Il governo non ha più soldi, stop al ritorno dei ricercatori

bollafrolla

BrufoloBill
Registrato
8/3/06
Messaggi
456
Punti reazioni
14
La Moratti congela il programma di rientro dei cervelli all'estero
In cinque anni aveva permesso il rimpatrio di quasi 500 scienziati

MILANO - "Ci dispiace, il programma "Rientro dei cervelli" è stato congelato. Le domande quest'anno non possono essere presentate. Riprovi nel 2007. Forse". I ricercatori italiani all'estero che contavano sul programma del ministero per poter tornare nel loro Paese hanno avuto una brutta sorpresa: "Sono finiti i soldi. I finanziamenti sono stati azzerati", allargano le braccia al Ministero per l'Università e la Ricerca (Miur).

Una novità passata inosservata tra le pieghe della Finanziaria: "Per il 2006 - è scritto all'articolo 5 del decreto ministeriale 207 del 28 marzo - le disposizioni di cui al decreto ministeriale 26 gennaio 2001 numero 13 e successive modificazioni, sono differite al 2007 ed in tale anno verranno valutate anche le proposte pervenute entro il 31 gennaio 2006". Firmato: Letizia Moratti.

Una disposizione in stile burocratico, non facile da interpretare. In concreto: "Nel 2001 - spiegano al Miur - l'allora ministro Ortensio Zecchino aveva previsto un fondo per finanziare i ricercatori (italiani, ma anche stranieri) che operavano all'estero e volevano trasferirsi nel nostro Paese. In pratica le università assumevano con contratti a tempo determinato (da 6 mesi a 3 anni) studiosi che venivano a svolgere attività didattica in Italia. Il ministero poi finanziava l'operazione".


Un programma che in 5 anni è stato utilizzato da 466 tra ricercatori e professori. La metà delle domande sono state presentate da studiosi italiani che sono così rientrati in patria. L'altra metà da stranieri (soprattutto americani, inglesi e francesi).

Le discipline più interessate sono quelle tecnico-scientifiche: fisica (25%) e informatica (22%). "Ogni anno abbiamo finanziato il ritorno in Italia di circa 50 cervelli", spiegano al ministero. Oltre trenta università (al primo posto La Sapienza di Roma) ne usufruivano per "importare" cervelli. Fino al 28 marzo, quando il governo ha congelato il progetto.

"Per le università è stata una finanziaria terribile", sospira Francesco Profumo, rettore del Politecnico di Torino. Aggiunge: "Il progetto per il "rientro dei cervelli" aveva molti limiti, ma era comunque utile. Adesso resta la possibilità dell'assunzione per "chiamata diretta" prevista dalla legge, ma per il momento non ci sono le circolari di attuazione. Ogni anno - spiega Profumo - l'Italia esporta 30mila ricercatori e ne importa solo 3mila. Questo significa che siamo in grado di formare studiosi, ma non riusciamo a trattenerli".

Duro anche Silvano Focardi, rettore dell'Università di Siena: "Avevamo già preparato le domande e all'ultimo momento il programma è saltato. Ci aspettiamo un segnale opposto dal nuovo governo. In Europa in media si investe per la ricerca l'1,6% del pil. In Italia appena lo 0,8%".

Augusto Palombini, segretario dell'Adi (Associazione dottorandi e dottori di ricerca italiani) e autore del libro "Cervelli in fuga" sembra rassegnato: "In Italia è quasi impossibile fare ricerca. Molti studiosi se ne vanno e chi resta non riesce a lavorare".

http://www.repubblica.it/2006/05/se...uga-cervelli/fuga-cervelli/fuga-cervelli.html
 

bollafrolla

BrufoloBill
Registrato
8/3/06
Messaggi
456
Punti reazioni
14
dite la verita', c'avevate creduto, eh ? :rolleyes:
statevene pure all'estero,
e, se non ci siete ancora, andateci
 

FaGal

Nuovo Utente
Registrato
21/7/02
Messaggi
17.980
Punti reazioni
231
bollafrolla ha scritto:
dite la verita', c'avevate creduto, eh ? :rolleyes:
statevene pure all'estero,
e, se non ci siete ancora, andateci
:rolleyes:
 

skymap

God bless America
Registrato
7/7/03
Messaggi
15.408
Punti reazioni
1.101
Non ci avevo mai creduto ;) :D

la partitocrazia ha ben altre priorità di spesa e 500 voti non assicurano potere clientelare.

In campo medico scientifico poi sarebbe da capire che dovrebbero ricercare, visto che ogni cosa deve essere vagliata ed approvata dalla cei e il parlamento si piega a 90° appena parla don camillo...

Sull'energia manco a parlarne :D siamo forse l'unico paese dove sindaci che occupano autostrade e relativi cittadini bocciano qualsiasi cosa a prescindere

A CASA MIA NO !!!

:bye:
 

visch

Nuovo Utente
Registrato
7/10/05
Messaggi
2.948
Punti reazioni
88
a fidarti dell'italia.................
ti ritrovi venduto....................
ma lo sanno anche le pietre.....................
 

visch

Nuovo Utente
Registrato
7/10/05
Messaggi
2.948
Punti reazioni
88
invece ci sono i soldi per il calcio................
corrotto e delinquente....................
che paese di m.....................
 

luigir

再見論壇
Registrato
25/3/02
Messaggi
5.320
Punti reazioni
165
nel 2000 al mio rientro in italia ho presentato richiesta per rimborso forfettario promesso dalla Regione Lazio a tutti gli italiani che rimpatriavano.

Ho mandato richiesta di chiarimento circa 6 mesi fa e solo la settimana scorsa la risposta è stata univoca: Lei aveva 3 anni di tempo per chiedere informazioni, ora non ha piu' diritto... nel frattemp aspetto ancora il rimborso per le tasse scolastiche pagate per mia figlia, legge parificazione scuola pubblica privata. quelle del 2003 ovviamente...
 
Registrato
9/6/00
Messaggi
64.687
Punti reazioni
2.931
ma come non ha più i soldi?,silvio non diceva di avere soldi anche per levare l'ici e portare le pensioni minime a 800 euro?
 

Sire

Nuovo Utente
Registrato
12/5/05
Messaggi
4.906
Punti reazioni
167
E' incredibile come in un Paese senza soldi per i ricercatori....

Si siano moltiplicati gli insegnanti di scuola elementare e superiore pur con una diminuzione degli allievi....

Si paghino 1200 euro ad inizio carriera e 1800 alla fine per lavorare 18 ore alla settimana....
 

leo66

Nuovo Utente
Sospeso dallo Staff
Registrato
28/11/05
Messaggi
758
Punti reazioni
46
Non ci sono soldi per i ricercatori ma in compenso abbiano:
- conduttori televisivi super pagati per trasmettere scemenze.
- finanziamenti ai quotidiani (si parla di 1000 miliardi annui delle vecchie lire)
- dipendenti dei ministeri lavativi
- false pensioni sociali.
- sussidi di disoccupazione a chi non ha voglia di lavorare
E' proprio uno schifo; non si investe nulla per la ricerca, per l'innovazione,
Pensate che un amico di mia madre è un famoso ricercatore dal curriculum strabiliante:
- laurea in fisica nucleare; master negli Stati Uniti, collaboratore di Carlo Rubbia al cern di Ginevra; attualmente stà lavorando alla mappatura del genoma umano;
è una delle massime autorità italiane in questo senso; e dagli Usa riceve spessissimo offerte di lavoro. Rifiuta perchè è una persona completamente disinteressato al denaro nonostante non raggiunga i 2000 euro al mese; (gli idraulici qui guadagnano decisamente meglio). Ma le persone così vogliamo proprio perderle??
 

ramirez

Nuovo Utente
Registrato
6/11/05
Messaggi
26.172
Punti reazioni
521

luigir

再見論壇
Registrato
25/3/02
Messaggi
5.320
Punti reazioni
165
leo66 ha scritto:
Non ci sono soldi per i ricercatori ma in compenso abbiano:
- conduttori televisivi super pagati per trasmettere scemenze.
- finanziamenti ai quotidiani (si parla di 1000 miliardi annui delle vecchie lire)
- dipendenti dei ministeri lavativi
- false pensioni sociali.
- sussidi di disoccupazione a chi non ha voglia di lavorare
E' proprio uno schifo; non si investe nulla per la ricerca, per l'innovazione,
Pensate che un amico di mia madre è un famoso ricercatore dal curriculum strabiliante:
- laurea in fisica nucleare; master negli Stati Uniti, collaboratore di Carlo Rubbia al cern di Ginevra; attualmente stà lavorando alla mappatura del genoma umano;
è una delle massime autorità italiane in questo senso; e dagli Usa riceve spessissimo offerte di lavoro. Rifiuta perchè è una persona completamente disinteressato al denaro nonostante non raggiunga i 2000 euro al mese; (gli idraulici qui guadagnano decisamente meglio). Ma le persone così vogliamo proprio perderle??

bravo leo.

Non sono un cervello, ma ho una certa professione che anche in Italia potrebbe essere riconosciuta come una di quelle ricercate.

La sola proposta che ho avuto è stata quella di lavorare come quadro presso una famosa Banca Italiana per il loro ufficio di Risk Management nonostante 20 anni di esperienza in tutti i continenti a stretto contatto con i CdA ed i ministeri dell'economia... il tutto perchè italiano e per non fare "arrabbiare" i colleghi che lavorano in quell'ufficio da venti anni...

insomma, ero tesoriere 10 anni fa in una grossa banca americana, in Italia al massimo quadro in un ufficio di monitoraggio del rischio finanziario... Con ulteriori 10 anni di esperienza...

Italia.... tie'!
 

bollafrolla

BrufoloBill
Registrato
8/3/06
Messaggi
456
Punti reazioni
14
luigir ha scritto:
.... e per non fare "arrabbiare" i colleghi che lavorano in quell'ufficio da venti anni...
bella questa

eh si', perche' invece quando si fa fare la carriera ai nipoti, cugini, parenti, amici e amanti, invece i colleghi sono contenti, eh ? :wall: