ma la Russia in default

Paolo Vittori

Nuovo Utente
Registrato
25/6/06
Messaggi
7.247
Punti reazioni
302
Mah, da quanto si è capito, è un default un po’ anomalo! Cioè, la Russia mette i soldi a disposizione delle banche europee per pagare gli obbligazionisti ma le banche non possono rimborsare per via delle sanzioni. E un default questo?

Certo, nessuno presterà più soldi alla Russia ma non perché non li restituisce ma perché non è certo di rientrare in possesso dei suoi soldi più interessi in quanto le banche, pur avendo i Lodi non glieli girano.
Per quanto riguarda il petrolio, la Russia lo sta vendendo bellamente a India e Cina, mentre per il gas, è vero che le esportazioni sono diminuite, ma solo a nostro svantaggio perché il prezzo è aumentato e quindi la somma che arriva alla Russia è sempre la stessa, anche vendendo meno gas, per cui le sanzioni si stanno ritorcendo contro di noi
 

Pangolino

Nuovo Utente
Registrato
10/6/21
Messaggi
459
Punti reazioni
31
Mah, da quanto si è capito, è un default un po’ anomalo! Cioè, la Russia mette i soldi a disposizione delle banche europee per pagare gli obbligazionisti ma le banche non possono rimborsare per via delle sanzioni. E un default questo?

Certo, nessuno presterà più soldi alla Russia ma non perché non li restituisce ma perché non è certo di rientrare in possesso dei suoi soldi più interessi in quanto le banche, pur avendo i Lodi non glieli girano.
Per quanto riguarda il petrolio, la Russia lo sta vendendo bellamente a India e Cina, mentre per il gas, è vero che le esportazioni sono diminuite, ma solo a nostro svantaggio perché il prezzo è aumentato e quindi la somma che arriva alla Russia è sempre la stessa, anche vendendo meno gas, per cui le sanzioni si stanno ritorcendo contro di noi

Non è che nessuno presterà più soldi alla Russia.
Quello che le sanzioni stanno facendo non è minare la credibilità della Russia come debitore.
Quello che sta succedendo è che si sta minando la credibilità dell'euro e del dollaro come riserve di valore e come mezzi di scambio nei mercati finanziari
perchè molto stupidamente gli europei e gli americani usano queste monete e loro giurisdizione come un'arma nei conflitti.
E quindi alla fine si apre la ricerca per valute che offrano garanzie di sicurezza migliori.
Penso per esempio al Renmibi cinese caraterizzato da stabilità e da un'ottima gestione monetaria da parte della rispettiva banca centrale. La valuta cinese non è stata gestita come le valute occidentali che sono invece caratterizzate da tassi reali negativi e alta inflazione. Come riserva di valore la moneta cinese è dieci volte più credibile dell'euro e del dollaro. Inoltre la Cina è uno dei paesi più pacifici del mondo al contrario degli Stati Uniti.
Cioè il discorso è che a essere incrinata è la credibilità dell'euro e del dollaro. Si cercano valide alternative. Forse una criptovaluta garantita da uno stato importante come la Cina e con la garanzia che questa criptovaluta non possa essere limitata nel suo uso da quello stesso stato per motivi politici (come invece fanno europei e americani). Un'offerta di questo tipo sarebbe dirompente.
Gli europei sbagliano terribilmente nel seguire il miraggio americano di una nuova guerra fredda.
Quello che l'occidente a guida americana sta facendo è isolarsi dal resto del mondo nel pazzo tentativo di riuscire in questo modo a mantenere la supremazia americana. Follia pura. Penso che gli americani siano completamente usciti di testa.
 

Maestr

Nuovo Utente
Registrato
22/7/20
Messaggi
3.677
Punti reazioni
414
Stan facendo quel che va fatto per evitare che la russia continui con la sua invasione stile nazista e contemporaneamente evitare una guerra diretta.
Personalmente penso non sarà sufficiente, presto o tardi la russia (nella sua follia da conquista) punterà le armi contro un paese NATO e a quel punto entreremo tutti in guerra. Di buono c'è solo che la NATO è di fatto molto più forte della russia (che sta faticando anche contro l'Ucraina) quindi a quel punto, rischio nucleare/kamikaze a parte (che penso sia più un bluff che altro visto che danneggerebbe pesantemente anche loro), la russia non ha speranze.
Ciò detto la russia era di fatto in "default programmato" già da prima, hanno chiuso il mercato agli investitori esteri per evitare di renderlo palese ma chi mai potrà credere ancora in futuro nella russia? Perderanno anche il loro mercato principale sul lungo periodo (gas, petrolio e simili) che tra sostituzioni e rinnovabili sarà rapidamente sostituito totalmente, saran costretti a svendere alla cina (praticamente l'unico grosso paese disposto a far affari con loro... ed è ancora da vedere quanto visto che hanno paura di ritorsioni secondarie considerato che fanno anche grossi affari con Europa e USA).
Eccetto qualche esaltato filorusso di estrema destra quasi tutti hanno capito come andrà a finire, la russia inizierà ad avere crisi su crisi fino a crollare totalmente. Il fuoco di paglia finale è proprio quello di questi mesi che si alimenta principalmente dall'acquisto da parte dell'europa di gas russo a peso d'oro, cosa che però la russia stessa sta ostacolando e che ovviamente i paesi occidentali non vedono l'ora di poter chiudere.

Certo stiamo subendo qualche piccola conseguenza anche noi (i prezzi alle stelle del gas e dell'energia elettrica prodotta dal gas sono un esempio chiaro di quanto stiamo pagando) ma il nostro futuro in confronto a quello russo (salvo scoppio delle atomiche sul nostro territorio) è roseo.
Innanzitutto non saremo isolati a livello globale, in secondo luogo saremo sempre più indipendenti a livello energetico e dopo questa lezione anche quello che arriva dall'estero sarà molto più diversificato questo farà calare i prezzi sul lungo periodo.

In definitiva spero vivamente che continuino con le sanzioni economiche e che siano sempre più forti... prima crolla la russia economicamente parlando (facendo cadere la facciata propagandistica del "va tutto bene perché il rublo sale") meno probabile è che attacchi un paese NATO facendoci ritrovare in guerra con sti pazzi.
 

Pangolino

Nuovo Utente
Registrato
10/6/21
Messaggi
459
Punti reazioni
31
Stan facendo quel che va fatto per evitare che la russia continui con la sua invasione stile nazista e contemporaneamente evitare una guerra diretta.
Personalmente penso non sarà sufficiente, presto o tardi la russia (nella sua follia da conquista) punterà le armi contro un paese NATO e a quel punto entreremo tutti in guerra. Di buono c'è solo che la NATO è di fatto molto più forte della russia (che sta faticando anche contro l'Ucraina) quindi a quel punto, rischio nucleare/kamikaze a parte (che penso sia più un bluff che altro visto che danneggerebbe pesantemente anche loro), la russia non ha speranze.
Ciò detto la russia era di fatto in "default programmato" già da prima, hanno chiuso il mercato agli investitori esteri per evitare di renderlo palese ma chi mai potrà credere ancora in futuro nella russia? Perderanno anche il loro mercato principale sul lungo periodo (gas, petrolio e simili) che tra sostituzioni e rinnovabili sarà rapidamente sostituito totalmente, saran costretti a svendere alla cina (praticamente l'unico grosso paese disposto a far affari con loro... ed è ancora da vedere quanto visto che hanno paura di ritorsioni secondarie considerato che fanno anche grossi affari con Europa e USA).
Eccetto qualche esaltato filorusso di estrema destra quasi tutti hanno capito come andrà a finire, la russia inizierà ad avere crisi su crisi fino a crollare totalmente. Il fuoco di paglia finale è proprio quello di questi mesi che si alimenta principalmente dall'acquisto da parte dell'europa di gas russo a peso d'oro, cosa che però la russia stessa sta ostacolando e che ovviamente i paesi occidentali non vedono l'ora di poter chiudere.

Certo stiamo subendo qualche piccola conseguenza anche noi (i prezzi alle stelle del gas e dell'energia elettrica prodotta dal gas sono un esempio chiaro di quanto stiamo pagando) ma il nostro futuro in confronto a quello russo (salvo scoppio delle atomiche sul nostro territorio) è roseo.
Innanzitutto non saremo isolati a livello globale, in secondo luogo saremo sempre più indipendenti a livello energetico e dopo questa lezione anche quello che arriva dall'estero sarà molto più diversificato questo farà calare i prezzi sul lungo periodo.

In definitiva spero vivamente che continuino con le sanzioni economiche e che siano sempre più forti... prima crolla la russia economicamente parlando (facendo cadere la facciata propagandistica del "va tutto bene perché il rublo sale") meno probabile è che attacchi un paese NATO facendoci ritrovare in guerra con sti pazzi.

Trovo incredibile che ci siano persone che esprimono il loro assenso per una linea filoanglosassone che sta portando al disastro l'Europa continentale.
Probabilmente si è data così tanta fiducia (molto malriposta) a Draghi che adesso un bel po' di persone hanno il paraocchi.
L'idea di un mondo conflittuale coltivata da britannici e americani è disastrosa in generale.
Ma in particolare gli anglosassoni stanno scaricando la maggior parte dei costi su un'Europa il cui futuro non mi sembra tanto più roseo di quello della Russia.
Anzi.
L'ultima è che gli inglesi stanno chiudendo i loro gasdotti verso il continente nel caso gli europei vadano incontro a forti carenze di gas.
Veramente tutto ciò è ridicolo e l'Europa fa veramente pietà nella sua subordinazione a soggetti che hanno tutt'altro tono nei confronti delle pezze da piede europee.
Tutto ridicolo come il cosiddetto "default" russo.
Come ridicole le riunioni dei 7 "Grandi".
Basta chiedersi questo. Gli scopi e le finalità delle sanzioni quali sono? Vengono ottenuti? Quali costi collaterali?
 

Maestr

Nuovo Utente
Registrato
22/7/20
Messaggi
3.677
Punti reazioni
414
Trovo incredibile che ci siano persone che esprimono il loro assenso per una linea filoanglosassone che sta portando al disastro l'Europa continentale.
Probabilmente si è data così tanta fiducia (molto malriposta) a Draghi che adesso un bel po' di persone hanno il paraocchi.
L'idea di un mondo conflittuale coltivata da britannici e americani è disastrosa in generale.
Ma in particolare gli anglosassoni stanno scaricando la maggior parte dei costi su un'Europa il cui futuro non mi sembra tanto più roseo di quello della Russia.
Anzi.
L'ultima è che gli inglesi stanno chiudendo i loro gasdotti verso il continente nel caso gli europei vadano incontro a forti carenze di gas.
Veramente tutto ciò è ridicolo e l'Europa fa veramente pietà nella sua subordinazione a soggetti che hanno tutt'altro tono nei confronti delle pezze da piede europee.
Tutto ridicolo come il cosiddetto "default" russo.
Come ridicole le riunioni dei 7 "Grandi".
Basta chiedersi questo. Gli scopi e le finalità delle sanzioni quali sono? Vengono ottenuti? Quali costi collaterali?

A me sembra incredibile che ci siano persone così filorusse in italia da non capire neanche il pericolo che la russia rappresenta.
Rendiamoci conto che la russia ha invaso militarmente un paese confinante manco fossimo ancora nel 1938... una roba che se me l'avessero detta qualche mese fa avrei dato del pazzo chi la suggeriva. Sarò anche un ingenuo occidentale ma pensavo e speravo che fossimo andati oltre a certe cose in europa e consideravo la russia parte del mondo occidentalizzato (ho avuto qualche dubbio all'invasione della crimea ma vedendo che non avevano opposto resistenza avevo pensato che fossero sostanzialmente d'accordo).
Francamente non vedo come si possa lasciar agire uno stato che il giorno prima dice "non ci sarà nessuna invasione, siete voi occidentali ad essere fissati" e il giorno dopo invade.
Fosse per me, vista la situazione assurda, avrei già attaccato con tutte le forze NATO perché ogni giorno che passa la russia si fa più arrogante e c'è davvero il rischio che lo stato, di fatto, nazista russo sia il primo ad iniziare la guerra quindi sarebbe meglio anticiparlo mentre è occupato sul fronte ucraino. Ci sarei anche andato più pesante su Kaliningrad, dopotutto loro non hanno avuto alcun rispetto dei confini nazionali di uno stato libero, l'assurdo è che dobbiamo farci tutti sti scrupoli noi europei...
D'altro canto mi rendo conto che una linea del genere sarebbe letteralmente una guerra mondiale (anche se NATO contro russia da sola, le bombe nucleari non vanno prese alla leggera) e mi auguro ogni giorno che l'europa con la sua linea morbida e semplici sanzioni economiche sul lungo periodo riesca a spuntarla, sarebbe di gran lunga preferibile.
I costi collaterali delle sanzioni sono tutto sommato minimi, pagare tutto un po' di più rispetto a dover andare al fronte è di gran lunga preferibile.

Insomma l'europa sta facendo (e da occidentale lo comprendo benissimo) di tutto per evitare una guerra diretta, persin troppo (si rischia di finire come con la germania nazista, dove gli hanno concesso troppo sperando che si accontentasse per poi finirci comunque in guerra quando hitler non si è accontentato e ha invaso la Polonia). Da italiano/europeo non posso che provare un disgusto innato per la guerra, farei di tutto per evitarla... ma sono anche convinto che ci sia un principio fondamentale persino più importante ossia la libertà... e se la russia continua a muoversi verso occidente quest'ultima sarà minacciata.
Che questo sia inaccettabile è per me assolutamente palese. Piuttosto morirei che vivere in dittatura.
In confronto a questo anche rimanere senza gas completamente è uno scenario di gran lunga preferibile.

Lo scenario migliore è ovviamente quello di un'Ucraina che respinge i russi e magari anche una bella rivolta contro putin... non mi aspetto tanto, mi basta che gli Ucraini tengano a bada la situazione abbastanza a lungo da rendere la russia incapace di poter continuare a minacciare i propri vicini... la distruzione dell'esercito russo per i prossimi 10-20 anni (si spera che nel frattempo putin debba lasciare il potere e che chi lo sostituisce sia un minimo più saggio) mi sembra lo scenario più realistico... di fatto l'Ucraina si sacrificherà in ogni caso diventando il confine armato dell'europa ma almeno la gente vivrà libera dalla dittatura russa.
 

Pangolino

Nuovo Utente
Registrato
10/6/21
Messaggi
459
Punti reazioni
31
A me sembra incredibile che ci siano persone così filorusse in italia da non capire neanche il pericolo che la russia rappresenta.
Rendiamoci conto che la russia ha invaso militarmente un paese confinante manco fossimo ancora nel 1938... una roba che se me l'avessero detta qualche mese fa avrei dato del pazzo chi la suggeriva. Sarò anche un ingenuo occidentale ma pensavo e speravo che fossimo andati oltre a certe cose in europa e consideravo la russia parte del mondo occidentalizzato (ho avuto qualche dubbio all'invasione della crimea ma vedendo che non avevano opposto resistenza avevo pensato che fossero sostanzialmente d'accordo).
Francamente non vedo come si possa lasciar agire uno stato che il giorno prima dice "non ci sarà nessuna invasione, siete voi occidentali ad essere fissati" e il giorno dopo invade.
Fosse per me, vista la situazione assurda, avrei già attaccato con tutte le forze NATO perché ogni giorno che passa la russia si fa più arrogante e c'è davvero il rischio che lo stato, di fatto, nazista russo sia il primo ad iniziare la guerra quindi sarebbe meglio anticiparlo mentre è occupato sul fronte ucraino. Ci sarei anche andato più pesante su Kaliningrad, dopotutto loro non hanno avuto alcun rispetto dei confini nazionali di uno stato libero, l'assurdo è che dobbiamo farci tutti sti scrupoli noi europei...
D'altro canto mi rendo conto che una linea del genere sarebbe letteralmente una guerra mondiale (anche se NATO contro russia da sola, le bombe nucleari non vanno prese alla leggera) e mi auguro ogni giorno che l'europa con la sua linea morbida e semplici sanzioni economiche sul lungo periodo riesca a spuntarla, sarebbe di gran lunga preferibile.
I costi collaterali delle sanzioni sono tutto sommato minimi, pagare tutto un po' di più rispetto a dover andare al fronte è di gran lunga preferibile.

Insomma l'europa sta facendo (e da occidentale lo comprendo benissimo) di tutto per evitare una guerra diretta, persin troppo (si rischia di finire come con la germania nazista, dove gli hanno concesso troppo sperando che si accontentasse per poi finirci comunque in guerra quando hitler non si è accontentato e ha invaso la Polonia). Da italiano/europeo non posso che provare un disgusto innato per la guerra, farei di tutto per evitarla... ma sono anche convinto che ci sia un principio fondamentale persino più importante ossia la libertà... e se la russia continua a muoversi verso occidente quest'ultima sarà minacciata.
Che questo sia inaccettabile è per me assolutamente palese. Piuttosto morirei che vivere in dittatura.
In confronto a questo anche rimanere senza gas completamente è uno scenario di gran lunga preferibile.

Lo scenario migliore è ovviamente quello di un'Ucraina che respinge i russi e magari anche una bella rivolta contro putin... non mi aspetto tanto, mi basta che gli Ucraini tengano a bada la situazione abbastanza a lungo da rendere la russia incapace di poter continuare a minacciare i propri vicini... la distruzione dell'esercito russo per i prossimi 10-20 anni (si spera che nel frattempo putin debba lasciare il potere e che chi lo sostituisce sia un minimo più saggio) mi sembra lo scenario più realistico... di fatto l'Ucraina si sacrificherà in ogni caso diventando il confine armato dell'europa ma almeno la gente vivrà libera dalla dittatura russa.

Ma di quali libertà stai parlando, mio Dio? Gli italiani non sono neppure in grado di eleggere un governo che non sia sdraiato ai voleri degli anglosassoni.
Se il governo italiano mai si azzarda a intessere relazioni commerciali di mutuo interesse con paesi sgraditi (tipo Cina) lo zio Sam subito richiama all'ordine con ceffoni e calci il disgraziato governo italiano che si sia reso responsabile di tale lesa maestà.
Gli americani non riconoscono neppure il diritto di gestire il proprio corpo alle donne.
Per non parlare della vergognosa persecuzione nei confronti di Assange.
Di quale libertà parli?
Qui siamo solo di fronte agli sporchi interessi americani e gli Stati Uniti sono uno dei paesi più guerrafondai e criminali della storia. I russi al confronto sono degli agnellini.
E c'è gente che ha il coraggio di andare a cantare la propaganda insulsa americana? Alla faccia dell'ingenuità.
Tanti auguri amico mio, se sei disposto a marciare in guerra per lo zio Sam.
Ma non pensare che la situazione finisca positivamente viste queste premesse e vista la stupidità europea nel servire supinamente gli interessi di Washington.
 

Maestr

Nuovo Utente
Registrato
22/7/20
Messaggi
3.677
Punti reazioni
414
Ma di quali libertà stai parlando, mio Dio? Gli italiani non sono neppure in grado di eleggere un governo che non sia sdraiato ai voleri degli anglosassoni.
Se il governo italiano mai si azzarda a intessere relazioni commerciali di mutuo interesse con paesi sgraditi (tipo Cina) lo zio Sam subito richiama all'ordine con ceffoni e calci il disgraziato governo italiano che si sia reso responsabile di tale lesa maestà.
Gli americani non riconoscono neppure il diritto di gestire il proprio corpo alle donne.
Per non parlare della vergognosa persecuzione nei confronti di Assange.
Di quale libertà parli?
Qui siamo solo di fronte agli sporchi interessi americani e gli Stati Uniti sono uno dei paesi più guerrafondai e criminali della storia. I russi al confronto sono degli agnellini.
E c'è gente che ha il coraggio di andare a cantare la propaganda insulsa americana? Alla faccia dell'ingenuità.
Tanti auguri amico mio, se sei disposto a marciare in guerra per lo zio Sam.
Ma non pensare che la situazione finisca positivamente viste queste premesse e vista la stupidità europea nel servire supinamente gli interessi di Washington.

Gli italiani sono stati sempre liberi di eleggere il parlamento, è poi quest'ultimo che nomina il governo da sempre. Nessun governo italiano è mai stato imposto, sono tutti governi sostenuti dal parlamento eletto dai cittadini.
Se poi pensi veramente di non essere in democrazia nessuno ti trattiene vattene pure nella tua amata russia.

Nota bene però che persino Svezia e Finlandia da sempre neutrali ora entreranno nella nato e non si fidano per nulla della russia attuale (e non hanno avuto problemi con i russi neanche durante la guerra fredda).

Altro che propaganda usa... Se gli usa avessero invaso qualcuno avrei criticato loro (l'ho fatto anche per l'Iraq e critico anche la Corte di estrema destra che ha tolto l'aborto dalla costituzione (su cui Biden non è certo d'accordo, come non è d'accordo con il diffondersi di armi quindi direi che ci andrei abbastanza d'accordo)). Qui è la russia che ha invaso, non dimentichiamolo perché è facile ribaltare la frittata quando si dimenticano i fatti. E se vicini da sempre neutrali hanno deciso di entrare nella nato (in cui non sono entrati neanche durante la guerra fredda e nonostante le possibili conseguenze) diretti che della russia non ci si può fidare assolutamente.

Ps. Ricordo anche che gli usa perlomeno sono una democrazia e lo dimostrano proprio la differenza delle politiche messe in campo da Trump rispetto a Biden e dal fatto che la Corte costituzionale non sia assolutamente d'accordo con Biden...
La Russia è al contrario una dittatura dove decide tutto Putin...
La propaganda appartiene alle dittature, la nostra discussione in cui ognuno è in grado di proporre il proprio punto di vista è chiaramente indice di democrazia
 
Ultima modifica:

Pangolino

Nuovo Utente
Registrato
10/6/21
Messaggi
459
Punti reazioni
31
Gli italiani sono stati sempre liberi di eleggere il parlamento, è poi quest'ultimo che nomina il governo da sempre. Nessun governo italiano è mai stato imposto, sono tutti governi sostenuti dal parlamento eletto dai cittadini.
Se poi pensi veramente di non essere in democrazia nessuno ti trattiene vattene pure nella tua amata russia.

Nota bene però che persino Svezia e Finlandia da sempre neutrali ora entreranno nella nato e non si fidano per nulla della russia attuale (e non hanno avuto problemi con i russi neanche durante la guerra fredda).

Altro che propaganda usa... Se gli usa avessero invaso qualcuno avrei criticato loro (l'ho fatto anche per l'Iraq e critico anche la Corte di estrema destra che ha tolto l'aborto dalla costituzione (su cui Biden non è certo d'accordo, come non è d'accordo con il diffondersi di armi quindi direi che ci andrei abbastanza d'accordo)). Qui è la russia che ha invaso, non dimentichiamolo perché è facile ribaltare la frittata quando si dimenticano i fatti. E se vicini da sempre neutrali hanno deciso di entrare nella nato (in cui non sono entrati neanche durante la guerra fredda e nonostante le possibili conseguenze) diretti che della russia non ci si può fidare assolutamente.

Ps. Ricordo anche che gli usa perlomeno sono una democrazia e lo dimostrano proprio la differenza delle politiche messe in campo da Trump rispetto a Biden e dal fatto che la Corte costituzionale non sia assolutamente d'accordo con Biden...
La Russia è al contrario una dittatura dove decide tutto Putin...
La propaganda appartiene alle dittature, la nostra discussione in cui ognuno è in grado di proporre il proprio punto di vista è chiaramente indice di democrazia

A me piace fare affari con tutti: russi o americani. Ma francamente preferisco i russi: sono più educati e corretti di quanto non siano gli anglosassoni. Gli americani sono freqentemente volgari e arroganti.
Per il resto vivo dove voglio.
Mi sembra che tu voglia criminalizzare i russi e sia completamente immerso nella propaganda di guerra occidentale.
Ti fai prendere in giro dagli americani e dai loro camerieri italiani.
Spero almeno che con la tua smania guerrafondaia non sia come i tanti filoatlantisti che parlano di guerra e di lotta per la "libertà" mettendo a rischio solo la vita di altri.
 

Maestr

Nuovo Utente
Registrato
22/7/20
Messaggi
3.677
Punti reazioni
414
A me piace fare affari con tutti: russi o americani. Ma francamente preferisco i russi: sono più educati e corretti di quanto non siano gli anglosassoni. Gli americani sono freqentemente volgari e arroganti.
Per il resto vivo dove voglio.
Mi sembra che tu voglia criminalizzare i russi e sia completamente immerso nella propaganda di guerra occidentale.
Ti fai prendere in giro dagli americani e dai loro camerieri italiani.
Spero almeno che con la tua smania guerrafondaia non sia come i tanti filoatlantisti che parlano di guerra e di lotta per la "libertà" mettendo a rischio solo la vita di altri.

tanto delicati e corretti che invadono, bombardano, ammazzano donne e bambini senza alcuna pietà.
gli americani saranno pure volgari ed arroganti, ma almeno non hanno iniziato l'attuale guerra.

I russi sono criminali è sotto gli occhi di tutti e in occidente, lo ripeto, non c'è propaganda, tanto è vero che nelle trasmissioni tv è pieno zeppo di filorussi. Semplicemente, fortunatamente, la maggioranza della gente normale non si fa convincere dalla propaganda di un regime.

Io penso con la mia testa, leggo tutti i giornali sia di destra, sia di sinistra, vedo le immagini e i video che arrivano dall'ucraina e leggo le dichiarazioni ufficiali prima di trarre conclusioni... ebbene tra le dichiarazioni ufficiali del cremlino, prima che iniziasse l'invasione, c'era la dichiarazione che non avrebbero mai invaso e che stavano facendo solo delle esercitazioni, mentre gli americani continuavano a dire che l'avrebbero fatto a giorni.
In quel frangente ho creduto ai russi, mi sembrava folle che volessero fare un'invasione militare, credevo che gli americani stessero soffiando sul conflitto.
Mi sono sbagliato, pochi giorni dopo la fine delle olimpiadi di Pechino i russi hanno invaso l'Ucraina.
Questi sono dati di fatto riportati da tutti i giornali del mondo, dichiarazioni ufficiali anche del cremlino stesso, come si faccia a mettere in dubbio la realtà non ne ho la più pallida idea ma so una cosa: Non ci si può fidare dei russi (perlomeno non nel regime attuale).

E a differenza di quel che scrivi non sono guerrafondaio, io, come già scritto, sono per la pace, la guerra mi rivolta... ma non per la pace a tutti i costi, se putin ha deciso di diventare il nuovo hitler bisogna fermarlo su questo non ho alcun dubbio.

Concludo dicendo che sì, preferisco che siano gli altri a rischiar la vita finché posso evitarlo, non mi chiamo Gesù Cristo se gli Ucraini riescono a tenere a bada i russi son solo contento di non dover combattere io stesso contro questo folle invasore. Ma se i russi invaderanno l'italia farò il mio dovere (anche perché non potrei mai vivere in dittatura, sarebbe una vita senza senso, per quanto pacifica possa essere).
 

Pangolino

Nuovo Utente
Registrato
10/6/21
Messaggi
459
Punti reazioni
31
Concludo dicendo che sì, preferisco che siano gli altri a rischiar la vita finché posso evitarlo, non mi chiamo Gesù Cristo se gli Ucraini riescono a tenere a bada i russi son solo contento di non dover combattere io stesso contro questo folle invasore. Ma se i russi invaderanno l'italia farò il mio dovere (anche perché non potrei mai vivere in dittatura, sarebbe una vita senza senso, per quanto pacifica possa essere).

Se vivessi ancora in Italia non mi dispiacerebbe che i Russi annettessero la penisola. In Russia c'è una flat tax al 13%.
Ho il sospetto che non ci sarebbero molti italiani disposti a morire per la "democrazia" italiana.
 

Maestr

Nuovo Utente
Registrato
22/7/20
Messaggi
3.677
Punti reazioni
414
Se vivessi ancora in Italia non mi dispiacerebbe che i Russi annettessero la penisola. In Russia c'è una flat tax al 13%.
Ho il sospetto che non ci sarebbero molti italiani disposti a morire per la "democrazia" italiana.

cioè per far pagare meno tasse ai ricchi bello vivere in dittatura?
sei tutto scemo.
 

Pangolino

Nuovo Utente
Registrato
10/6/21
Messaggi
459
Punti reazioni
31
cioè per far pagare meno tasse ai ricchi bello vivere in dittatura?
sei tutto scemo.

Figuriamoci. I "ricchi" possono pagare molto meno del 13%.
Io per esempio pago lo zero virgola nella giurisdizione in cui vivo.
Dico piuttosto che le persone comuni in Italia vedono un paese che li depreda fiscalmente, li sfrutta e non permette loro neppure di esprimere governanti che non siano approvati dagli anglosassoni e dalla stampa di regime (non a caso filoatlantista).
Credi che ci sia molta gente disposta a morire per Giggino e per Draghi?
Tu lo sei? Davvero? Complimenti allora.
Sotto molti punti di vista l'analogia della situazione attuale è più con la I guerra mondiale che non con la seconda.
C'è una massa di gente che non vuole saperne nulla di questa guerra. Ma la stampa italiana si è presa il compito di convincere quanta più gente possibile che si tratta di una causa giusta e che è giusto morire per essa.
Almeno nel biennio 1914-1915 la campagna interventista veniva fatta sulla base di presunti interessi italiani (per qualche fazzoletto di terra: in realtà il Corriere della Sera dava voce agli interessi dell'industria bellica nazionale). Oggi invece la stampa italiana fa una campagna interventista per gli interessi geopolitici degli americani e allo stesso tempo giustifica i danni economici causati da questo atteggiamento guerrafondaio.
In questo caso non c'è neppure la foglia di fico di un'eventuale vantaggio per il "paese". Solo sacrifici e miseria.
Ma tu sei pronto a morire per la "democrazia" e affermi che io invece sono scemo.
 

frasca

Nuovo Utente
Registrato
13/9/02
Messaggi
1.170
Punti reazioni
42
Figuriamoci. I "ricchi" possono pagare molto meno del 13%.
Io per esempio pago lo zero virgola nella giurisdizione in cui vivo.
Dico piuttosto che le persone comuni in Italia vedono un paese che li depreda fiscalmente, li sfrutta e non permette loro neppure di esprimere governanti che non siano approvati dagli anglosassoni e dalla stampa di regime (non a caso filoatlantista).
Credi che ci sia molta gente disposta a morire per Giggino e per Draghi?
Tu lo sei? Davvero? Complimenti allora.
Sotto molti punti di vista l'analogia della situazione attuale è più con la I guerra mondiale che non con la seconda.
C'è una massa di gente che non vuole saperne nulla di questa guerra. Ma la stampa italiana si è presa il compito di convincere quanta più gente possibile che si tratta di una causa giusta e che è giusto morire per essa.
Almeno nel biennio 1914-1915 la campagna interventista veniva fatta sulla base di presunti interessi italiani (per qualche fazzoletto di terra: in realtà il Corriere della Sera dava voce agli interessi dell'industria bellica nazionale). Oggi invece la stampa italiana fa una campagna interventista per gli interessi geopolitici degli americani e allo stesso tempo giustifica i danni economici causati da questo atteggiamento guerrafondaio.
In questo caso non c'è neppure la foglia di fico di un'eventuale vantaggio per il "paese". Solo sacrifici e miseria.
Ma tu sei pronto a morire per la "democrazia" e affermi che io invece sono scemo.

. . Ma lascia perdere, è uno dei pochi che crede alla propaganda di governo, io ho venduto tutto ciò che avevo in Occidente è sto cercando di trovare un qualche ETF in Yuan dove reinvestire.
 

Maestr

Nuovo Utente
Registrato
22/7/20
Messaggi
3.677
Punti reazioni
414
In effetti preferisco l'informazione libera alla propaganda delle dittature militari che attaccano senza ragione altri stati.
C'è poco da fare sono occidentale certe cose non le capisco proprio.
Ad esempio non capisco proprio come si faccia a credere in uno stato che con la scusa di "esercitazioni militari" ne invade un altro senza neanche avere la decenza di dichiarare guerra (cosa che in passato era considerata il minimo di civiltà persino in guerra). Cosa per altro a cui evidentemente neanche i filoputiniani san rispondere visto che non si è visto un solo motivo valido per cui sia successa una cosa del genere.
Da non credere come i filorussi (che dicono che in Italia non siamo in democrazia) prosperino senza alcun controllo... fossimo davvero in dittatura vorrei vederli.
Come i novax che si lamentavano perché gli si impediva di mettere in pericolo tutta la popolazione aggratis... gente che sventola la carta della dittatura quando in Cina avrebbero patito molto di peggio... ma immagino che siano più o meno la stessa gentaglia.