Assegno unico

Benjamin_Malaussène

Nuovo Utente
Registrato
12/8/19
Messaggi
5.437
Punti reazioni
603
1) non è sempre vero che "Gli assegni familiari + detrazioni per figlia a carico (misura comunque imperfetta) erogavano un sostegno maggiore", anzi, nella maggior dei casi è vero il contrario.
Se i due genitori lavorano entrambi full time, quel limite isee è raggiungibile.

Quando parli "nella maggior parte dei casi" devi considerare che nella maggior parte dei casi rientrano anche tutti quelli che lavorano in nero o hanno le spalle coperte (famiglia che sponsorizza in qualche modo).

2) sono d'accordissimo, ma non è solo un problema dell'Assegno unico.
E' un problema di tutti i "bonus" legati ad ISEE.
Quindi anche e soprattutto della sostituzione delle detrazioni con l'assegno unico.
Per definizione si sono tolti soldi a chi paga le tasse per darli a chi non ne paga (o ne paga meno)

3) anche qui d'accordo (soprattutto sul fatto che dovremmo pensare più ai giovani che ai pensionati, che di privilegi ne hanno e ne hanno avuto abbastanza), ma forse per fare figli più che qualche decina di euro al mese in più servirebbe altro: asili nido per tutti, pari trattamento tra lavoratori e lavoratrici (ivi incluso congedo di paternità identico a quello di maternità), ma anche un cambio di mentalità nelle famiglie, perché se un datore di lavoro preferisce un uomo ad una donna spesso e volentieri è a causa del fatto che in famiglia è la donna che accudisce in via prioritaria i figli e che quindi si assenta all'improvviso, ha meno flessibilità oraria, ecc.

Alla fine andare a "privilegiare" isee bassi (sia nell'assegno unico, ma lo stesso avviene per le rette degli asili nido) porta propria all'assurdo che le famiglie sono spinte a sacrificare il lavoro di uno dei due genitori (meno reddito familiare = asssegno unico maggiore, asilo nido gratuito, mamma che sta a casa il pomeriggio e bada ai figli invece della baby sitter, etc).
Qualunque bonus o riduzione di tasse basato su ISEE familiare è un invito esplicito al modello di famiglia anni '60 (papà a lavorare e mamma a casa con i figli)
 

cicciog83

Nuovo Utente
Registrato
10/11/08
Messaggi
1.244
Punti reazioni
76
Qualunque bonus o riduzione di tasse basato su ISEE familiare è un invito esplicito al modello di famiglia anni '60 (papà a lavorare e mamma a casa con i figli)

la colpa però non è solo dell'utilizzo dell'ISEE.... se il problema fosse solo quello perché non dovrebbe essere mamma a lavorare e papà a casa con i figli?
 

goatto

Nuovo Utente
Registrato
24/1/15
Messaggi
337
Punti reazioni
11
1 figlio = 50 euro se si ha un ISEE superiore a 40.000 €. Quale sarebbe il problema? Con quell'ISEE certo non si fa la fame, e in ogni caso mica i figli li deve mantenere lo Stato.

E invece anche lo "stato" deve dare una mano alle famiglie, purtroppo in questi anni sono diminuiti gli aiuti.
Poi mi fanno ridere quando dicono che si fanno pochi figli in Italia, cosa pretendono? :rolleyes:
Il discorso Isee è una mezza porcata: in pratica si danno più soldi a chi lavora in nero o intesta le case ai famigliari, non certo chi mette da parte qualche soldo in previsione del futuro (anche del figlio).
 

sate

Nuovo Utente
Registrato
1/5/11
Messaggi
498
Punti reazioni
48
novità sulle tabelle 2023 o su un .. eventuale cambiamento o "superamento" dell'ISEE ?!!
Ho sentito dichiarazioni tempo fa che il vecchio governo voleva aggiustare qualcosa nel calcolo dell'ISEE ma poi mi sembra non se ne sia fatto niente..
 

Cere86

Nuovo Utente
Registrato
9/3/18
Messaggi
2.725
Punti reazioni
74
E invece anche lo "stato" deve dare una mano alle famiglie, purtroppo in questi anni sono diminuiti gli aiuti.
Poi mi fanno ridere quando dicono che si fanno pochi figli in Italia, cosa pretendono? :rolleyes:
Il discorso Isee è una mezza porcata: in pratica si danno più soldi a chi lavora in nero o intesta le case ai famigliari, non certo chi mette da parte qualche soldo in previsione del futuro (anche del figlio).

Più che l'assegno per i figli, a me la cosa che fa veramente impressione sono le mazzate che prendono le neo mamme in busta paga....da fame, sotto questo punto di vista siamo da terzo mondo
 

Benjamin_Malaussène

Nuovo Utente
Registrato
12/8/19
Messaggi
5.437
Punti reazioni
603
E invece anche lo "stato" deve dare una mano alle famiglie, purtroppo in questi anni sono diminuiti gli aiuti.
Poi mi fanno ridere quando dicono che si fanno pochi figli in Italia, cosa pretendono? :rolleyes:
Il discorso Isee è una mezza porcata: in pratica si danno più soldi a chi lavora in nero o intesta le case ai famigliari, non certo chi mette da parte qualche soldo in previsione del futuro (anche del figlio).

Esatto, che poi mettere isee ovunque è una spinta enorme a fare in modo che un genitore (tipicamente la madre) abbandoni il lavoro per seguire i figli.

Una gestione vergognosa del denaro pubblico.

Sarebbe assai più semplice ed efficace (socialmente per le famiglie, educativamente per i figli e quantitativamente per le casse pubbliche) offrire servizi TOTALMENTE E UNIVERSALMENTE GRATUITI come asili nido, scuole per l'infanzia, centri estivi, etc.

Invece adesso una coppia in cui entrambi lavorano ed estinguono il mutuo finiscono per pagare almeno 500€/mese per fare seguire il figlio, in cambio di 50/100 euro di assegno Inps.
 

TSHELBY

Nuovo Utente
Registrato
26/6/13
Messaggi
951
Punti reazioni
30
Nella bozza della manovra, il paragrafo dedicato all'ASSEGNO UNICO come mai è vuoto?
 

saa

Nuovo Utente
Registrato
11/1/13
Messaggi
1.555
Punti reazioni
39
Assegno Unico, Nel 2023 niente nuova domanda se l'ISEE non è cambiato.

Il prossimo anno le famiglie non dovranno rinnovare la domanda di assegno unico (come previsto dalla legge) se la situazione Isee non è variata e l’Inps è già in possesso di tutti i dati necessari per erogare la misura di sostegno. Lo ha reso noto il Direttore Generale dell’Inps.

La domanda per il riconoscimento dell'assegno, per legge, va presentata a decorrere dal 1° gennaio di ciascun anno ed è riferita al periodo compreso tra il mese di marzo dell'anno di presentazione della domanda e quello di febbraio dell'anno successivo. L’adempimento, tuttavia, spiegano dalla direzione generale dell’ente di previdenza andrà osservato dai genitori la cui situazione patrimoniale e/o reddituale sia variata rispetto allo scorso anno. Quindi alle famiglie che hanno un ISEE superiore a 40.000€ (o assenza di ISEE) l’assegno unico continuerà ad essere erogato nella misura minima anche il prossimo anno; quelle, invece, che hanno la quota aggiuntiva di assegno unico legata ad un ISEE inferiore a 40.000€ dovranno comunque rinnovare l’ISEE per continuare a ricevere l’assegno unico.

Leggendo sopra, anche voi capite che per chi non aveva presentato ISEE (io non l'ho presentato perché so che il mio ISEE supera i 40k euro), per il 2023 NON deve presentare una nuova domanda ?

Grazie, ciao.
 

john.player

"Pùtost che nièent"
Registrato
31/3/09
Messaggi
15.763
Punti reazioni
830
E' un problema di tutti i "bonus" legati ad ISEE.
Quindi anche e soprattutto della sostituzione delle detrazioni con l'assegno unico.
Per definizione si sono tolti soldi a chi paga le tasse per darli a chi non ne paga (o ne paga meno)

Alla fine andare a "privilegiare" isee bassi (sia nell'assegno unico, ma lo stesso avviene per le rette degli asili nido) porta propria all'assurdo che le famiglie sono spinte a sacrificare il lavoro di uno dei due genitori (meno reddito familiare = asssegno unico maggiore, asilo nido gratuito, mamma che sta a casa il pomeriggio e bada ai figli invece della baby sitter, etc).
Qualunque bonus o riduzione di tasse basato su ISEE familiare è un invito esplicito al modello di famiglia anni '60 (papà a lavorare e mamma a casa con i figli)

Assolutamente e perfettamente d'accordo.
Tra l'altro l'ISEE nel paese europeo con l'evasione più alta è un regalo distorsivo a chi le tasse le evade direttamente.
Questo tipo di sostegni, devono essere erogati ESCLUSIVAMENTE come riduzione di tasse sul reddito.
Chi ha redditi bassi deve fare richiesta di specifiche misure di sostegno che NON devono prevedere l'elargizione di somme monetarie ma di servizi, in modo che chi evade, non le richiede nemmeno.
 

john.player

"Pùtost che nièent"
Registrato
31/3/09
Messaggi
15.763
Punti reazioni
830
Invece adesso una coppia in cui entrambi lavorano ed estinguono il mutuo finiscono per pagare almeno 500€/mese per fare seguire il figlio, in cambio di 50/100 euro di assegno Inps.

Aggiungi mensa e tutto il resto con importo massimo.
Perchè anche quelli parametrati con l'ISEE per cui alla fine una famiglia in cui ci sono due che lavorano in nero o quasi (idraulico/elettricista/muratore e sarta/donna delle pulizie?) fanno festa.
 

framonte1977

Nuovo Utente
Registrato
15/5/11
Messaggi
637
Punti reazioni
11
Io non ho capito come funzionerà quest'anno. L'isee lo faccio solo per l'assegno unico. Quali sono le date di compilazione? La domanda dell'assegno non si deve rifare ma bisogna rifare l'isee? Ho un po' di confusione.
 

sate

Nuovo Utente
Registrato
1/5/11
Messaggi
498
Punti reazioni
48
Io non ho capito come funzionerà quest'anno. L'isee lo faccio solo per l'assegno unico. Quali sono le date di compilazione? La domanda dell'assegno non si deve rifare ma bisogna rifare l'isee? Ho un po' di confusione.

è una materia un po' nuova dato che sarà per tutti il primo rinnovo.
L'Isee devi farlo entro febbraio, in quanto l'assegno copre da marzo fino a febbraio dell'anno successivo. Una volta fatto l'Isee, presumo dovrai fare la domanda sul sito dell'Inps e loro abbineranno la tua domanda con il tuo nuovo Isee per eventuali maggiorazioni.. come è avvenuto nell'anno in corso
 

spike104

Nuovo Utente
Registrato
27/11/19
Messaggi
71
Punti reazioni
1
La legge prevede che chi percepiva ANF nel 2021 ed abbia ISEE non superiore a € 25.000 abbia diritto a percepire una maggiorazione triennale (a scalare progressivamente) per coloro il cui ammontare dell'assegno unico sia inferiore a quanto percepiva lo scorso anno di ANF+detrazioni. Questo è il mio caso e ho messo puntualmente il flag nella domanda di assegno unico. Nonostante ciò ho ricevuto soltanto l'assegno unico privo della predetta maggiorazione. La stessa cosa è successa pure a voi? Sapete qualcosa al riguardo circa i rimedi con l'Inps per la situazione creatasi?
 

bruzzu

Nuovo Utente
Registrato
10/7/13
Messaggi
179
Punti reazioni
6
La legge prevede che chi percepiva ANF nel 2021 ed abbia ISEE non superiore a € 25.000 abbia diritto a percepire una maggiorazione triennale (a scalare progressivamente) per coloro il cui ammontare dell'assegno unico sia inferiore a quanto percepiva lo scorso anno di ANF+detrazioni. Questo è il mio caso e ho messo puntualmente il flag nella domanda di assegno unico. Nonostante ciò ho ricevuto soltanto l'assegno unico privo della predetta maggiorazione. La stessa cosa è successa pure a voi? Sapete qualcosa al riguardo circa i rimedi con l'Inps per la situazione creatasi?
a me arrivano 205(175 +30) euro per figlio, isee sotto i 15000.
 

Swissair

Nuovo Utente
Registrato
14/9/22
Messaggi
627
Punti reazioni
25
La legge prevede che chi percepiva ANF nel 2021 ed abbia ISEE non superiore a € 25.000 abbia diritto a percepire una maggiorazione triennale (a scalare progressivamente) per coloro il cui ammontare dell'assegno unico sia inferiore a quanto percepiva lo scorso anno di ANF+detrazioni. Questo è il mio caso e ho messo puntualmente il flag nella domanda di assegno unico. Nonostante ciò ho ricevuto soltanto l'assegno unico privo della predetta maggiorazione. La stessa cosa è successa pure a voi? Sapete qualcosa al riguardo circa i rimedi con l'Inps per la situazione creatasi?
È un anno che aspetto la maggiorazione sinceramente ci ho perso le speranze
 

bruzzu

Nuovo Utente
Registrato
10/7/13
Messaggi
179
Punti reazioni
6
ma quale sarebbe questa maggiorazione ,i 30 euro che arrivano a me?
 

Red1

Nuovo Utente
Registrato
6/5/22
Messaggi
402
Punti reazioni
27
Buongiorno a tutti,
vorrei una conferma:
con l'assegno unico le detrazioni per figli vengono meno, e si può utilizzare la capienza per altro ? ad esempio ristrutturazioni o spese detraibili?
 

john.player

"Pùtost che nièent"
Registrato
31/3/09
Messaggi
15.763
Punti reazioni
830
La capienza IREPF se non già dedotta o detratta è sempre utile per ulteriori detrazioni.
 

saa

Nuovo Utente
Registrato
11/1/13
Messaggi
1.555
Punti reazioni
39
L'INPS, attraverso la circolare n° 132 del 15 dicembre 2022 (vedi allegato), ha reso noto che al 1° marzo 2023 coloro che nel corso del periodo gennaio 2022 - febbraio 2023 abbiano presentato una domanda di Assegno Unico e Universale (AUU) per i figli a carico, accolta e in corso di validità, beneficeranno dell'erogazione d'ufficio della prestazione senza dover presentare una nuova domanda.

Resta obbligatorio, invece, il rinnovo dell’ ISEE per poter usufruire dell’importo di Assegno Unico completo.

All'interno della circolare dice anche:
Al riguardo, si precisa che in assenza di una nuova DSU presentata per il 2023 e correttamente
attestata, l’importo dell’Assegno unico e universale sarà calcolato a partire dal mese di marzo
2023 con riferimento agli importi minimi previsti dalla normativa.

Io l'anno scorso non ho fatto L'ISEE perché non mi serve in quanto supero il tetto max 40.000 euro e quindi mi sto avendo l'importo minino di 50 euro per figlio. Detto questo, l'anno prossimo NON dovrò presentare la domanda x assegno unico in quando mi verrà dato in automatico...ma anche se NON presento ISEE (50 euro per figlio) ? Giusto ??? Grazie per chi mi risponderà.

Ciao
 

Benjamin_Malaussène

Nuovo Utente
Registrato
12/8/19
Messaggi
5.437
Punti reazioni
603
L'INPS, attraverso la circolare n° 132 del 15 dicembre 2022 (vedi allegato), ha reso noto che al 1° marzo 2023 coloro che nel corso del periodo gennaio 2022 - febbraio 2023 abbiano presentato una domanda di Assegno Unico e Universale (AUU) per i figli a carico, accolta e in corso di validità, beneficeranno dell'erogazione d'ufficio della prestazione senza dover presentare una nuova domanda.

Resta obbligatorio, invece, il rinnovo dell’ ISEE per poter usufruire dell’importo di Assegno Unico completo.

All'interno della circolare dice anche:
Al riguardo, si precisa che in assenza di una nuova DSU presentata per il 2023 e correttamente
attestata, l’importo dell’Assegno unico e universale sarà calcolato a partire dal mese di marzo
2023 con riferimento agli importi minimi previsti dalla normativa.

Io l'anno scorso non ho fatto L'ISEE perché non mi serve in quanto supero il tetto max 40.000 euro e quindi mi sto avendo l'importo minino di 50 euro per figlio. Detto questo, l'anno prossimo NON dovrò presentare la domanda x assegno unico in quando mi verrà dato in automatico...ma anche se NON presento ISEE (50 euro per figlio) ? Giusto ??? Grazie per chi mi risponderà.

Ciao
Io l'ho intesa così, ma aspetto altre conferme