Libri Analisi Fondamentale

  • Ecco la 68° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    La settimana è stata all’insegna degli acquisti per i principali listini internazionali. Gli indici americani S&P 500, Nasdaq e Dow Jones hanno aggiornato i massimi storici dopo i dati americani sui prezzi al consumo di mercoledì, che hanno evidenziato una discesa in linea con le aspettative, con l’inflazione headline al 3,4% e l’indice al 3,6% annuo, allentando i timori per un’inflazione persistente. Anche le vendite al dettaglio Usa sono rimaste invariate su base mensile, suggerendo un raffreddamento dei consumi che hanno fin qui sostenuto i prezzi. Questi dati, dunque, rafforzano complessivamente le possibilità di un taglio dei tassi a settembre da parte della Fed (le scommesse del mercato sono ora per due tagli nel 2024). Per continuare a leggere visita il link

  • Due nuove obbligazioni Societe Generale, in Euro e in Dollaro USA

    Societe Generale porta sul segmento Bond-X (EuroTLX) di Borsa Italiana due obbligazioni, una in EUR e una in USD, a tasso fisso decrescente con durata massima di 15 anni e possibilità di rimborso anticipato annuale a discrezione dell’Emittente.

    Per continuare a leggere visita questo LINK
E' uscito l'ultimo libro di Howard Marks. "Mastering the market cycle"
Molto molto interessante
 
Faccio una premessa: effettuare una vera analisi fondamentale di un'azienda è un'operazione molto più complessa di quanto possa trasparire dai testi indirizzati ad un pubblico ampio (vedi The intelligent investor, che pure è un buon testo). Questo perchè sono necessarie delle solide basi di contabilità generale e poi un ulteriore massiccio approfondimento di analisi di bilancio. Se ti interessa un testo molto approfondito sull'analisi fondamentale ti posso suggerire L'analisi del bilancio di Francesco Giunta e Michele Pisani. E' il mio testo universitario e seppur non sia specificamente tarato per l'investimento, il punto di approdo è la determinazione del famoso valore intrinseco di cui parla anche Graham. Il valore intrinseco è poi da raffrontare con il prezzo di mercato dell'azione per verificare se essa sia sottovalutata o meno. Qual è il problema? Il calcolo del valore intrinseco è un'operazione molto complessa e soggetta ad ampio margine di errore (dato che richiede di effettuare delle previsioni sui flussi di cassa futuri in relazione alle prospettive di crescita del settore e dell'azienda); inoltre, tale analisi non credo sia appannaggio di investitori individuali dal momento che serve una mole di informazioni notevole. D'altro canto potresti pensare di risolvere il tutto calcolando quei quattro indici fondamentali per avere un quadro della situazione soddisfacente (ROE, ROI operativo, ecc.) e tuttavia non sarebbe sufficiente perchè i numeri in sè non vogliono dire nulla se non raffrontati nel tempo (vecchi bilanci della stessa azienda) e soprattutto nello spazio (con imprese del medesimo settore), il che richiederebbe ulteriore lavoro. Per ultimo, ma non meno importante, si fa sempre pochissimo riferimento all'analisi di contesto (di mercato) e strategica che pure sono parte integrante e assolutamente imprescindibile dell'analisi fondamentale (precede addirittura il calcolo degli indici di bilancio); invero Graham ne accenna in un paragrafo intitolato "Industry analysis" ma è chiaramente una semplice invito ad effettuare questa analisi, dal momento che ci vorrebbe un libro solo per questa. Anche Warren Buffett in fin dei conti si concentra fortemente su aspetti qualitativi andando a ricercare ciò che lui chiama "moat", cioè "fossato" cioè in gergo tecnico: vantaggio competitivo durevole nel tempo.

In definitiva, se può interessarti, il libro che ti ho consigliato è una lettura lunghissima (870 pagine) e professionale, ma piacevole se interessati alla disciplina. Tuttavia dubito (e ne dubiteresti anche tu se lo leggessi) che sia possibile fare una buona analisi fondamentale senza un enorme dispendio di tempo. E anche se si facesse questo, l'analisi fondamentale non garantirebbe la selezione delle migliori azioni, ma questo apre un altro grande capitolo.

Scusa la lunghezza ma volevo un po' far presente come stanno veramente le cose e certamente non è un invito a non leggere nulla, più che altro è un invito ad approcciarsi alla materia per semplice curiosità intellettuale, senza grandi pretese di investimento.
Sono aperto al confronto con tutti :)

Saluti

Apprezzo molto il tuo messaggio. Credo che prima di tutto, si debba partire dalle basi che a volte si danno per scontate. Anche chi ha effettuato studi economici, dovrebbe ripassare. Si potrebbe partire da un libro come il tuo se si vuole veramente fare sul serio, oppure da una versione più light con concetti basilari ma esposti in maniera più sintetica. Poi prendere tutti i valori di riferimento che vengono citati durante le pubblicazioni dei bilanci e cercare di sviscerare la loro interpretazione, cercando più fonti possibili (anche articoli ) e domandarsi sempre cosa implica se il valore A (il dato di bilancio) si verifica per influenzare B (utile per il tuo investimento). Questo non ti permette di prevedere il futuro, ma almeno di orientarti nella complessità del mercato.
Bastasse conoscere approfonditamente i bilanci, i professori delle scienze contabili ed i commercialisti migliori, sarebbero tutti ricchissimi con lo stock picking. Una volta conosciuta la materia, entrano in gioco fattori esterni (in primis quello psicologico). Inoltre tralasciare l'analisi grafica/tecnica è come voler costruire un tavolo senza una gamba, il timing è tutto anche nel lungo periodo.
Entra poi in gioco il fattore "intuizione", investire in borsa con risultati ottimi è più arte che scienza. Per me warren buffett è più simile ad un pittore famoso che uno scienziato
Anche scegliere un etf indicizzato, presuppone un certo studio, almeno del periodo di mercato in cui si vuole entrare.

Vi riporto un messaggio, per me illuminante, letto su un forum americano. Un investitore lavorava presso una multinazionale in un ruolo abbastanza apicale, non era il ragazzo di bottega. Leggeva spesso gli articoli ed i report "fondamendalisti" sulla propria azienda: il più delle volte, secondo la sua opinione (che era ovviamente inferiore a quella del CEO) erano inesatti o forzati con l'accetta. Ma in quel momento di mercato ci azzeccavano tutti perchè il trend era positivo. A volte ci si azzecca solo perchè siamo in trend, aldildà di tutte le sofisticate analisi sul bilancio che possono essere fatte; torna prepotentemente l'analisi tecnica, la famosa del gamba del tavolo.

Gli investimenti in borsa si possano rappresentare come un tavolo con 3 o 4 gambe
La prima gamba è analisi grafica (ti da subito un indicazioni di massima, espressa dall'andamento dei prezzi e da eventuali indicatori di momentum)
La seconda gamba è l'analisi fondamentale, ti fa capire che cosa tratta la sigla che compri, il suo potenziale business ed i concorrenti con cui compete, un campo vasto e come scritto sopra di difficile interpretazione con precisione
La terza gamba è la gestione (psicologia, moneymanagement, gestione del rischio etc...)
La quarta gamba? Intuizione e...cul*...fortuna :D

Chi opera solo affidandosi alla quarta gamba, o fa il guadagno con una sola operazione e si ritira a vita, oppure nel lungo periodo perderà soldi. Le altre 3 gambe sono importantissime.
 
Ultima modifica:
Apprezzo molto il tuo messaggio. Credo che prima di tutto, si debba partire dalle basi che a volte si danno per scontate. Anche chi ha effettuato studi economici, dovrebbe ripassare. Si potrebbe partire da un libro come il tuo se si vuole veramente fare sul serio, oppure da una versione più light con concetti basilari ma esposti in maniera più sintetica. Poi prendere tutti i valori di riferimento che vengono citati durante le pubblicazioni dei bilanci e cercare di sviscerare la loro interpretazione, cercando più fonti possibili (anche articoli ) e domandarsi sempre cosa implica se il valore A (il dato di bilancio) si verifica per influenzare B (utile per il tuo investimento). Questo non ti permette di prevedere il futuro, ma almeno di orientarti nella complessità del mercato.
Bastasse conoscere approfonditamente i bilanci, i professori delle scienze contabili ed i commercialisti migliori, sarebbero tutti ricchissimi con lo stock picking. Una volta conosciuta la materia, entrano in gioco fattori esterni (in primis quello psicologico). Inoltre tralasciare l'analisi grafica/tecnica è come voler costruire un tavolo senza una gamba, il timing è tutto anche nel lungo periodo.
Entra poi in gioco il fattore "intuizione", investire in borsa con risultati ottimi è più arte che scienza. Per me warren buffett è più simile ad un pittore famoso che uno scienziato
Anche scegliere un etf indicizzato, presuppone un certo studio, almeno del periodo di mercato in cui si vuole entrare.

Vi riporto un messaggio, per me illuminante, letto su un forum americano. Un investitore lavorava presso una multinazionale in un ruolo abbastanza apicale, non era il ragazzo di bottega. Leggeva spesso gli articoli ed i report "fondamendalisti" sulla propria azienda: il più delle volte, secondo la sua opinione (che era ovviamente inferiore a quella del CEO) erano inesatti o forzati con l'accetta. Ma in quel momento di mercato ci azzeccavano tutti perchè il trend era positivo. A volte ci si azzecca solo perchè siamo in trend, aldildà di tutte le sofisticate analisi sul bilancio che possono essere fatte; torna prepotentemente l'analisi tecnica, la famosa del gamba del tavolo.

Gli investimenti in borsa si possano rappresentare come un tavolo con 3 o 4 gambe
La prima gamba è analisi grafica (ti da subito un indicazioni di massima, espressa dall'andamento dei prezzi e da eventuali indicatori di momentum)
La seconda gamba è l'analisi fondamentale, ti fa capire che cosa tratta la sigla che compri, il suo potenziale business ed i concorrenti con cui compete, un campo vasto e come scritto sopra di difficile interpretazione con precisione
La terza gamba è la gestione (psicologia, moneymanagement, gestione del rischio etc...)
La quarta gamba? Intuizione e...cul*...fortuna :D

Chi opera solo affidandosi alla quarta gamba, o fa il guadagno con una sola operazione e si ritira a vita, oppure nel lungo periodo perderà soldi. Le altre 3 gambe sono importantissime.

Grazie per l'intervento. Certamente il mio messaggio non voleva essere esaustivo riguardo ciò che è necessario per fare un buon investimento ma intendevo richiamare l'attenzione sul fatto che l'analisi fondamentale non è soltanto calcolare margini e indici, ma anche e sopratutto capire il contesto ambientale e le scelte strategiche dell'impresa e come questi si ripercuotono sul bilancio. Quest'ultimo è solo un modello semplificato per rappresentare una realtà complessa, quindi innanzitutto bisogna capire e interpretare la realtà, poi si potrà capire come questa si riflette sul bilancio. Non ho sostenuto che basti una conoscenza approfondita dei bilanci, tutt'altro, anzi sottoscrivo tutte le tue considerazioni, che sono assolutamente importanti.

Saluti
 
Sono aperto al confronto con tutti :)

Saluti

Tralascio di riportare per esteso il tuo post che condivido appieno.

Mi verrebbe però da sottolineare che come si insegnava un tempo all'università (ora non so se le cose stanno così) gli indici di bilancio altro non svolgono che la funzione dei numeri che appaiono sul cruscotto di un'auto. Utilissimi indicatori. Ma poi se c'è qualcosa che non va occorre fermarsi ed aprire il cofano. Inoltre la macchina talvolta si ferma anche se sul cruscotto non appaiono segnali di allarme.

Fare investimenti solo sulla scorta degli indici di bilancio (cosa che ovviamente faccio anche io) tuttavia mi pare riduttivo se prima non si è capito cosa fa un'impresa e se la strategia che persegue è vincente o meno. Dirsi così è una banalità. Ma per capire questo occorre un lavoro intellettuale non da poco. Oltre cha avere solidissime basi concettuali (quanto meno aver letto almeno una dozzina di testi di qualità di strategia aziendale) occorre poi capire se le cose che sta facendo una impresa sono quelle giuste (dozzinalmente: è inutile comprare azioni di una società che costrisce locomotove a vapore nell'epoca dell'alta velocità).

E mi sembra quello che alla fine fa Buffett.

Quindi prima di concentrarmi sui testi di analisi di bilancio e di contabilità (peraltro materia complicatissima dopo che l'organismo italiano di contabilità sforna ed emenda principi contabili quasi a raffica) mi concentrerei sui testi di management e cercherei anche di usare il buon senso (al corso di economia aziendale del I anno di università mi era stato detto: "ragazzi il management alla fine è del gran buon senso applicato!"), ovvero una virtù che vedo sempre meno in giro.
 
Salve,
io sto leggendo "Analisi di bilancio e driver di valore" a cura di P. Ghiringhelli . Si tratta di un testo del 2017 abbastanza aggiornato dal punto di vista IAS/IFRS anche se non tiene conto di IFRS 9. Mi sembra
molto ben fatto, magari da abbinare con analisi di casi ad hoc su aziende di interesse.
 
Tralascio di riportare per esteso il tuo post che condivido appieno.

Mi verrebbe però da sottolineare che come si insegnava un tempo all'università (ora non so se le cose stanno così) gli indici di bilancio altro non svolgono che la funzione dei numeri che appaiono sul cruscotto di un'auto. Utilissimi indicatori. Ma poi se c'è qualcosa che non va occorre fermarsi ed aprire il cofano. Inoltre la macchina talvolta si ferma anche se sul cruscotto non appaiono segnali di allarme.

Fare investimenti solo sulla scorta degli indici di bilancio (cosa che ovviamente faccio anche io) tuttavia mi pare riduttivo se prima non si è capito cosa fa un'impresa e se la strategia che persegue è vincente o meno. Dirsi così è una banalità. Ma per capire questo occorre un lavoro intellettuale non da poco. Oltre cha avere solidissime basi concettuali (quanto meno aver letto almeno una dozzina di testi di qualità di strategia aziendale) occorre poi capire se le cose che sta facendo una impresa sono quelle giuste (dozzinalmente: è inutile comprare azioni di una società che costrisce locomotove a vapore nell'epoca dell'alta velocità).

E mi sembra quello che alla fine fa Buffett.

Quindi prima di concentrarmi sui testi di analisi di bilancio e di contabilità (peraltro materia complicatissima dopo che l'organismo italiano di contabilità sforna ed emenda principi contabili quasi a raffica) mi concentrerei sui testi di management e cercherei anche di usare il buon senso (al corso di economia aziendale del I anno di università mi era stato detto: "ragazzi il management alla fine è del gran buon senso applicato!"), ovvero una virtù che vedo sempre meno in giro.

Totalmente d'accordo. Ho consigliato un libro tecnico ma nel primo intervento ho richiamato l'attenzione sugli aspetti qualitativi, menzionando anche Graham e Buffett. Conoscere il bilancio non è sufficiente ma è necessario.
 
Libro Analisi Fondamentale

nella lista dei libri non ho visto questo ( o mi è sfuggito..) :

Antonello Di Mascio :
" INVESTIRE CON L'ANALISI FONDAMENTALE" - Asset Allocation e Stock Picking
prefazione di Giovanni Tamburi
collana Impresa & Professionisti , EGEA 2003
 
ho appena finito di leggere Come individuare le manipolazioni di bilancio per limitare il rischio dell'investimento
me lo sono divorato
avevo già letto degli stessi autori "Come leggere il bilancio per investire in borsa" che è testo base di introduzione alla lettura del bilancio

Il nuovo libro è di ben altro spessore e approfondimento, ne consiglio vivamente la lettura a chi investe basandosi sull'analisi fondamentale.
Devo dire che mi si è aperto un mondo...
Il libro illustra quanto sia facile per il management abbellire i dati di bilancio anche non violando le norme contabili... e quanto quindi sia facile per gli investitori, che come me si basano sui dati di bilancio, essere indotti in errore..
Allo stesso tempo vengono illustate le tecniche di analisi per scovare le alterazioni dei dati di bilancio e una serie di indicatori finanziari per valutare l'attendibilità dei dati di bilancio e la qualità degli utili..
Il tutto condito da una serie infinita di esempi, tratti da casi concreti di società fedifraghe..
L'ho trovato davvero interessante e utile
 
  • Like
Reazioni: Mei
banche dati per analisi fondamentale

seguo questo thread da un pò però sono perplesso perchè, a parte i supporti formativi, non ci sono indicazioni di banche dati che forniscano dati per perseguire il cd value investing, ovvero acquistare titoli sottovalutati e che abbiano crescenti prospettive di mercato
Sono abbonato ormai da molti anni a marketscreener, già 4-traders, che fornisce molte utili analisi oltre a periodiche indicazioni di portafoglio
mancano però dati su insider trading e acquisti da parte di fondi ed ETF

Su tradingview ho trovato alcuni confronti di valutazioni di mercato di azioni ma mi piacerebbe aprire una discussione sul tema:

ovvero quali "data bank" siano utili ed attendibili fornitori di servizi utili al value investing?

grazie
 
Faccio una premessa: effettuare una vera analisi fondamentale di un'azienda è un'operazione molto più complessa di quanto possa trasparire dai testi indirizzati ad un pubblico ampio (vedi The intelligent investor, che pure è un buon testo). Questo perchè sono necessarie delle solide basi di contabilità generale e poi un ulteriore massiccio approfondimento di analisi di bilancio. Se ti interessa un testo molto approfondito sull'analisi fondamentale ti posso suggerire L'analisi del bilancio di Francesco Giunta e Michele Pisani. E' il mio testo universitario e seppur non sia specificamente tarato per l'investimento, il punto di approdo è la determinazione del famoso valore intrinseco di cui parla anche Graham. Il valore intrinseco è poi da raffrontare con il prezzo di mercato dell'azione per verificare se essa sia sottovalutata o meno. Qual è il problema? Il calcolo del valore intrinseco è un'operazione molto complessa e soggetta ad ampio margine di errore (dato che richiede di effettuare delle previsioni sui flussi di cassa futuri in relazione alle prospettive di crescita del settore e dell'azienda); inoltre, tale analisi non credo sia appannaggio di investitori individuali dal momento che serve una mole di informazioni notevole. D'altro canto potresti pensare di risolvere il tutto calcolando quei quattro indici fondamentali per avere un quadro della situazione soddisfacente (ROE, ROI operativo, ecc.) e tuttavia non sarebbe sufficiente perchè i numeri in sè non vogliono dire nulla se non raffrontati nel tempo (vecchi bilanci della stessa azienda) e soprattutto nello spazio (con imprese del medesimo settore), il che richiederebbe ulteriore lavoro. Per ultimo, ma non meno importante, si fa sempre pochissimo riferimento all'analisi di contesto (di mercato) e strategica che pure sono parte integrante e assolutamente imprescindibile dell'analisi fondamentale (precede addirittura il calcolo degli indici di bilancio); invero Graham ne accenna in un paragrafo intitolato "Industry analysis" ma è chiaramente una semplice invito ad effettuare questa analisi, dal momento che ci vorrebbe un libro solo per questa. Anche Warren Buffett in fin dei conti si concentra fortemente su aspetti qualitativi andando a ricercare ciò che lui chiama "moat", cioè "fossato" cioè in gergo tecnico: vantaggio competitivo durevole nel tempo.

In definitiva, se può interessarti, il libro che ti ho consigliato è una lettura lunghissima (870 pagine) e professionale, ma piacevole se interessati alla disciplina. Tuttavia dubito (e ne dubiteresti anche tu se lo leggessi) che sia possibile fare una buona analisi fondamentale senza un enorme dispendio di tempo. E anche se si facesse questo, l'analisi fondamentale non garantirebbe la selezione delle migliori azioni, ma questo apre un altro grande capitolo.

Scusa la lunghezza ma volevo un po' far presente come stanno veramente le cose e certamente non è un invito a non leggere nulla, più che altro è un invito ad approcciarsi alla materia per semplice curiosità intellettuale, senza grandi pretese di investimento.
Sono aperto al confronto con tutti :)

Saluti

Benchè datato, è uno dei commenti più lucidi che abbia letto in materia di investimenti azionari. In sintesi, per inquadrare le prospettive di crescita di un'azienda occorrerebbe una considerevole preparazione in materia di contabilità e bilancio da applicare a dati e informazioni difficilmente reperibili da investitori individuali. Il tutto con notevole dispendio di tempo e energie e senza possibilità di cogliere un esito attendibile senza un'analisi parallela di mercato.
A naso direi che l'autentico collo di bottiglia per l'investitore retail sia il mancato accesso ad informazioni privilegiate.
Ciò nonostante penso di ordinare il testo di Graham. Anche la semplice conoscenza degli strumenti finanziari, del funzionamento delle borse...etc, rappresenta di per sè un valore aggiunto per preservare il proprio portafoglio.
 
Ultima modifica:
  • Like
Reazioni: Mei
Benchè datato, è uno dei commenti più lucidi che abbia letto in materia di investimenti azionari. In sintesi, per inquadrare le prospettive di crescita di un'azienda occorrerebbe una considerevole preparazione in materia di contabilità e bilancio da applicare a dati e informazioni difficilmente reperibili da investitori individuali. Il tutto con notevole dispendio di tempo e energie e senza possibilità di cogliere un esito attendibile senza un'analisi parallela di mercato.
A naso direi che l'autentico collo di bottiglia per l'investitore retail sia il mancato accesso ad informazioni privilegiate.
Ciò nonostante penso di ordinare il testo di Graham. Anche la semplice conoscenza degli strumenti finanziari, del funzionamento delle borse...etc, rappresenta di per sè un valore aggiunto per preservare il proprio portafoglio.
Cosa ne pensi di finvitz?
 
Sarebbe? scusa ma è una discussione di qualche mese fa e ho perso il filo...
 
Indietro