RocketLab goes public (NASDAQ:RKLB)

friendlyborg

Nuovo Utente
Registrato
2/1/19
Messaggi
309
Punti reazioni
12
Segnalo...

Rocket Lab, an End-to-End Space Company and Global Leader in Launch, to Become Publicly Traded Through Merger with Vector Acquisition Corporation

Azienda super interessante, in parte può essere considerata una SpaceX più in piccolo.

Da sempre protagonisti nel settore dei lanci small sat con il vettore Electron totalmente sviluppato in casa, inclusi i motori Rutherford in gran parte stampati in 3D e con la peculiare tecnologia di alimentazione basata su pompe elettriche, hanno sviluppato e dimostrato con successo anche un proprio satellite bus (Photon) ed hanno appena annunciato lo sviluppo di un nuovo lanciatore, Neutron, di classe medium lift che aprirà scenari molto interessanti.
 

friendlyborg

Nuovo Utente
Registrato
2/1/19
Messaggi
309
Punti reazioni
12
Beh alla fine la spac si è conclusa e i primi risultati non sembrano niente male :-)
 
N

NonCiSiamo

Guest
Riprendo questo thread per segnalare l'aggiornamento di oggi sullo sviluppo di Neutron, progettato per missioni interplanetarie. Il motore è previsto già per il prossimo anno.

Neutron Rocket | Development Update - YouTube

Intanto con Electron hanno effettuato 22 lanci per un totale di 107 satelliti.
 

andrealor

Nuovo Utente
Registrato
25/5/15
Messaggi
1.078
Punti reazioni
10
Riprendo questo thread per segnalare l'aggiornamento di oggi sullo sviluppo di Neutron, progettato per missioni interplanetarie. Il motore è previsto già per il prossimo anno.

Neutron Rocket | Development Update - YouTube

Intanto con Electron hanno effettuato 22 lanci per un totale di 107 satelliti.

al momento la notizia non è piaciuta più di tanto

comunque tengo RKLB in osservazione e l'aspetto però più in basso ($12)
 

friendlyborg

Nuovo Utente
Registrato
2/1/19
Messaggi
309
Punti reazioni
12
Ci eravamo lasciati a dicembre dopo che RocketLab aveva annunciato l'acquisizione di Planetary Systems Corporation (sistemi di rilascio dei satelliti) ed il progetto Neutron (nuovo lanciatore con primo stadio completamente riutilizzabile nella classe 8ton, circa la stessa di Falcon9 e Soyuz).

Nel frattempo non sono stati fermi:
- annunciata e poi conclusa con successo l'acquisizione di SolAero (leader nei pannelli solari per satelliti)
- annunciati contratti per servizi di lancio e/o annessi e connessi con Synspective, BlackSky, NASA, GlobalStar, E-Space, HawkEye360
- conclusa l'attivazione di LC1b (secondo pad di lancio nel loro sito in Nuova Zelanda)
- annunciato il sito di costruzione e lancio di Neutron in Virginia di fianco a NASA Wallops
- annunciato il primo lancio di Electron da LC2 negli USA (HawkEye360, previsto NET 12/2022)
- concluso 3 lanci con successo, il primo dei quali ha battuto il record di tempo tra un lancio e l'altro portandolo a 20 giorni

Ad oggi i numeri dicono 25 lanci, di cui 3 fallimenti e 22 successi che hanno messo in orbita 112 satelliti.

Con tutto questo RocketLab continua sulla sua strada che lo vede diventare un fornitore di servizi a 360 gradi e non solo limitato ai lanci, puntando ad un servizio end-to-end fino alla progettazione e produzione di hardware "off the shelf" per i satelliti.

A mio parere è l'unica azienda oltre a SpaceX che stia riuscendo a fare sia innovazione che a portare a casa risultati concreti, in un panorama di fornitori meno innovativi (cfr. ULA, ArianceSpace, Roscosmos) e di startup ancora poco concrete (Astra, Virgin Orbit, FireFly stanno muovendo i primi passi, altri sono ancora più indietro). Inoltre sembra anche essere l'unica ad aver effettivamente preso coscienza della rivoluzione di mercato portata da Falcon9 (che ha imposto costi di lancio molto più bassi della concorrenza) ed aver integrato tutto questo nella propria visione a lungo periodo (Electron è già competitivo e Neutron ha come obiettivo primario di tutto il progetto la riduzione dei costi operativi).

Aggiungiamoci che l'attuale situazione della Russia ha di fatto azzerato la maggior parte dei prossimi contratti di Roscosmos e la maggior parte di essi è composta da payload che cascano esattamente nelle capacità del futuro Neutron, infatti il CEO Peter Back ha già dichiarato in un'intervista che stanno valutando se e come accelerarne lo sviluppo e l'entrata in servizio.

Il futuro a breve termine ci riserva altri due eventi interessanti:
- nei prossimi giorni ci sarà il primo tentativo concreto di recupero di un primo stadio Electron
- in maggio ci sarà la trimestrale 2022Q1

In tutto questo non sono un esperto di rocket science né di finanza ma fatico a capire come mai il mercato non stia premiando almeno un pochino di più un'azienda che possiede già una storia concreta, che fa acquisizioni importanti e centrate sui propri obiettivi, che ha un ottimo piano di sviluppo futuro e che ha contratti già firmati per svariati lanci futuri.

Personalmente continuo ad essere IN e anzi sto valutando se incrementare OK!
 
Ultima modifica: