Qualcuno può dire a Landini che Obama ...............

  • Ecco la 72° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    È stata un’ottava ricca di spunti per i mercati, dapprima con l’esito delle elezioni europee, poi con i dati americani incoraggianti sull’inflazione e la riunione della Fed. L’esito delle urne ha mostrato uno spostamento verso destra del Parlamento europeo, con l’avanzata dei partiti nazionalisti più euroscettici a scapito di liberali e verdi. In Francia, il presidente Macron ha indetto il voto anticipato dopo la vittoria di Le Pen e in Germania i socialdemocratici del cancelliere tedesco Olaf Scholz hanno subito una disfatta record. L’azionario europeo ha scontato molto queste incertezze legate al rischio politico in Francia. Oltreoceano, i principali indici di Wall Street hanno raggiunto nuovi record dopo che mercoledì sera, la Fed ha mantenuto invariati i tassi nel range 5,25-5,50%. I dot plot, le proiezioni dei funzionari sul costo del denaro, stimano ora una sola riduzione quest’anno rispetto a tre previste a marzo. Lo stesso giorno è stato diffuso il report sull’inflazione di maggio, che ha mostrato un rallentamento al 3,3% e un dato core al 3,4%, meglio delle attese.
    Per continuare a leggere visita il link

bear$

Il 3°Mondo è più 3°
Registrato
10/2/08
Messaggi
22.978
Punti reazioni
202
...............ha una stampante a pieno regime ? ............ :o
 
...............ha una stampante a pieno regime ? ............ :o

Per salvare le banche i soldi li han trovati, per i cacciabombardieri, la TAV e la missione in Afghanistan pure.

Ognuno ha le sue priorità :o
 
Per salvare le banche i soldi li han trovati, per i cacciabombardieri, la TAV e la missione in Afghanistan pure.

Ognuno ha le sue priorità :o

Peccato che erano contratti già in essere e appalti con le sovvenzione europee .....fai parte della NAto qualcuno te l'ha insegnato?..............
altra cosa è sganciare trilioni per rimettere in piedi col debito pubblico l'intera Industria ..........solo chi ha la stampante può farlo .............
 
Fiat ha ricevuto prestiti a tassi oltre il nove per cento in chrysler e le quote azionarie secondo risultati conseguiti, a natale c'è anche un premio per gli operai.in busta e le vendite vanno benissimo come i livelli occupazionali mentre prima i tedeschi.ne hanno fatto un marchio satellite affossandolo
 
Peccato che erano contratti già in essere e appalti con le sovvenzione europee .....fai parte della NAto qualcuno te l'ha insegnato?..............
altra cosa è sganciare trilioni per rimettere in piedi col debito pubblico l'intera Industria ..........solo chi ha la stampante può farlo .............

Con i soldi che han dato alle banche ti compravi la Volkswagen :o

Quindi essendo nella Nato dobbiamo comprare oltre 100 cacciabombardieri? :mmmm:

La Germania e la Francia allora ne han comprati almeno 180????
 
Con i soldi che han dato alle banche ti compravi la Volkswagen :o

Quindi essendo nella Nato dobbiamo comprare oltre 100 cacciabombardieri? :mmmm:

La Germania e la Francia allora ne han comprati almeno 180????

La verità è che i soldi non andavano dati alle Banche ... le Banche che dovevano fallire fallivano ... come il Libero Mercato propriamente detto prevede che debba essere.

Ma questi buffoni non sono Mercatisti e non vogliono il Libero Mercato seppur se ne riempano la bocca ogni 2x3.

Il resto sono dettagli ... diversità di vedute ma io, come sai, amico mio, sui cacciabombardieri ho un'idea ben precisa e condivido in toto ciò che Bear$ fa notare ... se vuoi stare al mondo e tutelare i tuoi interessi non puoi pretendere che lo facciano altri al posto tuo.
Se decidi di essere fuori dal "Mondo", lecito e plausibile, lo dici, decidi se ne vale la pena e, nel caso, lo fai ma attui politiche in tutto e per tutto volte in tal senso.
Abbiamo ben visto cosa accade a voler tenere due piedi in una scarpa ... nostro antico vizio. :rolleyes:
 
La verità è che i soldi non andavano dati alle Banche ... le Banche che dovevano fallire fallivano ... come il Libero Mercato propriamente detto prevede che debba essere.

Ma questi buffoni non sono Mercatisti e non vogliono il Libero Mercato seppur se ne riempano la bocca ogni 2x3.

Il resto sono dettagli ... diversità di vedute ma io, come sai, amico mio, sui cacciabombardieri ho un'idea ben precisa e condivido in toto ciò che Bear$ fa notare ... se vuoi stare al mondo e tutelare i tuoi interessi non puoi pretendere che lo facciano altri al posto tuo.
Se decidi di essere fuori dal "Mondo", lecito e plausibile, lo dici, decidi se ne vale la pena e, nel caso, lo fai ma attui politiche in tutto e per tutto volte in tal senso.
Abbiamo ben visto cosa accade a voler tenere due piedi in una scarpa ... nostro antico vizio. :rolleyes:

Davvero, senza polemica, per capire...

Ma non sono troppi oltre 100 in Italia :mmmm:

Non li useremo mai tutti... chi li produce? Chi incassa? :mmmm:
 
Con i soldi che han dato alle banche ti compravi la Volkswagen :o

Quindi essendo nella Nato dobbiamo comprare oltre 100 cacciabombardieri? :mmmm:

La Germania e la Francia allora ne han comprati almeno 180????

Forse non ti è chiaro il giro del fumo ........qualcuno si chiede sempre perchè alla Grecia è stato permesso di entrare nellEuro quando i rapporti dell' FMI già la davano fuori ampiamente dai parametri:

Ma da dove proviene questo debito greco? Per quanto riguarda il debito a carico del settore privato, l’aumento è recente: un primo forte incremento seguì all’ingresso della Grecia nella zona euro, nel 2001, una seconda esplosione del debito si produsse a partire dal 2007, quando l’aiuto finanziario concesso alle banche dalla Riserva Federale degli Stati Uniti, dai governi europei e dalla Banca centrale europea (BCI) venne parzialmente riciclato dai banchieri verso la Grecia ed altri paesi come la Spagna e il Portogallo. Sul fronte dell’indebitamento pubblico, la crescita è più vecchia. Dopo il debito ereditato dalla dittatura dei colonnelli, il ricorso al prestito è servito, a partire dagli anni 90, a colmare il buco creato nelle finanze pubbliche dalla riduzione delle imposte sulle società e sugli imponibili elevati.

D’altra parte, dopo decenni, i numerosi prestiti hanno permesso di finanziare l’acquisto di materiale militare, principalmente dalla Francia, dalla Germania e dagli Stati Uniti.

ComeDonChisciotte - GRECIA: UN CASO ESEMPLARE DI DEBITO ILLEGITTIMO
 
La verità è che i soldi non andavano dati alle Banche ... le Banche che dovevano fallire fallivano ... come il Libero Mercato propriamente detto prevede che debba essere.

Ma questi buffoni non sono Mercatisti e non vogliono il Libero Mercato seppur se ne riempano la bocca ogni 2x3.

Il resto sono dettagli ... diversità di vedute ma io, come sai, amico mio, sui cacciabombardieri ho un'idea ben precisa e condivido in toto ciò che Bear$ fa notare ... se vuoi stare al mondo e tutelare i tuoi interessi non puoi pretendere che lo facciano altri al posto tuo.
Se decidi di essere fuori dal "Mondo", lecito e plausibile, lo dici, decidi se ne vale la pena e, nel caso, lo fai ma attui politiche in tutto e per tutto volte in tal senso.
Abbiamo ben visto cosa accade a voler tenere due piedi in una scarpa ... nostro antico vizio. :rolleyes:

Le banche dovevano fallire nel 2009, era meglio per l'intero sistema, ma siccome attualmente il sitema sono loro (e noi non siamo un capzo) .....hanno scaricato il tutto sui debiti sovrani socializzando le perdite tramite imposizione fiscale e trojke.........
 
Forse non ti è chiaro il giro del fumo ........qualcuno si chiede sempre perchè alla Grecia è stato permesso di entrare nellEuro quando i rapporti dell' FMI già la davano fuori ampiamente dai parametri:

Ma da dove proviene questo debito greco? Per quanto riguarda il debito a carico del settore privato, l’aumento è recente: un primo forte incremento seguì all’ingresso della Grecia nella zona euro, nel 2001, una seconda esplosione del debito si produsse a partire dal 2007, quando l’aiuto finanziario concesso alle banche dalla Riserva Federale degli Stati Uniti, dai governi europei e dalla Banca centrale europea (BCI) venne parzialmente riciclato dai banchieri verso la Grecia ed altri paesi come la Spagna e il Portogallo. Sul fronte dell’indebitamento pubblico, la crescita è più vecchia. Dopo il debito ereditato dalla dittatura dei colonnelli, il ricorso al prestito è servito, a partire dagli anni 90, a colmare il buco creato nelle finanze pubbliche dalla riduzione delle imposte sulle società e sugli imponibili elevati.

D’altra parte, dopo decenni, i numerosi prestiti hanno permesso di finanziare l’acquisto di materiale militare, principalmente dalla Francia, dalla Germania e dagli Stati Uniti.

ComeDonChisciotte - GRECIA: UN CASO ESEMPLARE DI DEBITO ILLEGITTIMO

Bella roba la Nato :o
 
Bella roba la Nato :o

Emh , è la vita dolcezza .....è un mond'è mmm'erd.........comunque italia fuori dalla Nato vuol dire balcanizzare il territorio ........respingere il nemico coi garant /falk del 1945 .......queste erano le armi fino al 1990 .......non so che hanno ora i militari ...... ma facciamo ridere ......... alla Nato è meglio non rinunciare.

Bonne Nuit...........
 
Davvero, senza polemica, per capire...

Ma non sono troppi oltre 100 in Italia :mmmm:

Non li useremo mai tutti... chi li produce? Chi incassa? :mmmm:

Davvero ... non me lo far ripetere tutto quel lungo discorso che feci qualche tempo fa ... che poi arrivano gli sciacalli a strumentalizzare.

Erano 130 ... son diventati 90 ... son troppi? Son pochi? ... ne bastano 60? 61? ... dopo allora 50 è come 60 per pagare altro? Non lo so.

Sono piani concordati a livello internazionale e cmq, Noi ... Italia, tra tutti i membri che dovranno farsi carico pro quota di questo strumento (a mio parere, cmq indispensabile, parlando di Sistema della Difesa in genere e non dei caccia nello specifico) ... siamo quelli che ne hanno più da beneficiare ... industrialmente e a livello di tecnologia,
L'Industria Militare ha IMMENSE ricadute sulla Ricerca e sull'innovazione tecnologica poi applicata nei più svariati campi, dai trasposrti, all'energia alla medicina ... tutti settori ad altissimo valore aggiunto e gli unici nei quali possiamo essere competitivi ... rinunciamo a quelli e torniamo all'agricoltura e, non essendo autosufficienti neanche in quello, con 60 mln di abitanti, optiamo per la miseria.

Investimenti di 400 mln e fischia all'anno la cui rinuncia (rinviando cmq adeguamenti per forza necessari) comporta ricadute politiche, tecnologiche ed industriali gravissime ... sicuramente superiori all'investimento che non risolverebbe granchè se rivolto ad altro. Già il Quirinale ne costa 240 mln all'anno ... togli quello e non rinunci ad una mazza ... :D
Quell'investimento è spalmato da oggi al 2040 cmq (a parte quello che recuperi e quanto dicevo) ... sia ben chiaro perchè sta passando un messaggio fuorviante.
Visto le ricadute dell'intervento della Francia in Libia che aveva tanta fretta di partire solo per stracciare qualche contratto di ENI? :confused:
 
Davvero ... non me lo far ripetere tutto quel lungo discorso che feci qualche tempo fa ... che poi arrivano gli sciacalli a strumentalizzare.

Erano 130 ... son diventati 90 ... son troppi? Son pochi? ... ne bastano 60? 61? ... dopo allora 50 è come 60 per pagare altro? Non lo so.

Sono piani concordati a livello internazionale e cmq, Noi ... Italia, tra tutti i membri che dovranno farsi carico pro quota di questo strumento (a mio parere, cmq indispensabile, parlando di Sistema della Difesa in genere e non dei caccia nello specifico) ... siamo quelli che ne hanno più da beneficiare ... industrialmente e a livello di tecnologia,
L'Industria Militare ha IMMENSE ricadute sulla Ricerca e sull'innovazione tecnologica poi applicata nei più svariati campi, dai trasposrti, all'energia alla medicina ... tutti settori ad altissimo valore aggiunto e gli unici nei quali possiamo essere competitivi ... rinunciamo a quelli e torniamo all'agricoltura e, non essendo autosufficienti neanche in quello, con 60 mln di abitanti, optiamo per la miseria.

Investimenti di 400 mln e fischia all'anno la cui rinuncia (rinviando cmq adeguamenti per forza necessari) comporta ricadute politiche, tecnologiche ed industriali gravissime ... sicuramente superiori all'investimento che non risolverebbe granchè se rivolto ad altro. Già il Quirinale ne costa 240 mln all'anno ... togli quello e non rinunci ad una mazza ... :D
Quell'investimento è spalmato da oggi al 2040 cmq (a parte quello che recuperi e quanto dicevo) ... sia ben chiaro perchè sta passando un messaggio fuorviante.
Visto le ricadute dell'intervento della Francia in Libia che aveva tanta fretta di partire solo per stracciare qualche contratto di ENI? :confused:

Ti ringrazio per la delucidazione... un ultima cosa... chi li produce? Quale azienda di quale Stato?
 
Ogni azione ha conseguenze a catena ... sono più o meno facili da individuare ma sarà l'ora di diventare lungimiranti? Non abbiamo ancora imparato? :confused:
 
Fiat ha ricevuto prestiti a tassi oltre il nove per cento in chrysler e le quote azionarie secondo risultati conseguiti, a natale c'è anche un premio per gli operai.in busta e le vendite vanno benissimo come i livelli occupazionali mentre prima i tedeschi.ne hanno fatto un marchio satellite affossandolo

Confermo anche qua.

Non potrebbe nemmeno amministrare un condominio ... fa sanguinare le orecchie sentirlo parlare.

Detto ciò, Fiat con il suo curatore fallimentare Marchionne che tutto è tranne che un Manager, è un caso del tutto diverso da altri e fa buon gioco a Landini ... l'affare Fiat è stato un artificio finanziario, niente a che vedere con la Politica Industriale. :yes:
 
Indietro