Vivere di rendita, posso (Vol. XLVIII)?

Emadori

Nuovo Utente
Registrato
27/10/15
Messaggi
447
Punti reazioni
51
troppo drastico... forse in provincia dove vivo io queste dinamiche sono meno marcate. Mia figlia ha 14 anni e se vede che comincio a mettere nel carrrello di amazon troppe cianfrusaglie mi caz.zia :D

…idem , abito in un capoluogo di provincia e mio figlio che ha 19 anni nn ha mai avuto problemi di doversi uniformare con la felpa firmata , smartphone di marca o ideologie alla moda come diceva Battiato.
Con mia grande sorpresa.
 

rentier64

Lean Fire
Registrato
14/3/21
Messaggi
2.166
Punti reazioni
368
Sì ma come hai fatto a diventare rentier? Dove vivi? Che lavoro facevi?

La più grande differenza tra soldi e tempo: nella vita sai sempre quanti soldi hai, ma non sai mai quanto tempo avrai ancora. Il vero lusso è avere tempo per te oggi.
Vivere di rendita tramite reddito passivo significa potersi permettere di non essere produttivi e di non dover più dipendere dallo stipendio della propria professione. Significa avere il controllo totale delle proprie finanze e del proprio tempo Significa fare ciò che si vuole quando si vuole, avere molto tempo libero a disposizione (ovviamente però, non significa non dover fare più niente).
Attualmente non lavoro mi sono ritirato a fine 2020.Sposato senza figli mia moglie lavora ancora per ora anche se pure lei sta pianificando l'uscita dalla ruota del criceto ed a breve ne uscira'(Barista Fire),io sono in Lean Fire.
Il mio Obiettivo personale e' vivere con 1100€ al mese (13200€ all'anno) ad oggi bussola liberta' finanziaria coperta con rendite maturate al 58% il resto si preleva dal capitale maturato in 35 anni di lavoro .Fra 2,5 anni riscattero' fondo pensione e fra 10,5 anni usufruiro' pensione di vecchiaia che se nel frattempo INPS andra' in malora attingero' dal capitale mobiliare e da altre rendite immobiliari x raggiungere al 100% la liberta' finanziaria.
Profilo di rischio:
MEDIO 20/80 (azioni/obbligazioni)
che corrisponde all'investimento finanziario attivo fondo fonte comparto sviluppo .
IL resto e' cash , CD ed Immobili a reddito. Obiettivo e' un decumulo felice fino alla Morte....
 
Ultima modifica:

mirkosalva

приветс&
Registrato
10/11/10
Messaggi
17.412
Punti reazioni
1.020
Su questo 3d dovrebbero fare tutti come l'ottimo mr rip che pubblica mensilmente lo spreadsheet con il net worth aggiornato...altrimenti sono tutte chiacchiere, imho

Lui vive in Svizzera, io in Italia non lo farei mai, avrei paura per me e la mia famiglia.
Come ha scritto giustamente @harvest quelli che postano su FB l'ultimo Patek Philippe, rischiano grosso di venire ripuliti e pure mazziati.

Stealth wealth è la vera serenità, almeno fintato che non ti mettono la patrimoniale e ti ritirano il passaporto.
 

rentier64

Lean Fire
Registrato
14/3/21
Messaggi
2.166
Punti reazioni
368
Se puoi condividere il file ( depurato ovviamente dei dati sensibili ) in modo che lo metto in prima pagina.
Grazie.

Eccolo per semplificare ho unito i vari 5 fogli in uno unico con vari tab ed ho pulito i campi e dati sensibili e compresso in unico file zip per non superarei 396kbytes di allegato:
Bilancio famigliare spese (che aggiorno mensilmente) i primi 13 tab: del foglio: da gennaio a bilancio_famigliare(che sarebbe relativo al foglio del mese dicembre) e foglio annuale
Budget spese previste che faccio ad inizio anno (che aggiorno mensilmente con i relativi sal ) tab 14 del foglio (Budget 2022)
Asset Allocation 2022 tab 15 ( asset allocation 2022) valorizzare i campi in verde io ho messo per esempio 50k
Saldo conti correnti e del capitale finanziario net worth cash flow con relative scadenze investimenti ed interessi e cedole contabilizzate(che aggiorno mensilmente) (tab 16 CONTI CD E RENDITE 2022)
Piano FIRE con calcolo vivere di rendita con 1100€ almese con inflazione annua stimata al 2% (che aggiorno annualmente con tasso di prelievo SWR) (tab 17 calcoloviveredirendita1100€)
Alcuni campi dei fogli vanno valorizzati con i propri valori e capitale per avere il calcolo corretto. (esempio in calcoloviveredirendita1100€ tipo campo in verde T1 in valore capitale ora a 1 e campi in verde rendite O2 e P2 ora a 1)
Per me e' semplice dato che li uso da 17 mesi ad uso personale.
 

Allegati

  • Kit FIRE 2022 pulito rentier64.zip
    64,7 KB · Visite: 150

rentier64

Lean Fire
Registrato
14/3/21
Messaggi
2.166
Punti reazioni
368

Nemor

Nuovo Utente
Registrato
7/4/07
Messaggi
30.659
Punti reazioni
1.107
Eccolo per semplificare ho unito i vari 5 fogli in uno unico con vari tab ed ho pulito i campi e dati sensibili e compresso in unico file zip per non superarei 396kbytes di allegato:
Bilancio famigliare spese (che aggiorno mensilmente) i primi 13 tab: del foglio: da gennaio a bilancio_famigliare(che sarebbe relativo al foglio del mese dicembre) e foglio annuale
Budget spese previste che faccio ad inizio anno (che aggiorno mensilmente con i relativi sal ) tab 14 del foglio (Budget 2022)
Asset Allocation 2022 tab 15 ( asset allocation 2022) valorizzare i campi in verde io ho messo per esempio 50k
Saldo conti correnti e del capitale finanziario net worth cash flow con relative scadenze investimenti ed interessi e cedole contabilizzate(che aggiorno mensilmente) (tab 16 CONTI CD E RENDITE 2022)
Piano FIRE con calcolo vivere di rendita con 1100€ almese con inflazione annua stimata al 2% (che aggiorno annualmente con tasso di prelievo SWR) (tab 17 calcoloviveredirendita1100€)
Alcuni campi dei fogli vanno valorizzati con i propri valori e capitale per avere il calcolo corretto. (esempio in calcoloviveredirendita1100€ tipo campo in verde T1 in valore capitale ora a 1 e campi in verde rendite O2 e P2 ora a 1)
Per me e' semplice dato che li uso da 17 mesi ad uso personale.

Bravissimo, che lavoro certosino, lo carico subito in prima pagina..
 

mgzr160

Nuovo Utente
Registrato
6/2/06
Messaggi
15.342
Punti reazioni
1.181
Mgzr160 magari l’avevi già esposto, forse me lo sono perso, la tua compagna vive anche lei di rendita? Te lo chiedo perché se è bello e difficile riuscire a far vivere un giorno noi stessi di rendita, è ancora più bello (e difficile) riuscire a vivere di rendita entrambi, ognuno con il suo patrimonio oppure con il patrimonio congiunto della coppia, guardando il mio caso se un giorno riuscirò a vivere senza lavorare non è detto e non penso che lo riesca a fare anche la mia compagna, quindi sarebbe un vivere di rendita a metà visto che cmq saremmo legati alle esigenze del suo lavoro

No, non che non potremmo (ovviamente ci si dovrebbe un attimo riparametrare), ma la mia compagna lavora in primis perchè non vuole fare la mantenuta e perchè è sempre stata educata che il primo modo per essere liberi nella vita è avere un reddito proprio, secondo perchè comunque fa un lavoro di concetto con possibilità ancora di avanzamento (ora II liv. CCNL, + buoni pasto + qualche extra/provvigione), lavora lun-ven 9-18, in una azienda "accogliente" dove per es. non le hanno mai negato una richiesta ferie a suo piacimento, perciò non "le pesa" e non è un problema/impedimento. Ovvio fosse una lavoratrice su turni 7/7, oppure dovesse fare un lavoro di fatica sottopagato, il discorso sarebbe diverso.

Anche perchè non è che se anche lei non lavorasse potremmo permetterci di girare il mondo 365 gg. l'anno, perciò visto che quando vogliamo andare in ferie, da lei nessuno le fa storie, va benissimo così, poi tra altri 10 anni, quando arriva ai 20 di contributi vedremo.
 
Ultima modifica:

Rosaspina

Registrato
21/9/14
Messaggi
943
Punti reazioni
295
E' il contrario. I neet di Ricolfi sono spesso inconsapevoli. Hanno in********to il concetto d'eredità attesa ma non è che abbiano fatto chissà quale ragionamento. Nel nostro caso invece ci troviamo di fronte ad una piena consapevolezza (di madre e figlio) tanto che i soldi saranno dati in una sorta d'eredità anticipata.

Lascerei da parte i moralismi (la paghetta della mamma) con i quali non si capisce nulla. Se c'è accordo non vedo dove sia il problema.

Non torno su troll, soldi non suoi, situazione economica della famiglia in questione su cui ho già scritto.

...Luca Ricolfi (2011) ha fornito una spiegazione sociologica del fenomeno, ponendo in relazione diretta il numero di NEET con “l’eredità attesa dei giovani”. In alcuni paesi il giovane medio non può contare sul patrimonio accumulato, perché la ricchezza familiare (in rapporto al reddito) è bassa (Finlandia e Danimarca) o perché essendo alta la natalità (Francia) il patrimonio è suddiviso su un numero alto di eredi o per entrambi i motivi (Irlanda). Di contro, in altri paesi i figli possono contare su una condizione patrimoniale rilevante (Regno Unito), dovuta alla scarsa natalità (Spagna) oppure – come abbiamo visto in precedenza -ad entrambi i fattori, e questo è il caso del nostro paese: primo nella graduatoria del patrimonio familiare e ultimo in quella della natalità...

86 – Andrea Laudadio
Su questo punto l’analisi di Ricolfi è tanto affascinante quanto stringente. Tre giovani su dieci di quelli a metà strada tra i venti e i trent’anni possono permettersi in Italia di non lavorare e di non cercare lavoro perché godono di una situazione familiare che permette loro questa condizione di vita. In altre parole usufruiscono del lavoro fatto dalle due generazioni precedenti, la generazione di quelli che hanno fatto la guerra e la generazione successiva, una riserva di lavoro oggettivato fatta di pensioni decenti, una prima e talvolta una seconda casa di proprietà, depositi bancari, strumenti finanziari. E tanto più che questi giovani aspettano di ereditare, e tanto più che il patrimonio medio delle famiglie italiane è fra i più alti in Europa – data l’eccezionale capacità di risparmio delle due generazioni che ho detto –, e tanto più che in Italia sono pochi gli eredi su cui spalmare il patrimonio di ciascuna famiglia. L’Italia è divenuta un paese di anziani e di figli unici. L’Italia è al primo posto come peso degli anziani, all’ultimo come peso dei giovani, e al quarto come livello di patrimonializzazione. Il flusso successorio in Italia è stimabile attorno ai 250 miliardi di euro, un po’ meno del 14 per cento del pil. Fatto 100 il livello medio di eredità attesa negli altri tredici paesi europei, l’Italia si attesta a livello 175,8. Una manna per chi ha oggi attorno ai trent’anni. (Io schiattassi domani, il figlio trentenne o quarantenne che non ho potrebbe frequentare una discreta sequenza di ******** (mignot te) con la sola vendita delle prime edizioni di Eugenio Montale che mi sono procurato nella mia vita rinunziando a qualche pasto e alle vacanze lunghe in estate.) Se non è questa “una società signorile di massa”...

Signorile e da terzo mondo culturale: la foto perfetta della societa italiana | Il Foglio

Accidenti, avevo scritto un papiro da mobile nel weekend! Mi è crashata la pagina e ho rimandato a stamattina, consapevole che mi sarei dimenticata metà dei contenuti (e così è stato).

Riparto quindi da zero:
innanzitutto ti ringrazio per l'articolo del Foglio, piacevole lettura sul tema.
Tolti i Neet "casuali", ovvero quelli che si ritrovano in questa situazione un po' per caso e non sanno bene come uscirne, ma, allo stesso tempo, non hanno fatto i conti su chissà quale eredità di cui, probabilmente, non conoscono nemmeno l'importo indicativo, rimangono due categorie.
Credo, infatti, sia opportuno distinguere il Neet che non studia e non lavora ma SA che prima o poi dovrà farlo (in tal senso ci vedo consapevolezza, che porti anche solo a lavoricchiare part time al bar del paese) e il Neet che non studia, non lavora e NON CAPISCE/NON è CONSAPEVOLE che, sotto a cifre davvero davvero importanti, non far entrare mai un quattrino in tasca è poco praticabile.
Attenzione, non parlo di "immorale" o di "poco etico" (non è affar mio), parlo proprio di "impraticabilità".
Non vedere tale impraticabilità a fronte dei dati usciti pian piano (presenza di un altro erede, capitale che -FORSE- sarà il proprio tra 25 anni e non si sa se sarà di più o di meno di quello stimato, casa che -FORSE- sarà la propria -e sarà da dividere in due o da vendere per acquistarne un'altra o da acquistare per metà del valore- tra tanto tempo, casa che, se ha quel valore e quei servizi, ha spese condominiali che di certo non sono quelle del monolocale in Via Washington a Pizzocalabro e che, come tutte le case, in tempi così lunghi avrà bisogno di ampia manutenzione, così come l'auto non durerà in eterno e così via) è molto miope.

Tale miopia, la si cura in modo molto semplice e gratuito: vivendo nel mondo reale.

Lavorando (anche per un breve periodo), parlando con le persone, vivendo da soli (o anche con altre persone ma che non siano i genitori, in modo da non avere qualcuno che ci rimbocchi le coperte, che pulisca dove non puliamo, che metta a posto, che paghi le bollette e le altre spese, che chiami l'idraulico, che ci cucini qualcosa se non abbiamo voglia di farlo ecc...), uscendo dalla propria città/stato/isola felice, scontrandosi con la burocrazia (fare un 730, informarsi per avere un mutuo, scoprire come funzione un fondo pensione e via dicendo). Tutto questo, non lo si impara su YouTube e prima ce ne rendiamo conto (uso il plurale visto che, da 30enne, mi sento parte di questa "generazione Neet", anche se non ne condivido per nulla i principi), meglio è e meno sarà doloroso.
 

Rosaspina

Registrato
21/9/14
Messaggi
943
Punti reazioni
295
Buondi Rosaspina. :bow:

Io aspetto con ansia che torni con Le Risposte, la ricetta con cui io e tutti noi potremo vivere di rendita.
Sarà interessante e istruttivo.

Aspetto anch'io la ricetta, visto che non la conosco e non la conoscerò per almeno altri 20 anni...
però devo dire che dopo aver lavorato per una settimana con questa vista, sono già più ottimista :D:

dammuso.png

[Questa è Pantelleria, se qualcuno se lo chiedesse: per una settimana di lavoro da remoto è spettacolare! :'( ]
 

paola351

Nuovo Utente
Registrato
22/2/18
Messaggi
3.264
Punti reazioni
168
La più grande differenza tra soldi e tempo: nella vita sai sempre quanti soldi hai, ma non sai mai quanto tempo avrai ancora. Il vero lusso è avere tempo per te oggi.
Vivere di rendita tramite reddito passivo significa potersi permettere di non essere produttivi e di non dover più dipendere dallo stipendio della propria professione. Significa avere il controllo totale delle proprie finanze e del proprio tempo Significa fare ciò che si vuole quando si vuole, avere molto tempo libero a disposizione (ovviamente però, non significa non dover fare più niente).
Attualmente non lavoro mi sono ritirato a fine 2020.Sposato senza figli mia moglie lavora ancora per ora anche se pure lei sta pianificando l'uscita dalla ruota del criceto ed a breve ne uscira'(Barista Fire),io sono in Lean Fire.
Il mio Obiettivo personale e' vivere con 1100€ al mese (13200€ all'anno) ad oggi bussola liberta' finanziaria coperta con rendite maturate al 58% il resto si preleva dal capitale maturato in 35 anni di lavoro .Fra 2,5 anni riscattero' fondo pensione e fra 10,5 anni usufruiro' pensione di vecchiaia che se nel frattempo INPS andra' in malora attingero' dal capitale mobiliare e da altre rendite immobiliari x raggiungere al 100% la liberta' finanziaria.
Profilo di rischio:
MEDIO 20/80 (azioni/obbligazioni)
che corrisponde all'investimento finanziario attivo fondo fonte comparto sviluppo .
IL resto e' cash , CD ed Immobili a reddito. Obiettivo e' un decumulo felice fino alla Morte....

gran verita' la differenza tra soldi e tempo! che poi e' il mio problema...doppio lavoro= poco tempo libero, anche se devo ammettere il lavoro principale mi permette abbastanza liberta', ma sempre un lavoro lun-ven 0800-1700 e'.

p.s. ciao a tutti, leggo sempre, scrivo poco perche' il tempo libero e' quello che e'....
 

Toptrader1970

Nuovo Utente
Registrato
4/4/19
Messaggi
17.754
Punti reazioni
233
Digitouch

Ocio a digitouch, buoni fondamentali, discreta impostazione grafica, settore interessante...
 

AceVentura

Nuovo Utente
Registrato
22/10/20
Messaggi
1.452
Punti reazioni
269
gran verita' la differenza tra soldi e tempo! che poi e' il mio problema...doppio lavoro= poco tempo libero, anche se devo ammettere il lavoro principale mi permette abbastanza liberta', ma sempre un lavoro lun-ven 0800-1700 e'.

p.s. ciao a tutti, leggo sempre, scrivo poco perche' il tempo libero e' quello che e'....

Qual è la ragione per la quale hai e mantieni due lavori?
 

paola351

Nuovo Utente
Registrato
22/2/18
Messaggi
3.264
Punti reazioni
168
Qual è la ragione per la quale hai e mantieni due lavori?

ufficialmente ti direi che vivendo da sola, non sai mai cosa ti aspetta il futuro .
ufficiosamente ti dico che ho hobby molto costosi, e cosi' striscio la carta senza particolari problemi .
 

Benjamin_Malaussène

Nuovo Utente
Registrato
12/8/19
Messaggi
5.422
Punti reazioni
583
Accidenti, avevo scritto un papiro da mobile nel weekend! Mi è crashata la pagina e ho rimandato a stamattina, consapevole che mi sarei dimenticata metà dei contenuti (e così è stato).

Riparto quindi da zero:
innanzitutto ti ringrazio per l'articolo del Foglio, piacevole lettura sul tema.
Tolti i Neet "casuali", ovvero quelli che si ritrovano in questa situazione un po' per caso e non sanno bene come uscirne, ma, allo stesso tempo, non hanno fatto i conti su chissà quale eredità di cui, probabilmente, non conoscono nemmeno l'importo indicativo, rimangono due categorie.
Credo, infatti, sia opportuno distinguere il Neet che non studia e non lavora ma SA che prima o poi dovrà farlo (in tal senso ci vedo consapevolezza, che porti anche solo a lavoricchiare part time al bar del paese) e il Neet che non studia, non lavora e NON CAPISCE/NON è CONSAPEVOLE che, sotto a cifre davvero davvero importanti, non far entrare mai un quattrino in tasca è poco praticabile.
Attenzione, non parlo di "immorale" o di "poco etico" (non è affar mio), parlo proprio di "impraticabilità".
Non vedere tale impraticabilità a fronte dei dati usciti pian piano (presenza di un altro erede, capitale che -FORSE- sarà il proprio tra 25 anni e non si sa se sarà di più o di meno di quello stimato, casa che -FORSE- sarà la propria -e sarà da dividere in due o da vendere per acquistarne un'altra o da acquistare per metà del valore- tra tanto tempo, casa che, se ha quel valore e quei servizi, ha spese condominiali che di certo non sono quelle del monolocale in Via Washington a Pizzocalabro e che, come tutte le case, in tempi così lunghi avrà bisogno di ampia manutenzione, così come l'auto non durerà in eterno e così via) è molto miope.

Tale miopia, la si cura in modo molto semplice e gratuito: vivendo nel mondo reale.

Lavorando (anche per un breve periodo), parlando con le persone, vivendo da soli (o anche con altre persone ma che non siano i genitori, in modo da non avere qualcuno che ci rimbocchi le coperte, che pulisca dove non puliamo, che metta a posto, che paghi le bollette e le altre spese, che chiami l'idraulico, che ci cucini qualcosa se non abbiamo voglia di farlo ecc...), uscendo dalla propria città/stato/isola felice, scontrandosi con la burocrazia (fare un 730, informarsi per avere un mutuo, scoprire come funzione un fondo pensione e via dicendo). Tutto questo, non lo si impara su YouTube e prima ce ne rendiamo conto (uso il plurale visto che, da 30enne, mi sento parte di questa "generazione Neet", anche se non ne condivido per nulla i principi), meglio è e meno sarà doloroso.

Esattamente ciò che avevo espresso anche io, ma con altre parole.
Anche per sapere investire, saper risparmiare e saper spendere occorre vivere nel mondo reale.
L'utente in questione (che pianificava tutte le spese extra della sua vita in cene da roadhouse), a meno che non fosse un troll, nel mondo reale non ci ha mai vissuto,
 

OrsoYogi

Nuovo Utente
Registrato
4/7/11
Messaggi
10.473
Punti reazioni
616
Aspetto anch'io la ricetta, visto che non la conosco e non la conoscerò per almeno altri 20 anni...
però devo dire che dopo aver lavorato per una settimana con questa vista, sono già più ottimista :D:

Vedi l'allegato 2832551

[Questa è Pantelleria, se qualcuno se lo chiedesse: per una settimana di lavoro da remoto è spettacolare! :'( ]

Buongiorno a te e a tutt* :bow:

Direi niente male, potrei abituarmi a quella vista. :D

Buon lavoro e in bocca al lupo per i tuoi progetti. :sperem: