Ucraina Vs. Russia. Vicini alla guerra (anche potenzialmente mondiale) Vol.10

gianni marco

Nuovo Utente
Registrato
1/6/17
Messaggi
10.520
Punti reazioni
353
I ministri degli Esteri di Estonia, Finlandia, Islanda, Lettonia, Lituania, Norvegia e Svezia hanno visitato l'Ucraina
Leggi in russo
I ministri degli Esteri di Estonia, Finlandia, Islanda, Lettonia, Lituania, Norvegia e Svezia hanno visitato l'Ucraina
I ministri degli Esteri di Estonia, Finlandia, Islanda, Lettonia, Lituania, Norvegia e Svezia hanno visitato l'Ucraina

Lunedì 28 novembre sono arrivati ​​a Kiev i ministri degli Esteri dei paesi baltici settentrionali - Estonia, Finlandia, Islanda, Lettonia, Lituania, Norvegia e Svezia.

Incontreranno funzionari ucraini di alto rango e discuteranno dell'ulteriore sostegno all'Ucraina nella lotta contro lo stato terrorista della Russia.

Lo ha annunciato sul suo Twitter il ministro degli Esteri lettone Edgars Rinkevičs . Ha pubblicato una foto di una delegazione straniera arrivata alla stazione ferroviaria della capitale ucraina e ha osservato che questo è il più grande gruppo di ministri che ha visitato l'Ucraina dall'inizio dell'aggressione russa.

"I ministri degli esteri dei paesi baltici settentrionali sono in visita a Kiev e incontrano funzionari ucraini di alto rango. Questo è il più grande gruppo di ministri che ha visitato l'Ucraina dall'inizio dell'aggressione russa. La questione principale è come sostenere ulteriormente l'Ucraina", ha affermato Rinkevich.
I ministri degli Esteri di Estonia, Finlandia, Islanda, Lettonia, Lituania, Norvegia e Svezia hanno visitato l'Ucraina. Foto
 

gianni marco

Nuovo Utente
Registrato
1/6/17
Messaggi
10.520
Punti reazioni
353
Oleksandr Lukashenko ha annunciato un nuovo incontro con il presidente russo Vladimir Putin, affermando che ci sono problemi tra Mosca e Minsk che richiedono una loro discussione congiunta.

"Ci sono alcune inibizioni, purtroppo, burocratiche. Ne parleremo, riguarda la nostra cooperazione con la Russia in generale. Incontreremo il presidente della Russia nel prossimo futuro. Discuteremo anche di questi temi", ha detto, secondo rossMMI , scrive Unian.

Secondo Lukashenka, si tratta presumibilmente di questioni economiche e problemi che impediscono la sostituzione delle importazioni:

"Questa è la cosa più importante per noi ora. Quest'anno ha già dimostrato che possiamo farcela. Ci vuole solo un po' di tempo, ma ce la faremo".

Allo stesso tempo, Lukashenko non ha nominato la data dell'incontro previsto.
 

ccc

Nuovo Utente
Registrato
14/6/09
Messaggi
45.435
Punti reazioni
559
https://lindro.it/ucraina-lo-stratagemma-della-pace-potrebbe-servire-alla-russia-per-riarmarsi/

Ucraina: lo stratagemma della pace potrebbe servire alla Russia per riarmarsi
Un cessate il fuoco fornirà all'esercito russo il respiro di cui ha bisogno prima di rinnovare il suo assalto alla nazione ucraina.
Con la Russia che ora sta chiaramente perdendo la guerra in Ucraina, Vladimir Putin sta cercando di tornare al tavolo dei negoziati. Da più di un mese, funzionari del Cremlino e delegati del regime chiedono colloqui e posizionano la riluttanza ucraina come un ostacolo al progresso verso la pace.

A prima vista, questi appelli possono sembrare allettanti. Dopotutto, la guerra scatenata dal Cremlino a febbraio ha causato indicibili sofferenze umane nella stessa Ucraina e ha scatenato una crescente crisi economica globale. Allo stesso tempo, i politici occidentali non devono sopravvalutare la disponibilità della Russia a porre fine all’invasione. In realtà, Putin cerca di assicurarsi una pausa piuttosto che la pace.

Nonostante le battute d’arresto sul campo di battaglia degli ultimi mesi, lo Stato russo rimane relativamente forte. Ciò porta Putin a credere che alla fine potrà ancora raggiungere i suoi obiettivi militari se riuscirà a sopraffare l’Ucraina e sopravvivere all’Occidente. Tuttavia, il suo esercito ha un disperato bisogno di tempo per riorganizzarsi e riarmarsi. Centinaia di migliaia di russi mobilitati sono in formazione. Nuove armi vengono reperite e preparate. Un cessate il fuoco fornirà all’esercito russo il respiro di cui ha bisogno prima di rinnovare il suo assalto alla nazione ucraina.

Finora, l’Ucraina ha rifiutato l’idea di negoziati, con i funzionari di Kiev che affermano di non credere che la Russia sia sinceramente interessata alla pace.
Tuttavia, l’apparente entusiasmo della Russia per i colloqui ha generato una notevole attenzione internazionale e ha portato a un vivace dibattito sull’opportunità di una svolta diplomatica. Molti di coloro che attualmente sostengono un ritorno al tavolo dei negoziati sembrano essere guidati da una serie di presupposti falsi e pericolosi sulla Russia moderna.

Il presupposto più ovviamente errato è che un cessate il fuoco porterebbe pace e stabilità. Mosca ha una lunga tradizione di ignorare qualsiasi accordo non appena è conveniente farlo e non ha alcuna credibilità come partner nei negoziati. In effetti, esperti di spicco della TV russa ammettono apertamente che l’attuale spinta ai colloqui è uno stratagemma per riorganizzarsi e continuare la guerra in condizioni più favorevoli.

È un grave errore presumere che i politici e i leader economici russi siano guidati dagli stessi valori delle loro controparti occidentali.

Come i suoi predecessori zaristi e sovietici, la Russia di Putin rimane uno stato profondamente autoritario che poggia su solide fondamenta di burocrati, forze dell’ordine e personale militare che conta molti milioni. Finché questo nucleo rimane intatto, Putin ha poco da temere. Non ci saranno rivolte interne, anche se manda a morire in Ucraina ondate su ondate di reclute scarsamente addestrate. Coloro che si oppongono alla guerra o si rifiutano di partecipare tendono a considerare futile la protesta e preferiscono lasciare il Paese.:rolleyes:

La guerra ha reso la maggior parte dei russi significativamente più povera, ma non è nemmeno riuscita a innescare disordini sociali significativi. Al contrario, è probabile che l’aumento della povertà rafforzi la stabilità del regime e spinga più giovani russi a entrare nell’esercito. Un numero sproporzionatamente elevato delle truppe che attualmente combattono in Ucraina proviene dalle regioni più povere della Russia.

È anche importante riconoscere il profondo entusiasmo dell’opinione pubblica russa per la guerra in Ucraina. La stragrande maggioranza dei russi non ha visto nulla di sbagliato nell’invasione e occupazione della Crimea del 2014. Allo stesso modo, un sondaggio dopo l’altro indica un chiaro sostegno della maggioranza all’attuale invasione. Nonostante la diffusa conoscenza dei crimini di guerra commessi in Ucraina, non esiste alcun movimento contro la guerra di cui parlare nella Russia di oggi. Le mogli e le madri dei soldati russi pubblicano prontamente video sui social media lamentandosi della mancanza di addestramento offerto ai loro uomini mobilitati, ma nessuna protesta per la guerra stessa.

Tali atteggiamenti riflettono l’efficacia della macchina di propaganda creata dal regime di Putin. Negli ultimi due decenni, il Cremlino ha riaffermato lentamente ma costantemente il controllo centrale sull’intero spazio informativo russo. Questo controllo è stato utilizzato per alimentare la paranoia anti-occidentale e riabilitare il passato autoritario. Gli ucraini sono stati demonizzati e disumanizzati a tal punto che molti russi ordinari non mettono più in dubbio la necessità di distruggere lo stato ucraino e di estinguere l’identità nazionale ucraina.

Nonostante una serie di imbarazzanti sconfitte e ritirate, l’invasione russa dell’Ucraina è tutt’altro che conclusa. Il regime di Putin rimane fondamentalmente sicuro in patria e l’esercito russo continua a occupare parte dell’Ucraina. Mosca può teoricamente mobilitare molti milioni di russi per sostenere l’invasione e può anche contare su consegne di armi da paesi come Iran, Bielorussia e Corea del Nord. Sul fronte interno, il Cremlino sta attivamente mettendo l’intera economia russa su una base di guerra come parte degli sforzi per aumentare la produzione militare e prepararsi a quella che promette di essere una lunga guerra.

Ci sono poche ragioni per credere che le attuali aperture di pace del Cremlino siano sincere.
I politici e i commentatori occidentali devono stare attenti a non presumere che la Russia sia in condizioni così pessime da essere pronta a fare il tipo di profonde concessioni necessarie per una pace giusta e duratura. Gli ucraini sono fermamente convinti che un accordo duraturo sarà possibile solo dopo la sconfitta decisiva della Russia. Qualunque cosa al di fuori di questo sarà una pace prematura che porterà a più guerre.
 

gianni marco

Nuovo Utente
Registrato
1/6/17
Messaggi
10.520
Punti reazioni
353
Dall'inizio dell'invasione su larga scala della Federazione Russa in Ucraina, sono morte 101 militari ucraine.

Questo è stato riportato nella dichiarazione del ministro della Difesa dell'Ucraina, Oleksiy Reznikov.

"Sono morte 101 militari donne. Contiamo 50 dispersi, più di 100 feriti", ha detto Reznikov.

Ha detto che 50 donne hanno già ricevuto riconoscimenti statali e hanno il titolo di Heroes of Ukraine postumo. Il ministro ha aggiunto che 59.786 donne prestano servizio nelle forze armate dell'Ucraina. Di loro, 41.000 sono militari e 19.000 sono lavoratori civili. Circa 5.000 donne prendono parte in prima linea.

Il ministro ha aggiunto che a luglio le donne nelle Forze armate erano 38.629. Ha affermato che la dinamica di crescita è significativa.
 

gianni marco

Nuovo Utente
Registrato
1/6/17
Messaggi
10.520
Punti reazioni
353
La NATO sta valutando la possibilità di fornire caccia MiG-29 e F-16 all'Ucraina - Bloomberg
29 novembre, 11:26
1945
Condividere:
Combattente F-16 (Foto: ultramac/flickr.com)

Combattente F-16 (Foto: ultramac/flickr.com)

I leader della NATO stanno nuovamente valutando l'idea di fornire all'Ucraina aerei da combattimento MiG-29 e F-16 americani, che hanno abbandonato all'inizio dell'aggressione russa su vasta scala, ha riferito Bloomberg .

Come scrive l'ammiraglio americano in pensione James Stavridis nella sua colonna per l'agenzia, sullo sfondo di massicci attacchi missilistici da parte della Federazione Russa, l'Occidente dovrebbe aumentare il suo sostegno agli sforzi di difesa aerea ucraini.

Stavridis suggerisce che l'Ucraina potrebbe ottenere ancora più sistemi missilistici aria-superficie ad alta tecnologia , sistemi Patriot e possibilmente aerei da combattimento tattici.
Leggi anche:
Tom Cooper
Tom Cooper
Errore MiG-23. Su cosa sta scommettendo la Russia con i suoi aerei da combattimento

" I leader nelle capitali dei paesi della NATO stanno anche rivedendo l'idea abbandonata nei primi giorni di guerra: fornire o combattenti MiG-29 dell'era sovietica ( i polacchi si offrirono di trasferirli agli ucraini), o anche americani in eccedenza F-16: un caccia multiuso facile da usare", scrive

Stavridis ha sottolineato che senza tali misure la guerra aerea continuerà a favorire Putin.

A settembre, Politico, citando fonti, ha scritto che l'Ucraina non chiede più pubblicamente agli Stati Uniti sistemi missilistici antiaerei Patriot, caccia F-16 e droni Grey Eagle, ma spera di accordarsi sulla fornitura cambiando le sue tattiche negoziali.

Secondo The Spectator, in Polonia, gli Stati Uniti hanno deciso di non trasferire i caccia MiG-29 in Ucraina nel maggio di quest'anno dopo il non dichiarato intervento della Cina.
 

ccc

Nuovo Utente
Registrato
14/6/09
Messaggi
45.435
Punti reazioni
559
https://www.fanpage.it/esteri/i-rus...dai-sondaggi-emerge-il-dissenso-contro-putin/

I russi sono stanchi della guerra: dai sondaggi emerge il dissenso contro Putin
“Aumenta la percentuale di chi vorrebbe trattative di pace, principalmente tra le donne”, secondo la ricerca dell’istituto Levada. La società è sempre più pessimista. Il probabile nuovo ricorso alla coscrizione obbligatoria minerebbe il sostegno al regime.

La guerra pesa sul morale dei russi. Temono nuove mobilitazioni e che il Paese sia in un vicolo cieco. Non riescono a immaginare il futuro. La maggioranza vuole la pace. È quanto emerge dagli studi sull’opinione pubblica condotti in novembre dal centro statistico Levada, anticipa a Fanpage.it il sociologo responsabile della ricerca. Se Vladimir Putin ricorresse ancora alla coscrizione obbligatoria — e ci sono indizi che lo farà — potrebbe alienarsi la popolazione. Soprattutto le donne.
Senza un domani

"La gente non vede come la Russia potrà uscire dalla situazione in cui si è messa in Ucraina, e ritiene che neanche al Cremlino lo sappiano", spiega al telefono da Mosca Alexey Levinson, capo del dipartimento Ricerche socio-culturali dell’istituto di sondaggi. Il Centro Levada è indipendente dal governo, che lo ha dichiarato "agente straniero" ma si guarda bene dal chiuderlo: i sondaggi indipendenti servono anche a Putin. Nella scorsa settimana, Levinson ha condotto una serie di focus group in diverse città. Condivide con noi le sue osservazioni: "La cosa che preoccupa i russi è la mancanza di comprensione del possibile esito di tutto questo", nota il sociologo. “Non riescono a raffigurarsi un futuro, un ‘dopo’. Non si capisce quali siano gli obiettivi della guerra. Così aumentano sempre più le persone favorevoli a negoziati di pace”.

Si rafforza quindi la tendenza rilevata in ottobre, quando già il 57% degli intervistati era a favore della trattativa. I dati raccolti nell’ultimo mese sono in fase di elaborazione e verranno pubblicati solo nei prossimi giorni. Ma registreranno con ogni probabilità un ulteriore aumento dei "pacifisti". "Sono soprattutto le donne che vogliono la fine del conflitto", rivela intanto Levinson. "È un fatto importante: la parte femminile della società è ora leader del ‘partito della pace’". Che non è un vero partito né è necessariamente contro Putin ma, almeno al momento, è in evidente disaccordo con lui sul da farsi in Ucraina.
Il "partito" delle donne

Il movimento "Resistenza femminista contro la guerra", insieme a un gruppo di iniziativa di madri dei soldati mobilitati tra settembre e ottobre, ha appena pubblicato una lettera aperta che chiede la fine delle ostilità e la ritirata delle truppe russe dal territorio ucraino. Il documento è indirizzato ai parlamentari della Duma e del Consiglio della Federazione. Contiene anche un appello per l’adozione di leggi contro la violenza domestica. Oltre 32,500 vittime l’anno, secondo dati di Statista. Ma in Russia, a meno che le lesioni non siano gravi, picchiare ogni tanto la moglie non è un reato: Putin lo ha depenalizzato nel 2017.:rolleyes::rolleyes:

L’attivismo delle donne contro la guerra si è intensificato, nelle ultime settimane. Si sono costituiti comitati di mamme e mogli dei coscritti, per rivendicare quantomeno i diritti di chi
è stato spedito sui fronti ucraini senza neanche un addestramento e un equipaggiamento adeguati. Hanno chiesto più volte di incontrare il presidente.

La pagina del più insistente e critico di questi comitati su VKontakte, il Facebook made in Russia, è stata bloccata dalle autorità. Ma il presidente un gruppo di madri di soldati alla fine lo ha ricevuto. Una farsa: erano tutte dame dell’alta società putiniana, ha scoperto il canale Telegram Mozhem Obyasnit. Gente che nemmeno sotto tortura farebbe mai una domanda scomoda allo zar.

“È tuttavia un segnale importante, chiunque fossero quelle signore: per la prima volta il leader del Cremlino ha riconosciuto che c’è qualcosa che non va”, dice Alexey Levinson. “E che i problemi legati al conflitto in corso sono socialmente sensibili, perché stanno toccando i sentimenti di molte persone”.
La rivolta può attendere

Le madri dei soldati in passato hanno avuto un ruolo importante nel contrastare le avventure belliche di Mosca. Negli anni ’80 furono le prime a opporsi alla guerra in Afghanistan. Durante la prima guerra cecena, alla metà degli anni ’90, furono protagoniste di azioni di protesta clamorose diventando il simbolo dell’opposizione pubblica al conflitto, tra i principali motivi che convinsero Boris Yeltsin, il presidente di allora, a dichiarare il cessate il fuoco e a firmare poi un trattato di pace.

Nella Russia di Putin, però, non c’è da aspettarsi alcunché di simile, secondo Levinson. “La realtà sociale è completamente diversa rispetto a quella dei tempi di Gorbachev o di Yeltsin. La repressione del dissenso e la pressione dei servizi di sicurezza e della polizia hanno colpito la propensione a protestare. È già molto che nei sondaggi oggi si possa anche solo pronunciare la parola ‘pace’: nei primi mesi della ‘operazione speciale’ in Ucraina era proibita”. Inoltre, aggiunge il sociologo, adesso a criticare il Cremlino non sono tanto le mamme quanto le mogli dei coscritti: "Ed è una circostanza ricca di conseguenze, perché la madre nella cultura russa gode di un prestigio che la moglie non ha". Meno influenza sulla società, quindi. D’altra parte, l’età più giovane delle potenziali "nemiche" del regime e la loro maggior presenza nelle attività lavorative potrebbero nel lungo termine creare non pochi fastidi al presidente.
Verso una nuova mobilitazione

Fatto sta che anche un nuovo richiamo alle armi probabilmente non provocherebbe rivolte. A Mosca tutti se lo aspettano. La mobilitazione parziale proclamata a fine settembre è stata dichiarata conclusa ma il decreto che la istituiva non è mai stato annullato. Ci sarà pure un motivo. Intanto, è stata annunciata una riorganizzazione degli uffici di leva. Potranno contare su un database elettronico unico dei possibili coscritti, con informazioni particolareggiate su ognuno. Numeri di telefono e indirizzi e-mail compresi. Lo scopo è quello di evitare che si ripeta il caos verificatosi con la prima mandata di reclutati, quando sono state richiamate persone disabili e sono sfuggiti alla cartolina molti degli effettivamente arruolabili.

Le ragioni per mandare altri ragazzi russi a morire ci sono tutte, dal punto di vista del Cremlino: fonti militari e dei servizi segreti hanno raccontato al sito di notizie Important Stories che il governo prevede 100mila perdite entro l’estate tra gli ultimi mobilitati. E che intende rimpiazzare i caduti e i feriti con 120mila reclute. Putin non abbandona l’obiettivo di prendere Kyiv ed è pronto a combattere per anni, dicono le stesse fonti.

Secondo lo Stato maggiore delle forze armate ucraine, una "mobilitazione nascosta inizierà" già dal prossimo 10 dicembre, in Russia. L’impatto sociale sarebbe drammatico. "Prima della mobilitazione di fine settembre i cittadini, sottoposti a una martellante propaganda secondo cui tutto andava bene, erano rimasti praticamente indifferenti alla guerra in Ucraina", ricorda Alexey Levinson. Poi, tutto è cambiato.

Alla mancanza di una prospettiva chiara sul loro futuro i russi sono allenati. "Il regime attuale è sempre stato silente rispetto al futuro, non per qualche arcano motivo di segretezza ma proprio perché non ne ha alcuna idea", argomenta Levinson.

Durante la preparazione di questa guerra e ancor più dopo l’invasione, Putin ha creato per il suo Paese una sorta di ideologia fondata sui cosiddetti valori tradizionali, sulla contrapposizione all’Occidente e su un imperialismo volutamente malcelato. Ricorrendo ai miti della Storia patria, e quindi al passato, si vogliono stimolare le coscienze e compensare la mancanza di chiarezza sul futuro. La guerra, intanto, serve a stringere la gente intorno alla bandiera.

Il sistema creato nel corso degli ultimi vent’anni da autoritario sta trasformandosi in totalitario e quindi — dicono i politologi — necessita della mobilitazione delle masse per autoconsevarsi. Non bastano più l’apatia e l’indifferenza.:rolleyes::rolleyes:

Il sovrano chiama i cittadini a un impegno attivo. Niente più della mobilitazione militare può rappresentare questo impegno. La ricerca di Levada indica però che la mobilitazione militare per i russi è solo "uno shock tremendo che alimenta il pessimismo", riferisce Levinson. Altro che entusiasmi totalitari.

La prosecuzione della guerra e l’invio di nuova carne da macello sui fronti ucraini — se avverrà — non porterà forse a una Rivoluzione russa del terzo millennio. Ma sulla società avrà conseguenze opposte a quelle cercate dal presidente. Allontanando sempre più le coscienze dei cittadini dalle torri del Cremlino. Con effetti che a lungo andare potrebbero diventare fatali, per il totalitarismo ibrido di Vladimir Putin.
 
Ultima modifica:

gianni marco

Nuovo Utente
Registrato
1/6/17
Messaggi
10.520
Punti reazioni
353
C'è un nuovo incendio nella Federazione Russa: i serbatoi di carburante stanno bruciando vicino a Bryansk (foto, video)
Caterina Schwartz

09:15, 30.11.22
2 minuti
1128
AGGIORNATO
L'area del fuoco è già di 4 mila metri quadrati. Kv. Metri.

Serbatoi con prodotti petroliferi stanno bruciando nella regione di Bryansk / screenshot
Serbatoi con prodotti petroliferi stanno bruciando nella regione di Bryansk / screenshot
La mattina di mercoledì 30 novembre, serbatoicon prodotti petroliferi hanno preso fuoco nella regione russa di Brjansk.

Secondo il governatore della regione, Alexander Bogomaz, nel suo canaleTelegram, non sono state ricevute informazioni sulle vittime.

"Più di 80 persone e 30 attrezzature, tra cui un treno dei pompieri, sono stati coinvolti nello spegnimento. Inoltre, è stato inviato un gruppo di aeromobili della Direzione principale del Ministero delle Emergenze della Russia nella regione di Brjansk", ha scritto.

Si noti che l'incendio è scoppiato nel distretto di Suraj.

L'area del fuoco è già di 4 mila metri quadrati. Kv. metri, hanno detto i servizi di emergenza.

Secondo RosSMI, i serbatoi diesel hanno preso fuoco presumibilmente a causa dell'ingresso di munizioni non identificate, che sarebbero state lasciate cadere da un drone. Ci sono informazioni che due carri armati stanno bruciando.


Nella regione di Bryansk, i serbatoi con prodotti petroliferi stanno bruciando
Incendi in Russia: le ultime notizie
Recentemente, unpotente incendio è scoppiato sul territorio della Angarsk Petrochemical Company nella regione di Irkutsk dellaFederazione Russa. È stato riferito che l'incendio è stato combattuto per più di quattro ore.

Esotto la russa Chelyabinsk, una potente esplosione tuonò. Una colonna di fumo nero si alzò sopra la città dall'incendio. L'incidente è avvenuto nella cava Starosmolinsky vicino al villaggio di Novosyneglazovo.
 

gianni marco

Nuovo Utente
Registrato
1/6/17
Messaggi
10.520
Punti reazioni
353
In Russia c'è stata un'esplosione alla centrale termica: è scoppiato un incendio su larga scala (foto, video)

Kateryna Schwartz
11:49, 30.11.22
1 minuto.
800

Tre persone sono rimaste ferite.
È scoppiato un incendio nella centrale termoelettrica di Perm / screenshot
È scoppiato un incendio nella centrale termoelettrica di Perm / screenshot

A Perm, in Russia, c'è stata un'esplosione al CHP-9 nel distretto industriale ed è scoppiato un forte incendio. Enormi nuvole di fumo si alzavano sopra la città.

Secondo rosZMI, il tetto dell'officina su un'area di 1.500 metri quadrati è in fiamme e c'è la minaccia che l'incendio si propaghi ad altri edifici. Circa 500 persone sono state evacuate dai locali CHP.

Non si sa cosa abbia causato esattamente l'incendio.

Come ha affermato uno dei dipendenti CHP, l'incendio si è verificato "nel sistema di controllo dell'olio TG-10 (turbogeneratore) o sul cuscinetto anteriore del TG-10".

Tre persone sono rimaste ferite durante l'incendio, hanno detto i soccorritori. Due di loro sono stati ricoverati nel reparto ustionati. Uno è in uno stato di morte clinica.
 

gianni marco

Nuovo Utente
Registrato
1/6/17
Messaggi
10.520
Punti reazioni
353
Yermak sui prigionieri russi vicino a Bakhmut: vengono portati in posizioni senza armi, come "carne"

Marta Hychko
11:50, 30.11.22
2 minuti.
365

Le armi vengono sollevate dai cosiddetti "cammelli" prima dell'ordine di correre avanti.
Yermak ha raccontato come la Federazione Russa lancia prigionieri vicino a Bakhmut / foto del Ministero della Difesa della Federazione Russa

Il PVK "Wagner" guida i detenuti reclutati nella direzione di Bakhmut con la speranza di indebolire la difesa ucraina. Dietro di loro c'è il personale militare della Federazione Russa.

Come ha detto il capo dell'ufficio del presidente, Andriy Yermak, la stessa scena si svolge ogni giorno vicino a Bakhmut. Zeky per PVK "Wagner" - "carne".

"Sono come "carne" portata nelle posizioni senza armi. Poi i cosiddetti "cammelli" portano queste armi ancor prima dell'ordine di correre in avanti. Prendono una mitragliatrice, senza giubbotti antiproiettile ed elmetti, e fanno irruzione nelle nostre posizioni. Sono prigionieri russi, reclutati da "Wagner", ha osservato Yermak.

Secondo lui, ogni giorno "Wagner" spinge centinaia di queste persone in battaglia nella speranza che possano indebolire la difesa ucraina. Dietro questa "carne" c'è il personale dell'esercito russo.

"Niente cambia nell'orda. Le persone hanno sempre avuto carne e lo rimarranno finché non alzeranno la testa", ha detto Yermak.
Leggi anche:
Cosa sta succedendo sotto Bakhmut

Il 28 novembre, l'Eastern Group of Forces ha riferito che Bakhmut è l'epicentro della battaglia principale per l'Ucraina.*

Secondo l'American Institute for the Study of War, le truppe russe sono avanzate a sud di Bakhmut, ma non riusciranno a circondare la città .

La polizia della regione di Donetsk ha riferito che più di 300 bambini rimangono in città .*

Andrii Illenko, ufficiale del battaglione "Svoboda" della 4a brigata della Guardia nazionale ucraina, afferma che i russi hanno aumentato i bombardamenti , ma la città, così come le strade principali, sono sotto il controllo dell'esercito ucraino.
 

ccc

Nuovo Utente
Registrato
14/6/09
Messaggi
45.435
Punti reazioni
559
11:25
Madre soldato russo accusa Putin e Shoigu, "loro stanno al caldo"

La madre di un soldato russo catturato in Ucraina otto mesi fa ha attaccato il presidente Vladimir Putin e il ministro della Difesa Shoigu sostenendo che loro se ne stanno al caldo e le autorità russe non fanno niente per riportare indietro il ragazzo. Iryna Chistyakova ha rilasciato la dichiarazione al briefing del "Consiglio delle madri e delle mogli dei militari" che ha pubblicato il video, rilanciato dai media ucraini. La donna ha mostrato la foto del figlio Kyrylo: "Questo è mio figlio e ho bisogno di lui. Putin non ha bisogno di lui, Shoigu non ha bisogno di lui. Stanno seduti, al caldo. Non sono in trincea e non sono in prigione da 8 mesi in Ucraina. Con i nazisti, come si suol dire. La domanda è: perché i nazisti fanno uscire i nostri prigionieri in condizioni normali? Forse non ci stanno dicendo qualcosa e non ci sono affatto nazisti lì?".

Iryna Chistyakova ha riferito che in realtà l'Ucraina ha salvato la vita di suo figlio e gli agenti speciali di Kiev le avrebbero offerto il loro aiuto per trovare Kyrylo. "Siamo bestiame noi? Non abbiamo messo al mondo i nostri figli perché nessuno risolva i problemi. Non fate arrabbiare noi madri.
Ridateci i nostri figli", ha chiesto. La donna ha viaggiato dalla Carelia a Donetsk, poi a Mariupol, e poi ha trascorso una settimana all'obitorio di Rostov sul Don senza trovare il figlio. Solo pochi giorni fa ha ricevuto la conferma che è detenuto in Ucraina.*
 

gianni marco

Nuovo Utente
Registrato
1/6/17
Messaggi
10.520
Punti reazioni
353
11:25
Madre soldato russo accusa Putin e Shoigu, "loro stanno al caldo"

La madre di un soldato russo catturato in Ucraina otto mesi fa ha attaccato il presidente Vladimir Putin e il ministro della Difesa Shoigu sostenendo che loro se ne stanno al caldo e le autorità russe non fanno niente per riportare indietro il ragazzo. Iryna Chistyakova ha rilasciato la dichiarazione al briefing del "Consiglio delle madri e delle mogli dei militari" che ha pubblicato il video, rilanciato dai media ucraini. La donna ha mostrato la foto del figlio Kyrylo: "Questo è mio figlio e ho bisogno di lui. Putin non ha bisogno di lui, Shoigu non ha bisogno di lui. Stanno seduti, al caldo. Non sono in trincea e non sono in prigione da 8 mesi in Ucraina. Con i nazisti, come si suol dire. La domanda è: perché i nazisti fanno uscire i nostri prigionieri in condizioni normali? Forse non ci stanno dicendo qualcosa e non ci sono affatto nazisti lì?".

Iryna Chistyakova ha riferito che in realtà l'Ucraina ha salvato la vita di suo figlio e gli agenti speciali di Kiev le avrebbero offerto il loro aiuto per trovare Kyrylo. "Siamo bestiame noi? Non abbiamo messo al mondo i nostri figli perché nessuno risolva i problemi. Non fate arrabbiare noi madri.
Ridateci i nostri figli", ha chiesto. La donna ha viaggiato dalla Carelia a Donetsk, poi a Mariupol, e poi ha trascorso una settimana all'obitorio di Rostov sul Don senza trovare il figlio. Solo pochi giorni fa ha ricevuto la conferma che è detenuto in Ucraina.*

putin per minimizzare i soldati morti durante l'operazione speciale Ucraina, ha deciso che si possono tranquillamente sommare ai tanti morti russi causati dagli incidenti stradali e dall'alcolismo...

perciò, anzitutto in russia non ci sono distruzioni di immobili, causate da bombe e missili che piovono dal cielo sugli inermi civili, e questo è un bene per la russia; questa è roba riservata a quei nazistelli degli ucraini.

Adesso veniamo alle dolenti note per la russia:
Ci sono le famose sanzioni ma tanto il popolo russo è frugale, paziente ed abituato alle privazioni; almeno la stragrande maggioranza della gente, fatta eccezione naturalmente per gli eletti del cremlino e i loro tirapiedi sparsi per il territorio russo, che attraverso la propaganda mantengono su la baracca del regime.

Inoltre i decessi dei militari russi, legati all'operazione speciale Ucraina; ebbene quelli li si assimila alle vittime degli incidenti stradali e alle vittime dell'alcolismo.

Così abbiamo risolto tutti i problemi per la russia e gli scrupoli di coscienza li scarichiamo tutti sull'occidente ''corrotto, decadente e depravato''...