Vogliamo parlarne ? e parliamone..

ramirez

Nuovo Utente
Registrato
6/11/05
Messaggi
26.172
Punti reazioni
521
Ci sono notizie che possono essere relegate in altri settori non propriamente economici. Un bel blog sull'ambiente, il clima ecc ecc
Però noi siamo un passo avanti. Beh NOI, alcuni !!
In Usa sta accadendo questo. In Luisiana allagamenti di tale proporzione che alcuni hanno affermato ' cose che accadono ogni 1000 anni'
In California dopo una siccità che dura da anni e che ha visto un leggero miglioramento ci sono incendi devastanti.
Ora la colpa può essere del clima impazzito e allora torniamo al blog sul clima.
Ma alcuni dicono che è colpa dell'UOMO. Vero o falso ? Boh
AMmettiamo sia colpa dell'uomo. Quale uomo pagherà per i danni ?
Tutti gli uomini nella stessa misura ? domanda : ma tutti gli uomini hanno goduto dei benefici IN EGUAL MISURA ??
temo di no. ALCUNI HANNO CONTRIBUITO MOLTO DI PIU' e guadagnato molto di più
Che si fa ?
leggiamo qua e là...tanto per inquadrare meglio il problema.
Despite the lengthy debate on the federal budget in Congress, climate change
rarely gets mentioned as a deficit driver. Yet paying for climate disruption
was one of the largest non-defense discretionary budget items in 2012.
Indeed, when all federal spending on last year’s droughts, storms, floods, and forest
fires are added up, the U.S. Climate Disruption Budget was nearly $100 billion.

Here’s a startling reality: America’s taxpayers paid three times what private insurers
paid out to cover losses from extreme weather.
Here’s another: The federal government spent more taxpayer money on the
consequences of 2012 extreme weather than on education or transportation.
Climate doesn’t show up as a line item in the budget, but what NRDC calls the Climate
Disruption Budget for 2012 is equal to one out of every six dollars spent on non-defense
discretionary programs, making it the number-one item in that part of the federal
budget.
 

33vergelle

vecchio utente
Registrato
19/6/16
Messaggi
387
Punti reazioni
16
Esatto, l'investimento per opere contro il dissesto idrogeologico ha un elevato rendimento in termini di minori costi per danni vari, distribuiti casualmente tra la popolazione
 

ramirez

Nuovo Utente
Registrato
6/11/05
Messaggi
26.172
Punti reazioni
521
qualcuno diceva che NON SIAMO MAI STATI COSI RICCHI. Beh se mi guardo intorno ..lo vedo anch'io. Però
Air pollution deaths cost global economy $5tn annually...titolo di un articolo di oggi sul FT
L'importante è non essere tra quelli.
E il Capitalismo trae profitto anche delle disgrazie altrui. Sicuri che siamo andati nell'unica direzione esatta ?
Ho qualche dubbio
 

skymap

God bless America
Registrato
7/7/03
Messaggi
15.407
Punti reazioni
1.101
Mi sono letto il papello, parla anche di quelli che bruciano sterco come combustibile quindi cosa c'entra il capitalismo.

La direzione nei paesi democratici è la scelta della maggioranza relativa, pochi anni fa quando Monti propose di spegnere parte dell'illuminazione (inutile) delle nostre notti è venuto giù il tabellone. Gli italiani preferiscono pagare e inquinare bruciando fossili per vedere il monumento illuminato, poi si sentono più sicuri con tante luci... Proposta bocciata.
In usa comprano auto da 4000 cc perchè tanto a loro la benzina poco.

La maggioranza guarda le proprie comodità, mica pensa ai profitti.
 

ramirez

Nuovo Utente
Registrato
6/11/05
Messaggi
26.172
Punti reazioni
521
Mi sono letto il papello, parla anche di quelli che bruciano sterco come combustibile quindi cosa c'entra il capitalismo.

La direzione nei paesi democratici è la scelta della maggioranza relativa, pochi anni fa quando Monti propose di spegnere parte dell'illuminazione (inutile) delle nostre notti è venuto giù il tabellone. Gli italiani preferiscono pagare e inquinare bruciando fossili per vedere il monumento illuminato, poi si sentono più sicuri con tante luci... Proposta bocciata.
In usa comprano auto da 4000 cc perchè tanto a loro la benzina poco.

La maggioranza guarda le proprie comodità, mica pensa ai profitti.

Se gli scienziati hanno ragione stiamo andando verso catastrofi naturali con un impatto ECONOMICO esagerato. Chi ci ha portato ad un (probabile) punto di non ritorno ?
Il sistema economico PREVALENTE, cioè il capitalismo. Lo sfruttamento sino all'ultimo grammo di ogni risorsa disponibile senza curarsi degli effetti collaterali. Perchè ? perchè quello che conta è la quantità prodotta non la qualità di vita degli esseri umani.

Ovviamente (e cito il caso eclatante) che le Seychelles et isole comparabili spariscano per sempre non interessa a NESSUNO eccetto gli abitanti di quelle isole. Quando sarà New York ad affrontare inondazioni ne riparleremo. Per la verità una già ce l'ha avuta.
Ho posseduto una moto, e ci sono pure caduto. Ogni volta che il solito biiiip mi sorpassa mettendo la sua vita nelle mani di persone o cose al di fuori della suo controllo (gatto che attraversa la strada, albero che cade (successo a me ma ero in auto !!) prego per lui. Tutti siamo consapevoli di questo pericolo ma continuiamo a produrre moto che vanno sempre più forte perchè IL SISTEMA DEVE ANDARE AVANTI. Ducati (un nome a caso) deve produrre, i suoi lavoratori devono avere un salario e dei motociclisti che ci lasciano le penne non frega a nessuno.
 

Uedro

zzzzzzzzzzzzzzzzzz..
Registrato
8/6/09
Messaggi
22.061
Punti reazioni
583
Se gli scienziati hanno ragione stiamo andando verso catastrofi naturali con un impatto ECONOMICO esagerato. Chi ci ha portato ad un (probabile) punto di non ritorno ?
Il sistema economico PREVALENTE, cioè il capitalismo. Lo sfruttamento sino all'ultimo grammo di ogni risorsa disponibile senza curarsi degli effetti collaterali. Perchè ? perchè quello che conta è la quantità prodotta non la qualità di vita degli esseri umani.

Ovviamente (e cito il caso eclatante) che le Seychelles et isole comparabili spariscano per sempre non interessa a NESSUNO eccetto gli abitanti di quelle isole. Quando sarà New York ad affrontare inondazioni ne riparleremo. Per la verità una già ce l'ha avuta.
Ho posseduto una moto, e ci sono pure caduto. Ogni volta che il solito biiiip mi sorpassa mettendo la sua vita nelle mani di persone o cose al di fuori della suo controllo (gatto che attraversa la strada, albero che cade (successo a me ma ero in auto !!) prego per lui. Tutti siamo consapevoli di questo pericolo ma continuiamo a produrre moto che vanno sempre più forte perchè IL SISTEMA DEVE ANDARE AVANTI. Ducati (un nome a caso) deve produrre, i suoi lavoratori devono avere un salario e dei motociclisti che ci lasciano le penne non frega a nessuno.

:D

Ma sei serio?
 

San Siro

Nuovo Utente
Registrato
28/3/08
Messaggi
7.059
Punti reazioni
205
Mi sono letto il papello, parla anche di quelli che bruciano sterco come combustibile quindi cosa c'entra il capitalismo.

La direzione nei paesi democratici è la scelta della maggioranza relativa, pochi anni fa quando Monti propose di spegnere parte dell'illuminazione (inutile) delle nostre notti è venuto giù il tabellone. Gli italiani preferiscono pagare e inquinare bruciando fossili per vedere il monumento illuminato, poi si sentono più sicuri con tante luci... Proposta bocciata.
In usa comprano auto da 4000 cc perchè tanto a loro la benzina poco.

La maggioranza guarda le proprie comodità, mica pensa ai profitti.


Ancora con questa leggenda metropolitana?

Di notte c'è eccesso di elettricità.

Che tu la consumo o no, la spesa è uguale.

Il costo dell'illuminazione notturna è zero. 0.
 

skymap

God bless America
Registrato
7/7/03
Messaggi
15.407
Punti reazioni
1.101
Ancora con questa leggenda metropolitana?

Di notte c'è eccesso di elettricità.

Che tu la consumo o no, la spesa è uguale.

Il costo dell'illuminazione notturna è zero. 0.

Chi ha parlato di costi ? alle persone piacciono le aree illuminate e si sentono più sicuri, punto e fine.

Che poi anche quello luminoso sia una forma di inquinamento si vede che non importa all'ambientalismo trendy.

http://ngm.nationalgeographic.com/2008/11/light-pollution/klinkenborg-text/1

http://advances.sciencemag.org/content/2/6/e1600377.full
 

San Siro

Nuovo Utente
Registrato
28/3/08
Messaggi
7.059
Punti reazioni
205

ramirez

Nuovo Utente
Registrato
6/11/05
Messaggi
26.172
Punti reazioni
521
New York


For the past 15 years or so, Jacob has been primarily preoccupied with a more existential danger: the rising sea. The latest scientific findings suggest that a child born today in this island metropolis may live to see the waters around it swell by six feet, as the previously hypothetical consequences of global warming take on an escalating — and unstoppable — force. “I have made it my mission,” Jacob says, “to think long term.” The life span of a city is measured in centuries, and New York, which is approaching its fifth, probably doesn’t have another five to go, at least in any presently recognizable form. Instead, Jacob has said, the city will become a “gradual Atlantis.”


The deluge will begin slowly, and irregularly, and so it will confound human perceptions of change. Areas that never had flash floods will start to experience them, in part because global warming will also increase precipitation. High tides will spill over old bulkheads when there is a full moon. People will start carrying galoshes to work. All the commercial skyscrapers, housing, cultural institutions that currently sit near the waterline will be forced to contend with routine inundation. And cataclysmic floods will become more common, because, to put it simply, if the baseline water level is higher, every storm surge will be that much stronger. Now, a surge of six feet has a one percent chance of happening each year — it’s what climatologists call a “100 year” storm. By 2050, if sea-level rise happens as rapidly as many scientists think it will, today’s hundred-year floods will become five times more likely, making mass destruction a once-a-generation occurrence. Like a stumbling boxer, the city will try to keep its guard up, but the sea will only gain strength.
 

ramirez

Nuovo Utente
Registrato
6/11/05
Messaggi
26.172
Punti reazioni
521
oh oh questa volta a parlarne è gente importante..
Investors can no longer ignore climate change. Some may question the science
behind it, but all are faced with a swelling tide of climate-related regulations
and technological disruption. Drawing on the insights of BlackRock’s investment
professionals, we detail how investors can mitigate climate risks, exploit
opportunities or have a positive impact. Climate-aware investing is possible without
compromising on traditional goals of maximizing investment returns, we conclude.
We then reflect on steps that stakeholders in the climate debate are considering,
including the use of carbon pricing as a cost-effective way to reduce emissions.
Our overall conclusion: We believe all investors should incorporate climate change
awareness into their investment processes.

https://www.blackrock.com/investing/literature/whitepaper/bii-climate-change-2016-us.pdf
 

ramirez

Nuovo Utente
Registrato
6/11/05
Messaggi
26.172
Punti reazioni
521
ma si che capzo ce ne frega a noi di problemi simili ?
.
'Great Pacific garbage patch' far bigger than imagined, aerial survey shows
The heart of the garbage patch is thought to be around 1m sq km (386,000 sq miles), with the periphery spanning a further 3.5m sq km (1,351,000 sq miles). The dimensions of this morass of waste are continually morphing, caught in one of the ocean’s huge rotating currents. The north Pacific gyre has accumulated a soup of plastic waste, including large items and smaller broken-down micro plastics that can be eaten by fish and enter the food chain.

According to the UN environmental programme, the great Pacific garbage patch is growing so fast that it, like the Great Wall of China, is becoming visible from space.
.
eppure qualcuno si ostina a dire che siamo diventati tutti più ricchi. Il che è vero...ma anche no