" Faremo crollare l'economia russa" cap. 3

Balabiott78

Liberland
Registrato
24/3/12
Messaggi
49.440
Punti reazioni
1.152
Al "giusto" prezzo, tutto si compra. Gli amici paki e gli amici indù sanno come trattare l'amico Vladimiro, che pure sentitamente ringrazia.
Cash flow ormai come un ruscello che strada facendo diventa sempre più stretto.
Economia tra calo di Pil ed inflazione va a rotoli anche l'anno prossimo: Russia's more gradual economic contraction to extend into 2023
Certo si può sempre sostenere che fin quando non sono alla fame va tutto bene, ma l'economia di paesi avanzati non ha come obiettivo il mero sostentamento ed il mantenimento dello stato attuale e magari l'esaltazione di una casta di dittatori o governanti celoduristi, ma la crescita futura e lo sviluppo tecnologico del paese stesso, cosa che vede il divario tra Russia ed altri crescere nei prossimi anni, li tutto unicamente a causa di una guerra inutile già persa.

Certo perché l'India è una nazione libera, quindi giustamente tratta il prezzo.
Non sono mica una colonia americana come l'Europa dove arriva il gas liquefatto americano ad un prezzo folle, e gli europei muti e obbligati a comprare
 

FogOnLine

sigà sigà
Registrato
26/2/14
Messaggi
14.567
Punti reazioni
1.797
Al "giusto" prezzo, tutto si compra. Gli amici paki e gli amici indù sanno come trattare l'amico Vladimiro, che pure sentitamente ringrazia.
Cash flow ormai come un ruscello che strada facendo diventa sempre più stretto.
Economia tra calo di Pil ed inflazione va a rotoli anche l'anno prossimo: Russia's more gradual economic contraction to extend into 2023
Certo si può sempre sostenere che fin quando non sono alla fame va tutto bene, ma l'economia di paesi avanzati non ha come obiettivo il mero sostentamento ed il mantenimento dello stato attuale e magari l'esaltazione di una casta di dittatori o governanti celoduristi, ma la crescita futura e lo sviluppo tecnologico del paese stesso, cosa che vede il divario tra Russia ed altri crescere nei prossimi anni, li tutto unicamente a causa di una guerra inutile già persa.
Il problema non sarà tanto il prezzo (l'India compra a forte sconto da inizio conflitto) quanto dotarsi di petroliere e assicurazioni (il 90% di assicuratori è "occidentale") per far arrivare i carichi.

Qualche post sopra avevo fatto riferimento alle quotazioni stellari delle petroliere di seconda mano che si vorrebbero usare per il trasporto del petrolio russo e alle problematiche correlate.
 

Lupak

Nuovo Utente
Registrato
25/11/06
Messaggi
16.963
Punti reazioni
962
Il problema non sarà tanto il prezzo (l'India compra a forte sconto da inizio conflitto) quanto dotarsi di petroliere e assicurazioni (il 90% di assicuratori è "occidentale") per far arrivare i carichi.

Qualche post sopra avevo fatto riferimento alle quotazioni stellari delle petroliere di seconda mano che si vorrebbero usare per il trasporto del petrolio russo e alle problematiche correlate.
Appunto, i russi non stanno comprando ferri vecchi galleggianti per esportare petrolio?
Suppongo che si assumeranno il rischio dei carichi piuttosto che far ricorso ad assicurazioni europee?
 

FogOnLine

sigà sigà
Registrato
26/2/14
Messaggi
14.567
Punti reazioni
1.797
Appunto, i russi non stanno comprando ferri vecchi galleggianti per esportare petrolio?
Suppongo che si assumeranno il rischio dei carichi piuttosto che far ricorso ad assicurazioni europee?

Più che altro sono le assicurazioni "occidentali" che non assicureranno le navi.

E la Cina dà un altro dispiacere alla Russia, Kommersant qualche giorno fa ha riportato che la Cina sembra non voler riconoscere le assicurazioni russe per le navi.

Китай отказывается признавать российские страховые документы на морские суда

"La Cina si rifiuta di riconoscere i documenti assicurativi russi per le navi.

Le autorità e le compagnie cinesi si rifiutano di accettare i documenti assicurativi per le navi emessi dagli assicuratori russi e dalla Russian National Reinsurance Company (RNRC).

La Russia vorrebbe offrire alla Cina la possibilità del riconoscimento bilaterale dei certificati. Lo ha annunciato il viceministro dei trasporti Alexander Poshivay al Russian-Chinese Energy Business Forum, le sue parole sono citate da RIA Novosti.

In precedenza, sullo sfondo di sanzioni e altre restrizioni, il trasporto marittimo in Russia si è riorientato verso l'Asia. Il numero di scali navali russi verso la Cina è aumentato del 17% nel terzo trimestre, mentre gli scali verso i porti europei sono diminuiti di dieci volte."
 

Lupak

Nuovo Utente
Registrato
25/11/06
Messaggi
16.963
Punti reazioni
962
Più che altro sono le assicurazioni "occidentali" che non assicureranno le navi.
Questo è ovvio, mi domando se la Russia per proseguire con le esportazioni non possa mettere su sistemi alternativi, ovvero dotarsi di mezzi e assicurazioni proprie o in ultima istanza garantire assicurazione a livello statale
 

FogOnLine

sigà sigà
Registrato
26/2/14
Messaggi
14.567
Punti reazioni
1.797
Questo è ovvio, mi domando se la Russia per proseguire con le esportazioni non possa mettere su sistemi alternativi, ovvero dotarsi di mezzi e assicurazioni proprie o in ultima istanza garantire assicurazione a livello statale
Già da giugno RNRC assicura tutte le navi russe, sembra solo tramite un aumento di capitale, di garanzie statali non ho notizia.

EXCLUSIVE Russia's state-owned RNRC to reinsure Russian oil shipments, sources say

”LONDRA, 10 giugno (Reuters) - La Russian National Reinsurance Company (RNRC) controllata dallo Stato è ora il principale riassicuratore delle navi russe, compresa la flotta di Sovcomflot, dopo che le compagnie di assicurazione occidentali hanno ritirato la copertura per gli armatori russi, hanno detto a Reuters tre persone vicine alla questione.

L'assicurazione è essenziale per il trasporto marittimo, in particolare i carichi petroliferi che richiedono i più elevati standard di sicurezza a causa del rischio di sversamenti e trasporto di materiale infiammabile in alto mare.
[...]
La banca centrale russa ha dichiarato a marzo di aver aumentato la capitalizzazione di RNRC a 300 miliardi di rubli da 71 miliardi di rubli e di aver aumentato il suo capitale garantito a 750 miliardi di rubli, in modo che l'azienda avesse risorse adeguate per fornire riassicurazione.
[...]
PROTEZIONE ASSICURATIVA
Le navi sono commercialmente obbligate ad avere un'assicurazione di protezione e indennizzo (P&I), che copre le richieste di risarcimento per responsabilità verso terzi, inclusi danni ambientali e lesioni. Polizze separate per scafo e macchinari coprono le navi da danni fisici.

Secondo il sito web di Ingosstrakh, la società offre riassicurazione P&I fino a 1 miliardo di dollari.

Un importo uguale è stato garantito da Giappone e India per le spedizioni iraniane effettuate nel 2012, periodo in cui l'Iran era sotto sanzioni occidentali ed escluso dal mercato assicurativo globale.

I riassicuratori occidentali in genere hanno allocazioni di capitale più elevate con allocazioni per diversi tipi di copertura come l'assicurazione marittima, che fornisce l'intera gamma di protezione per le navi, hanno affermato fonti assicurative occidentali [...]"
 

texasranger

Nuovo Utente
Registrato
12/2/14
Messaggi
4.774
Punti reazioni
111
Già da giugno RNRC assicura tutte le navi russe, sembra solo tramite un aumento di capitale, di garanzie statali non ho notizia.

EXCLUSIVE Russia's state-owned RNRC to reinsure Russian oil shipments, sources say

”LONDRA, 10 giugno (Reuters) - La Russian National Reinsurance Company (RNRC) controllata dallo Stato è ora il principale riassicuratore delle navi russe, compresa la flotta di Sovcomflot, dopo che le compagnie di assicurazione occidentali hanno ritirato la copertura per gli armatori russi, hanno detto a Reuters tre persone vicine alla questione.

L'assicurazione è essenziale per il trasporto marittimo, in particolare i carichi petroliferi che richiedono i più elevati standard di sicurezza a causa del rischio di sversamenti e trasporto di materiale infiammabile in alto mare.
[...]
La banca centrale russa ha dichiarato a marzo di aver aumentato la capitalizzazione di RNRC a 300 miliardi di rubli da 71 miliardi di rubli e di aver aumentato il suo capitale garantito a 750 miliardi di rubli, in modo che l'azienda avesse risorse adeguate per fornire riassicurazione.
[...]
PROTEZIONE ASSICURATIVA
Le navi sono commercialmente obbligate ad avere un'assicurazione di protezione e indennizzo (P&I), che copre le richieste di risarcimento per responsabilità verso terzi, inclusi danni ambientali e lesioni. Polizze separate per scafo e macchinari coprono le navi da danni fisici.

Secondo il sito web di Ingosstrakh, la società offre riassicurazione P&I fino a 1 miliardo di dollari.

Un importo uguale è stato garantito da Giappone e India per le spedizioni iraniane effettuate nel 2012, periodo in cui l'Iran era sotto sanzioni occidentali ed escluso dal mercato assicurativo globale.

I riassicuratori occidentali in genere hanno allocazioni di capitale più elevate con allocazioni per diversi tipi di copertura come l'assicurazione marittima, che fornisce l'intera gamma di protezione per le navi, hanno affermato fonti assicurative occidentali [...]"
L'occidente pensa di essere ancora agli anni 80 90 , non si rendono conto che il mondo è cambiato e si conta molto meno
 

Lupak

Nuovo Utente
Registrato
25/11/06
Messaggi
16.963
Punti reazioni
962
L'occidente pensa di essere ancora agli anni 80 90 , non si rendono conto che il mondo è cambiato e si conta molto meno
Il problema è che anche i russi credono di essere agli anni '70-'80-'90 quando ancora contavano una mezza cosa :D
Oggi, se si trovano un milione e mezzo di militari cinesi al confine come nel 1969, mi dici Vladimiro cosa fa?
 

texasranger

Nuovo Utente
Registrato
12/2/14
Messaggi
4.774
Punti reazioni
111
Il problema è che anche i russi credono di essere agli anni '70-'80-'90 quando ancora contavano una mezza cosa :D
Oggi, se si trovano un milione e mezzo di militari cinesi al confine come nel 1969, mi dici Vladimiro cosa fa?
Appunto stiamo facendo la guerra alla Russia che conta poco o nulla nel panorama mondiale........non c'è più l'Urss......e intanto i veri nemici prosperano
 

Lupak

Nuovo Utente
Registrato
25/11/06
Messaggi
16.963
Punti reazioni
962
Appunto stiamo facendo la guerra alla Russia che conta poco o nulla nel panorama mondiale........non c'è più l'Urss......e intanto i veri nemici prosperano
Non stiamo facendo nulla noi, se non mandando un po' di carità all'Ucraina
 

orson69

Nuovo Utente
Registrato
30/12/11
Messaggi
9.894
Punti reazioni
259
In realtà secondo il sito KP.Ru già attualmente i russi vendono intorno ai 65€, quindi non sarebbe un crollo drammatico delle quotazioni.

Poi chiaramente se i prezzi di mercato restassero alti ricorrerebbero ad una serie di azioni di aggiramento, come la miscelazione con petroli di altri paesi.
Chiaramente sono comunque tutte operazioni che fanno aumentare i costi per la Russia.
 

orson69

Nuovo Utente
Registrato
30/12/11
Messaggi
9.894
Punti reazioni
259
Mercato auto russo a novembre.

Рынок новых легковых автомобилей в ноябре 2022 года: ТОП-25 марок и моделей

Lada al 40% del mercato.
L'aspetto interessante è che la maggior parte dei cinesi non ha aumentato le vendite rispetto allo scorso anno.
Non so se sia per prudenza cinese nell'ingresso sul mercato russo, ma ho il sospetto che i russi , vista la situazione economica generale, abbiano anche deciso di cambiare auto solo se non ne possono fare a meno.

Comunque i cinesi stanno rafforzando la proprie rete di concessionari , erano 723 ad inizio anno, sono 1000 adesso
За 10 лет количество дилеров китайских марок в РФ увеличилось вдвое

Cominciano a riprendersi anche i mercati dei camion e degli autobus. In grande crescita i venditori cinesi.
Российский рынок новых автобусов в ноябре вырос на 4,5%
Рынок новых грузовиков в ноябре показал рост – впервые с марта
 

Dance with wolf

Jeune Europe/EURASIA
Registrato
13/8/10
Messaggi
28.996
Punti reazioni
1.319
Acquisisci schermata Web_6-12-2022_9536_twitter.com.jpeg

Acquisisci schermata Web_6-12-2022_95334_twitter.com.jpeg

FjR0BOzXoAIhExU.jpg