Vivere di rendita CONSUMANDO IL CAPITALE.

piccolapeste

Nuovo Utente
Registrato
31/12/04
Messaggi
92
Punti reazioni
9
Buongiorno a tutti, chiedo scusa per il tema già discusso ma il mio caso è specifico e sto cercando risposte nette e non giudizi.
Premetto che ho 57 anni, vivo nei Caraibi e ho alle spalle 30 anni di contributi previdenziali.
La pensione mi interessa relativamente e infatti mi sono licenziato senza pensarci due volte, quando avrò l'età anagrafica mi prenderò quello che mi daranno, punto.
Ho smesso di lavorare da 5 anni, non ho intenzione di riprendere.
Ho una casa di proprietà in Italia che mi rende circa 400 euro netti al mese di regolare affitto.
Un'altra proprietà immobiliare in una metropoli del nord italia della quale entrerò in possesso tra una decina di anni.
Ho un capitale attuale di circa 200.000 euro liquidi.
Attualmente vivo con 1.000 euro al mese, 12.000 all'anno, cui si sommano circa 2.000 euro per gli spostamenti aerei. Quindi 14.000.
A me non interessa preservare il capitale, intendo consumarlo a mio piacere non dovendo lasciarlo a nessuno, anno dopo anno.
Considerando l'inflazione io presumo di aver calcolato bene in 13 anni circa l'azzeramento del capitale liquido (avrò 70 anni, magari muoio prima però). Finiti questi soldi avrò cmq 2 proprietà immobiliari che magari varranno poco ma sempre qualcosa varranno, ed in più 4 soldi di pensione.
Sono davvero così pazzo ad avere fatto questa scelta come molti dicono? Io penso proprio di no...
Grazie.
 
Se ti capita un imprevisto....... di qualsiasi genere che fai?
 
ti butti in mare con i sassi nelle tasche
 
palese sia tutto inventato, a parte ciò gli spunti puoi trovarli tutti nei vari volumi di "vivere di rendita, posso"
tanto se stai ai caraibi avrai sicuramente tempo libero per leggerli tutti :p
 
Come non avere rispetto per una scelta personale'?
Io posso solo azzardare una valutazione: considerare di mettere in vendita fin da subito quegli immobili (il che non significa venderli, ma intanto prevederne la possibilità). Almeno quello che già possiedi, l'altro immagino non sia possibile.
Chiediti se ti renderebbe di più il cash realizzato se ben investito, o l'immobile stesso. Sono valutazioni che solo tu puoi fare.
 
Ho l'impressione che alla gente piaccia morire con i soldi nella tomba, e accumulare fino a non so quanto ma a me no.
A parte i commenti banali di chi non sa cosa dire l'unico spunto interessante al momento è quello di Plak. Io però non ho voglia di investire proprio niente.
 
Bè, io ho un figlio e l'intenzione è di lasciargli qualcosina. Il che non significa fare una vita di soli sacrifici, si fanno dei compromessi.
 
Bè, io ho un figlio e l'intenzione è di lasciargli qualcosina. Il che non significa fare una vita di soli sacrifici, si fanno dei compromessi.

Io non ne ho e sono solo al mondo da 5 anni. Ho fatto una scelta e non mi frega nulla di fare investimenti che mi fruttino altro danaro quando quello che ho mi basta. Ripeto, non giudicate ma date una risposta concreta, poi tanto ho già deciso di vivere come mi pare.
 
Fai bene, peccato per quei 52 anni buttati a lavorare, io farò di meglio
 
Io non ne ho e sono solo al mondo da 5 anni. Ho fatto una scelta e non mi frega nulla di fare investimenti che mi fruttino altro danaro quando quello che ho mi basta. Ripeto, non giudicate ma date una risposta concreta, poi tanto ho già deciso di vivere come mi pare.

Hai messo in conto che la pensione sarà misera ? , poi non hai detto almeno a spanne quanto valgono gli immobili
Vero che non devi niente a nessuno e a maggior ragione se non hai figli ma se hai bisogno di assistenza che fai ?
L'assistenza sanitaria dove vivi attualmente com'è ? nel caso avessi bisogno dell'assistenza di una persona come pensi di fare ?
 
Io non ne ho e sono solo al mondo da 5 anni. Ho fatto una scelta e non mi frega nulla di fare investimenti che mi fruttino altro danaro quando quello che ho mi basta. Ripeto, non giudicate ma date una risposta concreta, poi tanto ho già deciso di vivere come mi pare.

Ho parlato di imprevisti non di banalità
 
Io non ne ho e sono solo al mondo da 5 anni. Ho fatto una scelta e non mi frega nulla di fare investimenti che mi fruttino altro danaro quando quello che ho mi basta. Ripeto, non giudicate ma date una risposta concreta, poi tanto ho già deciso di vivere come mi pare.

hai fatto benissimo se fosse davvero così

ho dei però da chiederti
tipo: io sono stato ai caraibi per circa 5 mesi, ho girato davvero tutto in barca, innamorandomi di t&caicos. C'è da dire però che ad eccezione delle isole maggiori, cayman et similia, sul resto non c'è niente. Va da sè che ogni qual volta scendevo a terra, o mi adattavo a fare la vita del locale, oppure era un salasso
Ed è difficile per un occidentale vivere così, come appunto i locali. Mi domando quindi come hai vissuto il distacco e la differenza di vita
 
Ho l'impressione che alla gente piaccia morire con i soldi nella tomba, e accumulare fino a non so quanto ma a me no.
A parte i commenti banali di chi non sa cosa dire l'unico spunto interessante al momento è quello di Plak. Io però non ho voglia di investire proprio niente.

sul fatto che alla laggior parte degli italiani piaccia morire con i soldi nella tomba ti do pienamente ragione. vedo gente single con capitali a 9 zeri che si fanno seg...he mentali mai viste ...per cui complimenti per la scelta...anche se un po' azzardata visto il capitale esiguo 200k.non sei pazzo anzi sei conscio del fatto che finirai i tuoi risparmi nel giro di 13/15 anni sempre che non ti capiti qualche imprevisto( sgrat sgrat) in tal caso te ne torni in Italia. se tutto va come deve andare venderai il primo immobile quando avrai finito i soldi e mangerai il capitale nel giro di altri 10/12 anni ( dipende dal valore dell'immobile).a quel punto a 80 anni.ti restano sempre una pensione anche se minima e un altro immobile .la cosa che trascuri secondo me e' che dove vivi nel giro di qualche anno la vita costera' di piu' con la concreta possibilita' di erodere il capitale prima.se vuoi rispondere.....dove vivi ai caraibi con soli 1000 euro al mese?? credo localita' non turistica....
 
Buongiorno a tutti, chiedo scusa per il tema già discusso ma il mio caso è specifico e sto cercando risposte nette e non giudizi.
Considerando l'inflazione io presumo di aver calcolato bene in 13 anni circa l'azzeramento del capitale liquido (avrò 70 anni, magari muoio prima però). Finiti questi soldi avrò cmq 2 proprietà immobiliari che magari varranno poco ma sempre qualcosa varranno, ed in più 4 soldi di pensione.

che inflazione hai calcolato?
partendo da 14k annui di spese, inflazione +2.5% annua, considerando 4,80 k annui canone affitto e 200k capitale liquido i soldi finiscono al 16° anno.
e ciò SENZA mettere a reddito il capitale liquido.
 
Buongiorno a tutti, chiedo scusa per il tema già discusso ma il mio caso è specifico e sto cercando risposte nette e non giudizi.
Premetto che ho 57 anni, vivo nei Caraibi e ho alle spalle 30 anni di contributi previdenziali.
La pensione mi interessa relativamente e infatti mi sono licenziato senza pensarci due volte, quando avrò l'età anagrafica mi prenderò quello che mi daranno, punto.
Ho smesso di lavorare da 5 anni, non ho intenzione di riprendere.
Ho una casa di proprietà in Italia che mi rende circa 400 euro netti al mese di regolare affitto.
Un'altra proprietà immobiliare in una metropoli del nord italia della quale entrerò in possesso tra una decina di anni.
Ho un capitale attuale di circa 200.000 euro liquidi.
Attualmente vivo con 1.000 euro al mese, 12.000 all'anno, cui si sommano circa 2.000 euro per gli spostamenti aerei. Quindi 14.000.
A me non interessa preservare il capitale, intendo consumarlo a mio piacere non dovendo lasciarlo a nessuno, anno dopo anno.
Considerando l'inflazione io presumo di aver calcolato bene in 13 anni circa l'azzeramento del capitale liquido (avrò 70 anni, magari muoio prima però). Finiti questi soldi avrò cmq 2 proprietà immobiliari che magari varranno poco ma sempre qualcosa varranno, ed in più 4 soldi di pensione.
Sono davvero così pazzo ad avere fatto questa scelta come molti dicono? Io penso proprio di no...
Grazie.


OK!
 
Complimenti per la scelta.
L'unica cosa che devi tenere sotto controllo è l'inflazione reale, ovvero il reale potere di acquisto dei tuoi soldi.
Paradossalmente se tu vivessi in Italia (Europa) sarebbe molto più facile, dato che almeno per i prossimi 10 anni di inflazione non si vede neanche l'ombra.
 
Ultima modifica:
io venderei l'immobile affittato sia perchè ingestibile da lontano (non ti chiedo come fai perchè non ci crederei cmq :P) sia perchè il valore diminuirà nel tempo. poi una parte del liquido la terrei in un deposito vincolato a breve (da quel dici non ti vuoi fucilare il capitale) almeno cerco di coprire l'inflazione
 
Personalmente da 10 anni sto monitorando tutte le uscite, e devo dire che l' inflazione per noi piccoli rentier è una cosa secondaria.
In primis per chi come me vive 5-6 mesi all' anno fuori da sta zona merdeuro (Principalmente Asia come Thailandia,Malesya, Indonesi,Cambogia.) (Oppure zona Caraibi, Rep.Dominicana, Cuba, Brasile, Belize) i prezzi e l 'inflazione sono diversi.
Basta poco per fare la differenza, esempio un anno decido di saltare 2 mesi di vacanza e son già rientrato di 1/3 di spesa annua media Italica.
Di contro son capitati anni in cui facevo vacanze oltre il periodo prefissato, quindi magari 2-3 mesi in più e li salta il budget se non riesci a guadagnarli (A me entrano col trading)
 
Come si fa a vivere con 14k annui ?
Impossibile
 
Indietro