TFR o fondo pensione?

mander

Nuovo Utente
Registrato
4/2/15
Messaggi
21.199
Punti reazioni
474
mi scuso per la domanda fuori luogo......è vero che se il datore di lavoro non versa la quota nel fondo pensione o il fondo "fallisce" poi è l' inps ad integrare il maltolto?

Il Fondo previdenza complementare INPS, garantisce che il lavoratore non perda il TFR conferito, quando per colpa del datore di lavoro i contributi non siano versati.

Nel rispetto delle procedure previste, ovviamente.
 

cloanto

Nuovo Utente
Registrato
23/7/15
Messaggi
917
Punti reazioni
37
Il Fondo previdenza complementare INPS, garantisce che il lavoratore non perda il TFR conferito, quando per colpa del datore di lavoro i contributi non siano versati.

Nel rispetto delle procedure previste, ovviamente.

Per farsi liquidare il 100% del fondo quando si va in pensione, si potrebbe chiedere un anticipazione del 75% pochi anni prima (pur dovendo pagare il 23% di tasse..) in maniera tale che poi il maturato degli anni restanti sia a) meno soggetto a rischio perdite b) liquidato interamente non garantendo la rendita minima?
 

mander

Nuovo Utente
Registrato
4/2/15
Messaggi
21.199
Punti reazioni
474
Per farsi liquidare il 100% del fondo quando si va in pensione, si potrebbe chiedere un anticipazione del 75% pochi anni prima (pur dovendo pagare il 23% di tasse..) in maniera tale che poi il maturato degli anni restanti sia a) meno soggetto a rischio perdite b) liquidato interamente non garantendo la rendita minima?

Si può reiterare l'anticipo del 30 % ma non è una scelta intelligente, il rischio perdite lo contieni passando al comparto garantito.
 

cloanto

Nuovo Utente
Registrato
23/7/15
Messaggi
917
Punti reazioni
37
Si può reiterare l'anticipo del 30 % ma non è una scelta intelligente, il rischio perdite lo contieni passando al comparto garantito.

Perchè 30%? Non è max 75% della posizione maturata?
Comunque mi riferivo soprattutto al fatto di poter liquidare interamente la somma, evitando di ottenere una rendita ed effettuando un prelievo consistente poco prima della pensione.
Essendo alla fine una "scommessa" la pensione, qualcuno potrebbe preferire l'uovo oggi come di fatto avviene col tfr
 

megliodicosì

PTF in progress
Registrato
3/4/18
Messaggi
2.537
Punti reazioni
148
Io ho tfr in azienda (PMI) e lavoro nella stessa da quasi 12 anni.
Quando cominci a lavorare non ci pensi e dopo qualche anno ti dici da solo: vbb ormai sta lì inutile spostarlo... magari tra 1-2 anni cambio azienda... aprirò un FP con il nuovo lavoro.
Sbagliato.
Mi sono perso un vantaggio fiscale enorme senza contare la rivalutazione.... che in questi anni era praticamente minima mentre con un FP se si è giovani (<40 anni) si può puntare su investimenti aggressivi e poi con il tempo passare su ptf più bilanciati/garantiti.
Giusto l'anno scorso con l'inflazione si è vista la convenienza (rivalutazione del 4,3% lorda). Quest'anno si andrà tranquillamente sopra il 5%.
Certo lavorando nella stessa azienda non ho perso la magia dell'interesse composto ma per chi cambia lavoro ogni 2-3 anni... non ha senso lasciarlo in azienda.
 

mander

Nuovo Utente
Registrato
4/2/15
Messaggi
21.199
Punti reazioni
474
Perchè 30%? Non è max 75% della posizione maturata?
Comunque mi riferivo soprattutto al fatto di poter liquidare interamente la somma, evitando di ottenere una rendita ed effettuando un prelievo consistente poco prima della pensione.
Essendo alla fine una "scommessa" la pensione, qualcuno potrebbe preferire l'uovo oggi come di fatto avviene col tfr

Se il problema è evitare la rendita; basta aprire una seconda posizione. Per avere il 75 - cosa già di perse sconveniente - devi comprare una casa.
 
Ultima modifica:

megliodicosì

PTF in progress
Registrato
3/4/18
Messaggi
2.537
Punti reazioni
148
Questi i coefficienti per la rivalutazione del TFR in azienda.
Dove arriveremo a fine 2022?

tfr coeff.jpg
 

cloanto

Nuovo Utente
Registrato
23/7/15
Messaggi
917
Punti reazioni
37
Se il problema è evitare la rendita; basta aprire una seconda posizione. Per avere il 75 - cosa già di perse sconveniente - devi comprare una casa.

Ok, ma come si capisce il momento in cui si deve fare lo switch? Cosa accade poi al primo fondo.?
 

Aventino

Nuovo Utente
Registrato
20/6/22
Messaggi
32
Punti reazioni
0
Mio Figlio ha aderito ad Amundi nel 2021 ha reso 4%
 

mander

Nuovo Utente
Registrato
4/2/15
Messaggi
21.199
Punti reazioni
474
Ok, ma come si capisce il momento in cui si deve fare lo switch? Cosa accade poi al primo fondo.?

Non devi fare switch devi aprire un 2 fondo manovrando in modo che il montante di ciascun fondo non superi mai la soglia oltre la quale scatta la rendita obbligatoria.

Questa soglia dipende :


. dalla età in cui si chiede la prestazione
. dall'entità dell'assegno sociale
. dalla convenzione che il tuo fondo ha per l'erogazione della rendita
. dal montante
 

yoda84

Nuovo Utente
Registrato
19/9/12
Messaggi
1.339
Punti reazioni
38
buongiorno a tutti
mi ricollego al 3d per avere un consiglio sulla mia situazione.
ho 38 anni e un contratto a tempo indeterminato presso la stessa azienda da 18 anni. attualmente ho il TFR ancora in azienda. come fondo negoziale ho il fondo Byblos (industria grafica). stipendio tra 1300 e 1400. secondo voi ha senso spostare adesso il tfr (solo quello nuovo in modo da lasciare tutto il maturato in azienda). non mi interessa il contributo volontario in quanto ho già un pac personale
 

mander

Nuovo Utente
Registrato
4/2/15
Messaggi
21.199
Punti reazioni
474
buongiorno a tutti
mi ricollego al 3d per avere un consiglio sulla mia situazione.
ho 38 anni e un contratto a tempo indeterminato presso la stessa azienda da 18 anni. attualmente ho il TFR ancora in azienda. come fondo negoziale ho il fondo Byblos (industria grafica). stipendio tra 1300 e 1400. secondo voi ha senso spostare adesso il tfr (solo quello nuovo in modo da lasciare tutto il maturato in azienda). non mi interessa il contributo volontario in quanto ho già un pac personale

Tu versa il tfr, la quota volontaria che desideri e il contributo del datore.

Prendi il comparto bilanciato.
 

yoda84

Nuovo Utente
Registrato
19/9/12
Messaggi
1.339
Punti reazioni
38
Tu versa il tfr, la quota volontaria che desideri e il contributo del datore.

Prendi il comparto bilanciato.

ciao mander
innanzitutto grazie per la risposta. quindi il tuo consiglio è si
come mai il bilanciato?
avendo avanti ancora tanti anni potrebbe essere buono anche quello più aggressivo?
scusa ma sono proprio ignorante in materia
 

mander

Nuovo Utente
Registrato
4/2/15
Messaggi
21.199
Punti reazioni
474
ciao mander
innanzitutto grazie per la risposta. quindi il tuo consiglio è si
come mai il bilanciato?
avendo avanti ancora tanti anni potrebbe essere buono anche quello più aggressivo?
scusa ma sono proprio ignorante in materia

Il bilanciato ha una volatilità minore adatta ai tempi. Sui 10 anni la performance è ottima con un 5,20
 

Tony92

Nuovo Utente
Registrato
18/2/12
Messaggi
214
Punti reazioni
2
Ciao a tutti,
avrei bisogno di una delucidazione: a breve, dopo quasi 5 anni di servizio, mi dovrà essere corrisposta la parte di TFR lasciato in azienda prima dell'iscrizione al fondo pensione di categoria (l'ultima CU riporta un importo di 4.716€).

Avendo avuto una RAL media negli anni di circa 27k , quale sarà l'effettivo ricevuto?

Grazie
 

oligia

Nuovo Utente
Registrato
16/2/12
Messaggi
516
Punti reazioni
28
il TFR lordo + o - è tassato al 23% fai tu i conti
 

Tony92

Nuovo Utente
Registrato
18/2/12
Messaggi
214
Punti reazioni
2
il TFR lordo + o - è tassato al 23% fai tu i conti

Grazie del pronto riscontro, quindi pur avendo la RAL sullo scaglione superiore (dovrebbe essere ora il 25% per i redditi fino i 28k) calcolano effettivamente solo il valore del TFR?