Estinguere il mutuo ora?!

elleffe

Nuovo Utente
Registrato
10/7/20
Messaggi
49
Punti reazioni
2
Ciao, vorrei il vostro aiuto per capire se in questo periodo storico, e in particolare guardando ai prossimi anni, possa convenirmi o meno abbassare/estinguere la parte restante del mio mutuo? Avendo un po' di liquidità ferma sul conto corrente, vorrei capire cosa può convenirmi di più per non perdere valore con questi livelli di inflazione... mi conviene più investirli (con tutte le incognite legate alla mutata fase economica dei prossimi mesi/anni, PS: ho già altri PAC in corso) o, idea che mi balenava, usarli per abbassare il mutuo e quindi gli interessi restanti.
Questi i dati:
- mutuo tasso variabile, tasso d'interesse attuale = 1.275
- capitale iniziale mutuo = 100K€
- capitale totale con interessi da pagare = 114,5K€
- pagato in totale = 69K€
- da pagare = 45,5K€
- 96 rate restanti (8 anni)

Come faccio a capire se mi conviene o meno?!
grazie mille
 

elleffe

Nuovo Utente
Registrato
10/7/20
Messaggi
49
Punti reazioni
2
Ciao, ho visto la discussione ma io ho un mutuo a tasso variabile, non fisso... ho fatto un calcolo di quanto mi troverei tra 8 anni investendo l'equivalente della mia rata attuale del mutuo (usando sempre il tasso attuale)... vedi allegato. Quello che mi sdubbia è proprio che i tassi si stanno alzando e i calcoli fatti potrebbero non valere più nei prossimi anni, trovandomi in una situazione peggiorativa... sbaglio?
come dovrei ragionare per scegliere tra investire o abbassare il mutuo?
Vedi l'allegato 2845817
 

Pred_01

compro i sogni
Registrato
21/10/14
Messaggi
25.679
Punti reazioni
616
Un tasso a circa 1.3% al giorno d'oggi non è male.
Tu dici "è variabile!" : si ma il possibile aumento del tasso andrebbe ad incidere su di un capitale che è pari alla metà di quello iniziale, quindi se hai sopportato il tasso attuale fino ad oggi, anche se ti si dovesse raddoppiare il tasso d'interesse (perché aumenterebbe a dismisura l'€BOR, quest'aumento vedrebbe un capitale su cui incidere che è meno della metà di quello iniziale (dove io ho capito che hai chiesto ed ottenuto 100K e che ora di quota capitale sei a 45K).

In finale, con quei soldi (parte di essi) o li spendi per cose che ti sono utili (chessò decidi di cambiare auto, mobilio di casa migliore ecc), oppure investili; insomma nel tuo caso io non prenderei in esame la riduzione del mutuo per il semplice motivo che tassi del genere iniziano a scarseggiare e quindi una eventuale estinzione parziale (se non addirittura totale), anticipata non fa altro che favorire la banca.

Sempre a mio vedere, 8 anni residui sono un periodo di tempo accettabile per correre il rischio con un variabile, fosse stato il tuo un variabile ma a 30 anni, in questo caso io ti avrei suggerito di estinguere ed allo stesso tempo di rivederne la durata.
 

TSHELBY

Nuovo Utente
Registrato
26/6/13
Messaggi
960
Punti reazioni
30
io come già suggerito ad altri utenti con la tua stessa situazione, che in fondo è anche la mia, andrei di estinzioni parziali ogni anno.
Inutile sborsare 45k tutti insieme, magari sacrificare solo una piccola parte del Pac che stai utilizzando per accontentare a fine anno una picciola somma e estinguere parzialmente. Nel mio caso 4k ogni anno mi hanno portato a ridurre a circa la metà dell'importo della rata, e sono al giro di boa come durata totale; non ho mai preso liquidità che mi potesse servire, ma utilizzato una somma anno per anno di risparmio, il tutto con un ottimo tasso dell'1.40% fisso (2.70% quando ho iniziato prima di rinegoziare svariate volte e surrogare). E' una mia strategia, giusto o sbagliata che sia. Conti alla mano 100k, in 18 anni se non faccio più ulteriori estinzioni avrò pagato "solo 7k" di interessi, calcolando rimborso 730, storni polizze incendio etc.
 

elleffe

Nuovo Utente
Registrato
10/7/20
Messaggi
49
Punti reazioni
2
Grazie ad entrambi, volevo proprio avere un confronto su questo argomento in cui non avevo le idee chiarissime.
Il mio dubbio era proprio cosa fosse più conveniente: il risparmio degli interessi (anche se ormai il più è fatto) o il guadagno atteso dall'investire la stessa cifra che mi sarebbe appunto servita per ridurre il mutuo (e quindi gli interessi).
A quanto capisco, mancando ormai 8 dei 20 anni totali, meglio investire e portare il mutuo a fine.
Grazie!
 

Andre1983

Nuovo Utente
Registrato
5/11/16
Messaggi
1.029
Punti reazioni
34
Ciao, vorrei il vostro aiuto per capire se in questo periodo storico, e in particolare guardando ai prossimi anni, possa convenirmi o meno abbassare/estinguere la parte restante del mio mutuo? Avendo un po' di liquidità ferma sul conto corrente, vorrei capire cosa può convenirmi di più per non perdere valore con questi livelli di inflazione... mi conviene più investirli (con tutte le incognite legate alla mutata fase economica dei prossimi mesi/anni, PS: ho già altri PAC in corso) o, idea che mi balenava, usarli per abbassare il mutuo e quindi gli interessi restanti.
Questi i dati:
- mutuo tasso variabile, tasso d'interesse attuale = 1.275
- capitale iniziale mutuo = 100K€
- capitale totale con interessi da pagare = 114,5K€
- pagato in totale = 69K€
- da pagare = 45,5K€
- 96 rate restanti (8 anni)

Come faccio a capire se mi conviene o meno?!
grazie mille

Io chiuderei indubbiamente il mutuo e piuttosto con i soldi che avanzi della rata li metterei nel limite annuo di 5100 in un fondo pensione ;) per me rimane la scelta migliore sotto tutti i punti di vista
 

elleffe

Nuovo Utente
Registrato
10/7/20
Messaggi
49
Punti reazioni
2
Io chiuderei indubbiamente il mutuo e piuttosto con i soldi che avanzi della rata li metterei nel limite annuo di 5100 in un fondo pensione ;) per me rimane la scelta migliore sotto tutti i punti di vista

Ciao, come dicevamo nelle risposte precedenti, la cifra che serve per chiudere il mutuo sembrerebbe meglio investirla e dopo 8 anni, allo stesso tasso del mutuo, dovrebbe rendere di più!
 

Dany_R

Nuovo Utente
Registrato
17/1/17
Messaggi
651
Punti reazioni
17
Io chiuderei indubbiamente il mutuo e piuttosto con i soldi che avanzi della rata li metterei nel limite annuo di 5100 in un fondo pensione ;) per me rimane la scelta migliore sotto tutti i punti di vista

Fondo pensione con inflazione al 9%?
Meglio btp indicizzati all'inflazione direi.
 

Dany_R

Nuovo Utente
Registrato
17/1/17
Messaggi
651
Punti reazioni
17
Secondo me no... Non credere che l'inflazione sarà così tutti gli anni.....

Beh questo chi lo sa?
Sta di fatto che versare in un fondo pensione è un operazione irreversibile.
Fare oggi un investimento sapendo di essere in perdita non mi sembra una buona idea.
Invece il BTP puoi disinvestire in qualsiasi momento.
 

maracaibo+

Nuovo Utente
Registrato
24/8/14
Messaggi
5.480
Punti reazioni
271
Beh questo chi lo sa?
Sta di fatto che versare in un fondo pensione è un operazione irreversibile.
Fare oggi un investimento sapendo di essere in perdita non mi sembra una buona idea.
Invece il BTP puoi disinvestire in qualsiasi momento.

Il fondo pensione può essere riscattato anticipatamente in qualsiasi momento, se sei disoccupato, per motivi di salute tuoi o di un tuo familiare stretto .
Dopo di 8 anni di anzianità puoi fare dei riscatti anticipatamente fino al 30% del importo maturato senza motivazioni e anche per l'acquisto della prima casa.
Inoltre puoi versare sul fondo pensione i proventi da ETF , di modo da dedurli nel limite di 5165 € annui .
Se investi in ETF di titoli di stato come italini , titoli di stato Usa o paesi Europei , ect in un conto estero come Degiro . Quando fai la dichiarazione dei redditi puoi scegliere la tassazione ordinaria del profitto degli ETF . In questo modo non paghi niente di tasse sul profitto degli ETF, perché versando lo stesso importo sul fondo pensione questo sarà dedotto dal tuo reditto. Gli ETF devono essere depositati in un conto titoli di broker o banca estera perché se depositati in un conto titoli di una banca italiana questa fara la trattenuta della tassazione sostitutiva sulla plusvalenze e non sarà possibile optare per la tassazione ordinaria di questi .
Con il Fondo Pensione c'è la Rita e si puo andare in pensione anticipata a 57 anni inoltre durante il periodo che godi della pensione anticipata si può optare per la tassazione ordinaria oppure per la ritenuta al 15%. Se opti per la tassazione ordinaria, si tratta di reddito assimilato a reddito da lavoro dipendente, perciò con detrazioni da 1880 euro, cioè no tax area fino a circa 8200 euro annui. Il bello è che al di sopra di questa soglia, di incapienza, fruisci pure dei 100 euro mensili di bonus fiscale ex Renzi. In sintesi con tassazione ordinaria, fino a 8200 euro aliquota 0, sopra tale soglia aliquota NEGATIVA e puoi anche recuperare le detrazioni fiscali (spese mediche, moglie a carico, lavori edilizi) C' è di più, perché durante la Rita, potrai ancora trasferire i gain da etf nel fondo pensione e dedurre fino a 5165 euro annui. Potrai prelevare queste cifre versate successivamente a fine Rita, con aliquote più basse del 15%, perché avrai maturato una certa anzianità nel fondo. Considera che si possono dedurre anche i contributi su fondo intestato a familiare a carico.
Ancora pensi che siano meglio i BTP del Fondo Pensione?
Se hai dubbi ti consiglio di chiedere sulla sezione, Fondi pensione e ETF dove scrive gente preparata.
 

fabrizio76

Nuovo Utente
Registrato
9/11/08
Messaggi
199
Punti reazioni
11
situazione simile alla tua
pagati interessi irrisori fino a qualche mese
la rata ora aumenterà con l'incremento dell'euribor

io pensavo invece ad effettuare copertura per 3-4 anni mediante acquisto dei CCT che fino a poco tempo erano passati in disuso
il mutuo è ancorato a euribor3 mesi. mentre i CCT beneficiano di una cedola ancorata a euribor 6mesi. quindi il parametro di riferimento è leggermente favorevole

bisogna inoltre considerare che gli interessi del mutuo sono detraibili al 19% fino a euro 4000
e che sul capitale investito in CCT si pagherebbe lo 0,2 come imposta di bollo. Gli interessi sui CCT sono tassati ovviamente al 12,5%

che ne pensate ?
 

beowulf56

Nuovo Utente
Registrato
24/1/21
Messaggi
1.068
Punti reazioni
67
Il fondo pensione può essere riscattato anticipatamente in qualsiasi momento, se sei disoccupato, per motivi di salute tuoi o di un tuo familiare stretto .
Dopo di 8 anni di anzianità puoi fare dei riscatti anticipatamente fino al 30% del importo maturato senza motivazioni e anche per l'acquisto della prima casa.
Inoltre puoi versare sul fondo pensione i proventi da ETF , di modo da dedurli nel limite di 5165 € annui .
Se investi in ETF di titoli di stato come italini , titoli di stato Usa o paesi Europei , ect in un conto estero come Degiro . Quando fai la dichiarazione dei redditi puoi scegliere la tassazione ordinaria del profitto degli ETF . In questo modo non paghi niente di tasse sul profitto degli ETF, perché versando lo stesso importo sul fondo pensione questo sarà dedotto dal tuo reditto. Gli ETF devono essere depositati in un conto titoli di broker o banca estera perché se depositati in un conto titoli di una banca italiana questa fara la trattenuta della tassazione sostitutiva sulla plusvalenze e non sarà possibile optare per la tassazione ordinaria di questi .
Con il Fondo Pensione c'è la Rita e si puo andare in pensione anticipata a 57 anni inoltre durante il periodo che godi della pensione anticipata si può optare per la tassazione ordinaria oppure per la ritenuta al 15%. Se opti per la tassazione ordinaria, si tratta di reddito assimilato a reddito da lavoro dipendente, perciò con detrazioni da 1880 euro, cioè no tax area fino a circa 8200 euro annui. Il bello è che al di sopra di questa soglia, di incapienza, fruisci pure dei 100 euro mensili di bonus fiscale ex Renzi. In sintesi con tassazione ordinaria, fino a 8200 euro aliquota 0, sopra tale soglia aliquota NEGATIVA e puoi anche recuperare le detrazioni fiscali (spese mediche, moglie a carico, lavori edilizi) C' è di più, perché durante la Rita, potrai ancora trasferire i gain da etf nel fondo pensione e dedurre fino a 5165 euro annui. Potrai prelevare queste cifre versate successivamente a fine Rita, con aliquote più basse del 15%, perché avrai maturato una certa anzianità nel fondo. Considera che si possono dedurre anche i contributi su fondo intestato a familiare a carico.
Ancora pensi che siano meglio i BTP del Fondo Pensione?
Se hai dubbi ti consiglio di chiedere sulla sezione, Fondi pensione e ETF dove scrive gente preparata.

Solo in determinati casi in quanto serve:
a) la cessazione dell’attività lavorativa; b) l'inoccupazione, successiva alla cessazione dell'attività lavorativa, per un periodo superiore a 24 mesi; c) il raggiungimento dell’età anagrafica per la pensione di vecchiaia nel regime obbligatorio di appartenenza entro i 10 anni successivi al compimento del termine di inoccupazione di cui alla lettera b); d)la maturazione di 5 anni di partecipazione alle forme pensionistiche complementari. (si deve inoltre tener conto che in caso di percepimento della Naspi si potrebbe cessare dal lavoro a partire dai 55 anni).
Negli altri casi serve il raggiungimento della pensione di vecchiaia entro i 5 anni successivi e quindi a partire dai 62 anni.
 

maracaibo+

Nuovo Utente
Registrato
24/8/14
Messaggi
5.480
Punti reazioni
271
Solo in determinati casi in quanto serve:
a) la cessazione dell’attività lavorativa; b) l'inoccupazione, successiva alla cessazione dell'attività lavorativa, per un periodo superiore a 24 mesi; c) il raggiungimento dell’età anagrafica per la pensione di vecchiaia nel regime obbligatorio di appartenenza entro i 10 anni successivi al compimento del termine di inoccupazione di cui alla lettera b); d)la maturazione di 5 anni di partecipazione alle forme pensionistiche complementari. (si deve inoltre tener conto che in caso di percepimento della Naspi si potrebbe cessare dal lavoro a partire dai 55 anni).
Negli altri casi serve il raggiungimento della pensione di vecchiaia entro i 5 anni successivi e quindi a partire dai 62 anni.

Grazie, per le ulteriori precisazioni OK!
Aggiungo che l'opzione della tassazione ordinaria degli ETF vale per tutti gli ETF, di come ho scritto può sembrare che vale solo per gli ETF con al loro interno titoli di stato in white list.
 

maracaibo+

Nuovo Utente
Registrato
24/8/14
Messaggi
5.480
Punti reazioni
271
situazione simile alla tua
pagati interessi irrisori fino a qualche mese
la rata ora aumenterà con l'incremento dell'euribor

io pensavo invece ad effettuare copertura per 3-4 anni mediante acquisto dei CCT che fino a poco tempo erano passati in disuso
il mutuo è ancorato a euribor3 mesi. mentre i CCT beneficiano di una cedola ancorata a euribor 6mesi. quindi il parametro di riferimento è leggermente favorevole

bisogna inoltre considerare che gli interessi del mutuo sono detraibili al 19% fino a euro 4000
e che sul capitale investito in CCT si pagherebbe lo 0,2 come imposta di bollo. Gli interessi sui CCT sono tassati ovviamente al 12,5%

che ne pensate ?

Non lo so! Sono indeciso perché preferire un Cct a un BTP a cedola Fissa.
Se confrontiamo questi 2 titoli in scadenza nel 2025 che quotano attualmente intorno a 99 e qualcosa.
Il CCT euribor 6 mesi = 1,44% + maggiorazione del 0,55 % = 1,99 % .
Contro il BTP con cedola del 2,50 % allo stesso prezzo del CCT .
 

fabrizio76

Nuovo Utente
Registrato
9/11/08
Messaggi
199
Punti reazioni
11
Non lo so! Sono indeciso perché preferire un Cct a un BTP a cedola Fissa.
Se confrontiamo questi 2 titoli in scadenza nel 2025 che quotano attualmente intorno a 99 e qualcosa.
Il CCT euribor 6 mesi = 1,44% + maggiorazione del 0,55 % = 1,99 % .
Contro il BTP con cedola del 2,50 % allo stesso prezzo del CCT .

perchè essendo operazione di copertura, se l'euribor continua a salire ci si coprirebbe dall'aumento dei tassi ed il CCT pagherebbe un tasso superiore manterrebbe anche un prezzo abbastanza stabile nel caso di rivendita se ci fosse necessità di smobilizzo
il BTP pagherebbe sempre 2,5% potrebbe non coprire adeguatamente gli interessi sul mutuo e si svaluterebbe nel prezzo d'acquisto

il CCT probabilmente effettua una migliore copertura. anche se va tenuto conto che il tasso del CCT si aggiorna ogni 6 mesi. il tasso del mutuo (nel mio caso) ogni 3 mesi

questo perchè siamo in fase rialzista di tassi
in fase ribassista sarebbe meglio optare per il BTP

per fase un esempio, basta vedere cosa sarebbe successo se avessi comprato il BTP 5-6 mesi fa
 

maracaibo+

Nuovo Utente
Registrato
24/8/14
Messaggi
5.480
Punti reazioni
271
Ho capito il CCT rende di meno del BTP a cedola fissa perché scontano la quasi certa probabilità di un aumento del euribor ! Ma mi hai fatto fare delle considerazioni. Allora forse conviene prendere direttamente il BTP 2037 con cedola del 4% che ha più o meno lo stesso prezzo leggermente sotto 100. E blocchi un tasso più alto per 15 anni . La mia è semplicemente una considerazione personale, non una critica al tuo metodo di copertura.
 

Sguazzo1542

Nuovo Utente
Registrato
30/5/17
Messaggi
74
Punti reazioni
5
forse la domada è un tantino OT
ma per chiudere anticipatamente un mutuo c'è una procedura specifica che richiede l'intervento di un professionista
o basta prendere un appuntamento in banca e chiudere il tutto... magari firmando le docute carte???
 

fabrizio76

Nuovo Utente
Registrato
9/11/08
Messaggi
199
Punti reazioni
11
Prendi appuntamento in banca. Ti addebitano il conto e chiudono il mutuo

Per la copertura con i BTP ti accolli il rischio di rialzo tassi sia sul mutuo che sui BTP
È ovvio che fino a un certo livello gli interessi saranno adeguati. Oltre il punto di pareggio avrai da rimetterci due volte
Il 2037 un anno e mezzo fa stava a 144....
Sul CCT non avrai mai queste oscillazioni

Ecco perché penso che se devi speculare ok per il BTP. Se devi tamponare i rincari del mutuo senza toglierti i soldi di tasca per un eventuale emergenza allora meglio il CCT.
Oppure al limite anche BOT o conti deposito