Farmacetici(2)

  • Ecco la 72° Edizione del settimanale "Le opportunità di Borsa" dedicato ai consulenti finanziari ed esperti di borsa.

    È stata un’ottava ricca di spunti per i mercati, dapprima con l’esito delle elezioni europee, poi con i dati americani incoraggianti sull’inflazione e la riunione della Fed. L’esito delle urne ha mostrato uno spostamento verso destra del Parlamento europeo, con l’avanzata dei partiti nazionalisti più euroscettici a scapito di liberali e verdi. In Francia, il presidente Macron ha indetto il voto anticipato dopo la vittoria di Le Pen e in Germania i socialdemocratici del cancelliere tedesco Olaf Scholz hanno subito una disfatta record. L’azionario europeo ha scontato molto queste incertezze legate al rischio politico in Francia. Oltreoceano, i principali indici di Wall Street hanno raggiunto nuovi record dopo che mercoledì sera, la Fed ha mantenuto invariati i tassi nel range 5,25-5,50%. I dot plot, le proiezioni dei funzionari sul costo del denaro, stimano ora una sola riduzione quest’anno rispetto a tre previste a marzo. Lo stesso giorno è stato diffuso il report sull’inflazione di maggio, che ha mostrato un rallentamento al 3,3% e un dato core al 3,4%, meglio delle attese.
    Per continuare a leggere visita il link

Non ho resistito... in apertura ho acquistato un cippetto di Bristol Myers
 
Altra acquisizione: Loxo Oncology acquistata da Eli Lilly per 8 miliardi (con un apprezzamento per azione di circa 100 dollari).
Ma Loxo non era ormai entrata nell'orbita di Bayer, con le sperimentazioni di Larotrectinib e cugini?
 
Loxo credo sia un caso particolarmente interessante di piccola azienda biotech con pipeline limitata e in gran parte ancora in fase di approvazione, perchè il suo cavallo di battaglia (Larotrectinib, inibitore chinasico per le fusioni TRK), rappresenta il secondo caso di approvazione da parte della FDA di un oncologico "agnostico", ossia approvato non per tipi specifici di tumore, ma per il tipo di mutazione genetica che ne sta alla base (da diagnosticare con test di NGS):

Seconda “approvazione agnostica” per la Fda

Da notare che il primo caso di approvazione "agnostica" è stato quello di Pembrolizumab (seguito poi dal "cugino" concorrente Nivolumab), celebre immuno-oncologico di Merck.

Loxo nel suo campo aveva come concorrente principale Ignyta Therapeutics (con Entrectinib, sempre per fusioni TRK), acquisita da Roche a dicembre 2017 (con apprezzamento delle azioni del 74%). Nota storica: Entrectinib cominciò il suo ciclo di sviluppo nel 2013 con lo studio di fase 1 presso i laboratori italiani di Nerviano, ultimo lascito del glorioso passato di Farmitalia.
 
Nessuno parla di Bayer?

Sono dentro dopo il crollo del 50+%, sembra quotata a valori di sconto.

In piu' l'acquisizione di monsanto mi piace, mi sembra sinergica e crea anche una diversificazione di nicchia. Poi i prodotti monsanto da quel che so tendono "ad eliminare naturalmente la concorrenza" e diventare "dipendenti da essi".
 
Nessuno parla di Bayer?

Sono dentro dopo il crollo del 50+%, sembra quotata a valori di sconto.

In piu' l'acquisizione di monsanto mi piace, mi sembra sinergica e crea anche una diversificazione di nicchia. Poi i prodotti monsanto da quel che so tendono "ad eliminare naturalmente la concorrenza" e diventare "dipendenti da essi".

Con diversificazione di nicchia intendi che sono passati a fare 3 cose al posto delle 5/7 di prima?
Hai tenuto in conto che il RoundUP è nel mezzo di una diatriba legale per la quale Bayer potrebbe pagare svariati miliardi?
 
Con diversificazione di nicchia intendi che sono passati a fare 3 cose al posto delle 5/7 di prima?
Hai tenuto in conto che il RoundUP è nel mezzo di una diatriba legale per la quale Bayer potrebbe pagare svariati miliardi?

Intendo che ha puntato molto sul mercato agricoltura/sementi, che mi sembra di nicchia rispetto alle altra big pharma.

Il glifosato e' il motivo maggiore della caduta penso, ad oggi non ci sono prove scientifiche contro, il verdetto da N milioni sembra un caso isolato e piu' "emotivo" che scientifico.
 
Intendo che ha puntato molto sul mercato agricoltura/sementi, che mi sembra di nicchia rispetto alle altra big pharma.

Il glifosato e' il motivo maggiore della caduta penso, ad oggi non ci sono prove scientifiche contro, il verdetto da N milioni sembra un caso isolato e piu' "emotivo" che scientifico.

Il crop science è tenuto separato dal settore health care, al pari del chimico e dei polimeri (entrambi dismessi). Non è una nicchia del farmaceutico, tant'è che una buona fetta degli utili dovrebbe arrivare da applicazioni software per la gestione della fase di crescita. Per dire una nicchia sono i farmaci per gli animali (che vogliono dismettere).

Il verdetto dovrebbe fare da esempio per le altre 8000+ istanze negli USA e poi a cascata in tutto il resto del globo. Mi pare che Bayer abbia già detto di essere disponibile a valutare un accordo.

Comunque per me più che a sconto soffre l'alto rischio di un verdetto negativo, il debito contratto per l'acquisizione di Monsanto e l'incertezza di ottenere le sinergie dichiarate. Non è caduta dai 120€ per nulla.
 
puntate tranquilli tanto le megamiliardarie case farmaceutiche si sono inventate il banco farmaceutico così i clienti di buon cuore foraggiano ulteriormente i bilanci già pingui...
 
senza vaccini per il covid:
Big Pharma Passes Its Annual Checkup



“The big money is not in the buying and selling, but in the waiting.”

Charlie Munger

abbott.jpg
 
Indietro