Vivere di rendita, posso (Vol. XXVII)?

  • Ecco la 72° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    È stata un’ottava ricca di spunti per i mercati, dapprima con l’esito delle elezioni europee, poi con i dati americani incoraggianti sull’inflazione e la riunione della Fed. L’esito delle urne ha mostrato uno spostamento verso destra del Parlamento europeo, con l’avanzata dei partiti nazionalisti più euroscettici a scapito di liberali e verdi. In Francia, il presidente Macron ha indetto il voto anticipato dopo la vittoria di Le Pen e in Germania i socialdemocratici del cancelliere tedesco Olaf Scholz hanno subito una disfatta record. L’azionario europeo ha scontato molto queste incertezze legate al rischio politico in Francia. Oltreoceano, i principali indici di Wall Street hanno raggiunto nuovi record dopo che mercoledì sera, la Fed ha mantenuto invariati i tassi nel range 5,25-5,50%. I dot plot, le proiezioni dei funzionari sul costo del denaro, stimano ora una sola riduzione quest’anno rispetto a tre previste a marzo. Lo stesso giorno è stato diffuso il report sull’inflazione di maggio, che ha mostrato un rallentamento al 3,3% e un dato core al 3,4%, meglio delle attese.
    Per continuare a leggere visita il link

Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.
chiedo scusa, ma si da tanta enfasi al fatto di poter andare in pensione con soli 5 anni di contributi e non si dice mai nulla di quanto sarà la pensione corrispondente.
Siccome si tratta di una pensione calcolata con il metodo contributivo, ipotizziamo a spanne che uno versi 10000 euro all'anno di contributi, cioè 50000 euro, A 70 anni (o 71 o... 74?) potrà percepire la pensione che ne deriva. Sempre a spanne, la sua speranza di vita è di 13/14 anni e dunque dovrà dividere questi 50mila sui 13 anni che mediamente gli rimangono, facendo il conto si tratta di meno di 300 euro al mese... non mi sembra un gran ché. Mi sbaglio?

Si, alla fine, specie per chi e' totalmente nel sistema contributivo quello che conta è il montante maturato. Con soli 5 anni di contributi supponendo un montante di 50k, a 70 si prende un assegno attorno ai 265 euro mensili stante alle tabelle di conversione Inps. Poi in teoria se sei nullatenente c'è l'integrazione al minimo
 
chiedo scusa, ma si da tanta enfasi al fatto di poter andare in pensione con soli 5 anni di contributi e non si dice mai nulla di quanto sarà la pensione corrispondente.
Siccome si tratta di una pensione calcolata con il metodo contributivo, ipotizziamo a spanne che uno versi 10000 euro all'anno di contributi, cioè 50000 euro, A 70 anni (o 71 o... 74?) potrà percepire la pensione che ne deriva. Sempre a spanne, la sua speranza di vita è di 13/14 anni e dunque dovrà dividere questi 50mila sui 13 anni che mediamente gli rimangono, facendo il conto si tratta di meno di 300 euro al mese... non mi sembra un gran ché. Mi sbaglio?

Il tuo conto della serva è giusto, l'idea di fondo è quella di non regalare nulla all'INPS e di cercare di ottenere la corrispondente rendita vitalizia (pur modesta che sia) il prima possibile.

Per cui ben venga la possibilità di monetizzare anche solo 5 anni di contribuzione ma l'ideale sarebbe riuscire ad arrivare almeno a 20 anni per poter cominciare ad incassare prima dei 70 anni.

L'idea di lavorare part-time (ammesso di riuscire a trovare un'occupazione che sia di proprio interesse) dai 50 anni in poi non mi pare affatto male come soluzione di compromesso, il tempo-vita raddoppierebbe ed anche la qualità della stessa...
 
Non capisco proprio il sarcasmo... dovrebbe essere la prima curiosità di ciascuno di voi capire come si sia arrivati a 42 anni con simile capitale.
L'altra domanda che avrei fatto, ma sotto forma assertiva, sarebbe stata: "aspè... e scommetto pure che sei single!"
Anche questa però è stata bruciata dallo stesso Nyc10 che ha confermato anche il suo stato di singletudine...
in questo topic, ripeto e sempre secondo me, si dovrebbe porre molto di più l'accento su COME arrivare a disporre entro i 45/50 anni del capitale sufficiente a smettere di lavorare piuttosto di COME investire dei capitali "materializzatisi misteriosamente" nell'intorno dei 45 anni. E questo si può fare solo attraverso l'analisi delle vicende che hanno portato ad accumulare le somme necessarie, l'analisi degli stili di vita, l'analisi delle scelte di vita.
Per adesso prendo nota che ci troviamo davanti ad un altro rentier che si trova in questa condizione grazie ad una assolutamente legittima "fortunata/sfortunata (dipende da come la si guarda) serie di eventi".
Il chè lascia intatto il mio pensiero su:
gli stipendi bassi, le difficoltà di risparmiare, ecc ecc

Buongiorno Signori. :bow:

Caro Bigmad, posso darti ragione sull’importanza di sapere COME arrivare a certi capitali, ma a mio modestissimo parere su un forum di finanza (e non di economia domestica, se no ci ritroviamo ciclicamente a parlare di spesa al Carrefour piuttosto che ad Aldi) non è corretto dare più importanza al COME accumulare: potrei dire che è importante tanto quanto COME investire l’accumulato (di qui la necessità di condividere isin e strategie di investimento) e sfruttare i sistemi pensionistici (e per fare i conti è utile sapere professione/stipendio/anni di contribuzione...).
Ritengo inoltre, ma magari sbaglio, che la maggior parte degli utenti di questo 3d abbia già un capitale e/o uno stipendio buono e “non gli interessi” altro che investire oculatamente il capitale modulando eventualmente il reddito da lavoro.
Che poi, nel rispetto della privacy (qui ognuno ha la sua sensibilità, che rispetto), al di lá dei fini del 3d, ci sia la curiosità fine a se stessa di sapere come un utente abbia accumulato (io stesso sono un po’ riservato, spero che mi scusiate) lo posso anche capire ma temo che, se solo per curiosità statistica, sia inutile.
Forse il titolo del 3d dovrebbe essere un più specifico “ho già un buon capitale, credo: è sufficiente per vivere di rendita, e con che strategia?”.
La butto lí..

In sintesi: io ho capito che non so investire come altri, devo cambiare strategie e non capisco un cavolo del sistema pensionistico (tanto non ne ho diritto per cui...), ma sono evidentemente rin********to io, me ne sono fatto una ragione ma cerco di cambiare.

Tu, che sei sicuramente più intelligente di me (sei Ingegnere, un minimo di capacità analitiche li avrai bene), dalle tue analisi statistiche avrai ormai concluso che il capitale spesso è ereditato, che spesso è dovuto a scelte (discutibili o meno, non sta a me giudicare chi ha vissuto fino a 40 anni con i genitori o chi non vuole sposarsi o avere figli o vive in un eremo, non siamo tutti uguali per fortuna) che hanno portato a stipendi buoni/alti e/o grande risparmio.
Quindi andiamo avanti, dai: appurato questo, guardando (tu) la tua situazione (frutto delle tue scelte, assolutemente legittime), come rispondi alla domanda del 3d? Puoi/vuoi cambiare o te ne sei fatto una ragione?

Senza polemica Bigmad, ovviamente. OK!
 
Ultima modifica:
Il tuo conto della serva è giusto, l'idea di fondo è quella di non regalare nulla all'INPS e di cercare di ottenere la corrispondente rendita vitalizia (pur modesta che sia) il prima possibile.

Per cui ben venga la possibilità di monetizzare anche solo 5 anni di contribuzione ma l'ideale sarebbe riuscire ad arrivare almeno a 20 anni per poter cominciare ad incassare prima dei 70 anni.

L'idea di lavorare part-time (ammesso di riuscire a trovare un'occupazione che sia di proprio interesse) dai 50 anni in poi non mi pare affatto male come soluzione di compromesso, il tempo-vita raddoppierebbe ed anche la qualità della stessa...

Tenendo sempre bene a mente che l'importo dell'assegno calcolato non deve essere inferiore ad 1,5 volte l'assegno sociale, allo stato attuale 458x1,5=687 circa con le tabelle di conversione attuali, a 67 anni vorrebbe dire un montante di circa 165k ( su 13 mensilita' )..
 
Complimenti, un milione di euro è la cifra che ti permette di acquistare il voucher per uscire dallo status di schiavo e riscattare la tua libertà.
Ora sei un uomo libero.


Un'unica considerazione, sarebbe economicamente opportuno riuscire a raggiungere almeno 20 anni di contribuzione previdenziale per poter valorizzare i versamenti fatti finora all'INPS, altrimenti ti spetterà solo la pensione sociale quando sarai anziano.
Mi rendo conto che altri 9 anni di lavoro non sono pochi ma puoi pensare ad una occupazione part-time che ti appassioni e che non ti sottragga troppo tempo-vita, potrebbe essere un buon compromesso, la tua rendita pensionistica potrebbe ragionevolmente raddoppiare.

Grazie,giro i complimenti al nonno :)
Come ho gia' anticipato sono ancora attivo anche se al momento e per i prossimi mesi sicuramente non avrò' reddito.
Se il mio progetto di lavorare ancora un po' in modo indipendente naufragherà' escludo categoricamente comunque di tornare a fare il dipendente ..Diciamo che comunque non ho mai pensato alla pensione inps nei miei piani,non faccio conto su aiuti statali
 
Sai più o meno quali sono le fee di gestione dei portafoglio, così per una stima del costo annuo del gestito?

ciao,

Non ho specificato bene ,comunque :

l’investimento ad accumulo è una gestione patrimoniale ,vedo che c’è scritto commissione trimestrale 0,15% e commissione 10% come premio per rendimento eccedente a quello prefissato.
Mi hanno fatto uno sconto sulle commissioni perche’ gia’ gestivano i soldi di nonno e genitori.
Formato per lo piu’ da titoli di stato obbligazioni singole,qualche etf,qualche fondo e poco azionario.

Il portafoglio dividendi è stato creato in circa 18 mesi da un amico consulente indipendente,si è preso 2000 euro una tantum…Lui mi dava le indicazioni e io compravo..Adesso è completo ,mi ha detto che ci potranno essere solo piccoli aggiustamenti in base alle occasioni(ad esempio in periodo covi abbiamo fatto delle operazioni per abbassare delle quote medie) ma l’ossatura del portafoglio rimarrà negli anni uguale
Ed è formato per lo piu’ da etf e c’è da sopportare ovviamente una certa volatilita’.
 
Carissimo buongiorno,

ti andrebbe di condividere la composizione dei tuoi due portafogli con i relativi isin? grazie tante e complimenti sinceri per la tua scelta di lasciare il lavoro a 42 anni; io il primo aprile del prossimo anno mi trovero' dopo quasi 20 anni ad essere nuovamente disoccupato...certo da mangiare non mi machera' :);); a fine settembre completero' la mia storia...ed i miei progetti di rentier...

Ciao,

complimenti a te ,vedrai che non rimpiangerai il lavoro :)

Per la parte di gestione patrimoniale mi disinteresso completamente,comunque appena mi arriva l'estratto conto posso essere più' preciso.
In ogni caso c'è una piccola parte di azionario,l'ossatura del portafoglio sono obbligazioni singole e titoli di stato
Appena ho un attimo di tempo condivido il portafoglio dividendi,nessun problema(da tenere conto che ho spalmato gli acquisti in 18 mesi quindi i prezzi di acquisto potrebbero divergere notevolmente dai prezzi correnti)
 
Tenendo sempre bene a mente che l'importo dell'assegno calcolato non deve essere inferiore ad 1,5 volte l'assegno sociale, allo stato attuale 458x1,5=687 circa con le tabelle di conversione attuali, a 67 anni vorrebbe dire un montante di circa 165k ( su 13 mensilita' )..

Vero, c'è anche questa condizione da rispettare per andare all'incasso il prima possibile.
Per un lavoratore dipendente corrisponde ad un RAL minimo di 25k per 20 anni (il montante contributivo INPS rappresenta convenzionalmente il 33% del RAL), direi fattibile se si vuole ottimizzare questo aspetto economico.
 
Vero, c'è anche questa condizione da rispettare per andare all'incasso il prima possibile.
Per un lavoratore dipendente corrisponde ad un RAL minimo di 25k per 20 anni (il montante contributivo INPS rappresenta convenzionalmente il 33% del RAL), direi fattibile se si vuole ottimizzare questo aspetto economico.

Il vero problema invece potrebbe essere che viene alzato l'assegno sociale e/o il fattore "moltiplicativo", si rischia di restare con il cerino in mano... Per questo cautelativamente vorrei arrivare almeno a 25 anni..
 
[...]Per la parte di gestione patrimoniale mi disinteresso completamente,comunque appena mi arriva l'estratto conto posso essere più' preciso.
In ogni caso c'è una piccola parte di azionario,l'ossatura del portafoglio sono obbligazioni singole e titoli di stato
Appena ho un attimo di tempo condivido il portafoglio dividendi,nessun problema(da tenere conto che ho spalmato gli acquisti in 18 mesi quindi i prezzi di acquisto potrebbero divergere notevolmente dai prezzi correnti)
Buongiorno Nyc10!
Grazie per voler condividere il portafoglio sul forum. E' sempre utile confrontarsi, soprattutto per chi fa da sé ed è alla ricerca di conferme :D
 
ciao a tutti,

Vi seguo da un po’ di tempo e ho deciso di condividere la mia esperienza.
Ho 42 anni e vivo senza reddito da lavoro da circa 1 anno,ho abbandonato il mio posto perche’ ero stanco di fare la solita vita da impiegato senza soddisfazione.
Al momento il mio patrimonio è cosi’ suddiviso:

casa di proprieta’ +box (valore circa 300k)
Immobile in affitto(ci ricavo 8k)
2 box in affitto (3 k all’anno totale)
500 k portafoglio dividend income con consulente A a volatilita’ piuttosto alta,rendita 3-3,5%(ho dentro una buona fetta di obbl emergenti ed hy)
500 k gestiti da consulente B con obiettivo moderato aumento capitale (portafoglio gran parte costituito da obbligazioni “tranquille”)

Con 25 k all’anno vivo benissimo,ho circa 10k di spese che non posso diminuire,il resto ho in progetto di spenderli quasi totalmente in viaggi
Ovviamente prevedo una grossa decurtazione di incasso dividendi per il 2020,compensata ampiamente dal fatto che ho speso 0 euro in viaggi

questa allocazione del patrimonio non è ottimale e sto ancora pensando come modificarla pero’ alcune scelte sono state obbligate(il patrimonio è stato costruito in piu’ fasi e la prima parte è stata affidata al consulente B quando ancora capivo zero di finanza e lavoravo,pertanto non avevo bisogno di dividendi)

E’ un grande piacere partecipare al forum,a presto!

Benvenuto Nyc10. :bow:

Complimenti anche da me per il capitale! :clap:
 
Il vero problema invece potrebbe essere che viene alzato l'assegno sociale e/o il fattore "moltiplicativo", si rischia di restare con il cerino in mano... Per questo cautelativamente vorrei arrivare almeno a 25 anni..

secondo me il problema non sarà quello, anzi avevano detto che vorrebbero abbassare il moltiplicatore, il vero rischio è che tra 5-10 anni rivedano l'età pensionabile e anzichè dartela a 70 anni te la diano a 75 (o 80?!) e quello modificherebbe anche l'età a cui richiedere della Rita (oppure renderebbe "esodato)
 
di sapere COME arrivare a certi capitali?

Ciao, io trovo molto istruttivo anche sapere il COME, almeno a grandi linee sapendo che molte notizie non saranno mai troppo realistiche per via dei vari bias di desiderabilità sociale (nessuno parlera' di capitale da illeciti, crimini, corruzione politica)

E anche il contrario;

Flavio Bucci e morto in poverta, quando disse: "Ho speso tutto in donne"

Alberto, morto in poverta dopo una vita di lavoro - Necrologie La Tribuna Di Treviso
 
secondo me il problema non sarà quello, anzi avevano detto che vorrebbero abbassare il moltiplicatore, il vero rischio è che tra 5-10 anni rivedano l'età pensionabile e anzichè dartela a 70 anni te la diano a 75 (o 80?!) e quello modificherebbe anche l'età a cui richiedere della Rita (oppure renderebbe "esodato)

In realta' e' gia' cosi' dalla riforma Fornero, l'eta' pensionabile viene ( se non erro ogni 3 anni ) "rivalutata" in base alle tabelle ISTAT sulla speranza di vita, stessa cosa quindi i coefficienti.. Invece sull'assegno ho visto adesso che era 458 nel 2019, mentre nel 2020 e' 459,83.. Potrebbero rivedere altri parametri, es possibilita' che il montante possa diminuire ( cosa al momento non possibile ) quando la media del PIL degli ultimi 3 anni e' negativa o cosa simili.. Ma se vogliono tagliare si possono inventare qualsiasi cosa.. Gia' questa del fattore moltiplicativo che deve essere almeno 1,5 volte l'assegno sociale e' una "panzana colossale" che non si spiega in nessun modo, se non per far cassa...
 
Ciao, io trovo molto istruttivo anche sapere il COME, almeno a grandi linee sapendo che molte notizie non saranno mai troppo realistiche per via dei vari bias di desiderabilità sociale (nessuno parlera' di capitale da illeciti, crimini, corruzione politica)

E anche il contrario;

Flavio Bucci e morto in poverta, quando disse: "Ho speso tutto in donne"

Alberto, morto in poverta dopo una vita di lavoro - Necrologie La Tribuna Di Treviso

Buonasera asimpleplan. :bow:

Si assolutamente, ho infatti affermato che COME accumularlo è importante tanto quanto COME investirlo, forse mi sarò espresso male nel precedente post, mi dispiace.

Buona serata. OK!
 
c'è un limite di reddito piuttosto basso e i redditi da considerare per la verifica del limite sono molti, compresi quelli soggetti a sostituto di imposta.
quindi se accedi alla sociale sei un nullatenente ...

Non sono sicuro che sia così. Supponiamo un settantenne con casa di proprietà e 500k in cd all'1%. Avrebbe 5k di reddito da capitale. Quale regola gli impedirebbe di prendere l'integrazione all'assegno sociale?

Assegno Sociale, Importo e limite di reddito nel 2020 [Guida]
 
Invece sull'assegno ho visto adesso che era 458 nel 2019, mentre nel 2020 e' 459,83..

Sembra uno sciocchezza, ma ho calcolato adesso che per equilibrare questi 1,83 euro mensili, ci vuole un montante finale di circa 626 euro in piu'..
 
In realta' e' gia' cosi' dalla riforma Fornero, l'eta' pensionabile viene ( se non erro ogni 3 anni ) "rivalutata" in base alle tabelle ISTAT sulla speranza di vita, stessa cosa quindi i coefficienti.. Invece sull'assegno ho visto adesso che era 458 nel 2019, mentre nel 2020 e' 459,83.. Potrebbero rivedere altri parametri, es possibilita' che il montante possa diminuire ( cosa al momento non possibile ) quando la media del PIL degli ultimi 3 anni e' negativa o cosa simili.. Ma se vogliono tagliare si possono inventare qualsiasi cosa.. Gia' questa del fattore moltiplicativo che deve essere almeno 1,5 volte l'assegno sociale e' una "panzana colossale" che non si spiega in nessun modo, se non per far cassa...

lo sono, ogni 2 anni aumentano di 3 mesi (per questo avendo quasi 40 anni dicevo a 70), che più che toccare i parametri, modificheranno quel dato, aumentandolo magari di 6 mesi ogni anno :eek:
 
Non sono sicuro che sia così. Supponiamo un settantenne con casa di proprietà e 500k in cd all'1%. Avrebbe 5k di reddito da capitale. Quale regola gli impedirebbe di prendere l'integrazione all'assegno sociale?

Assegno Sociale, Importo e limite di reddito nel 2020 [Guida]

Qui la lista dei redditi che non vengono conteggiati.. A rigor di logica tutto il resto cumula..

Assegno sociale 2019

Non devono essere considerate ai fini del limite di reddito, invece, le seguenti voci:

-Tfr (il trattamento di fine rapporto, in parole povere la liquidazione) e le relative anticipazioni; sono escluse dal computo anche le altre indennità di fine rapporto, comunque denominate, come il Tfs (trattamento di fine servizio) o l’Ips (indennità premio di servizio);
-reddito dell’abitazione principale;
-arretrati da lavoro dipendente soggetti a tassazione separata, compresi gli arretrati per attività prestata all’estero;
-indennità di accompagnamento per invalidi civili, ciechi civili (in generale, sono escluse le indennità di accompagnamento di ogni tipo), indennità di comunicazione per i sordi, assegni per l’assistenza personale e continuativa erogati dall’Inps ai pensionati per inabilità;
-assegni conferiti dall’Inail per l’assistenza personale continuativa, nelle ipotesi di invalidità permanente assoluta;
-vitalizi per gli ex combattenti della guerra 1915/1918.

Comunque dal link che hai postato leggo che ...

Ai fini della determinazione dell'importo concorrono i redditi di qualsiasi natura al netto dell'imposizione fiscale e contributiva, ivi compresi quelli esenti da imposte, quelli soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d'imposta o imposta sostitutiva, nonché agli assegni alimentari corrisposti secondo le norme del codice civile

Sicche' da quello che capisco i 500k "cumulano".. O forse non ho capito bene ?
 
Io che vi leggo e seguo cercando di carpire dei suggerimenti e spunti ho capito che dovrò fare il cane a vita!:'(
 
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.
Indietro