Tutti tuttologi col web, qui si va' avanti a colpi di guglate

fasilor

Nuovo Utente
Registrato
14/9/16
Messaggi
13.892
Punti reazioni
408
Ed ognuno trova con facilità quella che più si adatta al proprio orientamento. Tanto, ce n'è per tutti i gusti.

Pochi quelli che vanno motu proprio.

E i liberi pensatori?
 

stefm

Sturm und Drang
Registrato
22/4/00
Messaggi
28.648
Punti reazioni
1.881
Quando c'erano solo le fonti di informazione tradizionali, quanti erano quelli di sinistra che leggevano anche giornali di destra, e viceversa?
La disintermediazione dell'informazione non è né la causa della diffusione di notizie false e distorte, che c'erano anche prima, né della propensione dell'essere umano medio verso il bias di conferma. Ci piaceva farci dare ragione prima, e ci piace tuttora.

La diffusione di internet e dei social media ha solo portato a un aumento del rumore e forse a un effetto gregge per cui spesso capita con le fonti online quello che prima capitava solo con le persone dal vivo, ma amplificato dal numero e dalla diffusione. L'intelligenza per confrontare e discernere serviva prima e serve anche ora. In fondo che differenza c'è tra "l'ha detto la televisione", come frase che sanciva la Verità rivelata per i nostri genitori, e "l'ho letto su Facebook"?
 

BlackM

Rock and Roll
Registrato
30/3/00
Messaggi
170.514
Punti reazioni
3.249
Quando c'erano solo le fonti di informazione tradizionali, quanti erano quelli di sinistra che leggevano anche giornali di destra, e viceversa?
La disintermediazione dell'informazione non è né la causa della diffusione di notizie false e distorte, che c'erano anche prima, né della propensione dell'essere umano medio verso il bias di conferma. Ci piaceva farci dare ragione prima, e ci piace tuttora.

La diffusione di internet e dei social media ha solo portato a un aumento del rumore e forse a un effetto gregge per cui spesso capita con le fonti online quello che prima capitava solo con le persone dal vivo, ma amplificato dal numero e dalla diffusione. L'intelligenza per confrontare e discernere serviva prima e serve anche ora. In fondo che differenza c'è tra "l'ha detto la televisione", come frase che sanciva la Verità rivelata per i nostri genitori, e "l'ho letto su Facebook"?

Ottimo ragionamento. Non c'è nessuna differenza. I giornali hanno una proprietà e un editore di riferimento, sempre legato ad un'idea politica. Quindi raccontano le cose da quella prospettiva. Non mentono eh...dicono solo quella parte della verità che pare loro. Non è mentire.
Adesso che si possono sentire diverse fonti la cosa dà molto fastidio a chi controllava l'informazione.
L'unica è cercare fonti autorevoli di ogni tipo. Ce ne sono ad esempio sia pro Euro che contro Euro. Chi è pro Euro non è un traditore assassino o un Cristo in Terra. E chi è contro l'euro non è un pazzo fasciocomunista o la Bibbia.
Ognuno si può fare la propria idea meglio di 30 anni fa e ciò è un bene.
 

kasparek

Frangar, non flectar
Registrato
1/10/08
Messaggi
31.638
Punti reazioni
815
Adesso che si possono sentire diverse fonti la cosa dà molto fastidio a chi controllava l'informazione.
L'unica è cercare fonti autorevoli di ogni tipo.

Esattamente.
C'è molta più possibilità di avere informazione corretta ora, proprio non c'è confronto.

Ed anche le discussioni coi "gugolatori" vanno bene, se c'è dialettica per cercare di confrontare le opinioni diverse.
Spesso è molto più efficace ed utile la critica della conferma.

L'autorevolezza dei dati è un problema tutto sommato facilmente gestibile. E' facile anche smentire i dati farlocchi, quasi sempre.
 

Antoniano2

Algo-trader
Registrato
7/9/16
Messaggi
21.942
Punti reazioni
470
Ottimo ragionamento. Non c'è nessuna differenza. I giornali hanno una proprietà e un editore di riferimento, sempre legato ad un'idea politica. Quindi raccontano le cose da quella prospettiva. Non mentono eh...dicono solo quella parte della verità che pare loro. Non è mentire.
Adesso che si possono sentire diverse fonti la cosa dà molto fastidio a chi controllava l'informazione.
L'unica è cercare fonti autorevoli di ogni tipo. Ce ne sono ad esempio sia pro Euro che contro Euro. Chi è pro Euro non è un traditore assassino o un Cristo in Terra. E chi è contro l'euro non è un pazzo fasciocomunista o la Bibbia.
Ognuno si può fare la propria idea meglio di 30 anni fa e ciò è un bene.

basta discutere mettendo in campo dati oggettivi e sviluppi potenziali logicamente concatenati. Il problema è che ciò non avviene. Nessuno dice: voglio la lira perché tanto sto al paesello, evado e di tutti gli altri me ne frego.

Oppure: io non voglio vaccinarmi perché sono egoista ed ipocondriaco, preferisco rischiare la malattia tanto qualcuno mi cura e chissenefrega dei deboli, tanto non capita a me.
 

stefm

Sturm und Drang
Registrato
22/4/00
Messaggi
28.648
Punti reazioni
1.881
basta discutere mettendo in campo dati oggettivi e sviluppi potenziali logicamente concatenati. Il problema è che ciò non avviene. Nessuno dice: voglio la lira perché tanto sto al paesello, evado e di tutti gli altri me ne frego.

Oppure: io non voglio vaccinarmi perché sono egoista ed ipocondriaco, preferisco rischiare la malattia tanto qualcuno mi cura e chissenefrega dei deboli, tanto non capita a me.

Vero, ma ancora una volta questo non è una novità.
Da Socrate all'effetto Dunning-Kruger è cambiato poco: c'è chi non sa un caz e pensa di sapere tutto, e chi si rende conto di non sapere tutto e quindi cerca di sapere sempre di più.
 

antibody

Nuovo Utente
Registrato
12/11/10
Messaggi
2.748
Punti reazioni
97
Perché google dovrebbe diffondere fake news?
 

stefm

Sturm und Drang
Registrato
22/4/00
Messaggi
28.648
Punti reazioni
1.881
Perché google dovrebbe diffondere fake news?

Penso si intendesse Google in quanto motore di ricerca che ti permette di trovare informazioni di fonte qualsiasi, non Google in quanto fornitore di contenuti in prima persona.
 

swheart

Ahllàmmektemmurt
Registrato
25/8/07
Messaggi
40.132
Punti reazioni
1.139
Perché google dovrebbe diffondere fake news?

In prima pagina di google non sono necessariamente le fonti più autorevoli, ma quelle che si adoperano per starci...

Caro black, fonti autorevoli pro e contro questo o quello ci sono sempre state, ma il giornalismo professionale è un filtro insostituibile per la veridicità delle notizie: c'è un nome ed un cognome ed una testata che mettono la propria faccia su una notizia, tutta questa spazzatura che si trova sul web non ha mai un responsabile, siti che linkano da siti che linkano da siti.
 

fasilor

Nuovo Utente
Registrato
14/9/16
Messaggi
13.892
Punti reazioni
408
Quando c'erano solo le fonti di informazione tradizionali, quanti erano quelli di sinistra che leggevano anche giornali di destra, e viceversa?
La disintermediazione dell'informazione non è né la causa della diffusione di notizie false e distorte, che c'erano anche prima, né della propensione dell'essere umano medio verso il bias di conferma. Ci piaceva farci dare ragione prima, e ci piace tuttora.

La diffusione di internet e dei social media ha solo portato a un aumento del rumore e forse a un effetto gregge per cui spesso capita con le fonti online quello che prima capitava solo con le persone dal vivo, ma amplificato dal numero e dalla diffusione. L'intelligenza per confrontare e discernere serviva prima e serve anche ora. In fondo che differenza c'è tra "l'ha detto la televisione", come frase che sanciva la Verità rivelata per i nostri genitori, e "l'ho letto su Facebook"?

Ottimo ragionamento. Non c'è nessuna differenza. I giornali hanno una proprietà e un editore di riferimento, sempre legato ad un'idea politica. Quindi raccontano le cose da quella prospettiva. Non mentono eh...dicono solo quella parte della verità che pare loro. Non è mentire.
Adesso che si possono sentire diverse fonti la cosa dà molto fastidio a chi controllava l'informazione.
L'unica è cercare fonti autorevoli di ogni tipo. Ce ne sono ad esempio sia pro Euro che contro Euro. Chi è pro Euro non è un traditore assassino o un Cristo in Terra. E chi è contro l'euro non è un pazzo fasciocomunista o la Bibbia.
Ognuno si può fare la propria idea meglio di 30 anni fa e ciò è un bene.

Esattamente.
C'è molta più possibilità di avere informazione corretta ora, proprio non c'è confronto.

Ed anche le discussioni coi "gugolatori" vanno bene, se c'è dialettica per cercare di confrontare le opinioni diverse.
Spesso è molto più efficace ed utile la critica della conferma.

L'autorevolezza dei dati è un problema tutto sommato facilmente gestibile. E' facile anche smentire i dati farlocchi, quasi sempre.

Ok, però un'obiezione mi sia permessa, perché girando per fora e social, mi appare sempre più evidente una distorsione di base.
E cioè che ognuno, in questo tempo di velocità e solitudine, cercando ciò che fa' al caso suo, si intigna a trovare, e poi trova, quel che fa' al caso suo, affievolendo notevolmente la sua capacità di ascolto e di confronto.

Non ricordo se fosse Einstein che criticava quegli scienziati che, elaborata una teoria, cercavano soltanto elementi che la supportassero, impippandosene degli argomenti a contrariis, seppur autorevoli.

Oppure, per stare sull'attuale, i cattivi giudici. Esempio l'art. 358 cpp sull' attività di indagine del pubblico ministero, che dice che
il pubblico ministero compie ogni attività necessaria ai fini indicati nell'articolo 326 e svolge altresì accertamenti su fatti e circostanze a favore della persona sottoposta alle indagini.
Ecco, molto spesso il pm cerca solo elementi che supportano il suo atto d'accusa, e la polizia giudiziaria gli va dietro in tal senso. Ma poco o nulla sugli elementi a favore, temo.

Ecco, temo che la guglata ad usum delphini proponga sempre più novelli cattivi scienziati o pessimi p.m.
 

stefm

Sturm und Drang
Registrato
22/4/00
Messaggi
28.648
Punti reazioni
1.881
Ok, però un'obiezione mi sia permessa, perché girando per fora e social, mi appare sempre più evidente una distorsione di base.
E cioè che ognuno, in questo tempo di velocità e solitudine, cercando ciò che fa' al caso suo, si intigna a trovare, e poi trova, quel che fa' al caso suo, affievolendo notevolmente la sua capacità di ascolto e di confronto.

Non ricordo se fosse Einstein che criticava quegli scienziati che, elaborata una teoria, cercavano soltanto elementi che la supportassero, impippandosene degli argomenti a contrariis, seppur autorevoli.

Oppure, per stare sull'attuale, i cattivi giudici. Esempio l'art. 358 cpp sull' attività di indagine del pubblico ministero, che dice che
il pubblico ministero compie ogni attività necessaria ai fini indicati nell'articolo 326 e svolge altresì accertamenti su fatti e circostanze a favore della persona sottoposta alle indagini.
Ecco, molto spesso il pm cerca solo elementi che supportano il suo atto d'accusa, e la polizia giudiziaria gli va dietro in tal senso. Ma poco o nulla sugli elementi a favore, temo.

Ecco, temo che la guglata ad usum delphini proponga sempre più novelli cattivi scienziati o pessimi p.m.

E' il "bias di conferma" che citavo, e c'è sempre stato.
Fai un salto indietro con la memoria e ricordati quando negli anni '70 un comunista sfegatato non avrebbe mai messo in dubbio una riga de "L'Unità" e si sarebbe tagliato un dito piuttosto che leggere una pagina de "Il Secolo d'Italia".
 

kasparek

Frangar, non flectar
Registrato
1/10/08
Messaggi
31.638
Punti reazioni
815
In prima pagina di google non sono necessariamente le fonti più autorevoli, ma quelle che si adoperano per starci...

Caro black, fonti autorevoli pro e contro questo o quello ci sono sempre state, ma il giornalismo professionale è un filtro insostituibile per la veridicità delle notizie: c'è un nome ed un cognome ed una testata che mettono la propria faccia su una notizia, tutta questa spazzatura che si trova sul web non ha mai un responsabile, siti che linkano da siti che linkano da siti.

Tipo questo? In Italia il parco auto piu vecchio d'Europa - Repubblica.it

Il giornalista "professionale" esce con questo titolo.

Una rapida ricerca mostra come sia del tutto falso.
Average age of the vehicle fleet


European Environment Agency


Senza internet saremmo tutti convinti della veridicità del titolo del "giornalista professionale".
 

swheart

Ahllàmmektemmurt
Registrato
25/8/07
Messaggi
40.132
Punti reazioni
1.139
Il 60% degli americani che ha votato Trump crede ancora adesso alla bufala che la Clinton è a capo di una tratta di prostituzione minorile

Le stesse fonti fanno credere fregnàcce simili anche da noi

Ecco di cosa parliamo: questa melma indistinta fa comodo a tanti, è molto più facile indirizzare il gregge
 

kasparek

Frangar, non flectar
Registrato
1/10/08
Messaggi
31.638
Punti reazioni
815
Ok, però un'obiezione mi sia permessa, perché girando per fora e social, mi appare sempre più evidente una distorsione di base.
E cioè che ognuno, in questo tempo di velocità e solitudine, cercando ciò che fa' al caso suo, si intigna a trovare, e poi trova, quel che fa' al caso suo, affievolendo notevolmente la sua capacità di ascolto e di confronto.

Non ricordo se fosse Einstein che criticava quegli scienziati che, elaborata una teoria, cercavano soltanto elementi che la supportassero, impippandosene degli argomenti a contrariis, seppur autorevoli.

Sì, cercare solo conferme non va bene.

Per quello, dicevo, è utile il confronto, o anche lo scontro, che cerchi di sbugiardare l'altro. :)
E' estremamente utile vedere quali argomenti e dati riesce a tirare fuori un interlocutore valido e capace, nel tentativo di confutare qualcosa.

La superiorità della falsificazione sulla conferma è alla base di Popper e della filosofia della scienza.
 

kasparek

Frangar, non flectar
Registrato
1/10/08
Messaggi
31.638
Punti reazioni
815
NB: questa "dialettica" la trovi su internet ma non sui giornali o ovunque ci sia una voce unica, ovviamente.
 

kasparek

Frangar, non flectar
Registrato
1/10/08
Messaggi
31.638
Punti reazioni
815
Il 60% degli americani che ha votato Trump crede ancora adesso alla bufala che la Clinton è a capo di una tratta di prostituzione minorile

Le stesse fonti fanno credere fregnàcce simili anche da noi

Ecco di cosa parliamo: questa melma indistinta fa comodo a tanti, è molto più facile indirizzare il gregge

Il problema è che tu, leggendo i giornalisti "professionali", credi sia vero che gli americani hanno votato Trump sulla base di questa teoria sulla Clinton. :yes:
O perchè manipolati dai russi.

Un giorno capirai meglio dove stanno le balle. Forse.
 

stefm

Sturm und Drang
Registrato
22/4/00
Messaggi
28.648
Punti reazioni
1.881
Il 60% degli americani che ha votato Trump crede ancora adesso alla bufala che la Clinton è a capo di una tratta di prostituzione minorile

Le stesse fonti fanno credere fregnàcce simili anche da noi

Ecco di cosa parliamo: questa melma indistinta fa comodo a tanti, è molto più facile indirizzare il gregge

La maggioranza degli italiani crede ancora che i "salvataggi" dei "profughi" avvengano nel CANALE DI SICILIA, come scritto molteplici volte dai giornaloni autorevoli e professionali.


Dramma migranti nel canale di Sicilia: 34 morti, anche bambini. Oim: 156 dispersi in naufragio fantasma - Repubblica.it

Salvo poi scrivere "Il dramma è avvenuto al largo del porto libico di Zuara", circa 300 miglia a sud est del Canale di Sicilia, ma a 15-20 miglia dalla costa libica.

Migranti, il naufragio nel Canale di Sicilia - Corriere.it
 

swheart

Ahllàmmektemmurt
Registrato
25/8/07
Messaggi
40.132
Punti reazioni
1.139
Il problema è che tu, leggendo i giornalisti "professionali", credi sia vero che gli americani hanno votato Trump sulla base di questa teoria sulla Clinton. :yes:
O perchè manipolati dai russi.

Un giorno capirai meglio dove stanno le balle. Forse.

E' arrivato il saggio: non approfittare che le scuole sono chiuse per riempire il forum di fesserie, fai il bravo, và:D
 

swheart

Ahllàmmektemmurt
Registrato
25/8/07
Messaggi
40.132
Punti reazioni
1.139
La maggioranza degli italiani crede ancora che i "salvataggi" dei "profughi" avvengano nel CANALE DI SICILIA, come scritto molteplici volte dai giornaloni autorevoli e professionali.


Dramma migranti nel canale di Sicilia: 34 morti, anche bambini. Oim: 156 dispersi in naufragio fantasma - Repubblica.it

Salvo poi scrivere "Il dramma è avvenuto al largo del porto libico di Zuara", circa 300 miglia a sud est del Canale di Sicilia, ma a 15-20 miglia dalla costa libica.

Migranti, il naufragio nel Canale di Sicilia - Corriere.it

Ma non sono due episodi diversi, uno di maggio e uno di questi giorni?