Quando i terroni fanno qualcosa di meraviglioso

AceVentura

Nuovo Utente
Registrato
22/10/20
Messaggi
1.474
Punti reazioni
280
Sugnu sempri alla finestra e viru genti ca furria pà strada
Genti bedda, laria allegra, mutriusa e siddiata
Genti arripudduta cu li gigghia isati e a vucca stritta
"Turi ho vogghia di quaccosa, un passabocca, un lemonsoda"
Iddu ci arrispunni, "Giusi, quannu ti chiamavi giuseppena
Eri licca pà broscia cà granita"
"Turi tu n'ha fattu strada e ora che sei grosso imprenditori
T'ha 'nsignari a classi 'ntò parrari"
Sugnu sempre alla finestra e viru genti spacinnata
Sduvacata 'nte panchini di la piazza, stuta e adduma a sigaretta
Gente ca s'ancontra e dici "ciao" cu na taliata
Genti ca s'allasca, genti ca s'abbrazza e poi si vasa
Genti ca sa fa stringennu a cinghia, si strapazza e non si pinna
Annunca st'autru 'nvernu non si canta missa
Genti ca sa fa 'lliccannu a sarda
Ma ci fa truvari a tavula cunsata a cu cumanna
Chi ci aviti di taliari, 'un aviti autru a cui pinsari
Almeno un pocu di chiffari
"Itavinni a travagghiari" vannia 'n vecchiu indispettitu
"Avemu u picciu arreri o vitru"
Jù ci dicu "m'ha scusari, chista è la me casa e staju unni mi pare
La domenica mattina dagli altoparlanti della chiesa
A vuci 'i Patri Coppola n'antrona i casi, trasi dintra l'ossa
"Piccaturi rinunciati a ddi piccati di la carni
Quannu u riavulu s'affaccia rafforzatevi a mutanna"
Quannu attagghiu di la chiesa si posteggia un machinone
Scinni Saro Branchia detto Re Leone
Patri Coppola balbetta e ammogghia l'omelia cu tri paroli
Perché sua Maestà s'ha fari a comunioni
Chi ci aviti di taliari, 'un aviti autru a cui pinsari
Almeno un pocu di chiffari
"Itavinni un pocu a mari", vannia un vecchiu tintu
"Accussì janca mi pariti 'n spiddu"
Jù ci dicu "m'ha scusari
Picchì hati a stari ccà sutta a me casa pà 'nsultari"
Sugnu sempri alla finestra e viru a ranni civiltà
Ca ha statu, unni Turchi, Ebrei e Cristiani si stringeunu la manu
Tannu si pinsava ca "la diversità è ricchezza"
Tempi di biddizza e di puisia, d'amuri e di saggezza
Zoccu ha statu aieri, oggi forsi ca putissi riturnari
Si truvamu semi boni di chiantari
'Nta sta terra 'i focu e mari oggi sentu ca mi parra u cori
E dici ca li cosi stannu pì canciari
Chi ci aviti di taliari 'un aviti autru a cui pinsari
Almeno un poco di chiffari
Itavinni a ballari, ittati quattru sauti e nisciti giustu pì sbariari
Jù ci dicu "Cù piaciri, c'è qualchi danza streusa ca vuliti cunsigghiari"
Fonte: LyricFind
Compositori: Carmen Consoli
Testo di 'A finestra © Universal Music Publishing Group

 

Due.Zero

Sonpreso dallo Staff
Registrato
18/8/12
Messaggi
39.960
Punti reazioni
1.398
ho smesso di capire a "sugnu"
 

AceVentura

Nuovo Utente
Registrato
22/10/20
Messaggi
1.474
Punti reazioni
280
Ndo vadduni da Scammacca
i carritteri ogni tantu
lassaunu i loru bisogni
e i muscuni ci abbulaunu supra
jeumu a caccia di lucettuli …
a litturina da Ciccum-Etnea,
i saggi ginnici, ‘u Nabuccu,
a scola sta finennu.
Man manu ca passunu i jonna
sta frevi mi trasi ‘nda ll’ossa
ccu tuttu ca fora c’è a guerra
mi sentu stranizza d’amuri
l’amuri
E quannu t’ancontru ‘nda strata
mi veni ‘na scossa ‘ndo cori
ccu tuttu ca fora si mori
na mori stranizza d’amuri
l’amuri
E quannu t’ancontru ‘nda strata
mi veni ‘na scossa ‘ndo cori
ccu tuttu ca fora si mori
na mori stranizza d’amuri
l’amuri
Man manu ca passunu i jonna
sta frevi mi trasi ‘nda ll’ossa
ccu tuttu ca fora c’è a guerra
mi sentu stranizza d’amuri

Compositori: Franco Battiato / Giusto Pio

 
Ultima modifica:

AceVentura

Nuovo Utente
Registrato
22/10/20
Messaggi
1.474
Punti reazioni
280
Povera patria
Schiacciata dagli abusi del potere
Di gente infame, che non sa cos'è il pudore
Si credono potenti e gli va bene quello che fanno
E tutto gli appartiene
Tra i governanti
Quanti perfetti e inutili buffoni
Questo paese devastato dal dolore
Ma non vi danno un po' di dispiacere
Quei corpi in terra senza più calore?
Non cambierà, non cambierà
No cambierà, forse cambierà
Ma come scusare
Le iene negli stadi e quelle dei giornali?
Nel fango affonda lo stivale dei maiali
Me ne vergogno un poco e mi fa male
Vedere un uomo come un animale
Non cambierà, non cambierà
Sì che cambierà, vedrai che cambierà
Si può sperare
Che il mondo torni a quote più normali
Che possa contemplare il cielo e i fiori
Che non si parli più di dittature
Se avremo ancora un po' da vivere
La primavera intanto tarda ad arrivare
Fonte: Musixmatch
Compositori: Franco Battiato
Testo di Povera patria © Emi Music Publishing Italia Srl, L'ottava Srl

 

Due.Zero

Sonpreso dallo Staff
Registrato
18/8/12
Messaggi
39.960
Punti reazioni
1.398
avavo letto "sghiacciata"
 

rob1960

Nuovo Utente
Registrato
14/3/22
Messaggi
495
Punti reazioni
61
azz
ò sbajato a scrivere pure io
che figura :D
 

AceVentura

Nuovo Utente
Registrato
22/10/20
Messaggi
1.474
Punti reazioni
280
Cu ti lu dissi ca t'haju a lassari?
Megghiu la morti e no chistu duluri
Ahj ahj ahj ahj, moru moru moru moru
Ciatu di lu me cori, l'amuri miu si tu
Ahj ahj ahj ahj, moru moru moru moru
Ciatu di lu me cori, l'amuri miu si tu
Cu ti lu dissi a tia nicuzza?
Lu cori mi scricchia, a picca a picca a picca a picca
Ahj ahj ahj ahj, moru moru moru moru
Ciatu di lu me cori, l'amuri miu si tu
Ahj ahj ahj ahj, moru moru moru moru
Ciatu di lu me cori l'amuri miu si tu
Lu primu amuri lu fici cu tia
E tu, schifusa, ti stai scurdannu i mia
Paci facimmu, nicaredda mia
Ciatu di l'arma mia
Cu ti lu dissi ca t'haju a lassari?
Megghiu la morti e no chistu duluri
Ahj ahj ahj ahj, moru moru moru moru
Ciatu di lu me cori, l'amuri miu si tu
Ahj ahj ahj ahj, moru moru moru moru
Ciatu di lu me cori, l'amuri miu si tu
L'amuri miu si tu
Grazie
"Lu cunigghiu" fa parte delle prime registrazioni che Rosa fece, era un 45 giri
Io l'ho scelta per esaltarne la gioia, la voglia di vivere
Che Rosa Balistreri, malgrado tutta la miseria che ha mangiato, riusciva a dare agli altri
"U cunigghiu"
Fonte: Musixmatch
Compositori: Etta Scollo / Trdl
 

AceVentura

Nuovo Utente
Registrato
22/10/20
Messaggi
1.474
Punti reazioni
280
La notti è scura e nno munnu mi perdu
Comu n'armuzza 'n pena vaiu circannu
Li to' biddizzi ca ficiru ddannu
Mi fai tuccari 'u funnu
E nun capisciu nenti
La testa è sempre china di pinseri
Senza lu sciatu to' nun pozzu stari
Lu cori batti forti
Si tu mi rapi i porti
Di chistu paradisu è la fuddia
Vitti nell'occhi toi du stiddri
Ca lucinu mmezz'e capiddri
Fila di ferru e zuccaru
La facci, 'na bannera
D'unni cci batti u suli, suli di primavera
Pi mia tu si na ddia sicana
Ca quannu arridi 'u tempu acchiana
Iu vegnu appressu a tia, chiuri di puisia
Ca fa puisiari u munnu sanu
Affaccia bedda e senti sta canzuni
La canto sulu a tia cocciu d'amuri
Lu sangu mi fa buddiri ne i vini
Se nun ti viu mi veni di muriri
Affaccia bedda ca si tu a canzuni
E io ca n'anzi a vui scordu i duluri
Li peni sunnu duci si tu mi duni a paci
Io voglio stari sempre a latu i tia
Vitti na l'occhi toi due stiddri
Ca lucinu 'mmenzu i capiddri
Fila di ferru zuccaru
La facci una bannera
Unni ci batti u suli, suli di primavera
Pi mia tu si na dia sicana
Ca quannu aridi u tempu acchiana
Io vegnu appressu a tia
Chiuri di puisia
Ca fa puisiari u munnu sanu
Io vegnu apressu a tia
Chiuri di puisia
Ca fa puisiari u munnu sanu
Fonte: LyricFind