Vivere di rendita, posso (Vol. LIV)?

Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.

alfa71

Nuovo Utente
Registrato
22/11/14
Messaggi
13.720
Punti reazioni
1.304
La realta' e' che secondo me siete tutta gente che prende uno stipendio accreditato in banca oppure ha delle attivita' con pagamenti e incassi via banca per cui nemmeno vi rendete conto.

Come ti ho già spiegato io non ho nessun reddito da lavoro ma solo rendite finanziarie tassate alla fonte dalla banca, quindi non ho nessuna dichiarazione dei redditi da presentare. Ho una carta di credito Visa con Webank che mi è stata concessa senza troppe domande o indagini sul mio conto.
 

Benjamin_Malaussène

Nuovo Utente
Registrato
12/8/19
Messaggi
5.412
Punti reazioni
581
Vabbe' allora la mia amica racconta balle .. chissa perche' ma lasciamo perdere.
Anche quando mia moglie ha dovuto discutere con la filiale di Carige per avere un plafond decente (che poi erano 5,000 euro) era allucinata.
Visto che ci siamo anche un affittuario di mia moglie, bangladino che non sapeva come fare per farsi aprire un conto e poter pagare con regolare bonifico (anche qui obbligatorio bonifico e non contanti visto che erano piu' di 1000 euro) e che poi ha risolto con una carta postale prepagata era sotto influsso di droga.
Tutti ballisti.

La realta' e' che secondo me siete tutta gente che prende uno stipendio accreditato in banca oppure ha delle attivita' con pagamenti e incassi via banca per cui nemmeno vi rendete conto.
Ti ripeto.
Se vai nella sezione banking è un fiorire di gente che apre e chiude conti correnti per avere la promozione del momento o la seconda/terza carta di credito.

La mia prima CDC l'ho chiesta prima di diventare dipendente, su un conto che avevo appena aperto e su cui avevo fatto un versamento davvero basso (da libretto di risparmio postale).
Non avevo ovviamente storico di debiti non onorati.

Non nego le esperienze di tua moglie/amica, ma solo che facendosi un giro online non avrebbero potuto risolvere in poche ore (al massimo apri conto- bonifichi qualche k e poi chiedi carta).
 

freetimenow

Nuovo Utente
Registrato
23/10/19
Messaggi
1.725
Punti reazioni
217
L'avevamo scritto poco fa: la discussione politica si è trasformata in "tifo" e quindi si finisce per sostenere qualunque volo pindarico pur di giustificare l'uscita pubblica del proprio beniamino politico.

La lotta ai pagamenti elettronici, altro non è che una strizzatina d'occhio ad un certo tipo di commercio rimasto legato agli anni 80 e all'evasione fiscale (e se con un tassista o con un proprietario di lido balneare ci parli, te lo dice chiaramente che lui vota Salvini perché vuole che i clienti rompano meno le scatole con le carte elettroniche, mica si mette a filosofeggiare su blackout e credit score).

Non serve chissà che esperienza per capirlo: i costi delle commissioni bancarie, per chiunque abbia avuto a che fare con bilanci reali, hanno un contributo praticamente trascurabile sul margine operativo lordo.
Tirare in ballo le ripetizioni, i dipendenti fannulloni, etc è di nuovo una maniera di buttarla in caciara tra noi contro voi, partite iva contro dipendenti, settentrionali vs meridionali, etc in una discussione politica che viene intesa come il tifo calcistico ("voi mangia baguettes giusto contro Ronaldo infortunato potevate vincere").


E questo è quanto (poco importa il credo politico o il ragionamento portato avanti). In questa assurda diatriba, si è deciso che gli imprenditori sono di destra e i dipendenti di sinistra.
Quindi se si vuole sottolineare una boiata di un governo di destra si è subito comunisti fannulloni, se si fa lo stesso con un esponente di sinistra, ti trovi bollato come fascio liberista.
Non e' questione di destra e sinistra ma e' una questione di principio e di liberta'. Che forse e' una cosa che a un popolo di pecoroni non frega un qazzo ma gli altri ci tengono. Vai a dire a un Americano o a un Inglese che devono per forza accettare la carta di credito o che devono per forza pagare con la carta di credito e vedi dove ti manda.
Io per inciso uso la carta praticamente sempre per ragioni di comodita' e convenienza. Mi faccio almeno due biglietti aerei gratis all'anno usando la carta.

In Italia i governi (peraltro quasi tutti di sinistra negli ultimi dieci anni) non sono capaci di affrontare nulla, l'unica cosa che sanno fare e' limitare la liberta' dei cittadini e creare nuova burocrazia.

Allora l'evasione fiscale di che e' fatta:
Prostituzione. Che aspettano a legalizzarla e a prenderci le tasse?
Droghe. Almeno quelle leggere si potrebbero vendere al negozio e finisce il nero anche li.
Pizzo. Facessero come in America che i mafiosi li hanno messi in galera e buttata la chiave o e' troppo difficile?
Mazzette negli appalti. Idem come sopra.

Leva tutte ste cose e poi vedi che ti resta dell'evasione fiscale "mostruosa".

Invece si pretende di correre appresso all'idraulico che fa i lavoretti, che quello evade in tutto il mondo. Tipico Italiano: tante chiacchiere per non fare nulla.

Ma vabbe' tanto alla maggioranza degli Italiani sta bene sto sistema .. chi ha un po' di cervello emigra.
 

freetimenow

Nuovo Utente
Registrato
23/10/19
Messaggi
1.725
Punti reazioni
217
Come ti ho già spiegato io non ho nessun reddito da lavoro ma solo rendite finanziarie tassate alla fonte dalla banca, quindi non ho nessuna dichiarazione dei redditi da presentare. Ho una carta di credito Visa con Webank che mi è stata concessa senza troppe domande o indagini sul mio conto.
Infatti tu sei quello ho preso sul serio e passero' l'informazione per vedere se funziona. Ti faro' sapere.
 

Manu1972

Nuovo Utente
Registrato
4/11/18
Messaggi
3.321
Punti reazioni
302
mamma mia che rottura de palle con sti pecoroni

solo voi siete gli onniscenti. quelli che non cadono nei tranelli

avete anche un po' scassato la uallera sinceramente con sta supponenza de sta cippa
 

10giorgbest

chel del tenis...
Registrato
19/1/04
Messaggi
17.996
Punti reazioni
373
Hola! Prova nuovo avatar e prova tutto!

Carino questo forum nuovo. Forse un po' troppo "Facebook style" ma ci sta.
A parte la dicitura "nuovo utente" che appare di default sotto il nickname...Nuovo utente a chi, che sono quassù da un quarto dei miei anni??

Ciò detto, se a qualcuno interessasse una carta di credito per uso veramente sporadico (tipo, appunto, il noleggio auto una-due volte l'anno), Advanzia ha una CDC gratuita senza necessità di aprire un nuovo conto.
Io la uso poco e niente, solitamente con la carta di debito di Illimity mi trovo benone. Non è la migliore in caso si effettuino prelievi e pagamenti in valuta estera (2€ a prelievo e 2% sul cambio) ma c'è di peggio.

Come si può notare, per me i contanti potrebbero tranquillamente sparire. Nel 2022 penso di non aver mai prelevato, o forse una sola volta.
Hey hai fatto un patto col diavolo?
sei ancora meglio rispetto alla foto di 10 anni fa 😏
 

l1uk3

Nuovo Utente
Registrato
2/5/09
Messaggi
930
Punti reazioni
139
Quanto ci costa il denaro contante e perché nessuno parla di queste cifre?

Quanto ci costa il denaro contante e perché nessuno parla di queste cifre?​


scusa ma vedo che continui a farne una guerra ideologica senza scender ai punti indicati e postando articoli altrui a caso a supporto

Ti ho già scritto che le stime sono un po' grossolane e soprattutto i reali costi sono a maggioranza a carico del sistema bancario. Poi non è che si neghi che ci sono costi del contante, che sarebbe bello se tutto fosse digitale, anche per l'evasione etc.
Ma l'attuale guerra al contante non ha nulla a che veder con l'evasione o l'innovazione ma è una battaglia politica, far veder che si fa qualcosa, e economica di chi ci guadagna, vale a dire banche e co. Guarda caso mi citi i soliti dati dell'osservatorio del poli che è finanziato da 300 aziende praticamente tutte del sistema finanziario e digitale. Il classico oste!

Si parla continuamente di costi del contante ma allora perché non li confrontano con i costi del digitale: carta (in italia la maggioranza paga pure il canone direttamente o in un pacchetto per le carte di debito e credito), distribuzione, smagnetizzazioni, perdite, furti e clonazione, pos, commissioni a nexi, mastercard e banche, elettricità e rete. Anche se prendo per veritieri i costi del contante indicati ti posso ribattere con dati certi dei costi delle carte e già ti straccio: le commissioni nei bilanci di mastercard, visa, apple, banche, nexi etc. su pos e transazioni bancarie. Non mi serve nemmeno stimare il resto dei costi.

Si notano poi i nonsense di questa battaglia basata su scenari irrealistici in cui i pagamenti digitali diventerebbero totali o quasi. Basta legger l'ultima frase del tuo articolo. Ecco la scemenza, la totale perdita di buon senso e pragmatismo. La differenza fra chi fa e chi non fa! Perché non fai ragionamenti su scenari irrealistici ma devi farlo su ipotesi realistiche e allora vedrai che anche su ipotesi realistiche estreme tu non intaccheresti evasione e costi del contante anche se aumenti la digitalizzazione.

Facile capire ilvero scopo: «Sono necessari provvedimenti da parte del Governo – dice ancora Valeria Portale - per incentivare i pagamenti elettronici (con detrazioni o sconti), combattere l'evasione e accelerare il processo di digitalizzazione. Con i pagamenti elettronici, infatti, l'Italia sarebbe un Paese certamente più digitale».

Ora secondo sti furboni ovviamente la soluzione è che il governo metta soldi pubblici in detrazioni e sconti. Cavoli, qualche mese di cashback ci è costato 4,7 miliardi con tristi risultati. Il solito trucchetto, ormai sempre più in voga in sto paese (ed è questo il vero problema). E' lo Stato che deve farsi carico in toto di ipotetiche battaglie sociali e non chi ne trae vantaggio. Il solito sistema di far pagare alla collettività, come ora il settore edilizio che pretende di mantener il 110%, anche qui ovviamente perché c'è un alto valore sociale da difendere (ecologia, risparmio energetico, creazione di lavoro e blabla).

Proprio l'esperienza del cashback fa capire come sia senza senso questa soluzione.
Il Mef aveva nettamente bocciato la misura perché poco utile contro l'evasione e costosa per lo Stato. Il motivo è semplice e ben spiegato tra le righe della ricerca che divideva in due categorie le spese con carta in base alla categoria merceologica. Nella prima c'erano quelle a bassa propensione all'evasione come gdo o stazioni carburante. Nella seconda le altre.
Chiaramente il maggior utilizzo delle carte si concentrava nelle prime quindi è stato poco utile. E in quelle della seconda categoria l'aumento era inutile perché il problema non è l'utilizzo della carta, è che ci sarà sempre chi paga in contanti. In questi negozi anche se il pagamento in contanti scendesse al 33% (ipotesi utopica visto che è la quota di pagamenti digitali in Usa), questo 33% basterebbe a nasconder l'evasione.
Secondo te un negoziante ti rifiuta il pagamento con carta perché vuole evadere? Che gliene frega a un negoziante se tu vuoi pagar con carta quando tanto ha più del 50% dei clienti che paga in contanti.
E l'ignoranza di chi fa queste battaglie si vede proprio quando si impunta sul mezzo di pagamento. Le persone sono talmente instupidite da sto argomento che non capiscono che basta aver lo scontrino fiscale, anzi è più importante.

Il problema sta appunto nel fatto che tu e tanti altri ne fate una guerra ideologica. Per aver effetti reali sull'evasione dovresti aver % di uso del digitale altissimo, secondo me almeno l'80% , cifra impossibile da raggiungere anche con incentivi per anni.
E a sto punto come ho già scritto nel precedente post avremmo un altro tipo di problema ben più grave perché daremmo in mano a oligopoli una marea di soldi e dati sulle transazioni.
Guarda caso apple e google che non hanno nemmeno cagato il sistema bancario perché rispetto a quanto guadagnano ci sono margini irrisori, si sono gettati subito nel settore dei pagamenti perché è palese quanto ci sia da guadagnare.

In sintesi:
- si sparano i costi del contante ma si nascondono i costi facilmente calcolabili del digitale e soprattutto chi se ne avvantaggia
- si nasconde che i costi del contante (inclusa l'evasione) rimarrebbero quasi in toto anche se da oggi a domani le transazioni digitali raddoppiassero
- lo scopo reale di chi conduce questa battaglia (a parte qualche ideoogizzato) è spingere lo Stato a mettere regole e/o soldi per aumentare il business del digitale, non contrastare i lati negativi del contante. Il tuo articolo ne è la prova visto che stringi stringi questa è la soluzione prospettata
- se si volessero incentivare i pagamenti digitali in modo massiccio, vale a dire aver effetti significativi nel ridurre i costi e l'evasione, la strada maestra da seguire è ridurre drasticamente i costi dei pagamenti digitali o meglio sostituirli con l'euro digitale totalmente gestito dalla BCE (e questo favorirebbe pure la gestione della politica monetaria). Chiediti perché nessuno ne parla?!
- ci si butta in ste battaglie ideologiche perdendo di vista misure che per es. contro l'evasione possono dare risultati più immediati e sostanziosi. In primis l'incrocio dei dati che l'Ade ha già a disposizione (sostengo che se li dessimo in mano a google pagandogli il 10% dell'emerso, in un anno scoprirebbero easy 100 miliardi).
E ho già indicato in proposito la misura che mette paletti alla riapertura di partite iva. In proposito è esemplare un caso reale. Tempo fa uno come te esaltava un negozio cinese dove accettavano tranquillamente le carte. Quello che non aveva capito è che quel negozio durava meno di due anni, poi chiudeva e riapriva con nuova ragione sociale (anche se magari l'insegna era identica). Quanto aveva pagato di tasse: una cifra prossima allo zero!

Il problema di chi ne fa una battaglia ideologizzata come te è di veder tutto bianco o nero e non cogliere quanto una misura sia efficace o meno per ottener un risultato. E a scanso di equivoci, gli ideologizzati stanno su entrambi i versanti.
Si nota come tu vedi me e altri che non la pensano come te come un nemico, un pro-evasione etc. Io con buon senso e pragmatismo invece guardo al risultato finale, non al fatto di averla vinta ideologicamente o far dispetto a qualcuno come i negozianti. Perché qui la battaglia sembra guidata più da ipocrisia e invidia piuttosto che senso civico e morale.
Certamente è utile ridurre il contante e l'evasione ma non sono così fesso da pensare che la strada sia obbligare ad accettar il pagamento con carte o metter soglie basse ai contanti. E' come credere di svuotar l'oceano con il cucchiaio e infatti, smentiscimi se riesci, queste misure non hanno cambiato di una virgola la situazione. I pagamenti digitali crescono spontaneamente perché sono una soluzione comoda ma su evasione e costi del contante siamo sempre lì.
 
Ultima modifica:

ankou

Psicopompo
Registrato
4/7/12
Messaggi
1.694
Punti reazioni
766
Non e' questione di destra e sinistra ma e' una questione di principio e di liberta'. Che forse e' una cosa che a un popolo di pecoroni non frega un qazzo ma gli altri ci tengono. Vai a dire a un Americano o a un Inglese che devono per forza accettare la carta di credito o che devono per forza pagare con la carta di credito e vedi dove ti manda.
Io per inciso uso la carta praticamente sempre per ragioni di comodita' e convenienza. Mi faccio almeno due biglietti aerei gratis all'anno usando la carta.

In Italia i governi (peraltro quasi tutti di sinistra negli ultimi dieci anni) non sono capaci di affrontare nulla, l'unica cosa che sanno fare e' limitare la liberta' dei cittadini e creare nuova burocrazia.

Allora l'evasione fiscale di che e' fatta:
Prostituzione. Che aspettano a legalizzarla e a prenderci le tasse?
Droghe. Almeno quelle leggere si potrebbero vendere al negozio e finisce il nero anche li.
Pizzo. Facessero come in America che i mafiosi li hanno messi in galera e buttata la chiave o e' troppo difficile?
Mazzette negli appalti. Idem come sopra.

Leva tutte ste cose e poi vedi che ti resta dell'evasione fiscale "mostruosa".

Invece si pretende di correre appresso all'idraulico che fa i lavoretti, che quello evade in tutto il mondo. Tipico Italiano: tante chiacchiere per non fare nulla.

Ma vabbe' tanto alla maggioranza degli Italiani sta bene sto sistema .. chi ha un po' di cervello emigra.

L'idraulico non evade in tutto il mondo. Ci sono nazioni dove è impensabile evadere.

Gli Stati Uniti sono un bell'esempio di libertà a tutti i costi. Tant'è che devi andare a scuola col grembiule in kevlar...
 

freetimenow

Nuovo Utente
Registrato
23/10/19
Messaggi
1.725
Punti reazioni
217
L'idraulico non evade in tutto il mondo. Ci sono nazioni dove è impensabile evadere.

Gli Stati Uniti sono un bell'esempio di libertà a tutti i costi. Tant'è che devi andare a scuola col grembiule in kevlar...

E quali sarebbero? un paio di nomi pls..
 

RobertoNoRobertoSI

Pipponi-Post: NO GRAZIE!
Registrato
7/5/20
Messaggi
1.223
Punti reazioni
203
Ultima modifica:

JaiGuru72

"I soldi, è importante averli"
Registrato
1/8/22
Messaggi
1.686
Punti reazioni
290
"Vivere di rendita, posso pagare come cavolo voglio?"
 

Manu1972

Nuovo Utente
Registrato
4/11/18
Messaggi
3.321
Punti reazioni
302
ma se volessi pagare in cocomeri o in fagioli perchè lo stato deve limitare la mia libbertà!!!???

🤡
 
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.