Voto, l'assist di Berlusconi al Pd

ceck78

Omnis homo mendax
Registrato
18/5/05
Messaggi
26.850
Punti reazioni
1.177
Le elezioni anticipate favoriscono Bersani. Che può sfruttare l'entusiasmo delle primarie. E la disorganizzazione del Pdl.

Se il Popolo della libertà dovesse davvero provocare la crisi di governo e, legge di stabilità permettendo, si andasse al voto anticipato, per il Partito democratico sarebbe un'ottima notizia.


Non a caso nei crocchi del Pd a Montecitorio, nelle ore in cui il governo di Mario Monti è in bilico, l’aria è tutt’altro che depressa. «Se vogliono farci questo regalo, tanto meglio», ha commentato un deputato del Pd.
L’analisi è comune: per il centrosinistra ci sono solo vantaggi a votare prima di primavera. Tanto più se il Pdl si assumesse la responsabilità di far cadere il governo, diventando il killer dell'esecutivo dei professori.
PD, SFRUTTARE IL MOMENTO POSITIVO. Le ragioni sono sotto gli occhi di tutti. Dopo le primarie, il Pd è dato dai sondaggi al suo record storico, tra il 32% e il 35%. Ai livelli, se non oltre, di quanto ottenuto nel 2008 quando alla guida c’era Walter Veltroni.
Il candidato premier, Pier Luigi Bersani, è stato scelto. E vanta una legittimità popolare fortissima: 3 milioni di voti.
La coalizione, inoltre, è abbastanza definita (con il Pd ci sono Sinistra e libertà e socialisti) e potrebbe raggiungere il 40%.
Il Pd, quindi, ha tutto l’interesse di andare a votare il prima possibile, così da non disperdere il vantaggio accumulato e sfruttare il vento in poppa del momento. Perché, si sa, in politica le cose cambiano velocemente. Non è detto che, fra due o tre mesi, il Pd viaggi ancora su questi numeri. Quindi, meglio passare subito all’incasso.
LA SPINTA PER L'ELECTION DAY. Oltretutto, se si votasse prima, ci sarebbe un enorme risparmio per le casse del partito e dei gruppi parlamentari e regionali.
L’election day (che punta a unire il voto delle regionali con quello delle politiche) conviene non solo ai contribuenti, ma anche ai bilanci dei partiti, che possono accorpare spese altrimenti distinte.
INCOLPARE IL PDL DELLA CRISI. L’altra ragione per cui i democratici non si opporrebbero a voto anticipato è che in caso di crisi, sarebbe chiaro che a provocarla sarebbe stato il Pdl. Che passerebbe agli occhi degli italiani e degli osservatori internazionali come un partito di irresponsabili. Mentre il Pd potrebbe, a ben ragione, sostenere di aver subito la situazione, difendendo fino all’ultimo il governo Monti, tanto apprezzato dall'Unione europea.
VERSO IL RITORNO DI BERLUSCONI. Ma i vantaggi per il Pd, nel caso di un voto anticipato, non finiscono qui. Se si votasse a breve sarà più complicato per il Centro di Pier Ferdinando Casini e Luca Cordero di Montezemolo organizzarsi e diventare competitivo. Così come per il Pdl, che sarebbe costretto a presentarsi alle elezioni con Silvio Berlusconi.
Per il Pd non ci sarebbe infatti avversario migliore del Cavaliere: la sua presenza, infatti, è un motivo in più per ricompattare il popolo di centrosinistra.
Infine con il voto anticipato è certo che non ci sarebbe tempo per riformare la legge elettorale e quindi si andrebbe alle urne con il Porcellum. Che, nonostante le dichiarazioni ufficiali, fa comodo a Bersani, il quale può portare in parlamento chi vuole grazie alle liste bloccate e godere dell’ampio premio di maggioranza.

Giovedì, 06 Dicembre 2012
Voto, l'assist di Berlusconi al Pd - POLITICA
 
il PD ha solo una strada, lasciar cadere monti.
se il PDL decide di mollarlo lo dovrà fare anche il PD sarebbero dei veri cret..ini a lasciar mano libera al PDL.
 
il PD ha solo una strada, lasciar cadere monti.
se il PDL decide di mollarlo lo dovrà fare anche il PD sarebbero dei veri cret..ini a lasciar mano libera al PDL.

e lo facessero,azzo.......

avranno mica paura di andare al governo ?

o si? :confused::confused:
 
non è monti che deve andare al quirinale ma bersani che deve andare davanti a un microfono e dire: "è finito l'accordo ABC a sostegno di monti, togliamo la fiducia a andiamo al voto"
 
stavano meglio al coperto :D ... ma se il tetto viene via :bye:

inutile che sbandierino sondaggi al 40% per fare i fighi e tremino all' idea di prendersi un po' di responsabilità

di Monti ne avrei un po' piene le palline :D:D
 
non è monti che deve andare al quirinale ma bersani che deve andare davanti a un microfono e dire: "è finito l'accordo ABC a sostegno di monti, togliamo la fiducia a andiamo al voto"

Finalmente cominciano a cacciare i *******:censored: che si vada al voto :yes: poi succeda quel che succeda, fatto sta che il governo Monti è insostenibile, peggio di così non si può andare. Meglio una morte veloce e onorevole cosa che cmq rimane altamente improbabile), che una situazione come quella attuale :rolleyes:
 
inutile che sbandierino sondaggi al 40% per fare i fighi e tremino all' idea di prendersi un po' di responsabilità

di Monti ne avrei un po' piene le palline :D:D

avrebbero dovuto andare alle elezioni l'anno scorso, non si è mai vista una opposizione che teme di andare al governo :bye:
 
cavolo ci troviamo d'accordo sulla fine di monti ad opera del PD :) speriamo succeda
 
avrebbero dovuto andare alle elezioni l'anno scorso, non si è mai vista una opposizione che teme di andare al governo :bye:

e adesso stanno facendo lo stesso errore.........:yes::yes:

o pensano di essere la maggioranza e non vogliono cambiare lo status quo?
 
Indietro