Banque Centrale De Tunisie 5,625% 2024 euro XS1567439689

Ex Kartman

Nuovo Utente
Registrato
31/8/22
Messaggi
149
Punti reazioni
27
Noto veramente uno scarso interesse per questi TDS tunisini però secondo me una instabilita nell'area non è buona per l'Europa e possono abbandonarli a se stessi... avrei bisogno di una info che non trovoì, qualcuno portrebbe linkarmi o fornirmi il totale emesso del debito estero nei mercati quotati in $ e € sui bond Tunisini, ecco la lista :

1670576936121.png
 

Ex Kartman

Nuovo Utente
Registrato
31/8/22
Messaggi
149
Punti reazioni
27
Noto veramente uno scarso interesse per questi TDS tunisini però secondo me una instabilita nell'area non è buona per l'Europa e possono abbandonarli a se stessi... avrei bisogno di una info che non trovoì, qualcuno portrebbe linkarmi o fornirmi il totale emesso del debito estero nei mercati quotati in $ e € sui bond Tunisini, ecco la lista :

Vedi l'allegato 2863725
Almeno qualcuno che sa dove posso reperiste ste info ... grazie! :bow:
 

Ex Kartman

Nuovo Utente
Registrato
31/8/22
Messaggi
149
Punti reazioni
27
Almeno qualcuno che sa dove posso reperiste ste info ... grazie! :bow:
circa 3,8 mld il totale fino al 2033 far Yen Euro e Dollari USA... un conto fatto alla buona peroç... non mi pare una cifra mostruosa... però servono segnali chiari dal FMI oppure dall'UE
 

elsimate

Nuovo Utente
Registrato
27/9/14
Messaggi
4.213
Punti reazioni
325
Tunisi (Tunisia), 10 dicembre 2022 – Eni annuncia l'inizio della produzione dell'impianto fotovoltaico di Tataouine, nel sud della Tunisia, a seguito della connessione alla rete nazionale. L'evento è stato celebrato oggi durante una cerimonia che ha visto la partecipazione di Neila Gonji, Ministro dell'Industria, dell'Energia e delle Miniere della Tunisia, e delle autorità locali.

L'impianto, che ha una capacità installata di 10 MW, fornirà oltre 20 GWh di potenza all'anno alla rete nazionale, garantendo un risparmio di circa 211.000 tonnellate di CO2 equivalente nel corso della sua vita. L'elettricità prodotta sarà fornita a STEG (Société Tunisienne de l'Electricité et du Gaz) come concordato attraverso un accordo di acquisto di energia della durata di 20 anni.

L'impianto è stato realizzato da Société Énergie Renouvelables Eni Etap (SEREE), joint venture tra Eni ed ETAP (Entreprise Tunisienne d'Activités Pétrolières) attiva nella produzione di energia da fonti rinnovabili.

In Tunisia, Eni gestisce anche il campo fotovoltaico ADAM, con una capacità di picco di 5 MW e che fornisce energia elettrica all'adiacente campo ADAM nel Governatorato di Tataouine, consentendo così risparmi di gas e riduzioni delle emissioni di oltre 6.500 tonnellate di CO2 equivalente all'anno. L'impianto è un sistema di generazione ibrido, uno dei più innovativi ed efficienti attualmente disponibili.

L'iniziativa conferma il contributo di Eni al processo di decarbonizzazione del sistema energetico tunisino, nonché l'impegno dell'azienda a raggiungere zero emissioni scope 1, 2 e 3 entro il 2050, in linea con la strategia di medio-lungo termine di Eni.

Eni è presente in Tunisia dal 1961 e opera in: il settore upstream, con attività concentrate nella regione desertica meridionale e nell'offshore mediterraneo; attraverso il Global Gas & LNG Portfolio con la gestione del gasdotto Transmed, che collega l'Algeria all'Italia attraverso la Tunisia; e nel settore Refining & Marketing.
 

pietropanz

Nonno Pensionato
Registrato
2/9/04
Messaggi
1.820
Punti reazioni
126
SATURDAY, DECEMBER 17
TUNIS - Tunisian Assembly of People's Representatives Election.
 

pietropanz

Nonno Pensionato
Registrato
2/9/04
Messaggi
1.820
Punti reazioni
126
REFILE-Tunisia trade deficit widens by 59% to a record $7.26 billion
Oggi 11:54 - RSF
(Refiles to fix headline)
TUNIS, Dec 13 (Reuters) - Tunisia's trade deficit widened by 59% in the first 11 months of the year, to a record 23.281 billion dinars ($7.26 billion) driven by a severe energy deficit, the state statistics institute said on Tuesday.

The trade deficit is one of the main problems facing Tunisian government, as it grapples with an economic crisis.

The statistics institute said that the energy deficit reached 9.2 billion dinars in November, which represents about 40% of the total deficit.

(Reporting by Tarek Amara; Editing by Alison Williams)
((tarek.amara@thomsonreuters.com;))
 

Crox

Nuovo Utente
Registrato
21/12/18
Messaggi
9
Punti reazioni
7

Sembrerebbe che i sindacalisti di Place Mohamed-Ali abbiano ammorbidito la loro posizione sull'accordo che la Tunisia firmerà, nei prossimi giorni, con il FMI con l'obiettivo di ottenere un prestito di circa 1,9 miliardi di dollari in quattro anni
• Il rappresentante permanente del FMI in Tunisia afferma che le sue discussioni con l'Ugtt sul programma di riforme della Tunisia "sono buone", suggerendo che l'Ugtt potrebbe aver cambiato idea sul caso​

Meno di due settimane, secondo alcune fonti che si dicono informate ai massimi livelli, dalla firma ufficiale del tanto atteso accordo tra il governo di Najla Bouden e il Fondo Monetario Internazionale (FMI) e una settimana dalle elezioni legislative anticipate in programma per sabato 17 dicembre e dovrebbe portare alla nascita della nuova Assemblea dei Rappresentanti del Popolo (ARP) come previsto nella roadmap messa in atto dal presidente Kaïs Saïed nell'ambito delle dinamiche del 25 luglio 2021, assistiamo quasi quotidianamente a un clamore di dichiarazioni e controdichiarazioni fornite sia da membri del governo, rappresentanti del FMI che oppositori di l'accordo tra i partiti politici che sostengono il processo del 25 luglio o tra quelli che ne chiedono l'abrogazione e anche da parte dell'Unione Generale Tunisina del Lavoro (Ugtt) i cui vertici, in primis il segretario generale Noureddine Taboubi, non perdono occasione per svincolarsi dalla responsabilità di l'Ugtt.

Da diverse settimane, infatti, i sindacalisti, guidati dal loro segretario generale, continuano a dichiarare che "l'Ugtt non sa cosa c'è nel documento contenente le riforme presentato dal governo al Fmi" per ottenere l'approvazione del suo consiglio di amministrazione affinché la Tunisia possa accedere al famoso credito stimato in 1,9 miliardi di dollari, in quattro anni, per sostenere il suo programma di riforme.

E Noureddine Taboubi, affiancato dai suoi principali collaboratori, in primis Sami Tahri, il portavoce del Sindacato Centrale Lavoratori, Samir Cheffi e Slaheddine Selmi, che gestiscono radio e tv per proclamare forte e chiaro: "Abbiamo chiesto , in diverse occasioni, il governo ci ha fornito una copia del documento presentato al FMI senza che la nostra richiesta trovasse un ascolto attento. Non avalleremo mai misure o una politica, soprattutto quella della graduale revoca dei sussidi, senza che la nostra organizzazione vi sia associata e senza che i pareri dei nostri specialisti siano ascoltati e presi in considerazione”.

È necessario ricordare che la tensione che segna, nei giorni scorsi, i rapporti governo-Ugtt ha spinto diversi analisti e osservatori a parlare di divorzio o rottura tra Place Mohamed-Ali e il Palazzo della Kasbah.

Ricordiamo, in particolare, la dichiarazione incendiaria di Noureddine Taboubi in cui annunciava il disimpegno dell'Ugtt da tutti gli accordi conclusi con il governo.

Aggiunge testualmente: “Il governo sta truffando i cittadini ed è al soldo di potenze straniere”.

Si spinge ancora oltre chiedendo nientemeno che un rimpasto di governo.

Solo che sebbene l'Ugtt abbia deciso di continuare il battibecco opponendosi al governo, decisione desunta dal discorso pronunciato da Noureddine Taboubi in occasione della commemorazione del 70° anniversario dell'assassinio del leader Farhat Hached, sembra che i sindacalisti hanno cambiato idea.

E questa sensazione o questa deduzione traspare dalle recenti dichiarazioni del rappresentante permanente del FMI in Tunisia.

Apprendiamo così che Marc Gérard, rappresentante del FMI in Tunisia, ha qualificato come “ buone le discussioni del Fondo con l'Ugtt sul programma di riforma tunisino ” presentato dal governo di Najla Bouden al Fondo.

Marc Gérard ha parlato di questi colloqui FMI-Ugtt a margine delle Giornate economiche nazionali tenutesi a Sousse.

Come si devono intendere le affermazioni del rappresentante del FMI nel senso di sapere se i rappresentanti dell'Ugtt usano un doppio discorso, il primo destinato al consumo interno e il secondo rivolto ai decisori, in particolare al FMI, che ha il diritto assoluto di concedere il famoso credito alla Tunisia o di astenersi dal darle l'avallo che è impazientemente atteso.
 

elsimate

Nuovo Utente
Registrato
27/9/14
Messaggi
4.213
Punti reazioni
325

Incontro del Segretario Blinken con il Presidente tunisino Saied​

LETTURA
UFFICIO DEL PORTAVOCE
14 DICEMBRE 2022


Quanto segue è attribuibile al portavoce Ned Price:

Secretary Blinken’s Meeting with President Saied of Tunisia - United States Department of State

Il segretario di Stato Antony Blinken ha incontrato oggi il presidente tunisino Kais Saied a Washington, D.C. durante il vertice dei leader USA-Africa. Il segretario Blinken ha ribadito il profondo impegno degli Stati Uniti per la democrazia tunisina e per sostenere le aspirazioni del popolo tunisino per un futuro democratico e prospero. Il Segretario ha sottolineato il forte sostegno degli Stati Uniti all'economia tunisina in mezzo all'attuale crisi economica esacerbata dall'aggressione della Russia in Ucraina. Il Segretario ha sottolineato la natura storica delle relazioni bilaterali di lunga data tra Stati Uniti e Tunisia. Notando che questa relazione è più forte quando c'è un impegno condiviso per la democrazia e i diritti umani, il segretario Blinken ha sottolineato l'importanza di elezioni parlamentari libere ed eque del 17 dicembre, nonché di riforme inclusive per rafforzare i controlli e gli equilibri democratici e la protezione delle libertà fondamentali.
 

pietropanz

Nonno Pensionato
Registrato
2/9/04
Messaggi
1.820
Punti reazioni
126
UPDATE 2-IMF postpones meeting on Tunisia loan, new finance law not yet ready
Oggi 01:08 - RSF
(Adds IMF confirmation)
By Tarek Amara
TUNIS, Dec 14 (Reuters) - The International Monetary Fund has postponed its board meeting on a loan program for Tunisia that was scheduled for Dec. 19 to give the authorities more time to finalise it, a government official told Reuters on Wednesday.

He added that Tunisia intends to re-present the file of the reform program when IMF meetings resume in January.

The global lender on Wednesday removed a discussion of the Tunisia program from its agenda, a step likely linked to the fact that the 2023 budget, which includes reforms, is not yet ready.

An IMF spokeswoman said the delay would give Tunisia time to complete work needed before the IMF program could be approved.

“The Executive Board discussion on Tunisia’s request for an arrangement under the Extended Fund Facility has been postponed to permit more time for the authorities to complete program requisites. This includes discussions on a new Board date,” she said.


Tunisia has reached a staff-level agreement with the IMF for a $1.9 billion rescue package in exchange for unpopular reforms, including cutting food and energy subsidies, and reforming public companies.

The country has been in urgent need of international help for months as it grapples with a crisis in public finances that has raised fears it may default on debt and has contributed to shortages of food and fuel, according to government critics.

The staff-level agreement is for a 48-month package through the IMF’s extended fund facility to restore macroeconomic stability, strengthen social safety nets and tax equity, and bring reforms that would foster growth and create jobs.

Tunisia’s economy had been badly buffeted for years as political uncertainty and militant attacks hit its crucial tourism sector even before fresh challenges from the COVID-19 pandemic and a global commodities squeeze from the Ukraine war.

Business and financial sources said that next year's budget is widely expected to include austerity measures, tax hikes for professions such as lawyers and accountants, wealth taxes, and spending cuts.

(Reporting by Tarek Amara in Tunis; additional reporting by Andrea Shalal in Washington Editing by William Maclean and Leslie Adler)
((tarek.amara@thomsonreuters.com;))
 

Ex Kartman

Nuovo Utente
Registrato
31/8/22
Messaggi
149
Punti reazioni
27
UPDATE 2-IMF postpones meeting on Tunisia loan, new finance law not yet ready
Oggi 01:08 - RSF
(Adds IMF confirmation)
By Tarek Amara
TUNIS, Dec 14 (Reuters) - The International Monetary Fund has postponed its board meeting on a loan program for Tunisia that was scheduled for Dec. 19 to give the authorities more time to finalise it, a government official told Reuters on Wednesday.

He added that Tunisia intends to re-present the file of the reform program when IMF meetings resume in January.

The global lender on Wednesday removed a discussion of the Tunisia program from its agenda, a step likely linked to the fact that the 2023 budget, which includes reforms, is not yet ready.

An IMF spokeswoman said the delay would give Tunisia time to complete work needed before the IMF program could be approved.

“The Executive Board discussion on Tunisia’s request for an arrangement under the Extended Fund Facility has been postponed to permit more time for the authorities to complete program requisites. This includes discussions on a new Board date,” she said.


Tunisia has reached a staff-level agreement with the IMF for a $1.9 billion rescue package in exchange for unpopular reforms, including cutting food and energy subsidies, and reforming public companies.

The country has been in urgent need of international help for months as it grapples with a crisis in public finances that has raised fears it may default on debt and has contributed to shortages of food and fuel, according to government critics.

The staff-level agreement is for a 48-month package through the IMF’s extended fund facility to restore macroeconomic stability, strengthen social safety nets and tax equity, and bring reforms that would foster growth and create jobs.

Tunisia’s economy had been badly buffeted for years as political uncertainty and militant attacks hit its crucial tourism sector even before fresh challenges from the COVID-19 pandemic and a global commodities squeeze from the Ukraine war.

Business and financial sources said that next year's budget is widely expected to include austerity measures, tax hikes for professions such as lawyers and accountants, wealth taxes, and spending cuts.

(Reporting by Tarek Amara in Tunis; additional reporting by Andrea Shalal in Washington Editing by William Maclean and Leslie Adler)
((tarek.amara@thomsonreuters.com;))

Credo sia solo un ritardo, la situazione non cambia si deve aspettare il 17 dicembre e poi l'accordo con il FMI.
Alla fine però si può dire che io abbia perso tempo in questo lungo monitoraggio della 2023 e della 2024, perché non ho avuto il coraggio di entrare, ovviamente per il lotto 100k (ci vuole un CC enorme e molto coraggio) ma in verità anche perchè non posso operare sulle borse tedesche dove scambia un po'... su Etlx il titolo è superilliquido il gap bid/ask illogico ed il prezzo senza commento per quanto è basso .... per ovvie questioni geopolitiche e storiche è quasi obbligatorio in questo frangente per USA e UE aiutare la Tunisia... un paese addirittura che svolge elezioni politiche "pseudodemocratiche" ed invece ? Il rendimento annuale a dieci mesi dalla scadenza è del 18% netto sulla 23 .... :eek:più che da ristrutturazione sembra proprio un incomprensibile prezzo da default.... Dovrò cambiare target anche se ho sempre preferito gli stati alle corporate (ansaldo Webuild), ci butterò un occhio solo ogni tanto. In bocca al lupo a chi è dentro, finirà bene se io non ci sarò .... :DOK!
 

pietropanz

Nonno Pensionato
Registrato
2/9/04
Messaggi
1.820
Punti reazioni
126
Credo sia solo un ritardo, la situazione non cambia si deve aspettare il 17 dicembre e poi l'accordo con il FMI.
Alla fine però si può dire che io abbia perso tempo in questo lungo monitoraggio della 2023 e della 2024, perché non ho avuto il coraggio di entrare, ovviamente per il lotto 100k (ci vuole un CC enorme e molto coraggio) ma in verità anche perchè non posso operare sulle borse tedesche dove scambia un po'... su Etlx il titolo è superilliquido il gap bid/ask illogico ed il prezzo senza commento per quanto è basso .... per ovvie questioni geopolitiche e storiche è quasi obbligatorio in questo frangente per USA e UE aiutare la Tunisia... un paese addirittura che svolge elezioni politiche "pseudodemocratiche" ed invece ? Il rendimento annuale a dieci mesi dalla scadenza è del 18% netto sulla 23 .... :eek:più che da ristrutturazione sembra proprio un incomprensibile prezzo da default.... Dovrò cambiare target anche se ho sempre preferito gli stati alle corporate (ansaldo Webuild), ci butterò un occhio solo ogni tanto. In bocca al lupo a chi è dentro, finirà bene se io non ci sarò .... :DOK!
Dai che oggi ha scambiato a 83.3 e poi è un paese strategico per l'Europa e non solo.
 

Ex Kartman

Nuovo Utente
Registrato
31/8/22
Messaggi
149
Punti reazioni
27
Dai che oggi ha scambiato a 83.3 e poi è un paese strategico per l'Europa e non solo.
No non ce la posso fare... non credo proprio di entrare a meno di annunci in pompa magna (però forse sarà tardi a quel punto).
Mi auguro tutto il bene, per chi è dentro e per la stabilità del Mediterraneo che già è precaria.
La 23 sta scambiando a Francoforte a 87 circa.. :eek:. a 10 mesi dalla scadenza con la cedola del 6,75... il prezzo ripeto secondo me è folle... ma proprio perchè è troppo basso ho paura... :no:


... e aggiungo sono 385mln mi sembra per la 23 ... una cifra sinceramente abbordabile, come primo pagamento del lotto di bond 2023 -2033 che comprende Euro dollari e Yen .... magari ristrutturano nel 2025.... ma non mi fido :rolleyes:
 

Ex Kartman

Nuovo Utente
Registrato
31/8/22
Messaggi
149
Punti reazioni
27
A Francoforte 80 la 24 e 86 la 23 .... :5eek::5eek:

Stare fermi certe volte è meglio, meno male... ma che prezzi sono ? Default o ristrutturazione pilotata?
 

elsimate

Nuovo Utente
Registrato
27/9/14
Messaggi
4.213
Punti reazioni
325

L'accordo con il FMI in Tunisia rischia di aumentare la povertà e le tensioni sociali – OpEd​

16 dicembre 2022 Monitor geopolitico 0 Commenti
DiGeopolitical Monitor

Di Aymen Bessaleh

Il 15 ottobre 2022, il Fondo monetario internazionale (FMI) ha annunciatoun accordo a livello di staff su un fondo con la Tunisia per un totale di 1,9 miliardi di dollari. Il governo tunisino spera con questo disbloccare la possibilità di altri prestiti, per aiutarlo ad affrontare la crisi economica che sta colpendo il paese.
Le condizioni dell'accordo sono una serie di misure per le quali il governo cercherà di ridurre la spesa pubblica per affrontare il deficit di bilancio, riformare la tassazione, aumentare le entrate e modificare la governance del servizio pubblico e delle imprese statali. Ancora più importante, e ignorando il fatto che il nuovo accordo è in attesa di approvazione del Comitato esecutivo del FMI, i cittadini ignorano ancora i dettagli di questo accordo e come queste misure avranno un impatto sui loro mezzi di sussistenza. È imperativo che tutte le parti a conoscenza di questi negoziati adottino un approccio più trasparente e comunichino le discussioni ai tunisini. Allo stesso tempo, i contorni delle misure annunciate minacciano di aumentare ulteriormente le vulnerabilità sociali delle classi meno fortunate in un contesto socio-economico già difficile, qualcosa che la popolazione difficilmente può permettersi.
Un rapido sguardo allalettera di intenti della Tunisiaeall'annuncio del FMIdel loro precedente accordo nel 2016 mostra che le riforme concordate all'epoca sono fondamentalmente le stesse delle misure annunciate in ottobre, con lo stesso discorso adottato sui costi finanziari. Il principale avvertimento di questa logica è la fissazione sui costi finanziari nell'affrontare le questioni economiche, ignorando i costi sociali. A peggiorare le cose, settimane dopo l'annuncio, nulla è stato pubblicamente noto sulle misure previste, tranne che corrispondono a una panoramica dell'ultimoprogramma di riforma nazionaledella Tunisia rivelato lo scorso giugno dal governo tunisino.
Il 26 ottobre, i rappresentantidel governo hanno incontrato un certo numero di giornalistiper discutere il quadro di queste riforme senza rivelare un singolo dettaglio. Il 3 novembre è stata trasmessaun'intervista con il ministro delle finanzeSihem Nemsia sull'accordo del FMI durante la quale ha dichiarato che il documento finale era ancora in fase di messa a punto e che il governo avrebbe dovuto attuare alcune azioni preliminari all'interno della legge di bilancio complementare 2022 e del bilancio 2023. Anche in questo caso, non sono stati rivelati quasi dettagli concreti sui passaggi effettivi, a parte generalità e ipotesi e alcuni suggerimenti su cosa aspettarsi.
Ciò che è stato confermato, tuttavia, è che il governo continuerà il congelamento delle assunzioni pubbliche, incoraggerà i prepensionamenti nel settore pubblico e implementerà un meccanismo per sostituire isussidi diretti per i prodotti alimentari con trasferimenti di denaro. Queste misure sembrano essere al centro dei piani del governo e data la riluttanza del governo a discuterne, i cittadini sono preoccupati per il loro potere d'acquisto. Ciò avviene in un momento in cui i tunisini hanno affrontato per mesi lacarenza di approvvigionamento di prodotti alimentari: continuano a fare i conti congli scaffali vuotidi farina, prodotti lattiero-caseari e altri beni e con crescenti ondate di carenza di carburante, lapiù recente delle qualiha colpito la capitale la stessa settimana dell'accordo a livello di personale. Anche i prezzi del carburante sono stati aumentati cinque voltenel 2022 e i timori persistono su un altro prima della fine dell'anno, poiché il governo cerca di ridurre anche la spesa per i sussidi energetici.

Il governo tunisino è irremovibile nel sottolineare che mira ad attuare un sussidio mirato piuttosto che tagli completi, al fine di alleviare i costi finanziari per il bilancio. Tale argomentazione ignora che i sussidi sono legati ai bassi salari della Tunisia che i governi successivi hanno salutato come un vantaggio competitivo per attirare investimenti stranieri. Inoltre, sembra che il piano di trasferimento di denaro consentirà alle famiglie di auto-identificarsi come bisognose di loro, ma non è stato fornito alcun chiarimento sull'esistenza o meno di un processo di controllo e approvazione, o sui criteri che saranno attuati. Ancora più importante, gli studi suggeriscono che i sussidi direttisono più distributivie contribuiscono maggiormente a sradicare la povertà rispetto ai trasferimenti di denaro.
L'Unione generale tunisina del lavoro (UGTT), il più grande sindacato del paese, si oppone ai cambiamenti politici previsti e ha ripetutamenteinvitato il governo a condividere il programmapresentato al FMI con il pubblico. Su quale riforma l'UGTT si scontrerebbe prima con il governo, e soprattutto quando, rimane una domanda, soprattutto perché sia i tagli ai sussidi che le società pubbliche sono una priorità assoluta per il sindacato. Il 3 dicembre 2022, il segretario generale dell'UGTT Noureddine Taboubi ha rivelato in una grande riunione che il sindacato si opporrà a qualsiasi politica che minacci i mezzi di sussistenza dei tunisini, suonando i tamburi di guerra con il governo, mentre circolano voci secondo cui la promulgazione della legge finanziaria del 2023 è imminente.
L'insieme di misure che il governo tunisino prevede di attuare con la benedizione del FMI minaccia di aumentare i tassi di povertà del paese. Mentre può migliorare la capacità dello stato di importare prodotti alimentari, contribuirà a ridurre l'accesso dei cittadini ad essi, il che non risolve il problema della sicurezza alimentare. Ciò avviene in una situazione politica già tesa durante la quale l'attenzione delle autorità è rivolta alle elezioni parlamentari del 17 dicembre con un'assenza di dialogo. Nonostante le continue allusioni alle reti di sicurezza sociale nel discorso ufficiale, l'obiettivo dell'attuale governo è quello di ridurre il ruolo dello stato nel benessere sociale. Ciò probabilmente catalizzerà le tensioni sociali date le pratiche sempre più autoritarie da quando Kais Saied ha preso il potere nel luglio 2021.
Le opinioni espresse in questo articolo appartengono solo agli autori e non riflettono necessariamente quelle diGeopoliticalmonitor.com
 

pietropanz

Nonno Pensionato
Registrato
2/9/04
Messaggi
1.820
Punti reazioni
126
Tunisia, il fiore appassito della rivoluzione

Tunisia, il fiore appassito della rivoluzione​

Francesco Battistini | 17 dicembre 2022
S’è votato per un Parlamento che non sarà mai un Parlamento e il solo, vero risultato è stato il boicottaggio proclamato dalle opposizioni: neppure il 10% d’affluenza, una clamorosa protesta contro il presidente populista Kais Saied

Sognavano la democrazia: si risvegliano nella democratura. S’ispiravano all’obamismo, oui nous pouvons, e invece respirano l’erdoganismo, le Sultan c’est moi. In fondo, la Tunisia non chiedeva la luna e nemmeno la mezzaluna: restare coi piedi ben piantati nella terra della rinascita, ecco, e preferibilmente cogl’islamici fuori dai piedi.



Tutto è finito, tutto è dimenticato. La Rivoluzione dei Gelsomini, la prima delle Primavere arabe, l’unica che si sia evitata una guerra civile, dodici anni dopo è ridotta a un fiore secco. Ieri (non) s’è votato per un Parlamento che non sarà mai un Parlamento e il solo, vero risultato è stato il boicottaggio proclamato dalle opposizioni: neppure il 10% d’affluenza, una clamorosa protesta contro il presidente populista Kais Saied che, appena tre anni fa, era al 70. Lasciati soli dal mondo, impoveriti dalla crisi, in fuga sui barconi per l’Italia, i tunisini han fatto un pernacchio alla controrivoluzionaria Seconda Repubblica che il neogollista Saied vuol fondare «dopo un decennio di caos».
E col semplice astensionismo, fan capire cosa pensino del suo golpe morbido che nell’ultimo anno e mezzo ha semicancellato la Costituzione, esautorato la Camera, licenziato i magistrati, disegnato una legge elettorale a sua immagine e somiglianza, imbavagliato la stampa, messo agli arresti gli oppositori, in definitiva mutando la democrazia parlamentare in un presidenzialismo col pugno di ferro e restaurando le cattive abitudini del dittatore Ben Ali. La rivoluzione a volte è un pranzo di gala e un Paese sull’orlo del fallimento, con la frutta e il pollame rincarati del 30%, al momento non se la può permettere. «Fight for fries, not for freedom», ha scritto un disincantato writer sui cavalcavia di Tunisi: meglio combattere per un piatto di patatine che per la libertà. Ma i tunisini sono esausti e Saied lo sappia: se non arrivano neanche le patatine, prevarrà la fame di libertà. E quello fritto, rischia d’essere lui.

17 dicembre 2022, 21:22 - modifica il 17 dicembre 2022 | 21:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

elsimate

Nuovo Utente
Registrato
27/9/14
Messaggi
4.213
Punti reazioni
325

Tunisia: il presidente Saied esortato a dimettersi dopo il "fiasco" elettorale.​

18 Dic. 2022

La principale coalizione di opposizione tunisina ha dichiarato che il presidente Kais Saied deve dimettersi dopo che meno del 9% degli aventi diritto ha preso parte alle elezioni parlamentari.

Il capo del Fronte di Salvezza Nazionale, Nejib Chebbi, ha detto che il voto di sabato è stato un "fiasco", chiedendo proteste di massa per chiedere elezioni presidenziali anticipate.

Il voto è stato boicottato dalla maggior parte dei partiti di opposizione.

Accusano Saied di aver invertito i progressi democratici compiuti dalla rivolta del 2011, un'accusa che lui nega.

Dopo aver licenziato il primo ministro e sospeso il parlamento nel luglio 2021, un anno dopo Saied ha fatto approvare una costituzione che sancisce il suo governo di un solo uomo dopo un voto che è stato anche boicottato dai principali partiti di opposizione.

La nuova costituzione ha sostituito quella redatta subito dopo la primavera araba del 2011, che ha visto la Tunisia rovesciare il defunto dittatore Zine al-Abidine Ben Ali. Ha dato al capo dello stato il pieno controllo esecutivo e il comando supremo dell'esercito.
Saied, 64 anni, afferma che tali poteri erano necessari per rompere un ciclo di paralisi politica e decadenza economica.

I suoi sostenitori sono d'accordo con lui, dicendo che la nazione nordafricana impoverita ha bisogno di un leader forte per affrontare la corruzione e altre importanti questioni che ostacolano lo sviluppo del paese.

I funzionari elettorali tunisini hanno detto sabato che l'8,8% dei circa nove milioni di elettori aveva votato alle elezioni parlamentari.

Parlando poco dopo, Chebbi ha detto: "Quello che è successo oggi è un terremoto, da questo momento, consideriamo Saied un presidente illegittimo e chiediamo che si dimetta dopo questo fiasco",

Il Fronte di salvezza nazionale, una coalizione di diversi partiti politici, ha anche chiesto raduni di massa e sit-in.

Il presidente Saied finora non ha fatto commenti pubblici sulla questione.

La rivolta tunisina di 11 anni fa è spesso additata come l'unico successo delle rivolte della primavera araba in tutta la regione, ma non ha portato alla stabilità, né economicamente né politicamente.
 

umile66

Nuovo Utente
Registrato
22/8/11
Messaggi
372
Punti reazioni
13
No non ce la posso fare... non credo proprio di entrare a meno di annunci in pompa magna (però forse sarà tardi a quel punto).
Mi auguro tutto il bene, per chi è dentro e per la stabilità del Mediterraneo che già è precaria.
La 23 sta scambiando a Francoforte a 87 circa.. :eek:. a 10 mesi dalla scadenza con la cedola del 6,75... il prezzo ripeto secondo me è folle... ma proprio perchè è troppo basso ho paura... :no:


... e aggiungo sono 385mln mi sembra per la 23 ... una cifra sinceramente abbordabile, come primo pagamento del lotto di bond 2023 -2033 che comprende Euro dollari e Yen .... magari ristrutturano nel 2025.... ma non mi fido :rolleyes:
Io son dentro sulla 24 da 2 anni e mi tocco i Maroni... Speriamo bene
 

Ex Kartman

Nuovo Utente
Registrato
31/8/22
Messaggi
149
Punti reazioni
27
questo 3d sembra morto, c'è molta depressione forse per le prospettive, ma ci sono ancora 10 mesi ai voglia a cose che possono accadere... lo so che sono in pochissimi dentro, ma ci sono solo strategie d'attesa?.... se questi titoli arrivano a prezzi che anche con la ristrutturazione conviene entrare?.... potrebbero delistarli? ...a me personalmente sembra il TDS in euro che ha il rapporto rischio rendimento più alto, insomma un bel caso di studio, ma l'interesse noto che è veramente poco... ci voleva Russiabond ma si è fermato sulle GAZ ... vabbè :sperem:
 

elsimate

Nuovo Utente
Registrato
27/9/14
Messaggi
4.213
Punti reazioni
325

La banca BEI presta alla Tunisia 150 milioni di euro per il sostegno di emergenza alla sicurezza alimentare​

18 dicembre 2022 — 06:43 am EST

TUNISI, 18 dicembre (Reuters) - La Banca europea per gli investimenti, il braccio di prestito dell'Unione europea, ha approvato un prestito di 220 milioni di euro (233 milioni di dollari) per la Tunisia, inclusi 150 milioni di euro in sostegno di emergenza per la sicurezza alimentare.
La Tunisia è in una profonda crisi finanziaria che ha provocato una carenza di molti prodotti alimentari nelle ultime settimane.
Il ministro dell'Agricoltura Mahmoud Elyess Hamza ha detto che il prestito aiuterà la Tunisia a fornire regolarmente grano tenero.
($1 = 0,9450 euro)
(Segnalazione di Tarek Amara Montaggio di Raissa Kasolowsky)