Libretti postali: dubbio su calcolo giacenza media

Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.

Mephistopele

Utente Registrato
Registrato
21/10/07
Messaggi
317
Punti reazioni
5
Ho un dubbio nel calcolo della giacenza media dei libretti postali.
Se quest'ultima sarà inferiore a 5000€, le Poste non addebiteranno al cliente l'imposta di bollo di 34,20€ (... io mi trovo al limite di questa giacenza)

I fogli informativi delle Poste dicono:

GIACENZA MEDIA: la giacenza media annua (GM) è calcolata come media aritmetica semplice dei saldi liquidi (Sk) risultanti in ciascun giorno (k) dell’anno secondo la seguente formula:
GM = (S1+S2+...+Sk+...+Sn)/n
ove"n" è il numero dei giorni dell’anno solare di riferimento, pari a 365 (o 366 se bisestile) qualora il libretto postale risulti in essere al 1 gennaio dell’anno di riferimento, ovvero è pari al numero di giorni
intercorrenti dalla data di apertura del libretto al 31 dicembre dell’anno di riferimento. Ai fini del calcolo della giacenza media non sono prese in considerazione eventuali scritture di versamenti e/o prelievi che, nonostante siano relative al periodo considerato, vengano contabilizzate in date successive al periodo stesso.

Vi domando ... in base a questa definizione gli interessi netti maturati a fine anno, secondo voi, saranno considerati o esclusi dalle poste in tale calcolo ?
Lo chiedo perchè ho aperto il libretto solo a febbraio e quindi non so il quale data verrà registrato l'accredito degli interessi ... sarà il 31/12/12 o il 01/01/13 ?
A voi, guardando il libretto, cosa risulta per gli anni passsati ?

PS: ho già chiesto all'ufficio e mi è stato risposto che tale data contabile di accredito interessi coinciderà con quella che risulterà stampata nella colonna "Data operazione"; mi han spiegato anche che nei libretti postali le date delle operazioni risultanti coincidono sempre con le rispettive date valute.

Grazie x l'info. :)
 
Guardando il libretto non ci ho mai capito nulla. E non andrò certo a chiedere in posta, visto che l'ultima volta che ero li dentro l'ho detto io al cliente dello sposrtello affianco che nel libretto che stava aprendo c'era l'imposta di bollo dopo i 5000€. Figuriamoci...
 
Ho un dubbio nel calcolo della giacenza media dei libretti postali.
Se quest'ultima sarà inferiore a 5000€, le Poste non addebiteranno al cliente l'imposta di bollo di 34,20€ (... io mi trovo al limite di questa giacenza)

I fogli informativi delle Poste dicono:

GIACENZA MEDIA: la giacenza media annua (GM) è calcolata come media aritmetica semplice dei saldi liquidi (Sk) risultanti in ciascun giorno (k) dell’anno secondo la seguente formula:
GM = (S1+S2+...+Sk+...+Sn)/n
ove"n" è il numero dei giorni dell’anno solare di riferimento, pari a 365 (o 366 se bisestile) qualora il libretto postale risulti in essere al 1 gennaio dell’anno di riferimento, ovvero è pari al numero di giorni
intercorrenti dalla data di apertura del libretto al 31 dicembre dell’anno di riferimento. Ai fini del calcolo della giacenza media non sono prese in considerazione eventuali scritture di versamenti e/o prelievi che, nonostante siano relative al periodo considerato, vengano contabilizzate in date successive al periodo stesso.

Vi domando ... in base a questa definizione gli interessi netti maturati a fine anno, secondo voi, saranno considerati o esclusi dalle poste in tale calcolo ?
Lo chiedo perchè ho aperto il libretto solo a febbraio e quindi non so il quale data verrà registrato l'accredito degli interessi ... sarà il 31/12/12 o il 01/01/13 ?
A voi, guardando il libretto, cosa risulta per gli anni passsati ?

PS: ho già chiesto all'ufficio e mi è stato risposto che tale data contabile di accredito interessi coinciderà con quella che risulterà stampata nella colonna "Data operazione"; mi han spiegato anche che nei libretti postali le date delle operazioni risultanti coincidono sempre con le rispettive date valute.

Grazie x l'info. :)

Gli accrediti degli interessi vengono effettuati durante il mese di Gannaio di ogni anno durante i primi 15 giorni, anche se il libretto è aperto da poco tempo comunque anche se minimi gli interessi vengono accreditati.

Gli interessi fanno reddito per cui se con l'accredito degli interessi superi anche di poco i 5.000 € come giacenza media annua, allora ti verranno eddebitati i 34,20 che sono l'imposta di bollo.

Se hai qualche dubbio sul calcolo della giacenza ti consiglio di dare un'occhiata qui:

http://www.bloglavoro.com/2016/05/09/giacenza-media-libretto-postale.htm

i fogli informativi sono sicuramente utili poichè fonte ufficiale, ma spesso spiegano i concetti in maniera poco chiara ed il risultato finale è che non si comprende nulla.

Se hai altre domande resto a disposizione.
 
Gli accrediti degli interessi vengono effettuati durante il mese di Gannaio di ogni anno durante i primi 15 giorni, anche se il libretto è aperto da poco tempo comunque anche se minimi gli interessi vengono accreditati.
Gli interessi fanno reddito per cui se con l'accredito degli interessi superi anche di poco i 5.000 € come giacenza media annua, allora ti verranno eddebitati i 34,20 che sono l'imposta di bollo.
Ti stai contraddicendo. Se gli interessi vengono accreditati a gennaio, come possono influenzare la giacenza media dell'anno precedente ?

Se hai altre domande resto a disposizione.
Ne dubito, dal momento che hai risposto ad un post di quattro anni fa.
 
Ti stai contraddicendo. Se gli interessi vengono accreditati a gennaio, come possono influenzare la giacenza media dell'anno precedente ?

Ne dubito, dal momento che hai risposto ad un post di quattro anni fa.

Non avevo notato la data, mi era sfuggita...

Ovviamente è sottointeso che se vengono caricati a gennaio fanno cumulo non per l'anno precedente ma per quello successivo.
 
Stato
Chiusa ad ulteriori risposte.
Indietro