Vivere di rendita n 7 , posso?

Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.
Effettivamente per un redditiero , mio parere , e' un poirtafoglio troppo aggressivo .
Condivido però la necessita di indirizzare portafogli importanti anche verso etf visto il basto costo e la notevole diversificazione in titoli sottostanti
 
Per me è troppo carico di azioni 57%. Sei sicuro che riesci a reggere se i mercati vanno giù?
Inoltre i bond che hai messo sono molti HY e Corporate, quelli non ti proteggono se scende l'azionario di almeno un 10-20% e scendono pure loro.

Tengo comunque un 10-15% in tds dell'eurozona in singoli titoli, in aggiunta agli etf obbligazionari.

Orizzonte temporale 20-30 anni è troppo un 57% di azionario?
 
Ultima modifica:
Tengo comunque un 10-15% in tds dell'eurozona in singoli titoli, in aggiunta agli etf obbligazionari.

Orizzonte temporale 20-30 anni è troppo un 57% di azionario?

Con un 12.5% in tds, se ho capito, il tuo portafoglio complessivo diventa 50/50 azioni/obbligazioni.
Se ce la fai davvero ad aspettare 20-25 anni in caso le cose dovessero mettersi molto male.
 
Ho letto buona parte dei threads di finanza online sull'argomento vivere di rendita. Vorrei soffermarmi sulla strategia di investimento per permettersi di vivere di rendita o quantomeno per integrare al reddito lavorativo una buona rendita finanziaria/immobiliare.
Mi rivolgo principalmente a chi possiede un patrimonio nel range 1-3 Milioni.
Ho letto che le strategie d'investimento che vanno per la maggiore sono le classiche obbligazioni (btp, corporate: subordinate bancarie e assicurative, venezuela, gazprom,...) oppure chi ritiene ancora redditizio e sicuro l'investimento immobiliare (appartamenti studenti).
Mi sono stupito di non aver letto nessuno che abbia proposto/adottato un ptf di ETF. Penso che gli ETF siano un ottimo strumento per garantire una rendita "abbastanza" sicura (soprattutto nell'epoca dei tassi a zero) e che permettano di differenziare in azioni e obbligazioni.
Facendo i calcoli a spanne, con un ptf di ETF che rende un 3% netto annuo potremmo ottenere:
1M -> 30K annui -> 2,5K mensili
2M -> 60K annui -> 5K mensili
3M -> 90K annui -> 7,5K mensili

Personalmente vedo questa soluzione migliore rispetto a prendere 200K di subordinate Generali, 200K subordinate mediobanca, 100K Vicenza, 100K Venezuela, ecc ecc...

Questo è il ptf di ETF che ho deciso di costruire in un arco temporale di 18-24 mesi scaglionando gli ingressi, attendo consigli e critiche.

ETF Obbligazionari

- Ishares Global Government Bond (EUN3) > (Titoli di Stato Globali: Paesi Sviluppati)
- ETFS LOIM Global Government Bond (CORE) > (Titoli di Stato Globali: Paesi Sviluppati ed Emergenti)

- SPDR Euro Corporate Bond (EUCO) > (Euro Corporate)
- DB Euro High Yeld Corporate Bond (XHYG) > (Euro Corporate Alto Rendimento)

- Ishares Global High Yeld Corporate Bond (HYLD) > (Corporate Globale Alto Rendimento)
- Ishares Global Corporate Bond (CORP) > (Corporate Globale)

ETF Azionari

- Ishares MSCI Europa (IMEU) > (Azionario Europa)
- Vanguard FTSE Europe (VEUR) > (Azionario Europa)

- Vanguard S&P 500 (VUSA) > (Azionario USA)
- Ishares MSCI North America (INAA) > (Azionario USA 94% - Canada 6%)

- UBS MSCI Pacific ex-Japan (PACEUA) > (Azionario Pacifico escl. Giappone)
- UBS MSCI Japan (JPNEUA) > (Azionario Giappone)

- UBS MSCI Emerging Markets (EMMEUA) > (Azionario Paesi Emergenti)
- PowerShares FTSE RAFI All-World 3000 (PSRW) > (Azionario Globale Smart Beta Fondamentali)

tieni conto però che con gli etf non recuperi le minus valenze... ad esempio se tu vorrai anche solo fare uno switch da un etf ad un altro e l'etf che andrai a vendere è in loss, quel loss è perso.

io ad esempio operando coi bond, nel 2015 ho fatto degli switch e quello che ho venduto era in loss ed ho generato una mins valenza, che poi ho recuperato nel 2016... e non roba da poco.
 
@clarence10: più che un portafoglio mi pare una collezione di ETF. :D

Se non metti i pesi % che senso ha?

Comunque in ogni caso come fai a obbligare il portafoglio a darti fuori il 3% annuo? Facendo i backtest i portafogli diversificati hanno dato fuori dal 1970 anche il 5% annuo. Ma oltre a non esserci nessuna garanzia che lo diano anche in futuro (e se qualcuno lo dà non è detto che siano quei portafogli che l'hanno dato in passato), possono attraversare periodi anche molti lunghi (10 anni ) di drawdown in cui il tuo portafoglio vale meno di quando l'hai costruito, anni in cui anzi che fare il +3% annuo, fai il -3% annuo. :D

Andrei a bilanciare con frequenza annuale, utilizzando nuova liquidità derivante da attività lavorativa e dai dividendi incassati e se necessario disinvestire quote di ETF.
Nella storia gli indici azionari mondiali nel lungo periodo sono sempre cresciuti ( ovviamente non è garanzia che lo facciano in futuro)
 
tieni conto però che con gli etf non recuperi le minus valenze... ad esempio se tu vorrai anche solo fare uno switch da un etf ad un altro e l'etf che andrai a vendere è in loss, quel loss è perso.

io ad esempio operando coi bond, nel 2015 ho fatto degli switch e quello che ho venduto era in loss ed ho generato una mins valenza, che poi ho recuperato nel 2016... e non roba da poco.

Del fatto che con gli etf non recuperi le minus ne sono a conoscenza. Potrei comunque recuperare le minus con i singoli tds dell'eurozona che continuerò a tenere in ptf.
 
Tengo comunque un 10-15% in tds dell'eurozona in singoli titoli, in aggiunta agli etf obbligazionari.

Orizzonte temporale 20-30 anni è troppo un 57% di azionario?

Se sono azioni high yeld e aristocrats non è troppo.
Non so la cifra che hai a disposizione, ma consiglierei ingressi mediati nel corso del tempo, per mediare anche le valute in cui andrai ai investire. Se hai 1 mln puoi fare anche 18/24 mesi di stock picking, anche perchè alcuni mercati potrebbero essere un pò cari oggi (USA). Tieni duro i primi mesi...
 
etf obbligazionari se non sono attivi, inflazione linked o su scadenze 3-5 anni si rischia un loss in conto capitale visto che i tassi verranno alzati e l'inflazione sembra che debba salire.


azionario inizia ad essere un po caro, penso comunque che gli storni siano occasioni di acquisto.

S&P 500 Earnings Yield
S&P 500 Earnings - 90 Year Historical Chart | MacroTrends

se trump non defiscalizza si potrebbe scendere fino al ratio eps 89,x prezzi sp 500, se defiscalizza alcuni analisti pensano che gli eps possano salire di un 15% ed allinearsi quindi coi prezzi attuali dell sp.
 
Ultima modifica:
Andrei a bilanciare con frequenza annuale, utilizzando nuova liquidità derivante da attività lavorativa e dai dividendi incassati e se necessario disinvestire quote di ETF.
Nella storia gli indici azionari mondiali nel lungo periodo sono sempre cresciuti ( ovviamente non è garanzia che lo facciano in futuro)

scusa, non entro nella discussione sugli etf che sono un proodotto che evito, in quanto non mi piace ma ammetto anche di non conoscere al meglio; peró nel tuo post iniziale scrivi "Mi rivolgo principalmente a chi possiede un patrimonio nel range 1-3 Milioni." e in seguito "Andrei a bilanciare con frequenza annuale, utilizzando nuova liquidità derivante da attività lavorativa"
mi chiedo a questo punto quante siano le persone con un patrimonio tra i 2-3 milioni (posso capire che uno con famiglia trovi rischioso smetetre di lavorare con un capitale di 1 milione), che continuano a lavorare perché hanno come obbiettivo arrivare ad avere un capitale tale che gli permetta un giorno di poter vivere di rendita
 
Orizzonte temporale 20-30 anni è troppo un 57% di azionario?

bel portafoglio. ho strategia simile, pesi molto diversi e meno ETF. ETF obb li prendo solo a duration molto corta. una parte dell'azionario xo' mi piace tenerlo in singole stock da dividendo.
per me 57% e' troppo nelle condizioni attuali di mercato, con le borse USA ai max di sempre. in condizioni 2009 e' poco.
io mi sono definito % di azionario che voglio in base al livello degli indici USA. xche' mai l'allocazione dovrebbe essere fissa?
oggi come oggi la mia strategia contempla un 50% liquido che faccio rendere vendendo put sui dividend aristocrat USA.

come livello di capitale minimo, be' io a 2-3m non ci arrivero' mai. per me le soglie minime sono 1m da residente ita. 800k senza pagare tasse sulle rendite.
ma le soglie sono molto soggettive: il 90% delle persone che conosco si sente povero a non cambiare auto ogni 4 anni e cellulare ogni anno. poi lavora 60 ore a settimana.
sono scelte...
 
Ultima modifica:
etf obbligazionari se non sono attivi, inflazione linked o su scadenze 3-5 anni si rischia un loss in conto capitale visto che i tassi verranno alzati e l'inflazione sembra che debba salire.
azionario inizia ad essere un po caro, penso comunque che gli storn siano occasioni di acquisto.
S&P 500 Earnings Yield
S&P 500 Earnings - 90 Year Historical Chart | MacroTrends
se trump non defiscalizza si potrebbe scendere fino al ratio eps 89,x prezzi sp 500, se defiscalizza alcuni analisti pensano che gli eps possano salire di un 15% ed allinearsi quindi coi prezzi attuali dell sp.
bei link, illuminanti. grazie
 
Se sono azioni high yeld e aristocrats non è troppo.
Non so la cifra che hai a disposizione, ma consiglierei ingressi mediati nel corso del tempo, per mediare anche le valute in cui andrai ai investire. Se hai 1 mln puoi fare anche 18/24 mesi di stock picking, anche perchè alcuni mercati potrebbero essere un pò cari oggi (USA). Tieni duro i primi mesi...

High yeld sono etf obbligazionari corporate alto rendimento.
Per gli ingressi mediati in 18/24 mesi è proprio quello che ho scritto nel primo post, dovrei collocare circa 1 mln e direi che 18/24 mesi o al massimo 36 mesi sia un buon orizzonte temporale. Ovviamente le date degli ingressi le decido a priori, evitando così di farmi influenzare da eventuali ribassi/rialzi del mercato.
 
scusa, non entro nella discussione sugli etf che sono un proodotto che evito, in quanto non mi piace ma ammetto anche di non conoscere al meglio; peró nel tuo post iniziale scrivi "Mi rivolgo principalmente a chi possiede un patrimonio nel range 1-3 Milioni." e in seguito "Andrei a bilanciare con frequenza annuale, utilizzando nuova liquidità derivante da attività lavorativa"
mi chiedo a questo punto quante siano le persone con un patrimonio tra i 2-3 milioni (posso capire che uno con famiglia trovi rischioso smetetre di lavorare con un capitale di 1 milione), che continuano a lavorare perché hanno come obbiettivo arrivare ad avere un capitale tale che gli permetta un giorno di poter vivere di rendita

Perchè pensi che tutti quelli che possiedo 1-3 mln non lavorino più? Questo ptf di ETF vorrei che integrasse la rendita lavorativa, non per vivere esclusivamente di rendita.

Comunque andrei ad incrementare/bilanciare il ptf di ETF con liquidità nuova e derivante dai dividendi (visto che ho scelto ETF a distribuzione).
 
bel portafoglio. ho strategia simile, pesi molto diversi e meno ETF. ETF obb li prendo solo a duration molto corta. una parte dell'azionario xo' mi piace tenerlo in singole stock da dividendo.
per me 57% e' troppo nelle condizioni attuali di mercato, con le borse USA ai max di sempre. in condizioni 2009 e' poco.
io mi sono definito % di azionario che voglio in base al livello degli indici USA. xche' mai l'allocazione dovrebbe essere fissa?
oggi come oggi la mia strategia contempla un 50% liquido che faccio rendere vendendo put sui dividend aristocrat USA.

come livello di capitale minimo, be' io a 2-3m non ci arrivero' mai. per me le soglie minime sono 1m da residente ita. 800k senza pagare tasse sulle rendite.
ma le soglie sono molto soggettive: il 90% delle persone che conosco si sente povero a non cambiare auto ogni 4 anni e cellulare ogni anno. poi lavora 60 ore a settimana.
sono scelte...

Sceglierei un'allocazione fissa 50/50 azionario/obbligazionario perchè cambiare in base alle sensazioni può essere giusto o sbagliato, quindi per non saper ne leggere ne scrivere terrei le cose fisse. Una sorte di un unico ETF(ptf): composto da 14 ETF con uguali pesi. Se inizio a cambiare % perchè penso che l'azionario USA calerà notevolmente state sicuro che non ci beccherò, dopo quando penso che risalirà invece farà il contrario. Quindi l'idea era quella di tenere le componenti sia geografiche, sia azionario/obbligazionario fisse.

"per me le soglie minime sono 1m da residente ita." intendi soglia minima in Italia per vivere di rendita?
 
Sceglierei un'allocazione fissa 50/50 azionario/obbligazionario perchè cambiare in base alle sensazioni può essere giusto o sbagliato, quindi per non saper ne leggere ne scrivere terrei le cose fisse. Una sorte di un unico ETF(ptf): composto da 14 ETF con uguali pesi. Se inizio a cambiare % perchè penso che l'azionario USA calerà notevolmente state sicuro che non ci beccherò, dopo quando penso che risalirà invece farà il contrario. Quindi l'idea era quella di tenere le componenti sia geografiche, sia azionario/obbligazionario fisse.
"per me le soglie minime sono 1m da residente ita." intendi soglia minima in Italia per vivere di rendita?

si intendo soglia minima per vivere di rendita da residente italiano.

sui pesi % non intendo variabili in base a dove credo che andranno gli indici, ma in base a dove sono andati gli indici.
esempio a muzzo dul dow
Dow = 21k o sopra mia % di allocazione stock = 20%
Dow = 18k mia % di stock = 30%
Dow = 15k mia percentuale allocazione stock = 40%
prima l'indice si muove, poi vario l'allocazione in base a come si e' mosso. non prevedo nulla.
 
si intendo soglia minima per vivere di rendita da residente italiano.

sui pesi % non intendo variabili in base a dove credo che andranno gli indici, ma in base a dove sono andati gli indici.
esempio a muzzo dul dow
Dow = 21k o sopra mia % di allocazione stock = 20%
Dow = 18k mia % di stock = 30%
Dow = 15k mia percentuale allocazione stock = 40%
prima l'indice si muove, poi vario l'allocazione in base a come si e' mosso. non prevedo nulla.
Se il mercato scende e mentre sta scendendo tu compri per mediare le perdite? E se il fondo della discesa e' lontano ti dissangui.
 
si intendo soglia minima per vivere di rendita da residente italiano.

sui pesi % non intendo variabili in base a dove credo che andranno gli indici, ma in base a dove sono andati gli indici.
esempio a muzzo dul dow
Dow = 21k o sopra mia % di allocazione stock = 20%
Dow = 18k mia % di stock = 30%
Dow = 15k mia percentuale allocazione stock = 40%
prima l'indice si muove, poi vario l'allocazione in base a come si e' mosso. non prevedo nulla.

Non ne capisco il senso di questo modo di operare. Il tuo metodo di allocazione presuppone che i mercati si muovano sempre in laterale all'infinito..
Poi scusa se il Dow va a 30.000 punti, tu metti il 10%? Che senso ha?

Io preferisco mantenere un'allocazione geografica dell'azionario fissa che approssimativamente dovrebbe essere questa:
-29% Nord America
-29% Europa
-29% Pacifico
-13% Paesi Emergenti
 
Perchè pensi che tutti quelli che possiedo 1-3 mln non lavorino più?
(visto che ho scelto ETF a distribuzione).

premesso che credo che la stragrande maggioranza di persone che dispongono di cifre simili siano imprenditori, artisti, sportivi o ereditieri, non credo che tutti quelli che dispongono di 3 milioni smettano di lavorare, peró questo é un thread che parla di vivere di rendita, quindi se uno ha 3 milioni, o anche meno, dovrebbe aver giá preso la decisione di farlo, in caso si pensi che cifre del genere non siano sufficienti allora o questo thread diventa un club esclusivo riservato a pochissimi o é solo per sognatori
 
La mia allocazione è

60% Aristocratici USA
40% Immobiliare ITA

l'abitazione è esclusa dal calcolo.
 
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.
Indietro