Saccomanni non vuole tagliare i redditi da lavoro nella PA

deltamarco

Non auro,sed ferro
Registrato
8/11/99
Messaggi
45.560
Punti reazioni
842
"È il paradosso della spesa pubblica: sembra che non ci sia niente da tagliare su un totale di 800 miliardi del 2013, 725 al netto degli interessi. Tolti i redditi da lavoro, le prestazioni sociali, le altre spese correnti, quelle in conto capitale, gli interessi e il rimborso dei debiti, il totale su cui si può lavorare ammonta a 207 miliardi. Una cifra che è già calata dello 0,5% rispetto al 2012 e ben dell'8,5% rispetto al 2009». "


«Il mio piano per tagliare le spese: si intravedono segnali positivi» - Corriere.it
 

deltamarco

Non auro,sed ferro
Registrato
8/11/99
Messaggi
45.560
Punti reazioni
842
caro saccomanni, si potrebbe tagliare la spesa per interessi, ad esempio, portarla all'1,5%..

come?? facendo in modo che la bce diventi prestatrice di ultima istanza e sterilizzando a zero lo spread, ad esempio, pagando dunque gli stessi interessi della crande cermania..

ma voi venduti non lo fate..manderete il paese in default, pur di non farlo....
 

deltamarco

Non auro,sed ferro
Registrato
8/11/99
Messaggi
45.560
Punti reazioni
842
nonostante sappiano benissimo che occorre deflazionare, e che draghi glielo ha appena ricordato, taglieranno la spesa sociale, le scuole, gli ospedali, gli asili, gli incentivi alle imprese, ecc.ecc.ecc.ecc. tutto, tranne gli stipendi e le pensioni d'oro. :D

e nessun giornalista domanderà mai a saccomanni perchè non lo fanno...:D
 

Seisul

Nuovo Utente
Registrato
27/12/08
Messaggi
8.545
Punti reazioni
229
"È il paradosso della spesa pubblica: sembra che non ci sia niente da tagliare su un totale di 800 miliardi

Una curiosita', visto che non mi e' capitato di leggerlo nel Fol.... se per incanto azzerassimo ogni statale, quelli da 800 a 10,000 euro al mese.

Chi li sostituira', quindi privati, dovranno essere retribuiti. Quanto pensate i relativi servizi possano pesare sulle vostre tasche. Equazione : Privato quindi paghi :D

..... e le tasse che paghiamo, visto che ora e' tutto in mano ai privati in che misura pensate possano essere giustamente e correttamente defalcate dalle tasse che paghiamo ?
 

deltamarco

Non auro,sed ferro
Registrato
8/11/99
Messaggi
45.560
Punti reazioni
842
Una curiosita', visto che non mi e' capitato di leggerlo nel Fol.... se per incanto azzerassimo ogni statale, quelli da 800 a 10,000 euro al mese.

Chi li sostituira', quindi privati, dovranno essere retribuiti. Quanto pensate i relativi servizi possano pesare sulle vostre tasche. Equazione : Privato quindi paghi :D

..... e le tasse che paghiamo, visto che ora e' tutto in mano ai privati in che misura pensate possano essere giustamente e correttamente defalcate dalle tasse che paghiamo ?

caro il mio amico, io sono per la sovranità monetaria, che il pd ha azzerato facendoci entrare nell'euro...cioè la bce prestatrice di ultima istanza e azzeramento degli spread.....quindi riduzione della spesa per interessi a 30-40 mld, e spesa sotto controllo..

purtroppo, senza questo la deflazione, ovvero la riduzione di stipendi e pensioni d'oro, è necessaria per rimanere nell'euro, come ci ha chiesto draghi, di attuare la riforma tedesca del 2003..e cioè minijobs e tagli massicci agli stipendi degli statali...

invece in italia si taglia la spesa sociale, buon per voi...:D
 

Seisul

Nuovo Utente
Registrato
27/12/08
Messaggi
8.545
Punti reazioni
229
caro il mio amico, io sono per la sovranità monetaria, che il pd ha azzerato facendoci entrare nell'euro...cioè la bce prestatrice di ultima istanza e azzeramento degli spread.....quindi riduzione della spesa per interessi a 30-40 mld, e spesa sotto controllo..purtroppo, senza questo la deflazione, ovvero la riduzione di stipendi e pensioni d'oro, è necessaria per rimanere nell'euro, come ci ha chiesto draghi, di attuare la riforma tedesca del 2003..e cioè minijobs e tagli massicci agli stipendi degli statali...invece in italia si taglia la spesa sociale, buon per voi...:D

Per un attimo voglio essere d'accordo con te ma solo per un attimo.

L'errore a monte di entrare in Europa, euro e amenita' varie doveva essere prima supportato dal comportamento degli italiani e dei politici dal punto di vista etico e morale, e per fartela breve ci siamo ritrovati con :

-Uno dei politici che a sua insaputa :D gli pagavano il mutuo della casa e ( probabilmente) non e' riuscito ancora a capire come e' potuto succedere.

-Un'altro che addebitava il pranzo di matrimonio della figlia con i soldi del partito che in quanto tale, riceveva denari non dovuti per scelta referendaria.

Sappiamo che potremmo stilare un elenco da intasare il Fol ed essere bannati a vita per questo :D

Concludendo ed ovviando alla nota grappa..... Tutti gli italiani non erano pronti, maturi, educati e responsabili per entrare in un condominio dove l'amministratore ci avrebbe preso a meritati calci nel chiulo un minuto si e l'altro pure.
 

deltamarco

Non auro,sed ferro
Registrato
8/11/99
Messaggi
45.560
Punti reazioni
842
Per un attimo voglio essere d'accordo con te ma solo per un attimo.

L'errore a monte di entrare in Europa, euro e amenita' varie doveva essere prima supportato dal comportamento degli italiani e dei politici dal punto di vista etico e morale, e per fartela breve ci siamo ritrovati con :

-Uno dei politici che a sua insaputa :D gli pagavano il mutuo della casa e ( probabilmente) non e' riuscito ancora a capire come e' potuto succedere.

-Un'altro che addebitava il pranzo di matrimonio della figlia con i soldi del partito che in quanto tale, riceveva denari non dovuti per scelta referendaria.

Sappiamo che potremmo stilare un elenco da intasare il Fol ed essere bannati a vita per questo :D

Concludendo ed ovviando alla nota grappa..... Tutti gli italiani non erano pronti, maturi, educati e responsabili per entrare in un condominio dove l'amministratore ci avrebbe preso a meritati calci nel chiulo un minuto si e l'altro pure.

non c'è alcun dubbio.....ma io per anni ho scritto qua che non dovevamo entrare, ricavandone faccine e prese per i fondelli..ora che è evidente che l'euro, per l'incapacità della classe dirigente italica, non è adatto al ns paese, è un po troppo comodo dire NON DOVEVAMO ENTRARE...

ora ci siamo, e dobbiamo deflazionare, cioè comprimere la spesa salariale il più possibile..
 

Seisul

Nuovo Utente
Registrato
27/12/08
Messaggi
8.545
Punti reazioni
229
ora ci siamo, e dobbiamo deflazionare, cioè comprimere la spesa salariale il più possibile..

Boh.... c'e' spesa e spesa. Come al solito in Italia tagliamo quella che dovrebbe essere aumentata o allineata e lasciamo inalterata quella che si potrebbe rivedere.

Resta il fatto che se continuiamo a limitare la disponibilita' liquida di chi ancora puo' aprire il borsellino a macchia d'olio la chiusura dei negozi/attivita' varie e dipendenti subira' la fine di quelle li hanno gia' preceduti.

L'unica risposta puo' venire solo da un'azione congiunta di tutta sta capzo di Europa euro o non euro, tasse e tassine.

Purtroppo sino a che non ci saranno le elezioni in Germania non se ne fara' nulla. Dobbiamo sperare in un crollo della produzione tedesca, tale evento darebbe una scossa negativa alla Merkel e la obbligherebbe a pianificare strategie di rilancio anche nella loro terra.