come tanti di noi in questo periodo...
un paio di mesi fa avvisavo del fatto che non era semplice vivere di rendita e che i conti bisognerebbe farli sui CD. I soliti sboroni sono venuti a pontificare di rendimenti del 20% per i più capaci e del 5% per gli sfigati.
Sarebbe interessante una loro opinione adesso che il mercato ha virato....
 
Da persona estremamente responsabile, ho posticipato il più possibile avendo una figlia. ( la madre dirigente pubblico) il mio cruccio sarà solo se versare soldi a inps (almeno fino a 25 anni) o no. Ho un piccolo fondo pensione. Zero debiti. 2 utilitarie. Casa di proprietà. Non un capitale enorme ma un capitale che dovrebbe darmi il 4/5%. Più di quanto lavorassi (1300/mese). Il mio ptf lo leggete qualche pagina indietro.. Se volete anche messaggi privati.. Siamo tutti sulla stessa barca.

Perchè fino a 25 anni?
Ne bastano 20 per la pensione di vecchiaia...
Se cambieranno la normativa versamenti volontari potrai sempre farne...
 
Fra 5 mesi compirò 52 anni e voglio smettere...
Comincerò con il prendere il max di aspettativa previsto dal contratto (4 mesi)...poi chiederò 1 anno di congedo...
Se mi arriva un'offerta dignitosa di buonuscita invece taglio definitivamente...
 
Perchè fino a 25 anni?
Ne bastano 20 per la pensione di vecchiaia...
Se cambieranno la normativa versamenti volontari potrai sempre farne...

Si, diciamo che i primi 25 anni a detta della commercialista e da Come sto verificando sono quelli che rendono di più. Gli ultimi anni rendono molto meno. E penso sia logico.
 
un paio di mesi fa avvisavo del fatto che non era semplice vivere di rendita e che i conti bisognerebbe farli sui CD. I soliti sboroni sono venuti a pontificare di rendimenti del 20% per i più capaci e del 5% per gli sfigati.
Sarebbe interessante una loro opinione adesso che il mercato ha virato....

Faccio parte del gruppo "sfigati". Avendo in gran parte fondi comuni e obbligazioni e titoli di stato il drawdown che sto subendo è di circa il 5%. Che in termini di migliaia di euro non è poco (petrobras mi è crollata, ma tengo e cedola, finché non vendo non è una perdita). Sto entrando nelle azioni usa mreit da pochi mesi e su quelle ho perso un altro 5/10%. Se fossi entrato nella prima parte del 2015 sarei molto più in rosso, ma Cmq hanno dividendi importanti e x quello lì ho in ptf.
 
Faccio parte del gruppo "sfigati". Avendo in gran parte fondi comuni e obbligazioni e titoli di stato il drawdown che sto subendo è di circa il 5%. Che in termini di migliaia di euro non è poco (petrobras mi è crollata, ma tengo e cedola, finché non vendo non è una perdita). Sto entrando nelle azioni usa mreit da pochi mesi e su quelle ho perso un altro 5/10%. Se fossi entrato nella prima parte del 2015 sarei molto più in rosso, ma Cmq hanno dividendi importanti e x quello lì ho in ptf.

Eh ma comunque per fare il 5% (non parliamo del 20%) bisogna prendersi una dose di rischio che per uno che vuol vivere di rendita mi pare inopportuna...
 
Eh ma comunque per fare il 5% (non parliamo del 20%) bisogna prendersi una dose di rischio che per uno che vuol vivere di rendita mi pare inopportuna...

Non esagerata diversificando, stando su scadenze brevi. La stessa di un piccolo imprenditore che apre la serranda al mattino, tra burocrazia, agenzia entrate, guardia finanza, assicurazioni prodotto, concorrenza ecc ecc
 
un paio di mesi fa avvisavo del fatto che non era semplice vivere di rendita e che i conti bisognerebbe farli sui CD. I soliti sboroni sono venuti a pontificare di rendimenti del 20% per i più capaci e del 5% per gli sfigati.
Sarebbe interessante una loro opinione adesso che il mercato ha virato....

Come scritto nell'altro post, anch'io faccio parte di quelli in loss (virtuale e pesante) ma sono ottimista per il futuro...:o
 
Da persona estremamente responsabile, ho posticipato il più possibile avendo una figlia. ( la madre dirigente pubblico) il mio cruccio sarà solo se versare soldi a inps (almeno fino a 25 anni) o no. Ho un piccolo fondo pensione. Zero debiti. 2 utilitarie. Casa di proprietà. Non un capitale enorme ma un capitale che dovrebbe darmi il 4/5%. Più di quanto lavorassi (1300/mese). Il mio ptf lo leggete qualche pagina indietro.. Se volete anche messaggi privati.. Siamo tutti sulla stessa barca.

Io verserei all 'INPS il meno possibile, anche perchè da quanto ho sentito ultimamente (non mi sono informato direttamente visto che non mi interessa per ora) comprare / riscattare gli anni mancanti costa un' enormità rispetto alle prestazioni che ti verranno garantite...leggesi PENSIONE.

A me credo manchino 2-3 anni per i 20 anni minimi, ma visto che continuano a cambiare le regole ...non intendo pensarci. Non riesco nemmeno a simulare la famosa busta arancione, perchè il sito inps mi dice che visti i miei pregressi lavori devo fornire i vari cartacei....(lavorato nel pubblico, nel privato, all'estero etc)
 
Ciao ragazzi,
in questi giorni ho iniziato a leggere il thread e mi sono iniziato a domandare se ho fatto un "errore".

3 anni fa ho deciso di acquistare un appartamento al mare più come realizzazione personale che come investimento (non ho intenzione di affittarla almeno per ora).
Mi domandavo se secondo voi è possibile almeno combattere l'inflazione con il mattone.

Chi ha comprato l'appartamento mentre era in costruzione (pre-crisi) lo ha pagato circa 220.000€, io sono riuscito a spuntare 160.000€ (nel pieno della crisi) anche perchè l'impresa di costruzioni non era messa diciamo rose e fiori.

Negli ultimi 5 anni in borsa ho fatto circa il 4-5% netto all'anno.
Contando il 4% di 160k avrai avuto un'entrata di circa 4500€/anno.

Avendo meno di 30 anni secondo voi è stata una buona scelta fare questo investimento (che mi costa tra tasse e gestione poco più di 1000€ all'anno) nel mattone oppure sarebbe stato meglio prendermi i 4000-5000€ annui di guadagno in borsa?
 
Ciao ragazzi,
in questi giorni ho iniziato a leggere il thread e mi sono iniziato a domandare se ho fatto un "errore".

3 anni fa ho deciso di acquistare un appartamento al mare più come realizzazione personale che come investimento (non ho intenzione di affittarla almeno per ora).
Mi domandavo se secondo voi è possibile almeno combattere l'inflazione con il mattone.

Chi ha comprato l'appartamento mentre era in costruzione (pre-crisi) lo ha pagato circa 220.000€, io sono riuscito a spuntare 160.000€ (nel pieno della crisi) anche perchè l'impresa di costruzioni non era messa diciamo rose e fiori.

Negli ultimi 5 anni in borsa ho fatto circa il 4-5% netto all'anno.
Contando il 4% di 160k avrai avuto un'entrata di circa 4500€/anno.

Avendo meno di 30 anni secondo voi è stata una buona scelta fare questo investimento (che mi costa tra tasse e gestione poco più di 1000€ all'anno) nel mattone oppure sarebbe stato meglio prendermi i 4000-5000€ annui di guadagno in borsa?

bisognerebbe valutare il futuro e non guardare al passato ;)
poi come dici tu si è trattato di realizzazione personale... io la mia casa al mare non la venderei mai, non mi frega nulla di quanto può rendere e di quanto risparmierei di imu e balzelli vari.
so che se voglio prendo la macchina e in un'ora sono nella mia casa al mare, già pronta con vestiti, cibo e ogni altra cosa
però non la tratto come investimento, ma come un costo.
 
Faccio parte del gruppo "sfigati". Avendo in gran parte fondi comuni e obbligazioni e titoli di stato il drawdown che sto subendo è di circa il 5%. Che in termini di migliaia di euro non è poco (petrobras mi è crollata, ma tengo e cedola, finché non vendo non è una perdita). Sto entrando nelle azioni usa mreit da pochi mesi e su quelle ho perso un altro 5/10%. Se fossi entrato nella prima parte del 2015 sarei molto più in rosso, ma Cmq hanno dividendi importanti e x quello lì ho in ptf.

Come scritto nell'altro post, anch'io faccio parte di quelli in loss (virtuale e pesante) ma sono ottimista per il futuro...:o

ovviamente non era rivolto a voi il mio messaggio....
 
Fra 5 mesi compirò 52 anni e voglio smettere...
Comincerò con il prendere il max di aspettativa previsto dal contratto (4 mesi)...poi chiederò 1 anno di congedo...
Se mi arriva un'offerta dignitosa di buonuscita invece taglio definitivamente...

tra 10 anni compirò 50 anni e voglio smettere senza preoccuparmi di quando andrò in pensione ;)
sto pianificando per tempo. Ho iniziato adesso delle detrazioni fiscali e mi spiacerebbe perderle :D
peccato perchè fino a qualche anno fa credevo nel lavoro come gratificazione, non come svilimento...
 
Io sono prossimo ai 35 anni con 14 anni di contributi, ho ( come gia' scritto a suo tempo ) investito 200k ( tutto ) su immobili all'estero affittati ( se tutto va bene rendono sui 700 euro netti al mese ), adesso sono tornato ad accumulare liquidita'.. Non ce la faccio piu' di lavorare, sono stanchissimo psicologicamente..
 
tra 10 anni compirò 50 anni e voglio smettere senza preoccuparmi di quando andrò in pensione ;)
sto pianificando per tempo. Ho iniziato adesso delle detrazioni fiscali e mi spiacerebbe perderle :D
peccato perchè fino a qualche anno fa credevo nel lavoro come gratificazione, non come svilimento...

Condivido al 100%. A volte umiliazione. Se mi dovesse servire non sono uno schizzinoso, lavapiatti va benissimo....Tant è che già so che il lavoro (quello che ti da entusiasmo) tra un po mi mancherà. .Sto versando anche su fondo pensione e mi rode non detrarlo. Se si potessero detrarre dal capital gain sarebbe ideale. Ma questo è un paese che ti ostacola in ogni modo.. Se arrivo all' età pensionabile e mi manca qualcosa uso la metà del fondo pensione.
 
Io dopo anni di contribuzione INPDAP (16 e 1/2) e INPS (8 e 1/2), ho aperto una partita IVA, nel mio caso come ingegnere, anche se faccio altro. Questo mi abilita a fatturare, scaricare e, in ogni caso se mai mi rompo e mi servisse, a versare poco meno di 2300 euro di minimo annuo per la previdenza, che poi si può totalizzare. La Totalizzazione prevede minimo 65 anni e 3 mesi di età, oppure 40 anni e 3 mesi di contributi (decorrenza 42 anni)...

Il vero problema è che in Italia è davvero complicato, se non impossibile, capire quanto si prenderà di pensione, così da potersi organizzare per bene facendo delle simulazioni.
 
Ultima modifica:
Io dopo anni di contribuzione INPDAP (16 e 1/2) e INPS (8 e 1/2), ho aperto una partita IVA, nel mio caso come ingegnere, anche se faccio altro. Questo mi abilita a fatturare, scaricare e, in ogni caso se mai mi rompo e mi servisse, a versare poco meno di 2300 euro di minimo annuo per la previdenza, che poi si può totalizzare. La Totalizzazione prevede minimo 65 anni e 3 mesi di età, oppure 40 anni e 3 mesi di contributi (decorrenza 42 anni)...

Il vero problema è che in Italia è davvero complicato, se non impossibile, capire quanto si prenderà di pensione, così da potersi organizzare per bene facendo delle simulazioni.

Interessante, il tuo datore di lavoro ti paga con fattura quindi.. Così facendo hai un minimo di contributi da pagare? Quanto? Per quale categoria si può fare?
 
Ciao ragazzi,
in questi giorni ho iniziato a leggere il thread e mi sono iniziato a domandare se ho fatto un "errore".

3 anni fa ho deciso di acquistare un appartamento al mare più come realizzazione personale che come investimento (non ho intenzione di affittarla almeno per ora).
Mi domandavo se secondo voi è possibile almeno combattere l'inflazione con il mattone.

Chi ha comprato l'appartamento mentre era in costruzione (pre-crisi) lo ha pagato circa 220.000€, io sono riuscito a spuntare 160.000€ (nel pieno della crisi) anche perchè l'impresa di costruzioni non era messa diciamo rose e fiori.

Negli ultimi 5 anni in borsa ho fatto circa il 4-5% netto all'anno.
Contando il 4% di 160k avrai avuto un'entrata di circa 4500€/anno.

Avendo meno di 30 anni secondo voi è stata una buona scelta fare questo investimento (che mi costa tra tasse e gestione poco più di 1000€ all'anno) nel mattone oppure sarebbe stato meglio prendermi i 4000-5000€ annui di guadagno in borsa?

Beh si compra quando costa poco.
In questi anni sull'immobiliare si comprava bene, quindi hai fatto bene, poi il futuro...
 
Indietro